Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

Dylan Dog sposerà Groucho

Come noto, nel numero 399 di Dylan Dog - in uscita il 29 novembre ma già disponibile insieme al numero 400 a Lucca Comics & Games - l'Indagatore dell'Incubo convolerà a nozze. Ignota era l'identità della sposa, tanto che sull'anticipazione della copertina dell'albo è presente un punto interrogativo.

I dettagli sul matrimonio vengono ora svelati dal quotidiano Repubblica, in occasione dell'uscita lucchese dell'albo. La testata rivela, grazie a un'intervista a Roberto Recchioni, che Dylan Dog sposerà... Groucho.

""Era da molto tempo che volevo scrivere una storia su cosa significa l’amore che per me è la risposta a tutte le paure e non riconosce diversità. Lo dicevano già i Beatles con All You Need Is Love: sembra facile ma è la cosa più difficile. Se invece di avere paura dei nostri simili che sbarcano sulle nostre coste avessimo un sentimento diverso, se avessimo empatia per il nostro prossimo, il mondo andrebbe decisamente meglio. Quindi il matrimonio tra Dylan e Groucho non è uno scherzo, non è una gag, non è un escamotage: è un matrimonio d’amore. Ci tenevo molto a scrivere una storia come questa"." ha dichiarato Recchioni a Repubblica.

Sulla scelta, l'autore ha dichiarato: "Dylan ha sempre preso posizione in maniera molto precisa: non c’è lettore che possa pensare che lui non sia a favore dei matrimoni gay. Il personaggio la pensa sicuramente così: è sempre stato dalla parte di chi è in qualche modo oppresso."

Tiziano Sclavi, creatore del personaggio, ha dichiarato ""Questa è una di quelle cose che fanno di Dylan Dog Dylan Dog". "Ho incaricato Roberto di portare Dylan nel presente e questa è una battaglia che Dylan doveva combattere da tempo e che finalmente ha realizzato".

Recchioni aggiunge che il mondo di Dylan verrà sconvolto e che i numeri dal 401 al 406 saranno una sorta di miniserie che stravolgeranno il personaggio per sempre e che questo sarà finalmente il suo Dylan e il passaggio di testimone ideale fra la sua evrsione e quella di Sclavi: ""Adesso lo farò, scriverò molte storie di Dylan in prima persona mentre fino ad ora sono stato molto cauto perché so di avere una voce autoriale, una voce forte che, se scrive un personaggio, lo scrive nel suo modo. Mi sono abbastanza trattenuto in questi cinque anni ma adesso il Dylan che vedrete sarà un Dylan diverso, il mio Dylan a tutti gli effetti"."

Repubblica anticipa anche due morti nell'albo: quelle di Sclavi e di Groucho.

Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.