Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

Jonathan Hickman rilancerà gli X-Men

  • Pubblicato in News

Come vi avevamo già riportato alcuni giorni fa, Jonathan Hickman (Secret Wars) è in procinto di ritornare alla Marvel. Pochi minuti fa, durante il C2E2 2019, è stato annunciato che lo sceneggiatore lancerà due nuovi titoli mutanti a partire da luglio, dopo la fine dell'attuale ciclo Age of X-Man.

I due titoli sono House of X e Powers of X, e segneranno il primo lavoro di Hickman per l'editore dalla fine di Secret Wars nel 2016. Pepe Larraz disegnerà House of X mentre RB Silva disegna Powers of X. Marte Gracia colorerà entrambi i titoli.

Stranamente, in Powers of X la "X" è in realtà il numero romano X simile alla designazione "Weapon X" di Wolverine. Inoltre, nell'immagine promozionale che potete vedere in basso, i personaggi raffigurati "potrebbero provenire dal passato, dal presente o dal futuro".

CB Cebulski ha dichiarato che gli X-Men di Hickman segneranno una nuova pietra miliare per la squadra, ai livelli di Giant-Sized X-Men #1, di X-Men #1 di Chris Claremont e Jim Lee, di Age of Apocalypse degli X-Men di Grant Morrison, definendo le due serie "qualcosa di completamente diverso" per il franchise.

"Siamo entusiasti di avere Jon nella famiglia Marvel, e non avremmo potuto chiedere un team creativo migliore per far entrare gli X-Men ad entrare in una nuova era", ha detto Cebulski. "Anche se non possiamo ancora rivelare troppo sulla storia, queste nuove avventure ridefiniranno gli X-Men e il loro posto nell'Universo Marvel. Questo è un momento storico che i fan nuovi e i vecchi appassionati non vorranno perdere."

"Lasciatemi dire che abbiamo piani radicali per tutti voi. Sono cresciuto principalmente come lettore della DC Comics, l'unico fumetto che abbia mai letto della Marvel da ragazzo è stato quello degli X-Men", ha dichiarato Hickman. "Tutti i fumetti che ho fatto alla Marvel fino a questo punto erano lavori fantastici - ma erano lavori, questo è stato il primo fumetto che ho amato ancor prima di iniziare."

"Probabilmente non sono mai stato più orgoglioso di nulla su cui ho lavorato, penso che tutti voi sarete piuttosto fuori di testa, stiamo facendo cose radicalmente diverse, due serie che dovrete leggere entrambe per restare sintonizzati, ma c'è una buona ragione per questo."

House of X e Powers of X inizieranno a luglio e saranno quindicinali e, alternandosi, usciranno settimanalmente.

aHR0cDovL3d3dy5uZXdzYXJhbWEuY29tL2ltYWdlcy9pLzAwMC8yNTEvMzMzL29yaWdpbmFsL0hvdXNlT2ZYUG93ZXJzT2ZYXzEuanBnPzE1NTMzNzY0NTg

(Via Newsarama)

Leggi tutto...

Saldapress presenta Le storie di Guerra di Garth Ennis: anteprima esclusiva

  • Pubblicato in News

Dal 28 marzo sarà disponibile per Saldapress il primo volume de Le storie di Guerra di Garth Ennis. Comicus vi offre un'anteprima esclusiva del libro, che trovate nella gallery in basso. Di seguito, potete leggere tutti i dettagli del volume.

 

"LE STORIE DI GUERRA DI GARTH ENNIS: la nuova edizione saldaPress dal 28 marzo

Secondo alcuni, uno sceneggiatore di razza lo si riconosce da come scrive le storie di guerra. Questo significa – ma non ci sarebbe nemmeno bisogno di specificarlo – che Garth Ennis – celebrato autore di Preacher, Dreaming Eagles, Crossed e Jimmy’s Bastards, solo per citare alcuni dei suoi lavori – è uno degli sceneggiatori migliori in circolazione.

Ennis ama le storie di guerra, con le quali si cimenta da anni, e sono il suo banco di prova per ragionare sui destini sociali e politici dell’Occidente, sulla qualità e le meschinerie di singoli uomini in balìa della violenza, e su un’infinità di altre cose. Le ama e le scrive in maniera eccezionale.

Da questo punto di vista, i volumi che saldaPress si accinge a portare in libreria e in fumetteria sono senza dubbio il suo capolavoro. Stiamo parlando di LE STORIE DI GUERRA DI GARTH ENNIS, la nuova versione, completamente ripensata, di una vera e propria meraviglia del fumetto contemporaneo, di cui il 28 marzo uscirà il primo volume (pagg. 156, volume cartonato, euro 19,90).

Le grandi storie di guerra di Garth Ennis – edite e inedite – tornano così in una nuova ed esclusiva edizione cronologica, progettata da saldaPress per il mercato italiano. I volumi cartonati – saranno appunto otto in tutto – raccoglieranno di volta in volta i vari racconti, seguendo l’ordine cronologico delle vicende narrate, a partire dal 1939 e fino al 1973.

La grande accuratezza storica e il magistrale talento narrativo con cui Ennis racconta il secondo conflitto mondiale e altri importanti episodi bellici del secolo scorso, fanno di questi racconti a fumetti un imperdibile tesoro.

Nel primo volume, CONDOR – disegnata da Carlos Ezquerra – e LO SQUADRONE DEI VAMPIRI – disegnata da Tomas Aria. CONDOR, ambientata nel 1939, durante la Guerra Civile Spagnola, racconta la storia di quattro soldati appartenenti a quattro eserciti diversi, che scoprono di avere molto in comune, ma non abbastanza per porre fine al conflitto.

In LO SQUADRONE DEI VAMPIRI siamo nel 1940. Una manciata di piloti di nazionalità diverse si presentano in una remota base inglese della Royal Air Force. Nessuno li vuole,  si sentono orfani dei loro paesi e non si amano particolarmente. Ed è un peccato, visto che devono prendere il volo per andare a combattere l’aviazione nazista, che ha appena scatenato l’inferno nei cieli della Gran Bretagna.

Chi ama Garth Ennis e, più in generale, il grande fumetto non può lasciarsi sfuggire LE STORIE DI GUERRA DI GARTH ENNIS vol. 1 e i volumi successivi. Il secondo, terzo e quarto usciranno a maggio, luglio e settembre.

Dal 28 marzo in libreria, in fumetteria e nello shop online del sito saldapress.com"

 

Leggi tutto...

Doomsday Clock 1, recensione: arriva in Italia la serie evento di Geoff Johns e Gary Frank

9078599053b2f088b07a8a524a5ceb17 XL

Nell'era della connessione globale, in cui tutti siamo in grado di conoscere istantaneamente ciò che accade dall'altra parte del mondo, risulta difficile dire qualcosa di nuovo, se non che di interessante, su un evento deflagrato oramai quasi un anno e mezzo fa.
Tanto è trascorso dall'uscita negli U.S.A. del primo numero della miniserie Doomsday Clock che, complice anche una rimodulazione dell'originale programmazione (la serie è presto divenuta bimestrale, da poco è stato dato alle stampe il nono episodio), solo in questi giorni approda nel Bel Paese.

È ben probabile che la variazione della periodicità sia ascrivibile al tempo necessario all'artista incaricato, l'oramai italiano d'adozione Gary Frank, di completare le tavole di quella che fin d'ora può tranquillamente affermarsi sarà un'opera di altissimo livello, sia narrativo che grafico. Seppure uno iato di 60 (e talvolta oltre) giorni tra un'uscita e l'altra possa andare a discapito della leggibilità nell'immediato, la scelta della DC Comics appare pienamente condivisibile: è evidente come la serie sia stata concepita per rappresentare un punto fermo nell'universo narrativo della casa editrice e non come uno dei tanti, periodici "eventi"; l'obiettivo, palese anche se non dichiarato, è quello di creare un long-seller, in grado di rivaleggiare con altri fumetti iconici (lo stesso Watchmen, Il Ritorno del Cavaliere Oscuro, La Nuova Frontiera). Per realizzare tutto ciò la DC ha ben compreso come un'elevata ed uniforme qualità grafica costituisca un requisito fondamentale. La qualità, del resto, paga sempre: in tal senso la scelta dello sceneggiatore è una ulteriore dichiarazione di intenti. Geoff Johns è stato ed è senz'altro ancora il principale "architetto" di cui la casa di Burbank disponga e, soprattutto, è un profondissimo conoscitore di tutte le pieghe narrative del multiverso DC, oltre che un vero amante dei personaggi.

doomsday-clock-1
 
La scelta del team creativo, quindi, appare di alto livello e, per quanto ci riguarda, è stata fin dall'origine adeguatamente rassicurante sulla bontà del progetto. Al di là delle presunte (e, probabilmente, reali) contrarietà di Alan Moore al nuovo sfruttamento dell'universo narrativo dallo stesso creato (già espresse, del resto, rispetto alle serie del progetto Before Watchmen, alcune delle quali, nondimeno, sono risultate assolutamente godibili e adeguatamente in linea con lo spirito dei personaggi e dell'opera principale) l'apparente idea di fondo è semplice, eppure geniale: come è possibile correggere un evidente errore di programmazione - i Nuovi 52, originati dall'evento Flashpoint e pensati come un ennesimo reboot dell'universo narrativo, hanno mostrato evidenti limiti, non aggiungendo molto alle serie già in sofferenza ed, anzi, scontentando per numerosi aspetti i fan di lunga data - ed, insieme, generare hype nella comunità fumettistica, sempre più scettica circa la reale incidenza degli (spesso promessi e quasi mai mantenuti) sconvolgenti novità?

Confessiamo che diversi anni addietro Johns ci ha conquistati "a vita" con la Rinascita di Lanterna Verde: riportare in auge Hal Jordan dopo gli sconquassi a cui lo stesso era stato sottoposto e le azioni commesse come Parallax era quasi impossibile. Eppure l'autore statunitense ha trovato il grimaldello giusto, sotto forma di "impurità"… Allo stesso modo alla base di tutta l'architettura della articolata storyline di cui Doomsday Clock costituirà il culmine - non per caso introdotta da un numero speciale intitolato "Rinascita" - si pone un "piccolo" dettaglio seminato da Moore: il Dr. Manhattan, raggiunta alla fine di Watchmen una chiara dimensione divina, aveva affermato la sua intenzione di creare vita nell'universo…
La serie dovrebbe, quindi, valere a fugare i (pochi) dubbi circa l'identificazione dell'anomalia che ha sottratto un quid all'universo DC (eliminando dalla continuity la Justice Society e la Legione dei Super Eroi, facendo dimenticare l'esistenza di Wally West e modificando il passato di alcuni eroi,  tra cui Superman) e portare allo scontro (auspichiamo non fisico o, comunque, non solo) tra Superman ed il presunto deus ex machina: il Dr. Manhattan.

doomsday-clock-2

Venendo al numero introduttivo bastano poche pagine per comprendere come gli autori abbiano fatto centro: siamo nel 1992, sono passati alcuni anni dal dirompente finale di Watchmen e la situazione, se possibile, è ancora peggiore di quanto non fosse stata in precedenza. Chiunque legga questo articolo dovrebbe già sapere che le macchinazioni di Veidt sono state svelate grazie al diario di Rorschach; Ozymandias è quindi in fuga, ricercato per l'omicidio di oltre tre milioni di persone e il mondo è al collasso: i sovietici accusano il governo americano di collusioni con Veidt e si preparano ad invadere la Polonia, il presidente Redford (!) ha adottato provvedimenti di aspra repressione della libertà di stampa, i coreani hanno testato missili in grado di raggiungere gli USA. In questo apocalittico scenario Rorschach (o, almeno, un Rorschach) è alla ricerca dell'unica soluzione per evitare il collasso: trovare il Dr. Manhattan. Per fare ciò, però, deve ricorrere all'aiuto di due criminali, Mimo e Marionette (già molto ben delineati, rielaborazioni di due vecchi personaggi dell'universo Charlton, da cui Moore aveva come è noto attinto per il cast originale) e del buon, vecchio Ozymandias...

Johns adotta uno stile di scrittura che non si limita a riecheggiare gli stilemi di Moore (per i fan è però evidente come l'intero numero sia infarcito di richiami, rimandi, ammiccamenti sia alla serie originale che alle serie "Before") ed immerge immediatamente nella "bolla" dell'universo Wathmen: leggendo è come se non fossimo mai andati via, si avverte un senso di oppressione, di minaccia incombente ed inevitabile nel quale l'autore riesce ad inserire chiari richiami e critiche all'attualità che contribuiscono a rendere tutto più reale.

doomsday-clock-3

Gary Frank, oltre a volti ed anatomie perfette e sfondi ben dettagliati, riutilizza la classica gabbia a nove vignette, prendendosi, tuttavia, più di una licenza per modificare dove necessario il ritmo narrativo. Anche la colorazione dell'albo ad opera di Brad Anderson è di alto livello: dai toni caldi, con una predominanza dell'arancio della dimensione Watchmen (che contribuiscono ottimamente a creare il senso di minaccia ed isteria diffusa) passiamo ai toni più freddi, con preponderanza dell'azzurro della Terra - 0 (l'espediente ci ha riportato alla memoria alcune delle sigle della serie tv Fringe, connotate dall'alternanza tra rosso e blu, indicative dell'universo in cui si sarebbe svolta l'azione).

In definitiva un ottimo debutto, dal quale traspare una accurata preparazione e l'evidente intenzione di rendere la serie un capitolo fondamentale della storia dell'universo DC; non vediamo l'ora di raccontarvi gli ulteriori capitoli...

Leggi tutto...

Comicus cerca nuovi collaboratori

  • Pubblicato in News
Comicus è sempre alla ricerca di nuovi collaboratori per per garantire aggiornamenti sempre più frequenti e di qualità. Unisciti alla nostra redazione, cerchiamo appassionati di fumetti di ogni scuola e genere, nonché di cinema e animazione.
Se sei interessato a collaborare con noi, invia una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e ti spiegheremo tutto nei minimi dettagli.

Attualmente siamo in cerca di
- newser, sia di fumetti che di cinema e animazione;
- autori per pezzi critici con conoscenza approfondita del medium.

Ti contatteremo privatamente il prima possibile per approfondire i termini della collaborazione e per valutare insieme le tue prove.
Nel testo della mail, non dimenticare di inserire informazioni su di te ed il campo di interesse fra quelli sopra citati.

Contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., attendiamo solo te!

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.