Menu

 

 

 

 

Luke Cage torna in City of Fire

  • Pubblicato in News

Luke Cage torna questo autunno in una miniserie che lo riporta in prima linea a difendere il suo quartiere natale di Harlem. In Luke Cage: City of Fire, l'acclamato scrittore/artista Ho Che Anderson collaborerà con tre diversi disegnatori in una storia di altrettanti numeri che vede l'eroe contro il sindaco di New York City Wilson Fisk e un gruppo di vigilanti noti come i Regulators.

"Cage incrocia rapidamente la strada con Daredevil, che è determinato a far cadere i Regolators a qualsiasi costo, ma il sindaco Fisk è ugualmente determinato a usarli per rafforzare la sua presa sulla città. C'è agitazione nelle strade e tocca a lui evitare che la città prenda fuoco".

Luke Cage: City of Fire sarà il primo lavoro ad ampio respiro di Anderson per la Marvel dopo il la storia presente nell'antologia Marvel's Voices: Legacy #1. Anderson è meglio conosciuto per la sua biografia su Martin Luther King Jr. e per Scream Queen e Sand and Fury.

I tre albi della serie saranno disegnati rispettivamente da Farid Karami, Ray-Anthony Height e Sean Damien Hill. Taurin Clarke ha disegnato la copertina del primo numero in uscita a ottobre.

Bty76PUPFqfph6veSh2FxW

(Via Newsarama)

Leggi tutto...

Nuovi dettagli sul rilancio di Amazing Spider-Man

  • Pubblicato in News
Come vi abbiamo riportato, dopo l'addio di Nick Spencer ad occuparsi di Amazing Spider-Man sarà un nuovo team di autori composto da Zeb Wells, Kelly Thompson, Saladin Ahmed e Cody Ziglar e dal disegnatore Patrick Gleason. A questi, riporta ora la Marvel, si aggiungeranno Sara Pichelli, nota per aver co-creato Miles Morales, e l'artista di Black Cat Michael Dowling. Le cover, invece, saranno ad opera di Art Adams.

"Lo sceneggiatore/artista Patrick Gleason sarà il fondamento del team, guidando il design e realizzando i disegni sull'albo oversized Amazing Spider-Man #75", si legge nell'annuncio della casa editrice.

Per quanto riguarda la trama della nuova era di Amazing, questa ruoterà attorno al ritorno di Ben Reilly nei panni di Spider-Man in assenza di Peter Parker. Il destino di quest'ultimo non è stato rivelato, ma la cover diffusa dalla Marvel con Peter in un letto d'ospedale sembra indicare che sarà fuori dai giochi.

A27u8vo3DQfmMAVWUmFXzk 1536 80

Zeb Wells darà il via alla nuova era di "Spider-Man Beyond" come autore di Amazing Spider-Man #75 del 6 ottobre e Amazing Spider-Man #76 del 13 ottobre, entrambi con disegni di Gleason, mentre Amazing Spider-Man #77 del 20 ottobre sarà scritto da Kelly Thompson con i disegni di Sara Pichelli. La testata uscirà 3 volte al mese.

"L'intero scopo del lavoro su Spider-Man è cercare di mettere nuovi pesi non sollevabili su di lui - fisici, metafisici, emotivi, psicologici - e vedere se può sollevarli", ha dichiarato Nick Lowe, editor di Amazing Spider-Man. “Ma cosa succede se quel peso è davvero eccessivo? E se qualcuno con le stesse identiche capacità e gli stessi anni formativi potesse fare di meglio? Ben Reilly è tornato e, con in mente anche le lezioni di zia May e zio Ben, è qui per intervenire dove Peter Parker ha fallito. Riuscirà a realizzare cose che l'originale Spider-Man non avrebbe mai potuto fare?"

Un'anteprima del nuovo ciclo di Amazing Spider-Man sarà presente nello speciale Free Comic Book Day 2021: Spider-Man/Venom in uscita il 13 agosto.

Nella gallery in basso potete vedere alcune immagini d'anteprima diffuse dalla Marvel.
 
Leggi tutto...

House Of X/Powers Of X - Complete Edition, recensione: la rivoluzione mutante di Jonathan Hickman

po ho x

Un lettore che si è avvicinato solo negli ultimi anni ai fumetti della Marvel, magari sull’onda del successo dei lungometraggi prodotti dai suoi studi cinematografici, troverà difficile credere che fino alla fine degli anni Novanta, oltre al sempreverde Spider-Man, tra le testate che occupavano ogni mese i primi posti delle classifiche di vendita americane non mancavano mai quelle dedicate agli X-Men e ai numerosi personaggi che ruotavano attorno a essi. Dagli anni Duemila in poi, però, la situazione ha cominciato progressivamente a cambiare, anche se le cifre pagate dalla Fox per mantenere i diritti di sfruttamento per il cinema di Wolverine e soci hanno sempre rappresentato per la Casa delle Idee uno stimolo per continuare a investire sulla qualità degli albi dei pupilli di Xavier. Risalgono a quel periodo, infatti, gli osannati cicli di Grant Morrison e Joss Whedon, tuttora considerati due capisaldi della storia editoriale dei Figli dell’Atomo. Ciononostante, proprio l’avvento del Marvel Cinematic Universe ha determinato un drastico cambio di prospettiva: la popolarità raggiunta dai vari Iron Man, Thor e Capitan America, a seguito delle loro riuscite trasposizioni su grande schermo, ha, infatti, portato i vertici della casa editrice newyorkese (probabilmente su richiesta della Disney, proprietaria della Marvel dal 2009) a spostare gradualmente i riflettori dagli X-Men agli Avengers.

Non che negli ultimi anni sulle varie testate dedicate ai mutanti non siano mancati team creativi degni di nota (solo per rimanere agli sceneggiatori abbiamo visto succedersi autori di grande talento come Matt Fraction, Ed Brubaker, Mike Carey, Brian Michael-Bendis e Jeff Lemire), ma l’impressione era che, aldilà della qualità dei singoli cicli narrativi – nessuno di essi memorabile, tuttavia – si fosse persa la visione a lungo termine, che aveva caratterizzato la leggendaria gestione di Chris Claremont. In altre parole, sembrava che gli Homo Superior continuassero ad arrivare in fumetteria solo per accontentare i (non pochi) fan ancora interessati a leggere le loro avventure. Quest’ultima è probabilmente la stessa ragione che, nel periodo in cui la Disney provava in tutti i modi a togliere visibilità ai personaggi controllati dalla Fox, ha evitato agli X-Men la cancellazione delle loro testate (come successo, invece, ai Fantastici Quattro), a cui ha contribuito anche il fallimentare tentativo di trasformare gli Inumani nei mutanti del nuovo secolo. Poi, nel 2019, lo studio cinematografico di Alien e Predator è entrato a far parte della Casa del Topo e così - in attesa di rivedere i personaggi al cinema sotto le insegne dei Marvel Studios - anche per gli X-Men è stato messo in cantiere un rilancio editoriale in grande stile.

po ho x 1

A condurre le danze, è stato chiamato Jonathan Hickman, che negli ultimi tempi aveva dato l’impressione di essere più interessato alle sue opere creator-owned, ma nel recente passato al timone di progetti molto importanti per la Marvel, tra cui due lunghi e fondamentali cicli dei Fab Four e degli Avengers e vari cross-over di grande portata (Infinity, Secret Wars). L’approccio dello scrittore americano è fin da subito radicale e il nuovo status dei mutanti viene portato alla luce attraverso due miniserie di sei numeri – House of X e Powers of X – così dense di avvenimenti, nuove rivelazioni e possibili indizi per saghe future, da essere già considerate uno degli eventi più importanti del fumetto americano degli ultimi anni.

Inizialmente pubblicate in Italia nel classico albetto spillato, sono state ora riunite da Panini in un poderoso volume cartonato (sulla scorta dell’analoga edizione d’oltreoceano), caratterizzato da un formato un po’ più grande rispetto a quello standard dei comic book, utile a valorizzare l’ottimo lavoro ai disegni di Pepe Larraz e R.B. Silva. Oltretutto, pur avendo scenari diversi, le due miniserie sono strettamente interconnesse l’una con l’altra, a costituire un’unica storia, che, se letta tutta d’un fiato, permette di apprezzare ancora di più il gigantesco affresco elaborato da Hickman. Noto per la sua notevole inventiva e per essere un world builder di altissimo livello, in House of X/Powers of X lo scrittore americano mette a frutto entrambe queste capacità, realizzando forse la sua migliore opera a tema supereroistico, riuscendo anche nella difficile impresa di far ripartire quasi da zero l’universo mutante senza tradire eccessivamente decenni di continuity.

po ho x 2

Come accennato sopra, l’inizio è già di per sé rivoluzionario: Charles Xavier rinuncia definitivamente all’integrazione degli Uomini X nella comunità umana e perfezionando i tentativi andati a vuoto di Genosha e Utopia, crea una vera nazione indipendente per tutti i possessori del gene X. Il luogo prescelto è l’isola vivente di Krakoa, anch’essa un mutante, di cui viene esplorata più a fondo l’origine e la natura. Poi con una spericolata, ma abilissima, operazione di ret-con Hickman ci fa sapere che, contrariamente a quanto ci è stato raccontato per anni, pure Moira McTaggert è un Homo Superior, con il potere di rinascere più volte dopo essere morta, tornando sempre nell’utero materno originale, ma con una mente già adulta e i ricordi delle sue vite precedenti. Da queste due premesse, parte una trama complessa e fitta di dettagli che oltre a descrivere i primi passi nel mondo della nuova nazione mutante, mostra l’inevitabile reazione negativa di una parte dell’umanità, spaventata all’idea di dover trattare con uno stato sovrano guidato dagli Uomini X. Frange deviate dello S.H.I.E.L.D. e dello S.W.O.R.D. ed ex membri dell’A.I.M. e di altri gruppi segreti del mondo Marvel uniscono le loro forze per dar vita all’Orchis, un’organizzazione transnazionale votata alla cancellazione della minaccia mutante. Proprio l’assalto alla stazione solare dell’Orchis è uno dei passaggi più trascinanti e ricchi di pathos delle due miniserie: in un crescendo drammatico e intensissimo vediamo cadere o sacrificarsi alcuni degli X-Men più popolari, nel tentativo di fermare l’attivazione di Mother Mold, l’anello mancante nell’evoluzione delle Sentinelle, che porterà alla nascita delle unità Nimrod, i robot stermina-mutanti definitivi.

Gli spunti, le idee, la ridefinizione continua di fondamentali passaggi passati e futuri della storia degli X-Men sono così tanti da richiedere un’alternanza continua tra tavole a fumetti e pagine di approfondimento puramente testuali, le quali, sorprendentemente, riescono a essere esaustive senza appesantire troppo la lettura. Non contento, lo scrittore americano elabora addirittura un nuovo alfabeto, grazie al quale costruisce parole in “krakoano” (la nuova lingua dei mutanti, telepaticamente impressa a tutti gli abitanti dell’isola), che inserisce nei vari intermezzi privi di vignette. Il risultato finale è maestoso e affascinante, oltreché capace di accontentare sia i nuovi lettori che i fan di lunga data. Consapevole della difficoltà di riscrivere interi capitoli dell’epopea mutante senza cadere in contraddizione con quanto narrato dagli autori che lo hanno preceduto, Hickman dedica pochi passaggi al passato degli Uomini X, concentrandosi soprattutto sulla nuova realtà krakoana (che costituisce l’ossatura di House of X) e sul futuro dei Figli dell’Atomo. Oltretutto, i frequenti flash-forward (che, invece, formano la parte più consistente di Powers of X, tanto che la “X” della testata deve essere letta come il dieci romano – base esponenziale delle diverse epoche descritte nella miniserie – e non come un riferimento al gene mutante) rappresentano la parte più intrigante del racconto e confermano la predisposizione dello scrittore americano a contaminare di continuo il fumetto supereroistico con elementi presi dalla fantascienza classica (una tendenza messa in mostra in particolare sulle pagine dei Fantastici Quattro e nelle due miniserie dedicate alla versione esoterica dello S.H.I.E.L.D.). Inevitabili, quindi, i riferimenti a una saga memorabile come Giorni di un futuro passato, di cui ci viene data una visione più ampia e, forse, ancora più disperante e la ripresa del collettivo tecno-organico di Phalanx, fatalmente e asetticamente immaginato come il punto di arrivo dell’evoluzione della vita sulla Terra.

po ho x 3

Giocando, poi, con il singolare potere di Moira X (come è stata ribattezzata la McTaggert), Hickman mischia di continuo le carte, non chiarendo mai veramente se la vicenda principale faccia parte del continuum temporale canonico (quello di Terra-616) o se si riferisca ad avvenimenti di una dimensione parallela. Inoltre, per nulla spaventato all’idea di dover gestire così tanti personaggi (una qualità già evidenziata nella sua gestione degli Avengers), l’autore della South Carolina si concede anche il lusso di crearne di nuovi, a cui offre uno spazio persino maggiore di quello messo a disposizione di alcuni teorici protagonisti. House of X/Powers of X è, tuttavia, un fumetto corale e tolta Moira X (l’unica figura veramente imprescindibile nella trama ordita da Hickman) gli altri personaggi appaiono solo il tempo necessario a portare avanti gli eventi in maniera coerente, senza nessun vero approfondimento psicologico. È probabile che questa sia stata una scelta precisa da parte dello scrittore americano, al fine di evitare di snaturare character con cui non aveva ancora dimestichezza. Questo, però, non gli ha impedito di apportare modifiche significative a un villain come Apocalisse, il cui ruolo nella nuova gerarchia mutante stona un po’ con la storia del personaggio (ma lo si diceva anche di Magneto, quando Claremont decise di rivoluzionarne caratteristiche e motivazioni).

Infine, a rileggere ora le due miniserie, anche alcuni dettagli della vicenda, che sul momento erano apparsi poco chiari o difficilmente inquadrabili nel contesto generale, diventano perfettamente comprensibili (ne è un esempio il brevissimo passaggio che allude al crossover X of Swords, terminato in Italia poche settimane fa), a testimonianza della grande solidità del lavoro di Hickman e una dimostrazione ulteriore della sua bravura nel saper pianificare gli eventi nel lungo periodo.

po ho x 4

Per quanto riguarda i disegni, sia lo spagnolo Pepe Larraz che il brasiliano R.B. Silva, sebbene chiaramente distinguibili nel tratto (più attento ai chiaroscuri e morbido nelle forme il primo, più lineare e pulito il secondo), riescono a raggiungere una singolare omogeneità di stile nella costruzione delle tavole, dove a prevalere sono la forte dinamicità, la ricchezza dei dettagli, e la perfetta anatomia dei personaggi. Per di più, la continua ripresa di alcune inquadrature aiuta a rendere più fluidi e trascinanti i testi di Hickman, che, a volte, paiono veramente in simbiosi con il comparto artistico, in cui non è neppure da sottovalutare l’ottima prova ai colori del messicano Marte Gracia.

Significativamente intitolato dal suo autore Dawn of X, il nuovo corso mutante non poteva trovare un inizio migliore. Le collane regolari che ne sono seguite (tutte ripartite da uno, come è ormai consuetudine) hanno mantenuto l’impostazione delle due miniserie e pur con inevitabili differenze qualitative (guardando solo ai testi, oltre a Hickman quello che ci sta piacendo di più è Benjamin Percy, mentre sul lato opposto abbiamo, per ora, Gerry Duggan e Leah Williams) sembrano avere effettivamente restituito ai personaggi il perduto splendore, tanto che non passa mese senza che non venga annunciata una nuova iniziativa a loro dedicata. Tra queste, quella che solletica di più la nostra fantasia è l’imminente miniserie Inferno, presentata proprio come il seguito di House of X/Powers of X e considerando che a scriverla sarà ancora una volta il buon Jonathan, le premesse affinché possa regalarci le stesse emozioni della saga capostipite sembrano esserci già tutte.

Leggi tutto...

Anteprima di Moon Knight #1 di Jed MacKay e Alessandro Cappuccio

  • Pubblicato in News

La Marvel ha diffuso un'anteprima della nuova serie di Moon Knight scritta da Jed MacKay e disegnata da Alessandro Cappuccio. La cover è ad opera di Steve McNiven.

La nuova incarnazione di Moon Knight si ricollegherà alle vicende degli Avengers di Jason Aaron in cui, in qualità di agente di Khonshu, ha cercato di conquistare il mondo a immagine di Khonshu prima di tradire il suo protettore per i Vendicatori.

"Nonostante abbia tradito il suo dio per gli Avengers, gli obblighi del Pugno di Khonshu rimangono gli stessi: proteggere coloro che viaggiano di notte", ha dichiarato MacKay. Sacerdote apostata del dio della luna, il misterioso Mr. Knight ha aperto le porte della sua Midnight Mission, dove chi ha paura del soprannaturale può chiedere aiuto a Moon Knight! Ma questo non sta bene a tutti, e minacce nascoste avvolgono dall'ombra il nuovo inizio di Marc... "

Moon Knight #1 sarà in vendita il 7 luglio, ben prima che il personaggio faccia il suo debutto nel MCU interpretato da Oscar Isaac per l'omonima serie Disney+.

moon knight mn cover 1

moon knight a7 1

moon knight a7 2

moon knight a7 3

moon knight a7 4

moon knight a7 5

moon knight a7 6

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.