Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

Hellboy, la recensione del film

  • Pubblicato in Screen

Una fitta selva di domande tormenta il fan di Hellboy, in attesa dell'ultimo film tratto dalle avventure del suo eroe preferito: sarà la terza pellicola più aderente al fumetto delle prime due? Il tono sarà davvero più horror che fantasy come annunciato? Ma soprattutto - la domanda più importante di tutte - sarà meglio la versione di Neil Marshall o quella di Guillermo Del Toro?
È l'effetto che fa il reboot, operazione ormai molto diffusa ad Hollywood, volta a rilanciare un franchise in cui si è sbagliato qualcosa o, come nel caso del personaggio creato da Mike Mignola, per continuare a sfruttarlo commercialmente. Ma il reboot è anche un'operazione molto pericolosa: infatti, come insegna The Amazing Spider-Man di Marc Webb, il rischio di sbagliare è molto più alto al secondo tentativo, poiché bisogna necessariamente marcare una forte differenza dai lavori precedenti.

La differenza in questo caso è sbandierata fin dalla nascita del progetto: naufragata, a causa di dissensi in fase di produzione e della fittissima agenda del regista Guillermo Del Toro, l'idea originaria di fare uscire il terzo capitolo delle avventure firmate dal cineasta messicano, dopo il discreto successo del primo Hellboy del 2004 e del sequel Hellboy - The Golden Army da lui firmati, Mike Mignola, creatore del fumetto, decide di ripartire da zero, raccontando una nuova avventura del suo eroe con una confezione diversa, meno fantasy e più horror.

Hellboy 2

Per questo nuovo progetto la produzione punta su un regista, Neil Marshall, dall'impronta meno autoriale di Del Toro, ma sicuramente più in grado di gestire il mix di generi e l'ampia gamma di personaggi pensati per il film, con un approccio più contemporaneo, più oscuro, come dimostrano gli episodi di Westworld, Il Trono di Spade, ma soprattutto il film The Descent - Discesa nelle tenebre, da lui diretti. A dare un volto al protagonista, viene chiamata un'altra icona della cinematografia dark, quel David Harbour diventato famoso al grande pubblico per il ruolo di Jim Hopper nella serie cult di Netflix Stranger Things, suscitando anche le polemiche del vecchio attore Ron Perlam, che ha accusato il nuovo protagonista, senza mezzi termini, di avergli soffiato il posto. Ma soprattutto è da rimarcare il coinvolgimento molto più attivo di Mike Mignola, deus ex machina del personaggio, in tutte le fasi della produzione, per garantire una resa il più fedele possibile alla rappresentazione cartacea del personaggio, forse un po' sacrificata nei film di Del Toro.  La sceneggiatura, infatti, si presenta come una combinazione di varie storie della serie (Il seme della distruzione, Hellboy in Messico, Il Cadavere, tra tutte), tenute insieme, come filo conduttore, da Hellboy Volume 9: La Caccia selvaggia, un'antologia del 2010 che include i numeri 37 e 44 della serie, ritenuta particolarmente adatta alla trasposizione sul grande schermo poiché, oltre ad essere una bella storia d'azione, rivela le origini di Hellboy, permettendo così di realizzare un reboot non convenzionale, capace inoltre di rappresentare il conflitto interiore caratteristico del personaggio, un essere sempre in bilico tra la sua educazione umana e il suo retaggio demoniaco, che dovrà sempre fare i conti con l'oscura profezia che lo riguarda.

Hellboy 3

In questa ultima avventura, dopo un breve viaggio in Messico per tentare di salvare un suo collega del BPRD (Bureau for Paranormal Research and Defense), corpo di polizia che protegge la Terra dalle minacce provenienti dal mondo del soprannaturale, Hellboy (David Harbour), viene mandato in Inghilterra dal suo padre adottivo, il professor Broom (Ian McShane) per aiutare la controparte inglese del BPRD a combattere tre giganti infuriati. Nel corso di questa avventura, il protagonista, in una girandola di eventi al confine tra mondo umano e mondo soprannaturale e con l'aiuto di compagni di squadra improvvisati, come Alice Monaghan (Sasha Lane), ragazza proveniente dal suo passato col potere di parlare con i morti e Ben Daimio (Daniel Dae Kim), capitano del BPRD inglese, col potere di trasformarsi in un famelico giaguaro, dovrà affrontare la minaccia di Nimue, la Regina di Sangue (Milla Jovovich), un'antica strega, neutralizzata addirittura da Re Artù e Mago Merlino, ritornata in vita con una forte sete di vendetta nei confronti dell'umanità.
Nello scontro con la sua nemica, Hellboy scoprirà la verità sulle sue origini e si troverà a scegliere definitivamente da che parte stare, nell'eterna lotta tra le forze del bene e quelle del male.

L'obiettivo dichiarato di reinventare la serie in una chiave di lettura diversa, più moderna, si può dire ampiamente centrato: a cominciare dal trucco del protagonista, (che rende quasi irriconoscibile David Harbour, tanto è spaventoso), passando per la colonna sonora totalmente rock, usata per rendere più vivaci le scene d'azione (si pensi a Psycho dei Muse, sottofondo della scena della battaglia con i giganti), fino a giungere alla scelta dei personaggi comprimari (al posto del problematica Elisabeth "Liz" Sherman, primo amore dell'eroe e dell'impacciato ma fedele Abraham "Abe" Sapien, personaggi quasi fiabeschi presenti nei primi film, troviamo invece la freak Alice Monaghan e il mostruoso Ben Daimio, molto meno ingenui e molto più spigolosi), tutto è pensato per calare lo spettatore in un'atmosfera più elettrizzante, ma meno manieristica di quella pensata dal regista messicano. È un peccato, tuttavia, che la Cgi non sia per niente adeguata alle intenzioni originali della produzione. La prova più grande la si ritrova nella già citata scena dei giganti: la bella colonna sonora, infatti, non riesce a nascondere i difetti visivi evidenti, che fanno sembrare i giganti fino troppo fragili di fronte alla durezza fin troppo marcata del protagonista, rendendo davvero impossibile la sospensione dell'incredulità. E non basta a giustificare questo difetto la difficoltà realizzativa della scena, pensata come un piano sequenza molto lungo.

Hellboy 1

Uno dopo l'altro, in particolare, vengono messi in fila gli stereotipi dei film horror: dal vampiro mostruoso, alla strega cattiva; dai giganti ai goblin; dai mutaforma Gruagach ai morti viventi di Baba Yaga, a cui probabilmente verrà dedicato molto spazio nel sequel. Sembra veramente difficile, visto lo sforzo prodotto, a tratti fin troppo esagerato, che i fan del genere possano rimanere delusi. La Regina di Sangue Nimue, poi, in mezzo a tanta abbondanza, è la ciliegina sulla torta, grazie alla bellezza e alla bravura di Milla Jovovich e allo script, che non risparmia neanche lei, inserendola in scene talmente pulp da risultare grottesche.
Altro punto di forza della pellicola è il racconto dell'origine del personaggio, affrontato con flashback distribuiti all'interno di tutto il film e alternato con l'intreccio della vicenda: la scelta stilistica permette di fare confluire l'intera vicenda con coerenza nel gran finale, a dire il vero non molto emozionante, ma capace di rendere nel modo migliore gli elementi più caratteristici del personaggio.

In definitiva, quindi, il nuovo Hellboy è un film divertente e ben studiato che sicuramente sarà capace di soddisfare la richiesta di nuove avventure dei fan; restano alcune perplessità sulla moda di sottoporre a reboot una saga cinematografica ogni dieci anni: alla fine, infatti, i film si somigliano molto e, sebbene chi scrive preferisca di poco la versione moderna e contemporanea rispetto a quella più fantasy di Del Toro, non fosse altro perché leggermente più accattivante e divertente, viene da chiedersi se il personaggio avesse davvero bisogno di questo rilancio.

Ai posteri - e al botteghino - l'ardua sentenza.

Leggi tutto...

Il primo trailer del reboot di Hellboy

  • Pubblicato in Screen

Lionsgate ha diffuso il primo trailer di Hellboy con David Harbour (Stranger Things). Lo trovate qui di seguito.

David Harbour (Stranger Things) interpreterà Hellboy, il personaggio principale, mentre nel cast troviamo anche Ian McShane (Professor Trevor Bruttenholm), Milla Jovovich (Blood Queen), Sasha Lane (Alice Monaghan), Penelope Mitchell (Ganeida) e Daniel Dae Kim (Maggiore Ben Daimio). Neil Marshall dirigerà la pellicola su sceneggiatura di Andrew Cosby, Christopher Golden e Mike Mignola. Larry Gordon e Lloyd Levin produrranno il film assieme a Mike Richardson della Dark Horse Entertainment. Il film uscirà il 12 aprile 2019.

Leggi tutto...

Il primo poster del nuovo film di Hellboy con David Harbour

  • Pubblicato in Screen

Lionsgate ha diffuso il primo poster ufficiale di Hellboy con David Harbour (Stranger Things). Lo trovate qui di seguito.

hb

David Harbour (Stranger Things) interpreterà Hellboy, il personaggio principale, mentre nel cast troviamo anche Ian McShane (Professor Trevor Bruttenholm), Milla Jovovich (Blood Queen), Sasha Lane (Alice Monaghan), Penelope Mitchell (Ganeida) e Daniel Dae Kim (Maggiore Ben Daimio). Neil Marshall dirigerà la pellicola su sceneggiatura di Andrew Cosby, Christopher Golden e Mike Mignola. Larry Gordon e Lloyd Levin produrranno il film assieme a Mike Richardson della Dark Horse Entertainment. Il film uscirà il 12 aprile 2019.

Leggi tutto...

Il Mignolaverse si espande con nuove avventure per Hellboy e il BPRD

  • Pubblicato in News

Dark Horse Comics ha annunciato l'uscita di tre nuovi titoli appartenenti all'universo di Hellboy creato da Mike Mignola per la fine di quest'anno, con la promessa di gettare nuova luce verso nuovissimi angoli del mondo del “diavolo rosso”.

Ad avviare le danze sarà la miniserie Crimson Lotus di cinque numeri, in cui sarà presentato il più grande nemico di Lobster Johnson, al suo primo titolo solista. Scritto da Mignola e da John Arcudi, con i disegni di Mindy Lee e le cover di Michelle Madsen e Tonci Zonjic, Crimson Lotus esplorerà la drammatica infanzia della spia, coinvolta già da ragazzina nella guerra russo-giapponese.

Hellboy and the B.P.R.D.: 1956, sarà un'altra miniserie di cinque numeri, sempre scritta da Mignola, accompagnato questa volta da Chris Roberson, e disegnata da Yishan Li, Mike Norton e Michael Avon Oeming, con le cover di Dave Stewart e Dave Johnson. Il demone sovietico Varvara, spingerà la sua squadra a seguire i propri capricci, ed Hellboy verrà inviato in missione in Messico. Ma doppiogiochisti sono al lavoro su trame clandestine, sia all'interno del B.P.R.D. che fuori.

Il volume unico Hellboy Winter Special 2018 presenterà, invece, tre racconti a tema invernale, tra cui una storia di Mignola e Ben Stenbeck su Hellboy e un Capodanno che andrà nel verso sbagliato. Fábio Moon e Gabriel Bá ritorneranno con B.P.R.D.: Vampire, mentre Tonci Zonjic sarà autore unico di una nuova storia su Lobster Johnson. Dave Stewart sarà il copertinista dell'albo.

"Fin dall'inizio sapevo che Hellboy sarebbe stato un racconto sui mostri che combattevano i mostri", ha detto Mignola in un comunicato stampa. "Ho iniziato con un teaser di 4 pagine su un cane malconcio in una stazione di servizio che si trasformava nel dio egizio Anubis […]. C'è un intero mondo di mostri là fuori, quindi c'è ancora molto lavoro da fare per Hellboy.".

Crimson Lotus uscirà in USA il 21 novembre, Hellboy and the B.P.R.D.: 1956  il 28 novembre, mentre Hellboy Winter Special 2018 è previsto per il 12 dicembre.

(Via CBR)

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.