Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

Leonardo Cantone

Leonardo Cantone

URL del sito web:

Zack Snyder a lavoro per una serie animata Netflix sulla mitologia norrena

Zack Snyder adatterà la mitologia norrena per una serie animata in stile anime prodotta da Netflix.

Il cartone animato, ancora senza titolo, sarà co-creato dal direttore della Warner Bros. Animation Jay Oliva. Oliva è stato l'artista degli storyboard di numerosi film diretti da Snyder, tra cui Justice League, Batman v Superman: Dawn of Justice e Man of Steel.

"L'innovazione di Zack Snyder nella narrazione visiva ha spinto il settore verso l'alto e lo ha decretato come uno dei cineasti più riconoscibili della sua generazione", ha dichiarato il capo della programmazione dell'animazione di Netflix, John Derderian. "Siamo entusiasti di collaborare con lui e con il suo eccezionale team per dare vita ai personaggi e alle storie iconiche della mitologia norvegese nel suo stile inimitabile."

Il cartoon sarà prodotto da una neonata succursale della casa di produzione di Snyder, la Stone Quarry, dal nome Stone Quarry Animation. Snyder e Oliva stanno già lavorando con Netflix su altri due progetti: Snyder come autore e regista di Army of the Dead e Oliva come produttore della serie animata Trese. Il colosso dello streaming non ha ancora rilasciato una data per la release del progetto.

(Via Newsarama)

Il ritorno a fumetti di The Mask

The Mask ritorna con una nuova miniserie a fumetti composta da quattro numeri per la Dark Horse Comics, dal titolo The Mask: I Pledge Allegiance to the Mask. La mini sarà curata dallo scrittore Christopher Cantwell e dal disegnatore Patric Reynolds.

"Anni fa, una strana maschera di origine sconosciuta e dalla potenza illimitata fu sepolta nel cemento del piano seminterrato di un condominio […] Edge City e i suoi abitanti hanno quasi dimenticato il misterioso killer dal volto verde conosciuto solo come "Big Head". Ma ora, decenni dopo, gli strani omicidi in stile Tex Avery stanno accadendo di nuovo e sono in rotta di collisione con una bizzarra campagna politica in cui un maniaco omicida vuole "fare l’America nuovamente verde!". Questa la descrizione rilasciata dalla Dark Horse per la nuova miniserie.

A Cantwell e Reynolds si uniranno il colorista Lee Loughridge e il letterista Nate Piekos.

Il personaggio di The Mask è stato creato nel 1987 da Mike Richardson e Mark Badger, diventando una popolare serie di fumetti, e un ancor più popolare film con Jim Carrey. La miniserie segna il ritorno a fumetti del personaggio lontano dal 2015 con Itty Bitty Mask. The Mask: I Pledge Allegiance to the Mask #1 (di 4) è previsto per il 16 ottobre in USA.

thameask-1a12

(Via Newsarama)

The Black Cat, recensione: il racconto di Edgar Allan Poe rivisto da Nino Cammarata

61qpNXcnqCL

Il nome di Edgar Allan Poe è stato uno dei più grandi nomi dell’immaginario orrorifico dal diciannovesimo secolo fino ad oggi. Lo scrittore di Baltimora è stato l’autore che, forse, meglio è riuscito ad incarnare le tensioni sociali a lui contemporanee con grande acutezza, tanto da essere capace di delineare traiettorie pisco-emotive proprie dell’identità dell’essere umano.
Questa è proprio una delle ragioni per cui, dopo quasi due secoli dalla sua morte, l’opera di Poe è ancora un terreno fertile per autori di qualsiasi media.
Il fumetto, come medium, non poteva, dunque, non intercettare le nevrosi letterarie del maestro dell’horror. Uno sposalizio, questo tra il mondo dei comics ed Edgar Alla Poe, di lunga data e capace di attraversare i confini natii dello scrittore.

The-Black-Cat 1

La NPE, per la sua collana horror, pubblica The Black Cat, adattato e disegnato da Nino Cammarata. Il Gatto Nero è probabilmente uno dei più conosciuti racconti di Poe: un uomo, di indole buona, scivola lentamente verso la follia e la brutalità ferina, ossessionato dal suo gatto nero a tal punto da perdere ogni aderenza con la realtà circostante, commettendo, così, atrocità.

Se il luogo comune vuole “tradurre è tradire”, Cammarata opera in modo da non rischiare di alterare o condizionare l’adattamento del racconto. Il testo di Poe, infatti, è la matrice narrativa della versione fumettistica dell’autore italiano. Anche lì dove un dialogo sarebbe stato coerente con il linguaggio del medium, Cammarata lo riporta, con un elegante trovata grafica, desunto dal testo originale.
Una scelta, questa, assolutamente ideale per permettere al lettore di assistere al lento ed inesorabile precipitare del protagonista nella follia. Emotivamente, per i gesti violenti e nevrotici dell’anonimo personaggio, chi legge è distaccato ma, come su di una terrificante giostra, non può che assistere impotente agli eventi che si svolgono davanti i suoi occhi.

The-Black-Cat 2

Grazie a tale struttura narrativa, Cammarata è libero da griglie e schemi obbligati. Le tavole spaziano tra dettagli serrati e ricche composizioni grafiche a tutta pagina, in una continua rielaborazione delle unità compositive proprie del medium fumetto. Come la mente del protagonista, anche le tavole sono scomposte, prima ricche e poi scarne, creando un’altalena di immagini che, costantemente, plasmano un cortocircuito visivo che vivifica le nevrosi del personaggio principale.

Riguardo la colorazione, Cammarata sceglie di ottenebrare l’intera storia con neri scuri e grigi. Quello di The Black Cat è un racconto popolato di ombre, in cui sono le tonalità fredde a trovare maggiore spazio. Quando, invece, sono i colori caldi a dominare l’impianto coloristico, questi sono sempre legati al sangue, al fuoco, all’alcol. Elementi che fungono o da caratteristiche del protagonista o da elemento narrativo determinate la storia.

The-Black-Cat 3

Il volume editato dalla NPE magnifica il lavoro di Nino Cammarata grazie ad un cartonato di grande formato e di grande qualità, corredato dall’editoriale di Paolo Di Orazio, interessante compendio per comprendere il fecondo rapporto tra Poe e il medium fumetto.
The Black Cat è, senza dubbio, un felice esperimento romanzesco-fumettistico di grane ricercatezza visiva e narrativa, apprezzabile da più fedeli estimatori di Poe e godibile per gli amanti dell’horror dal sapore letterario.

Costruire il mondo di Daisy: intervista a Lorenza Di Sepio e Marco Barretta

Per leggere la recensione di Daisy, clicca qui.

Marco Barretta ai testi e Lorenza Di Sepio ai disegni, reduci della collaborazione su Simple & Madama: Procastination, realizzano per la collana Tipitondi della Tunuè, il fantasy Daisy. La storia, destinata, principalmente, ad un pubblico giovanile, prende diramazioni articolate e leggibili a più livelli. Al Comicon di Napoli abbiamo avuto modo di incontrarli e di intervistarli.

Com’è nato il progetto di Daisy?
Lorenza Di Sepio: Nasce, come primo impatto, come una mia esigenza di fare qualcosa di diverso da Simple & Madama. È nato da una battuta su Instagram, scritta sotto a una fan art che avevo realizzato con uno stile diverso: “Ah, ma allora non sai fare solo pupazzetti!!!”. Voleva essere un complimento [ride]. E l’ho presa come rivalsa. Con lui [Marco Barretta] ci siamo messi a tavolino ed è uscito fuori Daisy.

Marco, quando è arrivato il tuo contributo al volume?
Marco Barretta: È arrivato subito. Comunque, avendo già lavorato con Lorenza su Simple & Madama: Procastination, siamo partiti subito. Nel momento in cui abbiamo iniziato a costruire Daisy, è stato facile lavorare insieme. Abbiamo ragionato se realizzare un prodotto solo per bambini o anche per adulti e, lavorando spalla a spalla, abbiamo costruito la nostra storia. Quando io realizzo fotografie, un video, vado a sensazione. So che non si dovrebbe fare [ride]. Anche Lei [Lorenza Di Sepio], quando disegna, una vignetta, un’illustrazione, si lascia prendere dalle emozioni. E Daisy è nato così.

daisy cover

Avete già lavorato, dunque, insieme con Simple & Madama: Procastination, che ha un tipo di narrazione, di comicità, differente rispetto a Daisy. Com’è stato passare da una tipologia narrativa ad un’altra?
LDS: Per me è stato abbastanza complicato, non tanto per lo stile di disegno, quanto nell’affidarmi totalmente alla sceneggiatura di qualcun altro. Procastination è stato un lavoro di scrittura a due poi, avendo comunque un passato da autrice unica, ero un po’ “gelosa”. Invece, in Daisy è farina del suo sacco, mi sono affidato ad un altro “cervello”. Per quanto riguarda lo stile, è stato più semplice perché già mi stavo esercitando con delle fan art. Ed è stato un vero e proprio sfogo dopo cinque, sei anni di Simple & Madama, di capoccioni e braccettine [ride].
MB: Per me è stato un piacere. Ho sempre letto fumetti, ho sempre immaginato storie e, vederne una realizzata da un’autrice di talento. È quasi magia: quando hai un’idea e lei la realizza così come la immaginavi.

Daisy è un fantasy, pensato principalmente per un pubblico giovane, ma che si apre anche a letture più stratificate. Come avete costruito il vostro racconto?
LDS: La difficoltà è stata proprio quella, come dici tu, di stratificare la narrazione, dare diverse chiavi di letture. Fare una storia leggibile dai nostri vecchi fan, che sono più grandi, e contemporaneamente realizzare qualcosa che potesse essere fruibile ad un pubblico dai cinque anni in su. La narrazione ha, volutamente, un ritmo sostenuto per immettere il lettore nella storia fino alla fine.

daisy 3

Marco, tu sei un fotografo. La fotografia è un medium che lavora sulle immagini, così come il fumetto che è una narrazione per immagini. Com’è stato passare ad una narrazione scritta?
MB: Io ho scritto una bozza del soggetto. Venendo da un altro media, con Lorenza abbiamo lavorato costruendo la sceneggiatura in sinergia con i disegni. Proprio per quello che dicevo prima sull’istintività della creazione di Daisy. Avevamo una bozza della storia, poi Lorenza ha iniziato ad abbozzare registicamente le tavole, intervenivo io con la sceneggiatura e il disegno è stato modulato sul testo.
LDS: Anche se, in realtà, non abbiamo cambiato quasi nulla. Eravamo talmente in sintonia che non abbiamo dovuto cambiare molti elementi.

Ultima domanda. Avete già pensato se e come sviluppare il mondo di Diasy?
LDS: Daisy nasce come prodotto autoconclusivo, ma abbiamo voluto lasciare un finale, speriamo originale, che lascia riflettere il lettore…
MB: Lascia riflettere, ma anche incuriosire. Abbiamo creato un mondo, che, forse, all’inizio abbiamo sottovalutato. Ora, vediamo quali sviluppi affronterà.

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.