Menu

 

 

 

Classifica USA 2018: la Marvel domina il mercato, ma l'albo più venduto è della DC

  • Pubblicato in News

Sebbene la Marvel Comics sia stata la casa editrice di fumetti di maggior successo nel 2018, è stata la DC Comics a piazzare un suo albo al primo posto della classifica di vendite.

Grazie anche al successo dei supereroi al cinema e alla tv, non è una sorpresa vedere i principali editori di fumetti raggiungere un pubblico più ampio, con un aumento degli albi venduti del 3,3%. In calo, tuttavia, i graphic novel, meno 6,6% rispetto al 2017, mentre il mercato digitale continua ad espandersi.

La Marvel Comics è stata la casa editrice di maggior successo dell'anno, con una quota di mercato pari al 40,4% e ben 7 albi nella top ten, a partire da Amazing Spider-Man #800, i precedenti numeri 798 e 799, e a diversi numeri 1 quali Fantastic Four # 1, Amazing Spider-Man # 1, Return of Wolverine # 1 e Venom # 1. È interessante notare come 5 posizioni su 10 siano occupate da Spider-Man e affini (4 numeri di Amazing e uno di Venom). La Marvel Comics può vantare anche il graphic novel più venduto grazie a The Infinity Gauntlet, lo storico racconto di Jim Starlin, George Pérez e Rom Lim che ha fattoda base al successo cinematografico dell'anno, ovvero Avengers: Infinity War
Tuttavia, l'editore non è riuscito a il titolo di comic book più venduto spetta alla DC Comics con il celebrativo Action Comics #1000. DC che piazza altri due albi nella top ten, ovvero Batman #50 e The Batman Who Laughs # ​1. Alla DC spetta il second posto come publisher grazie a un ottimo 33,82%.

La Image Comics, grazie anche ai successi di Saga di Brian K. Vaughan e Fiona Staples e ha dominato il mercato dei graphic novel, occupando una quoata di mercato pari al  9,9% del totale.

Di seguito, potete vedere le diverse top ten nel dettaglio.

2018 TOP COMIC BOOK PUBLISHERS

PUBLISHER

DOLLAR
SHARE

UNIT
SHARE

MARVEL COMICS

38.24%

40.40%

DC ENTERTAINMENT

30.04%

33.82%

IMAGE COMICS

9.93%

9.90%

IDW PUBLISHING

3.83%

3.30%

DARK HORSE COMICS

2.92%

2.10%

BOOM! STUDIOS

2.24%

1.90%

DYNAMITE ENTERTAINMENT

1.86%

1.73%

VIZ MEDIA

1.22%

0.46%

TITAN COMICS

0.87%

0.61%

ONI PRESS

0.83%

0.54%

OTHER NON-TOP 10

8.01%

5.25%

 


2018 TOP 10 COMIC BOOKS

QTY
RANK

DOLLAR
RANK

DESCRIPTION

PRICE

VENDOR

1

1

ACTION COMICS #1000

$7.99

DC ENTERTAINMENT

2

2

AMAZING SPIDER-MAN #800

$9.99

MARVEL COMICS

3

3

BATMAN #50

$4.99

DC ENTERTAINMENT

4

4

FANTASTIC FOUR #1

$5.99

MARVEL COMICS

5

5

AMAZING SPIDER-MAN #1

$5.99

MARVEL COMICS

6

6

RETURN OF WOLVERINE #1

$4.99

MARVEL COMICS

7

9

VENOM #1

$4.99

MARVEL COMICS

8

10

AMAZING SPIDER-MAN #798

$3.99

MARVEL COMICS

9

8

BATMAN WHO LAUGHS #1

$4.99

DC ENTERTAINMENT

10

13

AMAZING SPIDER-MAN #799

$3.99

MARVEL COMICS



2018 TOP 10 GRAPHIC NOVELS & TRADE PAPERBACKS

QTY
RANK

DOLLAR
RANK

DESCRIPTION

PRICE

VENDOR

1

1

INFINITY GAUNTLET TP

$24.99

MARVEL COMICS

2

4

SAGA TP VOL 09 (MR)

$14.99

IMAGE COMICS

3

19

SAGA TP VOL 01 (MR)

$9.99

IMAGE COMICS

4

6

SAGA TP VOL 08 (MR)

$14.99

IMAGE COMICS

5

2

ACTION COMICS 80 YEARS OF SUPERMAN HC

$29.99

DC ENTERTAINMENT

6

8

WALKING DEAD TP VOL 29 LINES WE CROSS

$16.99

IMAGE COMICS

7

38

PAPER GIRLS TP VOL 01

$9.99

IMAGE COMICS

8

7

BATMAN WHITE KNIGHT TP

$19.99

DC ENTERTAINMENT

9

3

DARK NIGHTS METAL DELUXE ED HC

$29.99

DC ENTERTAINMENT

10

33

MONSTRESS TP VOL 01 (MR)

$9.99

IMAGE COMICS

Leggi tutto...

Indizi sul 2019 di Brian M. Bendis targato DC Comics

  • Pubblicato in News

Lo scrittore Brian Michael Bendis su Instagram ha condiviso alcune immagini che lasciano intuire i suoi prossimi lavori per la DC Comics in uscita nel 2019.

L'autore promette che questi teaser "sono destinati a deliziare e frustrare" i propri lettori. Tra queste immagini, troviamo un Batman Beyond in stile Bruce Timm, una Wonder Woman con le fattezze di Gal Gadot, un vestito di Superman abbandonato, e un Batman in piedi accanto al Bat-Segale.

Considerando l’attuale rapporto tra Batman e il Commissario Gordon e la GCPD in generale, questa immagine potrebbe suggerire che la partnership di lunga data si sia rinsaldata. Altre ipotesi posso essere fatte sul figlio di Superman, Jonathan Kent, tornato sulla Terra dopo il tempo trascorso con sua madre Lois Lane e suo nonno Oz.

Bendis pubblica un’immagine di Thorn, del supereroe OMAC, di Kamandi e della Legione dei Supereroi del trentunesimo secolo.
Thorn è apparsa in Superman's Girlfriend Lois Lane #105, ed figlia di un poliziotto assassinato di Metropolis: Rose soffre di un disturbo di personalità multipla che si manifesta nel suo alter ego Thorn, abile vigilante che occasionalmente lavorava con eroi DC come Superman o Freccia Verde. OMAC, noto anche come One-Man Army Corps, è stato creato da Jack Kirby per essere l'alter-ego di Buddy Blank, che si trasforma nel supereroe tramite il controllo remoto avviato da un satellite A.I chiamato Brother Eye.

L'abito di Superman abbandonato è un'immagine presa da Kamandi: The Last Boy on Earth #29. Altro personaggio creato da Jack Kirby, Kamandi, è il giovane eroe di un futuro post-apocalittico in cui gli umani sono una minoranza in un mondo dominato da animali evoluti e molto intelligenti.
Un’altra immagine lascia intuire il ritorno della famosa super-squadra della Legione dei Supereroi. La penultima immagine potrebbe lasciare immaginare una connessione con gli eroi della JSA, Johnny e Jakeem Thunder, grazie alla penna presente nel disegno. Con la presenza di Saturn Girl e Johnny Thunder nell'attuale serie Doomsday Clock, in conclusione quest’anno, la presenza di tali personaggi potrebbero gettare le basi per la prima vera apparizione di entrambe le squadre da New 52.

Per ora nulla è stato confermato, ma una cosa è certa: il 2019 sarà un anno piuttosto eccitante per la DC Comics e lo sceneggiatore Bendis.

(Via CBR e Newsarama)

Leggi tutto...

Il tributo della DC Comics a Stan Lee

  • Pubblicato in News

Come noto, lo scorso 12 novembre Stan Lee, il co-creatore dell'universo Marvel, ci ha lasciati all'età di 95 anni. Numerosi sono stati gli omaggi provenienti dal mondo del fumetto, e non poteva mancare quello della DC Comics, storica rivale della Marvel, che ha voluto ricordare Lee con una pagina diffusa in tutti gli albi usciti questa settimana.

Ricordiamo che Lee ha collaborato con la casa editrice di Superman in varie occasioni, come nel 2001 per il progetto Just Imagine, in cui l'autore ha reimmaginato alcuni famosi personaggi DC come Superman, Batman, Wonder Woman e altri insieme. Il suo ultimo lavoro per la casa editrice è stata una storia in DC Presents: Superman #1, in omaggio all'ex editor Julius Schwartz morto poco prima.

Di seguito la pagina che la DC ha dedicato a Lee in cui si legge:

"Con il massimo rispetto, dalla Distinta Concorrenza… Excelsior!
In Memoria di Stan Lee, 1922 – 2018"

dc-stan-lee

Leggi tutto...

Batman di Scott Snyder e Greg Capullo: il ciclo dei New 52

  • Pubblicato in Focus

New 52, o… Ricominciamo?
Marvel o DC? Papà o mamma? La risposta per chi ama i fumetti americani è sempre complicata. Esiste però una grande ed oggettiva differenza tra l’uno e l’altro universo: la gestione della continuity.
Se da una parte infatti la casa delle idee ha sempre cercato di mantenere tutte le sue serie all’interno di uno stesso universo narrativo coerente e coeso (fallendo in molti casi), dall’altra la Distinta Concorrenza, complice forse il peso di personaggi dalla storia editoriale infinita (il 2018 è stato l’anno di Action Comics 1000, tanto per intenderci), ha sempre trattato la propria continuity in una forma più "spensierata".
Puntualmente, l’universo editoriale di Superman e soci viene letteralmente azzerato. Capostipite di queste catastrofiche saghe l’evento Crisis on infinite earths a cui ne seguirono altri tra cui, a partire dal 2011, New 52, conseguenza di Flashpoint, una saga in cui il buon Flash, muovendosi a ritroso nel tempo, è riuscito nel (non) difficile compito di far ripartire lo schema narrativo di tutte le 52 testate DC Comics da zero.
Arduo da accettare per il lettore affezionato, l’azzeramento dell’universo crea una lavagna vuota che dona agli autori la libertà di poter reinventare, ammodernare, attualizzare personaggi conosciuti, ma dal passato troppo ingombrante.
Scopo finale? La sopravvivenza del personaggio stesso, in termini di interesse da parte dei lettori e di... Vendite.

Batman- Night of the Owls

I team creativi di New 52
New 52 ha consegnato a team conosciuti ed affermati i personaggi storici, immaginate Geoff Johns e Jim Lee sulla Justice League, o Grant Morrison e Rags Morales su Action Comics. Calibri altissimi, che hanno portato un notevole riscontro di vendite. Basti pensare che Justice League 1 è stato il fumetto più venduto del 2011.
E Batman? Ebbene, la testata del cavaliere oscuro venne affidata al (dinamico) duo Scott Snyder e Greg Capullo.
Il risultato è stata una serie di dieci sfavillanti volumi che raccontano, come fosse un lungo film, una versione inedita ed allo stesso tempo fedele dell’eroe di Gotham City.

Chi è il Batman di New 52
All’avvio della testata, corrispondente ai primi due cicli/volumi “The court of Owls” e “The city of Owls”, Batman è un supereroe affermato dai tratti decisamente appartenenti al canone del personaggio: tenebroso, solitario e risoluto. Completamente assorbito dalla sua crociata personale contro la criminalità e totalmente devoto alla sua città, Gotham.
Dove sta quindi l’eccezionalità di un personaggio che rispetta in tutto e per tutto ciò che i lettori si aspettano? È proprio qui che gli autori iniziano a stupire. Abbandonata la sicurezza dei percorsi conosciuti viene scelto un nemico inedito, il Talon, individuo fortissimo appartenente a una “Corte dei gufi” che, senza svelare nulla della trama, si scopre avere ramificazioni ovunque all’interno di Gotham, tanto da portare l’eroe a compiere un vero e proprio viaggio dall’inferno al purgatorio, senza via d’uscita nel paradiso rappresentato dalla consueta vittoria del bene sul male.
Senza dubbio un biglietto da visita promettente.

La storia definitiva del Joker?
La verità è però che per quanto ad ogni lettore piacciano i nuovi percorsi, le versioni alternative, i nuovi nemici e nuovi scenari, per Batman la battaglia attesa è sempre e solo una: quella contro il Joker.
Passato poco più di un anno dall’avvio dell’epopea raccontata da Snyder e Capullo è quindi giunto il momento di rievocare l’avversario per eccellenza del Cavaliere Oscuro.
All’inizio della storia il genio criminale vestito da pagliaccio non si vede a Gotham da tempo ed è reduce da una mutilazione che, se possibile, ne ha esteso la follia, permettendogli di elaborare un piano volto stavolta ad eliminare non il suo arcinemico, ma l’unica famiglia che gli è rimasta, ossia l’insieme di quei personaggi (Alfred, il commissario Gordon, Robin, Barbara, Nightwing e via dicendo) che gli sono più cari.
Il confronto è serrato e ancora una volta è chiaro l’intento di Snyder di spingere al limite l’eroe incappucciato, allontanandolo dai canoni comuni, facendogli compiere scelte difficilmente condivisibili e finendo col domandarsi se davvero si può vincere contro il lucido ed insano piano architettato dal principe dei clown.
I risvolti della trama sono molteplici, ma una cosa è palese: il ciclo “Death of the family” ed il suo volume di compendio (il settimo), “Endgame”, sono diventati un classico già in fase di pubblicazione.

91IteOKL0gL

Gli altri volumi
Il quarto e quinto volume riportano in scena l’Enigmista nella saga denominata "Zero Year" la quale, oltre a presentare una versione sorprendente di Gotham (persino più estrema dell’ormai antica saga, antecedente all’era New 52, “No man’s land”) esplora le origini del Batman di questo universo narrativo. Le difficoltà degli inizi, le motivazioni alla base delle scelte ed il motivo della cappa e del pipistrello e qualche chicca nel rapporto con Alfred. Un abile stratagemma per approfondire la psiche del personaggio, molto vicino in questo caso al Batman cinematografico di Nolan a cui evidentemente il buon Snyder deve qualcosa, o chissà, forse è vero il contrario.
Se il sesto volume, “Graveyard shift” permette di tirare un po’ il fiato poiché racchiude una serie di storie a se stanti, slegate dalle principali saghe, comunque utili ai fini narrativi ed utilizzate per riempire vuoti di trame lasciate in sospeso è con il sopra citato settimo volume “Endgame” che si arriva al vero momento cardine di tutta la saga. Un colpo di scena non così annunciato permette di catapultarsi all’interno di una realtà tutta nuova, raccontata dall’ottavo volume “Superheavy” in cui a ricevere la cura di bellezza è niente meno che il commissario Gordon.
È qui che la saga assume tratti sorprendenti: il personaggio titolare della testata è assente, ma questa non perde alcuno smalto, anzi, i nuovi terreni esplorati da questa svolta narrativa sono avvincenti e convincenti e preparano il campo al rientro in pompa magna del Cavaliere Oscuro, nel penultimo volume “Bloom” in cui la minaccia è rappresentata da un nuovo e pittoresco nemico che darà del filo da torcere a tutti.
Siamo ai titoli di coda, c’è tempo per un ultimo volume, il decimo, intitolato non a caso “Epilogue” dove vengono tirate le somme del lungo percorso e preparato il campo al nuovo reboot, restart o come lo si vuole chiamare: Rebirth. Ma questa è un’altra storia.

I testi
Se quanto raccontato sinora non invoglia ancora la lettura allora forse è il caso di aggiungere come a livello di prosa Snyder sia sempre in pieno controllo: la fluidità di tutte le trame, che pure non lesinano incursioni nel passato del personaggio, è costante. Raro trovare momenti di noia, i testi sono cuciti per esaltare le qualità del disegnatore amate dai lettori.
Il messaggio per il lettore è estremamente chiaro: “siediti e goditi lo spettacolo”.
Se quindi i cicli narrativi sono assolutamente godibili in forma a sé stante, è doveroso notare come l’insieme dei dieci volumi costituisca un unico coerente grande affresco che si capisce essere stato architettato ad arte, con zero improvvisazione ed estrema qualità.

I disegni
Greg Capullo appartiene a quella categoria di disegnatori su cui i giudizi non sono mai tiepidi: o si odia, o si ama, ma l’ex disegnatore di Spawn ed erede designato di Todd McFarlane (se vogliamo capostipite della categoria sopra menzionata) in questa saga stupisce oggettivamente per il grado di affinità al personaggio.
È vero, Spawn è a suo modo un cavaliere oscuro, quindi Capullo gioca “in casa”È vero, Jim Gordon ha fatto sicuramente da base al duo di detective Sam e Twitch, ma la verità è che pur mantenendo l’inconfondibile stile, Capullo riesce sempre a garantire una coerenza visiva del personaggio, dei comprimari, dei nemici e dell’ambiente (con una Gotham cupa, affascinante e dettagliatissima).
Un lavoro magistrale che non perde mai di qualità e rimane fedele a se stesso, dalla prima all’ultima tavola.

Batman-Vol-10

Conclusioni
Il ciclo di Capullo e Snyder su Batman è tutto racchiuso nei dieci volumi descritti. Epico, avvincente e coerente. Come affermato, già un classico. L’ennesima dimostrazione di come qualsiasi personaggio, anche un allegro -quasi- ottantenne come Batman, abbia ancora molto da raccontare attraverso le parole ed i disegni di autori capaci.
È forse un caso che lo stesso dinamico duo sia stato scelto per l’ultima grande saga DC dal titolo “Dark Knights Metal”? Probabilmente no.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.