Menu

 

 

 

np6-6-28

Ramin Djawadi: Compositore di Iron Man

Italian/English Version
Per tornare alla news, clicca qui.
Per tornare a Movie Comics, clicca qui.

Intervista a cura di Carlo Coratelli e Marco Rizzo
Traduzione di Andrea Cassola


Cosa ne pensi del personaggio? Sei un lettore delle avventure di Iron Man?

Sono un grande fan del personaggio. Mi piacciono i supereroi che non hanno superpoteri, ma li ottengono grazie a qualche espediente. Devo ammettere di non essere un lettore di comic-book, ma lo ero da bambino. Infatti ho trovato dei vecchi fumetti nella soffitta dei miei quando sono stato in Germania l’anno scorso. Tra questi c’erano molti Marvel, come L’Uomo Ragno, i Fantastici Quattro e Iron Man. Mi ha sorpreso quanti fossero quelli risalenti agli anni ’70 e ’80.

Come inizi a comporre? C'è un processo che segui di solito?

Di solito, comincio a scrivere senza le immagini davanti, dopo aver visto il film. Cerco di individuare le idee generali e i suoni, prima di mettermi di fronte alle immagini. Ero talmente emozionato di fare Iron Man che ho cominciato a buttare giù le idee già dopo il trailer, prima che vedessi l’intero film.

Come sei stato coinvolto in questo progetto?

Ho sentito che non avevano ancora deciso riguardo al compositore e, da grande fan dei fumetti, ho deciso di provare a entrare nel progetto.

Prima di iniziare a lavorare sulle musiche di Iron Man, hai discusso delle tue idee con il regista Jon Favreau?

Sì. Jon aveva una chiara visione su come doveva essere la colonna sonora. Abbiamo fatto molti esperimenti a riguardo, ma lui aveva sempre chiaro in mente un certo timbro per il film. Ha sempre ribadito l’idea di chitarre distorte, protagoniste, così ho composto la maggior parte dei pezzi sulla chitarra. Anche se la chitarra è il mio strumento principale, di solito non la uso per comporre. Ho dovuto assicurarmi che le musiche funzionassero sia con la chitarra che con l’orchestra.

Chi sono le persone che lavorano con te dietro le quinte e ti aiutano nel realizzare le musiche? Ce ne puoi parlare?

Ho decisamente avuto più collaboratori per questo film che per qualsiasi altro. Di solito cerco di fare da solo tutto il lavoro, ma stavolta era semplicemente impossibile, visti i tempi stretti. Era diventata la norma che arrivassero modifiche da fare all’ultimo minuto. Fortunatamente, l’infrastruttura che Hans ha creato alla Remote Control rende possibile un aiuto quando serve. Ho usato suoni e loops campionati su misura e c’erano molti altri compositori che aiutavano negli arrangiamenti e con suggerimenti. Hans lavora così sulle sue mega-produzioni ed è molto efficiente.

Nel fumetto è molto difficile rappresentare l'idea della musica. Come ti ha ispirato la storia del fumetto (e anche ovviamnte il film) nella scelta del ritmo, delle musiche e della colonna sonora in generale?

È stata completamente incentrata sul personaggio. La performance di Robert è così puntuale! Ha tracciato la via per me. Rappresenta il personaggio alla perfezione, secondo me. Tutte le risposte arrivavano da lui.

Puoi descriverci la struttura dei temi che hai usato per i personaggi principali del film, quelli interpretati da Robert Downey Jr., Gwyneth Paltrow e Jeff Bridges?

Ci sono molti temi su Iron ma a seconda dei suoi differenti stati d’animo. C’è anche un tema su Tony Stark, che descrive il suo lato playboy. Ci sono molti altri temi che non sono basati su personaggi ma sulla trama che si sviluppa nel film.

Ti capita mai di scrivere musiche per sequenze in CGI non ancora completate? Cosa fai in queste occasioni?

Sì, è successo molte volte durante la lavorazione. A volte aspettavo fino all’ultimo momento, perchè dovevamo vedere come si sviluppavano le cose. Ma ci sono state scene che ho cominciato a scrivere prima e che hanno ispirato Jon su come montarle. Può andare in entrambi i modi.

Delle musiche che hai realizzato per Iron Man, puoi dirci quale è la tua preferita?

Probabilmente il mio preferito è il tema delle “botte da orbi”. Ha un modello ritmico che fa molta presa. Molto simile a una macchina.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

Sto cominciando a lavorare al sequel di “Open Season” (Boog & Elliot a caccia di amici – NdT.) della Sony, e anche su “Hotel Transylvania”, un altro film di animazione.

Nel caso di sequel, e nel caso tu debba realizzare altre musiche di Iron Man, come immagineresti un tema ispirato a "Il demone nella bottiglia", famosa storyline del fumetto che Favreau ha ipotizzato possa essere in un futuro sequel?

Sono imbarazzato, ma devo ammettere che non conosco quel ciclo di storie. Suppongo comunque che si riferisca a problemi di alcol per Tony. In quel caso sarebbe molto interessante metterlo in musica. C’è un intero altro lato di Tony oltre a quello del supereroe. Esplorare l’aspetto umano con i suoi alti e bassi sarebbe grandioso. Molto emotivo. Ma potrei aver risposto a questa domanda in modo del tutto sbagliato!


 

English Version

What do you think about the character? Are you an Iron Man comic book reader?

I’m a big fan of the Iron Man character. I always like superheroes that actually don’t have any superpowers, but gain them by a device. I have to admit that I’m not a comic book reader, but I was as a kid. In fact, I found old comic books on my parents’ attic when I was in Germany last year, among them was a Marvel compilation with Spiderman, Fantastic 4 and Iron Man. I was surprised how many I still had all dating back to the late 70’s and early 80’s.

How do you start composing? Is there a line you usually stick to?

I usually start writing without picture once I have seen the movie. I try to come up with general ideas and sounds before going up against picture. I was so excited about Iron Man that even started playing with ideas when I saw the trailer before I had seen the whole movie.

How did you get involved in this project?

I heard that they hadn’t quite decided on a composer yet and as big comic book fan, I just decided to try and get onto the project.

Before starting to work on Iron Man score, did you discuss your ideas with Jon Favreau?

Yes. Jon always had a great vision of what the score should be like. We still did a great deal of experimenting, but he was always clear about a certain tone for the movie. He always kept mentioning the ideas about heavy guitars, so I wrote most of the themes on the guitar. Even though my main instrument is guitar, I usually don’t write on it. When coming up with the themes I had to make sure that they work on guitar and orchestra.

Who are the people that work along with you in the backstage and help you creating music? Can you talk about them?

I definitely had more of a team on this movie than normal. I usually try and do all of the work myself, but it simply wasn’t possible due to time constrains. It has become the norm that picture changes occur until the last possible minute. Fortunately, the infrastructure Hans has created at Remote Control makes it possible to get help when needed. I had custom sounds and loops made and there were also several other composers helping with arrangements and additional cues. Hans works this way on his monster movies and it is very efficient.

In a comic book it is very difficult to represent the idea of music. How did the story of the comic book inspire you in the choice of the rhythm, music and the score in general?

It was completely character driven. Robert’s performance is so spot on. He was leading the way for me. He portraits the character perfectly in my opinion. All the answers came through him.

Could you describe the structure of the different character themes you created for Robert Downey Jr., Gwyneth Paltrow e Jeff Bridges?

There is several Iron Man themes for his different moods. There is also a Tony Stark theme that portraits his playboy attitude. There are other themes that not so much character based, but rather plot based that carry you through the movie.

Does it happen that you’ve got to write scores for CGI sequences that are not completed yet? What do you do in these cases?

Yes, it happened a lot during this project. Sometimes I would hold off until the last possible minute, because we had to see what it would develop into. But there were scenes that I just started writing and it would sometimes inspire Jon to make certain picture edits. So it really can go both ways.

Among the themes you created for Iron Man, can you tell us which is your favorite?

My favorite is probably his “kick ass” theme. It has a rhythmic pattern that is a hook on its own. Very much like a machine.

What are your next projects?

I’m starting to work on the sequel to Sony’s “Open Season” and then there is also “Hotel Transylvania”, both are animated movies.

Just for joke, and only if you are a IM reader: if there would be a sequel based on the “Demon in a Bottle” storyline, how would you imagine the music score?

I’m embarrassed to admit that I don’t know the story line. I will try and take a guess and if this refers to Tony Stark becoming an alcoholic then I would think it would be very interesting to explore this with music. There is a whole other side to Tony than his super hero moments. So to explore the human aspect of it with its ups and downs could be great. Very emotional. But again, I might have just answered this question completely wrong.



Redazione Comicus
Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.