Menu

 

 

 

 

Speed Rece #6: le nostre letture in breve

  • Pubblicato in Focus

Sesto appuntamento con Speed Rece, la rubrica in cui i redattori di Comicus raccontano in breve le loro letture settimanali. Buona lettura!

Batman-19
Batman #19 (RW Lion)

di Tom King, David Finch, James Tynion IV, Christian Duce, Tim Seeley e Javier Fernandez
Numero Speciale in cui lo stellare team formato da Tom King e David Finch è chiamato in causa due volte: sulle pagine di Batman continua lo scontro tra il Cavaliere Oscuro e uno scatenato Bane arrivato a Gotham in cerca di vendetta. Mentre se le danno di santa ragione, King inserisce degli azzeccati flashback sul passato di entrambi che sottolineano le somiglianze tra i due contendenti. Matite possenti di Finch che si conferma la scelta ideale per un kolossal a fumetti del genere. Ritroviamo il consolidato duo di autori anche in Bravo Ragazzo tratto dal Batman Annual 2017, dove in poche pagine si permettono di reintrodurre in maniera brillante e credibile Asso, il bat-mastino della Silver Age, e vincere contemporaneamente l’Eisner Award per la migliore storia breve dell’anno. Un piccolo gioiello che fa scattare l’applauso. Su Detective Comics continuano le piacevolissime avventure del Bat-Team guidato da Batman e Batwoman, mentre in Nightwing Dick Grayson riceve la visita di Damien Wayne, suo successore dopo Jason Todd e Tim Drake nei panni di Robin. Si fanno apprezzare le matite chiaroscurali del rientrante Javier Fernandez. Un’uscita da non perdere per il miglior spillato supereroistico su piazza.
Voto: 8
Luca Tomassini

cavaliere-oscuro-7
Batman Il Cavaliere Oscuro #7 (RW Lion)

di Scott Snyder, Tula Lotay, Hope Larson, Chris Wildgoose, Julie & Shawna Benson, Roge Antonio, Dan Jurgens e Bernand Chang
Tula Lotay è uno dei talenti più cristallini del tavolo da disegno emersi negli ultimi anni. Fattasi conoscere col superbo Supreme: Blue Rose, gioiello metatestuale realizzato in coppia con Warren Ellis, è capace di portare una sensibilità tipicamente indie anche quando lavora su serie mainstream. Il suo tratto trasporta il lettore in una dimensione onirica, un limbo straniante con figure che sembrano realizzate da un Roy Lichtenstein in acido che opera in un film di David Lynch. Il piatto forte di questo numero del mensile dedicato a Batman è la sua collaborazione con Scott Snyder, che l’ha voluta come ennesima eccellenza di quella parata di stelle che All Star Batman esibisce mensilmente. Al centro della storia un’ inusuale alleanza tra il Cavaliere Oscuro e Poison Ivy, nell’inconsueto scenario del deserto del Nevada. Proseguono anche le piacevoli avventure dei comprimari, tra le atmosfere futuristiche di Batman Beyond, le vicende di Batgirl in solitaria e quelle con Black Canary e Huntress con le quali forma il trio delle Birds of Prey, ma il livello di queste storie non è certo all’altezza di quella che apre l’albo, elemento che contribuisce ad abbassare, seppur di poco, la qualità generale della rivista.
Voto: 7,5
Luca Tomassini

1504011373463.jpg--l alba dei morti viventi   il dylan dog di tiziano sclavi 06 cover
Il Dylan Dog di Tiziano Sclavi 6 - L'alba dei morti viventi (Sergio Bonelli Editori)

di Tiziano Sclavi e Angelo Stano
Prosegue la ristampa cartonata (e ricolorata) da edicola delle storie di Dylan Dog scritte dal suo creatore Tiziano Sclavi. Sul numero 6 della collana arriva L'Alba dei morti viventi, ovvero il primo albo di Dylan apparso nell'ottobre del 1986. Un esordio di assoluta qualità che già mostrava molti degli ingredienti che avrebbero reso celebre la serie, tuttavia passato all'epoca quasi in sordina prima del boom che la testata avrebbe avuto in seguito. Un ottimo modo per scoprire o rileggere una delle avventure più celebri e ristampate dell'Indagatore dell'Incubo in questa versione che vanta anche ottimi redazionali e una chiacchierata col disegnatore che ne ha realizzate le tavole ovvero Angelo Stano.
Voto: 8
Gennaro Costanzo

1504184034176.jpg--astromostri   le storie 61 cover
Le Storie 61 – Astromostri (Sergio Bonelli Editore)

di Antonio Serra e Maurizio Rosenzweig
Fin dal titolo l’operazione nostalgica messa in atto dagli autori è chiara: una grande fetta del bagaglio iconico della fantascienza nipponica dagli anni ’50 fino agli anni ’80 viene ripreso, citato e adattato al racconto di un reduce della Seconda Guerra Mondiale americano che ha deciso, sul finire del conflitto, di rimanere in Giappone dopo aver visto degli alieni; da quel momento in poi, la sua vita è stata proiettata interamente sulla possibilità di poterli incontrare di nuovo. La sceneggiatura di Antonio Serra gioca costantemente sul sottile filo che separa realtà e fantascienza che si stende fino al climax risolutivo, forse facilmente identificabile nel corso della lettura, che però è funzionale per sorreggere l’intera impalcatura del racconto. Il disegno di Maurizio Rosenzweig opera sul medesimo registro citazonista calcando felicemente la mano su articolate splash-page e complesse messe in scena delle vignette dal sapore cinematografico.
Voto: 7
Leonardo Cantone

MSMCO007ISBN 0
Spider-Man Collection - La vendetta dei Sinistri Sei

di Erik Larsen
Dopo Il Ritorno dei Sinistri Sei, scritta da David Michelinie e disegnata da Erik Larsen, di cui vi abbiamo parlato qui, il futuro co-fondatore della Image Comics torna questa volta in solitaria sulle pagine della testata Spider-Man a proporre il temibile gruppo di villain in quello che è il seguito ideale della storia precedente. Un'avventura estremamente godibile e divertente, oltre che piena di guest star, ma anche molto lineare e figlia del suo tempo (i primi anni '90). Godibile sì, ma decisamente trascurabile.
Voto: 5,5
Gennaro Costanzo

Leggi tutto...

Speed Rece #5: le nostre letture in breve

  • Pubblicato in Focus

Puntuale, arriva il quinto appuntamento con Speed Rece, la rubrica in cui i redattori di Comicus raccontano in breve le loro letture settimanali. Anche questa settimana partiamo con una doppia Speed Rece dedicata a Batman Day Special 2017.

batman-day-special-2017
Batman Day Special 2017 (RW Lion)

di Scott Snyder, Ray Fawkes, Paul Dini, Steve Orlando, Scott Bryan Wilson, Declan Shalvey, Neal Adams, Riley Rossmo e Bilquis Evely

Emanuele Amato
Il Batman Day, come ormai da qualche anno a questa parte, viene celebrato un albo speciale per il compleanno del vigilante di Gotham. Quest’anno l’albetto in questione contiene 4 ministorie sceneggiate da diversi autori tra cui Scott Snyder, Ray Fawkes, Paul Dini, Steve Orlando. Dedica speciale ad Harley Quinn che festeggia i 25 anni d’età con una storia scritta dal suo creatore storico. Avventure scorrevoli, senza lode ne infamia che si posizionano, per alcuni di esse, come prequel di storie che usciranno a breve o che si ambientano nelle run attuali. Il prologo in questione è quello di Batman/Shadow in uscita nel nostro paese nel 2018.
Per i collezionisti è un numero da non perdere, incluso nel pack contenente poster ed altri gadget del cavaliere oscuro.
Voto: 5,5

Luca Tomassini
Albo speciale con la quale RW Lion, licenziatario italiano della DC Comics, partecipa ai festeggiamenti previsti per il Batman Day, ricorrenza lanciata oltreoceano dall’editore statunitense. Il contenuto è interamente tratto dal Batman Annual 2017, da cui estrae quattro storie brevi a sfondo natalizio. Tra queste spiccano sicuramente le due che aprono lo spillato: la prima è una chicca sceneggiata da Scott Snyder e Ray Fawkes e illustrata dal magico team artistico di Injection e Moon Knight, Declan Shalvey e Jordie Bellaire. La seconda vede il Crociato Incappucciato alle prese con Harley Quinn, grazie al creatore di quest’ultima, Paul Dini, e alle matite del leggendario Neal Adams. Una lettura veloce ma irrinunciabile per ogni fan del Cavaliere Oscuro.
Voto: 7

305078-2a4e6f46d9874a3e8ff014ed2567e77b.png
Brecce Bianche (Incubo alla Balena)

di Simone Manfrini
Il quartiere popolare di Brecce Bianche ad Ancona narrato attraverso gli occhi di un giovane ragazzo in una cornice sociale un po' problematica. Una periferia à la Reviati, annacquata nel grigiore diluito dell'acquerello, nelle forme abbozzate e nella descrizione eccessiva dei luoghi, che spesso risulta superflua e inconcludente, rubando spazio ad una caratterizzazione psicologica dei personaggi, che risultano volutamente fumosi, misteriosi e generici. Un debutto in scala di grigio nel mondo del fumetto, quello di Simone Manfrini, fin troppo urbanistico, in cui il dialogo risulta mal sincronizzato con l'illustrazione. Si percepisce il forte legame con il quartiere e le sue dinamiche, ma quello che rimane, al termine della lettura, è ben poca cosa.
Voto: 6
Giorgio Parma

81vJQ8jlLAL
Grosso guaio a Chinatown 2 (Editoriale Cosmo)

di John Carpenter, Eric Powell, Fred Van Lente, Brian Churilla e Joe Eisma.
Continuano le folli peripezie di Jack Burton, il camionista dalla battuta sagace interpretato da Kurt Russell nel cult movie del 1986 firmato John Carpenter. Nella prima parte del volume, l’eroe suo malgrado dovrà fuggire dall’inferno cinese in cui è precipitato, imbattendosi nella sua vecchia nemesi Lo Pan. Nella seconda parte, uno spaesato Jack si risveglia ai giorni nostri, e il processo di adattamento alla nuova realtà avrà effetti esilaranti. Eric Powell e Fred Van Lente sceneggiano con buona verve una trama ideata dallo stesso Carpenter, mentre i disegni cartooneschi di Brian Churilla e Joe Eisma contribuiscono all’atmosfera comica e farsesca della storia. Acquisto obbligato per tutti i fan del film originale.
Voto: 6,5
Luca Tomassini

1504001676828.jpg--allucinazioni   julia 229 cover
Julia 229 – Allucinazioni (Sergio Bonelli Editore)

di Giancarlo Berardi, Maurizio Mantero e Antonio Marinetti
Passano gli anni, ma la serie dedicata alla criminologa di casa Bonelli rimane sempre di alta qualità: un misterioso uomo, senza memoria, vaga per Garden City alla ricerca della sua identità, lottando contro delle allucinazioni che non sembrano essere casuali, quanto finalizzate ad criminoso obiettivo. L’assodato duo Berardi-Mantero costruisce un noir emotivo, un mistery legato al valore della memoria e che indaga, con fare amichevole, il quotidiano della protagonista. Il disegno di Antonio Marinetti è elegante, minuzioso e ricco di espressività, perfetto per esprimere le emozioni dei protagonisti.
Voto: 8,5
Leonardo Cantone

MTYLE002ISBN 0
Tyler Cross 2 – Angola (Panini Comics)

di Fabien Nury e Bruno
Proseguono le disavventure del gangster Tyler Cross, questa volta all’interno del carcere di Angola, luogo duro, violento e pericoloso dal quale il protagonista cercherà di fuggire a tutti costi. Fabien Nury cambia set del racconto ma non l’atmosfera claustrofobica: al chiuso villaggio del primo capitolo sostituisce le sbarre del carcere, intrappolando tutti i protagonisti all’interno del gioco ad incastro della trama. Lo sceneggiatore conferma di sapersi muovere con sapienza all’interno del genere noir, alternando numerosi piani temporali per ricostruire l’intero racconto. Bruno sostiene, con il consueto tratto caricaturale e sintetico, l’impianto narrativo che vive grazie all’alternanza di toni freddi e toni caldi che certificano l’importanza della ricostruzione atmosferica da “prison-story” del fumetto.
Voto: 8
Leonardo Cantone

Leggi tutto...

Speed Rece #4: le nostre letture in breve

  • Pubblicato in Focus

Quarto appuntamento con Speed Rece, la rubrica in cui i redattori di Comicus raccontano in breve le loro letture settimanali. Partiamo con una doppia Speed Rece di Caput Mundi 1 della Cosmo.

caputmundi1 cover
Caput Mundi 1 (Editoriale Cosmo)

di Roberto Recchioni, Michele Monteleone, Dario Sicchio e Pietrantonio Bruno

Emanuele Amato:

Con Caput Mundi 1 (di sei) l’Editoriale Cosmo lancia il suo universo condiviso. Volume che parte all’insegna dell’azione narrando la storia dei “Lupi”, gang di piccoli ladri che si ritrova immischiata in una rapina ai danni di un boss della malavita romana. La banda si ritroverà in un giro di mostri veri e propri che non dimenticherà l’affronto. L’emissario non sarà uno che ci va giù leggero: Pietro Battaglia, il vampiro che ha percorso tutta la storia italiana con la sua affascinante e crudele cattiveria.
Il soggetto di Roberto Recchioni, Michele Monteleone e Dario Sicchio vede alla sceneggiatura questi ultimi due che creano una narrazione intensa e ben strutturata. I disegni di Pietrantonio Bruno completano e rendono più oscuro il tutto.
Voto: 7

Alberto Palazzolo:
Da qui parte l'universo condiviso Cosmo. Protagonista ne è la Roma pulp che abbiamo spesso visto nelle produzioni italiane di egenre. Una fusione di elementi crime, tendenti al nero, con il soprannaturale, fa di Pietro Battaglia, personaggio creato da Roberto Recchioni e Leomacs, il cardine su cui far poggiare il resto del mondo appena creato e ancora totalmente sconosciuto. Questo primo capitolo della storia introduttiva introduce nuovi personaggi, ripartendo dal Battaglia criminale che spadroneggia nella Roma delle bande. Un Battaglia lontano dal personaggio "storico" che agiva tra le pieghe dei avvenimenti reali del nostro passato e che avevamo conosciuto nelle prime storie.
Voto: 7

MDEMK069 0
Daredevil 18 (Panini Comics)

di Charles Soule, Ron Garney, Ed Brisson, Mike Perkins, Becky Cloonan, Steve Dillon, Matt Horak.
Proseguono le avventure dell’Uomo Senza Paura raccontate da Charles Soule: la run dell’autore, fin qui incerta, segna la sua prima svolta importante con la rivelazione di come abbia fatto l’alter-ego di Matt Murdock a far tornare la sua identità segreta di nuovo…segreta. Ai disegni, l’ottimo Ron Garney con tavole ispirate che valgono da sole il prezzo dell’albo. In appendice, debutta il nuovo serial di Iron Fist, con Danny Rand in giro per il mondo alla ricerca dei suoi poteri perduti. Ed Brisson scrive un incipit interessante, Mike Perkins illustra con la consueta e piacevole professionalità. In Punisher, continua lo scontro brutale tra Frank Castle e l’organizzazione di mercenari Condor. Testi al fulmicotone di Becky Cloonan, mentre ai disegni ammiriamo con malinconia, per l’ultima volta, lo stile grottesco e inconfondibile di Steve Dillon, scomparso improvvisamente lo scorso anno proprio mentre lavorava a questo numero di Punisher. Il subentrante Matt Horak fa quello che può, ma l’eredità dell’illustratore di Preacher è insostenibile.
Voto: 7,5
Luca Tomassini

1501677599230.jpg--la fiamma   dylan dog 373 cover
Dylan Dog 373 - La Fiamma (Sergio Bonelli Editore)

di Emiliano Pagani e Daniele Caluri
L'atteso esordio dei Paguri (Emiliano Pagani e Daniele Caluri) su Dylan Dog convince grazie a una storia in cui torna il Dylan sociale che parla della nostra società trattando tematiche difficili. La Fiamma ci porta in una Londra che brucia con manifestazioni violente fra civili e poliziotti, ma il tutto è trattato in maniera intelligente e non scontata. Qualcosina da limare sopratutto in qualche dialogo e situazione troppo didascalici, ma è probabile che il duo debba farci la mano abituati a opere grottesche e satiriche come Don Zauker e Nirvana.
Voto: 7,5
Gennaro Costanzo

cosmo-milz1
I Grandi Maestri 14: Micheluzzi 4 – Mermoz (Editoriale Cosmo)

di Attilio Micheluzzi
La biografia del grande aviatore francese Jean Mermoz, raccontata in immagini dal compianto Attilio Micheluzzi. Il maestro istriano mette in scena la vita spericolata del leggendario pioniere del volo, autore di trasvolate epiche mai tentate prima, insignito di onorificenze in patria e all’estero. Tra imprese straordinarie e fallimenti altrettanto spettacolari, Micheluzzi ci accompagna attraverso la vicenda umana di un titano dei primi decenni del ‘900. Un avventura di stampo classico, raccontata con prosa commossa e partecipata unita al tratto minuzioso e dettagliato del suo indimenticabile autore. Imperdibile.
Voto: 8
Luca Tomassini

1503308736004.jpg--l infelice   mercurio loi 05 cover
Mercurio Loi 5 – L’infelice (Sergio Bonelli Editore)

di Alessandro Bilotta e Andrea Borgioli
L’investigatore della Roma passata, accompagnato dal fedele Ottone, è costretto non solo ad indagare sulla natura misteriosa de l’Infelice, ma è anche a fare i conti con il proprio plumbeo stato d’animo. Alessandro Bilotta conferma la complessa forza narrativa del personaggio, esplorandone la natura intimista con il pretesto della detective story fatta di ricostruzioni narrative, piuttosto che di espedienti scenografici come nei precedenti numeri. I disegni di Andrea Borgioli si prestano alla storia carica di primi piani indugiando meno sulla Città Eterna e, dato il racconto, più su chi la popola. Il risultato è una storia meno action delle precedenti ed ricca di spunti di riflessione sulla natura del dolore e dell’infelicità umana.
Voto: 7
Leonardo Cantone

1501767087654.jpg--serial toons   morgan lost 24 cover
Morgan Lost 24 – Serial Toons (Sergio Bonelli Editore)

di Claudio Chiverotti e Alessandro Pastrovicchio
L’ultimo numero della serie prima del cambio di formato e foliazione vede l’eroe Bonelliano daltonico alle prese con Blunt e Veronica, due cartoni animati. Claudio Chiverotti prosegue splendidamente la sua narrazione noir metanarrativa del personaggio, coadiuvato da Alessandro Pastrovicchio che ha il compito di “colorare” l’avventura con uno stile cartoonesco che, nonostante la brusca virata grafica, non altera le coordinate narrative della serie. Il risultato è un divertente, e allo stesso tempo inquietante, ibrido grafico inusuale e dalla grande potenza narrativa.
Voto: 8
Leonardo Cantone

odino-cosmo
Odino (Editoriale Cosmo)

di Nicolas Jarry e Erwan Seure-Le Bihan
Nuova incursione a Nord per la Cosmo. Dalla creazione al Ragnarok, direttamente dalla voce del padre degli Aesir. Nicolas Jarry, già visto con l'ottimo Il crepuscolo degli dei, è a suo agio con la materia: traspone fedelmente le fonti originali della mitologia norrena (Edda poetica in primis) in una storia fatta quasi solo da didascalie. E che disegni Erwan Seure-Le Bihan! Tavole pittoriche, suggestive per profondità, cromatismi e dettagli. Poco dinamismo e struttura monolitica certo, ma l'effetto generale è affascinante. Per appassionati e per chiunque voglia rifarsi gli occhi.
Voto: 7
Luca Giovanelli

Leggi tutto...

Speed Rece #3: le nostre letture in breve

  • Pubblicato in Focus

Ecco giunti al terzo appuntamento di Speed Rece, la rubrica in cui i redattori di Comicus propongono le loro breve recensioni delle letture fatte in settimana. Il nostro invito è di quello di partecipare magari dicendo la vostra opinione o postando qui in basso o nei social le vostre letture della settimana.

Batman-17
Batman #17 (RW Lion)

di Tom King, James Tynion IV, Tim Seeley, David Finch, Marcio Takara, Marcus To
Si conferma ad ottimi livelli il quindicinale dedicato al Cavaliere Oscuro di Gotham, guidato con mano sicura dal condottiero Tom King. L’autore di The Vision sta realizzando un vero e proprio kolossal batmaniano, restituendo freschezza a personaggi classici grazie a caratterizzazioni azzeccate e alternando momenti intimi a grandi scene d’azione. Un blockbuster a fumetti tradotto in immagini delle matita solida e potente di David Finch. In appendice, James Tynion IV e Marcio Takara ci offrono un episodio di Detective Comics incentrato su Cassandra Cain, Orfana, mentre proseguono le vicende di Dick Grayson, Nightwing, tra avventura e romanticismo. Illustrazioni di un Marcus To in crescita, sempre più emulo di Jim Cheung.
Voto: 7,5
Luca Tomassini

MMAIC034 0
Deadpool – Insanicida (Panini Comics)

di Max Bemis e Dalibor Talajic
Intelligente sceneggiatura caustica e grottesca dedicata a Insanicida, psicopatico assassino redento e divenuto psichiatra per superciminali che trova difficoltà ad abbandonare la propria vita. La sceneggiatura di Max Bemis si incastra nella continuity di Deadpool e, quest’ultimo, si prende il compito di “educare” Insanicida alla via del supereroe, con tutte le surreali componenti del caso. Il disegno rivela, ancora una volta, il grande mestiere di Dalibor Talajic, anche nei momenti prettamente comici e meno d’azione. Nonostante la moderata presenza di Deadpool, l’albo vive della follia e della comicità del personaggio.
Voto: 7.5
Leonardo Cantone

Outcast-edicola 014 cover-CON-grafica
Outcast 14 (Saldapress)

di Robert Kirkman e Paul Azaceta
Nuovo numero di Outcast che dopo il volume precedente inizia a far luce su molti punti interrogativi che dal primo albo vanno avanti. Robert Kirkman inizia a premere l'acceleratore che, in questa serie, non è mai stato realmente spinto. La modalità a lui cara è ormai conosciuta, tramite le dinamiche padre/figlio, gli snodi delle sue storie si presentano sempre durante gli incontri tra queste due figure. Paul Azaceta fa sempre un ottimo lavoro soprattutto nei primi piani in cui la rabbia ne fa da padrona.
Voto: 6,5
Emanuele Amato

PARKER-003
Parker 3: Il Colpo (Editoriale Cosmo)

di Darwyn Cooke
Terzo adattamento (di quattro) realizzati da Darwyn Cooke a partire da altrettanti romanzi con protagonista Parker, il criminale creato dalla fantasia di Richard Stark, pseudonimo di Donald E. Westlake. Il compianto Cooke si cala perfettamente nelle atmosfere noir delle opere di Stark e confeziona una piccola gemma dove lo storytelling è scandito da soluzioni grafiche deliziosamente retrò e da un design vintage che farà impazzire i cultori dei sixties. L’ulteriore conferma di quanto l’autore canadese, scomparso prematuramente lo scorso anno, ci mancherà. Imperdibile.
Voto: 8,5
Luca Tomassini

1WTEMI004F 0
Tesori Made in Italy - Giorgio Cavazzano 4 (Panini Comics)

di Giorgio Cavazzano, Vincenzo Mollica, Tito Faraci, François Corteggiani e Casty
Giro di boa per la collana Tesori Made in Italy che dedica i primi 6 numeri al Maestro Giorgio Cavazzano. In questo quarto albo troviamo alcune gemme della seconda metà degli anni '90 e dei primi anni del nuovo millennio. Vincenzo Mollica scrive i testi per Paperino oscar del centenario che festeggia i 100 del cinema, con tanto di parata di stelle. La lunga notte del commissario Manetta è una delle prime storie del disegnatore con Tito Faraci che con le sue tinte noir scriverà una pagina importante del settimanale. Infine, le due doppie dal tono avventuroso Zio Paperone e il terzo Nilo e Topolino e il colosso di Rodi, rispettivamente di François Corteggiani e Casty, chiudono un ottimo numero impreziosito da articoli e illustrazioni inedite. Lo spazio è poco e le storie da selezionare tante, ma collana ha i suoi pregi e una qualità media notevole.
Voto: 8
Gennaro Costanzo

valerian1
Valerian 1 - La Citta delle Acque Mobili (Gazzetta dello Sport)

di Pierre Christin e Jean-Claude Mézières
La Gazzetta dello Sport ripropone il capolavoro del fumetto francese di genere in concomitanza dell'uscita nelle sale italiane del film ad esso ispirato. In questo primo volume ritroviamo le prime due storie del duo di autori, Pierre Christin e Jean-Claude Mézières, tra le quali quella di cui la pellicola stessa è un adattamento. L'edizione brossurata è curata discretamente, con delle brevi analisi dei personaggi secondari e del contesto storico della produzione francese, mentre il formato è più piccolo dall'originale francese.
Voto edizione: 6,5
Alberto Palazzolo

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.