Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

Toy Story 4: un "perfetto film superfluo"

  • Pubblicato in Toon

Se già prima del nuovo millennio il concetto di sequel e di saga cinematografica esisteva e poteva contare su diversi esempi, è dopo il 2000 – ovvero nell’epoca a noi contemporanea – che questo modello di produzione è diventato tanto diffuso da divenire quasi una regola. Per gli studi cinematografici, dunque, è d’obbligo creare storie e personaggi da poter declinare in diversi capitoli cinematografici.
Non fa eccezione la Pixar che, spinta dall’esigenza di dover produrre un film all’anno, ha modificato quelle che erano le proprie intenzioni iniziali puntando molto sui sequel dei suoi successi, spesso con risultati al di sotto delle aspettative.

Toy Story, finora, rappresentava quell’eccezione in cui – raro caso – ogni nuovo capitolo della saga superava in qualità il precedente. Probabilmente, c’era un affetto sincero per questi personaggi e, considerando anche gli anni intercorsi fra una pellicola e l’altra, il lavoro che ha portato al terzo capitolo è stato impeccabile.
La grande fuga del 2010, inoltre, sembrava chiudere del tutto la storia dei giocattoli animati creata da John Lasseter nell’ormai lontano 1995. Per questo l’annuncio di un quarto capito, appena uscito nelle sale, aveva suscitato gioia e perplessità: tanto era ideale e perfetta la fine di Toy Story 3 che nessuno immaginava o sentiva l’esigenza di un sequel. Certo, c’è da chiedersi quando riteniamo opportuno o meno che una storia vada avanti, chi sia a deciderlo e, sopratutto, se sia una questione artistica o solo puramente economica.
Toy Story 4, ad ogni modo, è stato da molti definito come un capitolo superfluo, una sorta di epilogo aggiuntivo, un extra, a dirla tutta. Quasi un Toy Story 3.5. E non senza ragione.

Andando al cinema e vedendo il film, possiamo costatare una cosa: Toy Story 4 è una pellicola ottima sotto molti aspetti. È scritta bene, riesce a toccare le giuste corde (si ride quando c’è da ridere, si piange quando c’è da piangere) e tecnicamente è perfetta. Inoltre, chi temeva che questo film rovinasse o, quanto meno, mettesse in discussione quanto visto nel terzo film, può star sereno: la pellicola aggiunge un ulteriore tassello alla storia dei personaggi e lo fa in maniera coerente nonché sorprendente. Eppure, tutto questo non basta quando parliamo di Toy Story. Data l’altissima qualità dei precedenti film, infatti, questo nuovo capitolo appare come un leggero passo indietro, in quanto - scavando a fondo - presenta diverse imperfezioni che l'emotività e l'affetto che proviamo per questa saga possono celarci a una prima visione.

Partiamo dal primo punto: Toy Story 4 è incentrato interamente su Woody (e su Bo Peep). Tutti gli altri protagonisti, Buzz incluso (la cui caratterizzazione ci è qui sembrata alquanto banale) sono relegati a un ruolo secondario. Questo rende la pellicola una sorta di spin-off rispetto alla saga principale, tanto che potevano intitolarlo direttamente a lui. E, probabilmente, sarebbe stata una scelta azzeccata.

Ogni Toy Story ha uno spunto di riflessione che rappresenta il cuore della storia, che può essere tanto il tema della crescita che dell’abbandono, e così via. Anche il quarto capitolo ha una sua tematica. La storia ruota attorno a Woody che, messo in secondo piano dagli altri giocattoli nelle preferenze di Bonnie, deve ora trovare un proprio ruolo per poter crescere ulteriormente. Il legame di un giocattolo ad un bambino deve obbligatoriamente esistere, o un giocattolo può farne a meno?
Da questo spunto ruota la trama del film che diventa efficace grazie all’ingresso e al confronto con nuovi personaggi, su tutti Forky, un utensile che la creatività di Bonnie ha trasformato in giocattolo. Dunque, i nuovi personaggi portano linfa vitale alla serie, a discapito di quelli vecchi relegati sullo sfondo.

Purtroppo, a controbilanciare quest'aspetto, troviamo una certa ripetitività di idee e situazioni che rendono poco incisivo lo sviluppo del film. Il viaggio/fuga in camper, il negozio d’antiquariato, lo scontro con altri giocattoli, sembrano spunti riciclati da altri film della saga e rendono sottotono la parte centrale della storia, e le due ambientazioni luna park/negozio sembrano ridimensionare l'azione e limitarla.

Queste annotazioni rendono dunque Toy Story 4 un film sottotono o, addirittura, superfluo? Ecco, queste criticità non minano di certo la visione e la godibilità del film, né il lavoro svolto da Pixar che confezionano, di mestiere, un'ottima pellicola che non deluderà fan di vecchia data e nuovi spettatori. Inoltre, il film fa compiere un‘interessante evoluzione a uno dei protagonisti – Woody – e fa uscire lo spettatore dalla sala sazio di emozioni. Tuttavia, il paragone con i precedenti film e l’epicità raggiunta dal terzo capitolo, perfetta chiusura del cerchio, riescono a smorzare l’entusiasmo portandoci a considerare che in fondo questo film lo abbiamo visto con piacere, ma che non aggiunge più tanto alla saga. E ti fa pensare che se fosse stato sviluppato con più convinzione da una dirigenza Pixar in fase di evoluzione, e in cerca di una nuova identità, forse sarebbe stato ancora meglio. Ecco, da Toy Story non possiamo accontentarci solo di un ottimo film, vogliamo qualcosa di più. E chissà se, la Pixar non stia già pensando ad un quinto capitolo...

Ps. Un'inevitabile nota sul doppiaggio italiano che vede l'assenza del compianto Fabrizio Frizzi, sostituito da Angelo Maggi. La prova di quest'ultimo è assolutamente ottima, ma solo andando avanti ci si abitua al suo timbro. Ottimo lavoro anche delle altre star coinvolte da Luca Laurenti a Benji & Fede, passando per Corrado Guzzanti: le scelte appaiono fatte con criterio e non solo per aggiungere celebrità a caso alla pellicola.

Leggi tutto...

Apertura da record al box office per Toy Story 4

  • Pubblicato in Toon

Toy Story 4 di Disney-Pixar ha debuttato in patria incassando 118 milioni di dollari. Una cifra che, seppur inferiore alle aspettative, classifica la pellicola come il quarto miglior debutto animato di sempre. Inoltre, il film segna la miglior apertura del franchise (la seconda, tenendo conto dell'inflazione per Toy Story 3). Con i 120 milioni incassati nel resto del mondo, Toy Story 4 è con 238 milioni la miglior apertura di sempre per un film d'animazione (superando l'apertura globale di 235,8 milioni registrata da Gli Incredibili 2).

Le stime al rialzo in patria derivavano dalle cifre iniziali incassate da altri film Pixar, quali gli Incredibili 2 (182,6 milioni) e Finding Dory (135 milioni). I dirigenti della Disney avevano sperato in un'apertura di 140 milioni negli Stati Uniti per il film diretto da Josh Cooley.

Inoltre, questa è la prima uscita Pixar nell'era post-Lasseter (i produttori esecutivi del film sono Pete Docter, Andrew Stanton e Lee Unkrich). Questo debutto è un segno che lo studio può continuare a far bene anche senza il suo contributo.

(Via Cartoon Brew)

Leggi tutto...

Super Bowl: lo spot italiano di Toy Story 4

  • Pubblicato in Toon

In occasione del Super Bowl,è stato diffuso un nuovo spot per Toy Story 4. Vieni qui confermato che Angelo Maggi, doppiatore di Tom Hanks - voce originale di Woody -, prenderà il posto del compianto Fabrizio Frizzi.
Potete vedere il video qui di seguito.

Toy Story 4 uscirà il 27 giugno 2019. Diretto da Josh Cooley, prodotto da Jonas Rivera e Mark Nielsen, il film vede Woody e Buzz alle prese con un viaggio in compagnia di vecchi amici, nuovi arrivi, come Forky, una forchetta trasformata in un riluttante giocattolo, e inaspettati ritorni. Quando Bonnie porta con sé tutta la banda di giocattoli in un viaggio con la sua famiglia, Woody fa un’inaspettata deviazione, che lo porta a ritrovare la sua amica scomparsa da tempo, Bo Peep. I due scopriranno che le loro rispettive vite come giocattoli sono ormai agli antipodi, ma presto si renderanno conto che questo è l’ultimo dei loro problemi.  

Leggi tutto...

Nuovo teaser di Toy Story 4 con il doppiaggio italiano

  • Pubblicato in Toon
Dopo il primo teaser trailer di ieri, Disney Pixar ha diffuso una nuova anticipazione di Toy Story 4 diretto da Josh Cooley e in uscita a giugno. Qui di seguito potete vedere entrambi i teaser in italiano, dove ascoltiamo per la prima volta all'opera Angelo Maggi, doppiatore di Tom Hanks - voce originale di Woody -, che prende il posto del compianto Fabrizio Frizzi.
Dopo i filmati, i primi dettagli ufficiali sul film diffusi da Disney Pixar.
 
 
 
"A distanza di più di vent’anni dalla realizzazione da parte dei Pixar Animation Studios di Toy Story - Il mondo dei giocattoli, il primo lungometraggio al mondo animato al computer, i protagonisti dell'indimenticabile film Disney•Pixar ritornano nei primi contenuti speciali di Toy Story 4, nelle sale italiane il 27 giugno 2019.
Diretto da Josh Cooley, prodotto da Jonas Rivera e Mark Nielsen, Toy Story 4 vede Woody e Buzz alle prese con un viaggio in compagnia di vecchi e nuovi amici e inaspettati ritorni.
 
“Da oltre vent’anni, Toy Story è indubbiamente una delle saghe cinematografiche più amate dal pubblico di tutte le età”, ha commentato l’amministratore delegato di The Walt Disney Company Italia, Daniel Frigo, “e questo nuovo capitolo è sicuramente uno dei film più attesi del 2019. Con Toy Story 4 vogliamo dare un nuovo impulso alla stagione estiva, per questo abbiamo fissato l’uscita nelle nostre sale per la seconda metà di giugno. Si tratta di un passo importante che ci consente di distribuire la nostra offerta cinematografica nell’arco di tutto l’anno, con l’obiettivo comune di avere un’unica stagione di 12 mesi”.


“Come molti, anche io avevo pensato che con Toy Story 3 si concludesse la storia”, afferma il regista Josh Cooley. “E in effetti si concludeva la storia di Woody con Andy. Ma, come accade nella vita reale, ogni fine è in realtà un nuovo inizio. La vita di Woody in una nuova cameretta, con nuovi giocattoli e un nuovo bambino è qualcosa che non abbiamo mai visto prima. Ci siamo chiesti come sarebbe stato e da questa domanda ha cominciato a prendere vita una nuova storia che meritava di essere esplorata”.
 
“Il mondo di Toy Story si basa sull’idea che ogni cosa abbia un proprio scopo” spiega Cooley. “Lo scopo di un giocattolo è esserci per il suo bambino. Ma cosa accade con quei giocattoli che nascono dalla combinazione di altri oggetti? Forky è un cucchiaio-forchetta usa e getta che Bonnie ha trasformato in un giocattolo e che di conseguenza ora vive una crisi: desidera portare a compimento il proprio scopo di posata, ma ora si trova ad avere anche un nuovo scopo come giocattolo”.

Sinossi:
Woody ha sempre saputo quale fosse il suo posto nel mondo e la sua priorità è sempre stata prendersi cura del suo bambino, che si trattasse di Andy o di Bonnie. Ma l’arrivo di un nuovo riluttante giocattolo di nome “Forky” nella cameretta di Bonnie dà il via a una nuova avventura on the road insieme a nuovi e vecchi amici, che mostrerà a Woody quanto può essere grande il mondo per un giocattolo."

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.