Menu

 

 

 

 

L'ultima storia di Massimo De Vita per Topolino

Su Topolino 3366, attualmente in edicola, è stata pubblicata la storia Superpippo e Indiana Pipps in: Arachidi e Piramidi. L'avventura scritta da Pietro B. Zemolo, oltre al team-up fra i due cugini, ha una particolarità: è l'ultima pubblicazione inedita di Massimo De Vita, storico disegnatore (e, spesso, anche sceneggiatore) di Topolino.

Nato a Milano il 29 maggio 1941, Massimo è figlio di Pier Lorenzo De Vita, altra storica colonna della Disney in Italia, e inizierà a realizzare cover e ad aiutare il padre in alcune avventure per Topolino a partire dal 1960. La sua prima storia interamente realizzata da lui è datata 11 giugno 1961 e ha come titolo Paperino e il treno scomparso e appare su Topolino 289. Da quel momento, l'autore realizzerà centanaia di storie legando il suo nome sopratutto a Paperinik e a Indiana Pipps. Tuttavia, l'opera più famosa di De Vita è La Saga della Spada di Ghiaccio, interamente realizzata da lui.

De Vita, lega anche il suo nome a saghe quali Alla ricerca della Pietra Zodiacale, Topolino e i Signori della galassia, C'era una volta in... America, Tops Stories (questa ultime realizzate con Giorgio Pezzin). È anche l'iniziatore delle storie della Macchina del tempo con il professor Zapotec, personaggio da lui ideato nel 1979 nella storia Topolino e l’enigma di Mu. A metà anni '90 decide di non disegnare più storie di paperi, concentandosi quindi su Topolino, Pippo e Indiana Pipps principalmente.

La sua ultima storia realizzata in assoluto è Indiana Pipps e il falso pianeta, scritta e disegnata da lui, pubblicata su Topolino 3331 del settembre 2019. Con l'attuale Superpippo e Indiana Pipps in: Arachidi e Piramidi, invece, terminano tutte le sue produzioni inedite disponibili.

massimodevitapipp

Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.