Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

Netflix - Millarworld: arriva Space Bandits di Mark Millar e Matteo Scalera

  • Pubblicato in News

È stato annunciato, via Deadline, il nuovo progetto Millarworld/Netflix di Mark Millar dal titolo Space Bandits disegnato da Matteo Scalera.

Space Bandits segue due criminali intergalattici chiamati Thena Khole e Cody Blue mentre si alleano per vendicarsi delle bande che li hanno traditi entrambi.

Millar ha dichiarato che voleva creare un'opera di fantascienza ottimista e divertente, che si oppone alla tante proprietà cupe che ci sono in giro. E su Scalera aggiunge: "Il ragazzo è un genio e l'ho seguito per anni. Averlo come disegnatore è come quando qualcuno per cui hai sempre avuto una cotta esce con te. È semplicemente fantastico."

Non è chiaro in quale forma apparirà Space Bandits su Netflix, che si tratti di un film o di una serie televisiva. Tuttavia, la serie di fumetti, che pubblicherà tramite la Image Comics ed è descritta come un "adattamento".

Space Bandits #1 uscirà il 3 luglio e presenterà una variant cover di Howard Chaykin, che potete vedere qui di seguito accanto a quella regular di Scalera.

spacebanditsscalera

spacebandits

Leggi tutto...

VS, recensione: quando la guerra diventa intrattenimento

MVERS001ISBN 0

La guerra come fonte di intrattenimento e di distrazione di massa. È questo lo scenario immaginato dallo sceneggiatore Ivan Brandon (Vikings, Wolverine) che ci narra di un futuro lontano in cui i combattenti, moderni gladiatori che sfoggiano armature iper-tecnologiche, sono celebrità con tanto di sponsor e le battaglie mega-eventi trasmessi in diretta.

Il tenente Satta Flynn è fra i più noti guerrieri in circolazione ma viene costretto da un grave incidente a combattere, a seguito di una lunga riabilitazione, con gambe artificiali che ne limitano le performance. Nonostante le vittorie ottenute grazie alla nuova leader del gruppo Devi, per Flynn sembra arrivato il momento di ritirarsi dalle scene, tanto che i suoi stessi sponsor decidono di abbandonarlo. Tuttavia, l’indice di gradimento per il guerriero cresce inspiegabilmente e la sua rinnovata popolarità va contro gli interessi dell’elite al comando che manovra gli eventi per i propri oscuri scopi.

vs-1

Con VS Brandon ci fa immergere fin da subito nell’azione, senza perdersi in preamboli. Una volta che il lettore ha preso confidenza con il mondo da lui imbastito, lo sceneggiatore preme il piede sull’acceleratore approfondendo poco le vicende per dar vita a una trama il cui sviluppo appare troppo rapido. Con un intreccio ridotto all’osso, risultano anche poco chiare, o meglio poco approfondite, le motivazioni che scatenano gli eventi, dando dunque un senso di superficialità che poteva essere evitato. Perché, in fondo, lo scenario messo in piedi da Brandon è interessante ma, nell’arco dei 5 albi che compongono la serie, l'autore non riesce a creare una dimensione che viva di luce propria nello sconfinato genere fantascientifico.
Problema che affligge anche i personaggi: se alcuni come Satta Flynn o Devi appaiano ben caratterizzati, tutti gli altri restano troppo stereotipati e poco interessanti.
Ad ogni modo, in attesa di eventuali sequel della serie, ci sono margini di manovra per migliorare questi aspetti.

vs-2

A reggere l’intero volume, però, è il lavoro svolto da Esad Ribic (Thor: God of Thunder, Secret Wars) e dal colorista Nic Klein (Doc Savage, Captain America). Seppur non eccessivamente originale, la resa visiva del mondo di VS è tanto solida quanto spettacolare. Dalle metropoli futuristiche in cui si muovono i personaggi alle armature e alle armi dei gladiatori, tutto è curato e ben realizzato, e il nostro occhio non può che osservare con meraviglia il lavoro dei due artisti. Ribic crea, dunque, tavole spettacolari in cui il suo tratto esplode in ampie vignette e splash-page. Anche le scene d’azione sono rese molto bene, grazie allo stile dinamico di Ribic. I colori di Klein, infine, esaltano il lavoro del disegnatore e ben si adattano ai vari cambi di registro delle scene, dando luce a un mondo lontano in maniera efficace e amplificandone la spettacolarizzazione.

vs-3

Panini Comics raccoglie la serie Image in un elegante cartonato formato 18.3X27.7 che, grazie alla sua carta lucida, mette in risalto il lavoro di Ribic e Klein. La lettura di VS è piacevole e divertente, ma limitata da una scrittura poco profonda in forte debito con il comparto artistico che la eleva ben oltre i suoi limiti.

Leggi tutto...

Jim Lee "torna" alla Image Comics per Spawn 300

  • Pubblicato in News

Todd McFarlane ha rivelato su Instagram che il co-fondatore dell'Image Comics Jim Lee farà un breve ritorno "a casa" per il celebrativo Spawn #300. McFarlane non specifica la portata del lavoro di Lee su Spawn #300, tuttavia il disegnatore ha già realizzato delle variant per gli albi Spawn #150 e #200 e per lo sfortunato evento crossover del 2009 Image United.

McFarlane in precedenza ha annunciato che Spawn #300 sarebbe stato un evento importante nel 2019 e che avrebbe ripreso a scrivere e disegnare la serie a partire dal numero #301.

Lee e McFarlane sono di nuovo in affari insieme considerando che di recente la McFarlane Toys ha firmato un accordo di licenza triennale con la DC per produrre action figures basa sui suoi eroi.

(Via Newsarama)

Leggi tutto...

Eris Edizioni, anteprima di Days of Hate di Ales Kot e Danijel Zezelj

  • Pubblicato in News

Eris Edizioni ha annunciato la pubblicazione del primo volume della serie Image Comics Days of Hate di Ales Kot e Danijel Zezelj. Qui seguito trovate tutti i dettagli e un'anteprima.

"Eris annuncia l’arrivo in Italia della serie a fumetti più attesa dell’anno: Days of Hate di Ales Kot e Danijel Zezelj, opera con cui la casa editrice torinese inaugura la collaborazione con la Image Comics, una delle più importanti realtà editoriali indipendenti al mondo.

Uscita in 12 puntate negli States tra il 2018 e il 2019 e subito osannata dai lettori e dalla critica, Days of Hate nasce dal connubio artistico tra due straordinari autori. Danijel Zezelj, uno dei più importanti disegnatori europei amato in tutto il mondo (che Eris ha riportato in Italia dopo anni di assenza pubblicando i graphic novel Babilon – 2017 e Cappuccetto Rosso Redux – 2018), e Ales Kot, astro nascente del fumetto seriale che ha firmato sceneggiature di serie celebri per colossi come Marvel e DC, e che per Image Comics ha realizzato alcune tra le serie più originali del panorama statunitense.

Due autori di culto, entrambi provenienti dall'Est Europa, accomunati da una visione artistica e politica affine. Proprio da questa affinità nasce Days of Hate, un’opera di grande attualità che muove dall’urgenza di raccontare la situazione che stiamo vivendo e riflettere su ciò in cui potrebbe trasformarsi il presente.
Kot e Zezelj esplorano gli orrori della guerra e del terrorismo di un futuro distopico non molto lontano da noi. La storia è ambientata nel 2022, in degli States dominati dalla supremazia bianca, dall’odio e dalla violenza, dove l’unica alternativa possibile sembra essere la guerriglia o una resistenza più sottile che permetta di non soccombere alle pressioni psicologiche del sistema. In questa situazione due donne si separano in seguito a un terribile lutto; una finisce nelle braccia dello stato di polizia che controlla l’ordine pubblico e sociale, mentre l’altra sceglie di combattere contro i suprematisti bianchi per rabbia, per odio, per il diritto alla propria identità e alla libertà.
La storia è divisa in due volumi, una “tragedia distopica” in due atti. Days of Hate – Atto Secondo uscirà nell’autunno 2019.

L’entrata di Ales Kot nel catalogo di Eris, segna anche l’arrivo in Italia del suo lavoro più autoriale. Se per Marvel e DC Kot ha firmato le sceneggiature per celebri serie mainstream come Iron Patriot, Bucky Barnes: The Winter Soldier, Secret Avengers e Suicide Squad, per la Image Comics realizza alcune tra le serie più interessanti del panorama statunitense degli ultimi anni: Days of Hate, Zero, Change e The Surface, già considerate dei veri e propri cult.

Days of Hate è anche la naturale tappa successiva del percorso editoriale intrapreso da Eris con Danijel Zezelj, che ancora una volta ci dà prova del suo talento poliedrico in grado di spaziare dalla street art all'animazione, dal fumetto seriale alla graphic novel e dall'illustrazione fino ai live painting. Uno degli artisti visuali contemporanei più importanti, protagonista di diverse mostre dedicate a suoi lavori, non ultima BLACK OXYGEN voluta da ARF! il Festival del Fumetto a Roma nell'edizione di Maggio 2018.

Acclamata negli Stati Uniti e capace di conquistare l’attenzione dei lettori e della stampa italiani ancora prima della sua pubblicazione, Days of Hate è la storia di una guerra, il capolinea possibile di questi nostri giorni dell’odio che nessuno ha saputo raccontare come hanno fatto qui Kot e Zezelj.
Un’opera seriale ma fortemente autoriale in cui le composizioni espressionistiche di Danijel Zezelj, fatte di luci e ombre, si sposano sia con i testi taglienti di Ales Kot che con i colori vividi e tenui di Jordie Bellaire (storica colorista con cui Kot ha avviato da anni un sodalizio artistico), donando all'intera narrazione un’atmosfera onirica e malinconica. "

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.