Menu

 

 

 

 

Primo sguardo a Daredevil #650

  • Pubblicato in News

Il numero 2 della nuova serie di Daredevil di Chip Zdarsky e Marco Checchetto sarà anche il #650 della testata secondo la numerazione legacy, ovvero tenendo conto di tutte le precedenti numerazioni della collana.

Daredevil #650 era stato originariamente annunciato dallo stesso Zdarsky nell'agosto 2021, mentre la storia si stava avviando verso l'evento crossover Devil's Reign recentemente concluso. Originariamente, il numero sarebbe dovuto coincidere con il 38 della sua serie, ma il titolo è stato rilanciato nel frattempo con un nuovo numero 1.

Per quanto riguarda i contenuti di Daredevil #2/#650, la Marvel ha annunciato tutta una serie di autori coinvolti tra cui Rafael DeLatorre, Alex Maleev, Paul Azaceta, Phil Noto, Chris Samnee, Klaus Janson e Mike Hawthorne, insieme ad altri non ancora svelati.

Di seguito, alcune tavole non letterate ad opera di Marco Checchetto e Rafael DeLatorre. Daredevil #650 uscirà il 17 agosto, con cover di Checchetto, Bill Sienkiewicz, Gary Frank e Pete Woods.

daredevil 650 1

daredevil 650 2

daredevil 650 3

daredevil 650 4

daredevil 650 5

Leggi tutto...

Chip Zdarsky sarà il nuovo sceneggiatore di Batman

  • Pubblicato in News

Chip Zdarsky prenderà il posto di Josh Williamson come nuovo sceneggiatore di Batman a partire dal numero 125 del 5 luglio, che per l'occasione sarà doppio. L'albo darà il via a un arco narrativo di sei numeri intitolato "Failsafe" che introdurrà una nuova misteriosa minaccia per l'eroe.

A unirsi a Zdarsky ci sarà Jorge Jiménez, che ha già lavorato sulla serie.

Zdarsky non è estraneo a Batman, avendo recentemente lanciato il titolo Black Label Batman: The Knight, illustrato da Carmine Di Giandomenico.

Lo sceneggiatore, attualmente a lavoro su Daredevil della Marvel, ha affermato che ha intenzione di restare a lungo sulla testata e che le sue idee si espanderanno a tutti i titoli della linea di Batman.

"Quando la DC mi ha contattato per scrivere Batman, ho subito pensato a cose che potevano davvero sfidare il personaggio mentalmente, fisicamente e in termini di relazioni", ha dichiarato Zdarsky. "Failsafe è il suo Doomsday. Quando ho iniziato a tracciare la storia, ero davvero entusiasta di dove avrebbe potuto portare la serie".

Ovviamente, la run di Batman di Zdarsky verrà lanciata subito dopo Justice League #75 di maggio, in cui la storia "La morte della Justice League" darà vita a un nuovo scenario per la DC Comics portando all'evento Dark Crisis.

Di seguito le prime immagini di Batman #125 di Chip Zdarsky e Jorge Jiménez con le variant di InHyuk Lee e Simone Di Meo.

batman cjj 1

batman cjj 2

batman cjj 3

batman cjj 4

Leggi tutto...

Spider-Man: L’ombra del Ragno, recensione: e se Peter Parker diventasse Venom?

spider man ombra del ragno 0

Il concetto di What If…? nasce in Marvel nel 1977 grazie all’omonima serie durata 47 numeri. L’idea alla base era semplice, ovvero esplorare realtà in cui gli eventi chiave del suo universo narrativo si svolgessero in maniera differente. Ad esempio, cosa sarebbe successo se il ragno non avesse morso Peter Parker? E se invece che zio Ben il ladro che il giovane Peter lasciò andare avesse ucciso sua zia May?
Il concetto, declinato a tutti i personaggi, è stato proposto ai lettori in diverse incarnazioni: una seconda serie di 114 albi dal 1989 al 1998 e poi in miniserie, speciali e tanto altro fino ad oggi quando la Marvel, forte anche del successo dell’omonima serie animata su Disney+, ha deciso di rilanciare What If…? con una nuova formula: non più serie regolari, non più one-shot, ma miniserie che possano sviluppare in più albi quelle storie che generalmente si esaurivano nelle canoniche 22 tavole. Ad aprire le danze troviamo Spider-Man: L’ombra del Ragno di Chip Zdarsky e Pasqual Ferry, serie in 5 albi raccolti ora da Panini Comics in un volume unico.

Per riallacciarsi alla trama imbastita da Zdarsky bisogna fare un salto indietro a metà anni ‘80 quando la saga nota come Guerre Segrete portò i principali eroi Marvel su un pianeta creato dall’entità nota come Arcano. Fu durante questi eventi che Spider-Man adottò per la prima volta il costume nero che, una volta tornato sulla Terra, scoprì trattarsi di un essere vivente che intendeva stabilire una connessione sempre più profonda con il suo ospite. Quando Peter si accorse che il simbionte influiva negativamente sulla sua vita, portandolo a commettere azioni sempre più riprovevoli, decise di separarsene definitivamente, conseguenza che portò poi alla nascita di Venom. Ma cosa sarebbe successo se Peter avesse fatto la scelta opposta, se avesse deciso di non scacciare l'alieno ma di unirsi a lui in maniera più profonda abbracciando definitivamente il lato oscuro? È quello a cui Zdarsky e Ferry danno risposta in questo volume.

spider man ombra del ragno 1

La storia ci mostra un Peter abbattuto e combattuto sul suo ruolo di eroe in un periodo difficile per lui: ha abbandonato gli studi con sua zia May che per questo l’ha allontanato, accusandolo di voler sprecare la sua vita, e MJ ha appena scoperto che lui è Spider-Man. Il simbionte, intanto, gli insinua sempre più dubbi: a cosa serve combattere il crimine se poi i cattivi tornano a scorrazzare liberi poco dopo? Non sarebbe più efficace eliminarli definitivamente?
Mentre indaga sulla natura del proprio costume con l’aiuto dei Fantastici Quattro, un doppio scontro con Hobgoblin porta alla morte di May: è la fatidica goccia che fa traboccare il vaso. Peter decide di tenere il costume e fermare i criminali nella maniera più radicale possibile. Ma uno Spider-Man che oltrepassa il confine diventa un problema per tutti, buoni o cattivi che siano. Lo capiscono fin da subito Jonah Jameson e - soprattutto - Kingpin che, se prima tollerava la presenza di supereroi nella sua equazione criminale, non è disposto a farlo ora quando la loro pericolosità è esponenzialmente cresciuta.

spider man ombra del ragno 2

Se uno dei dogmi della Marvel era quello di non far commettere mai omicidi a Spider-Man, Zdarsky ci svela il lato oscuro di un Peter Parker che cede ai suoi istinti più bassi e primordiali. Lo sviluppo psicologico del personaggio risulta qui graduale e credibile e in generale ben gestito durante tutto lo sviluppo della storia che, dunque, beneficia dei 5 albi a disposizione della nuova formula dei What If...?.
Così come per Spider-Man: La storia della mia vita, Zdarsky parte da eventi già narrati e noti, discostandosene sempre di più man mano che la trama procede. In un certo senso, così come nell’opera precedente, tende però spesso a prendere strade fin troppo derivate e singolari, finendo per tradire un po’ quelle che sono le premesse iniziali. Nel caso de L’ombra del ragno sembra quasi non essersi voluto spingere troppo in fondo portando, da metà racconto in poi, la narrazione su binari superoistici più canonici e concilianti.  Ad ogni modo, l’opera presenta una sua coerenza interna, momenti intensi, alcune ottime intuizioni e uno sviluppo psicologico ben approfondito dei personaggi.

spider man ombra del ragno 3

Altalenante, invece, la prova di Pasqual Ferry che propone ottime tavole ad altre fin troppo scarne e sottotono. Se la costruzione delle stesse funziona comunque dall’inizio alla fine, è principalmente nei volti e nelle espressioni dei protagonisti che l’artista spagnolo non sempre convince e deve ricorrere all’utilizzo del colore di Matt Hollingsworth per donare profondità e tridimensionalità, oltre che a riempire gli sfondi spesso scarni se non del tutto assenti.

Spider-Man: L’ombra del ragno si propone, dunque, come una lettura solida e interessante, che sembra però non voler osare troppo e a cui, in generale, manca quel tocco capace di farle fare il salto di qualità necessario a renderla qualcosa di più che una semplice buona storia. Difetto che, in maniera forse minore, toccava anche Spider-Man: La storia della mia vita, non a caso sempre a firma di Zdarsky.

Leggi tutto...

Devil's Reign: spin-off con Elektra la "Donna senza paura"

  • Pubblicato in News

L'evento Devil's Reign riceverà un nuovo spin-off dal titolo Daredevil: The Woman Without Fear, una miniserie di tre numeri ad opera di Chip Zdarsky e Rafael De Latorre e che rivelerà il "segreto più oscuro" di Elektra a Wilson Fisk/Kingpin.

Come sanno i lettori di Daredevil, Elektra sta attualmente indossando il costume di Matt Murdock proteggendo Hell's Kitchen con il voto di non uccidere mai, secondo i desideri di Matt. Ma Devil's Reign mette l'esercito di supercriminali di Kingpin sulle tracce di tutti i vigilanti di New York - inclusa Elektra - con risultati potenzialmente mortali per la cosiddetta "Donna senza paura".

"Quando stavamo pianificando Devil's Reign, è apparso subito evidente che la storia di Elektra era troppo grande per essere contenuta nella serie principale!" ha dichiarato Zdarsky a ComicBook. "Wilson Fisk ha portato alla luce il suo segreto più oscuro e non vedo l'ora che i lettori vedano le conseguenze di questa serie!"

La Marvel promette che Woman Without Fear darà una svolta alla storia di Elektra come Daredevil, e il fatto che il titolo invochi Daredevil: The Man Without Fear potrebbe indicare parte di ciò che la serie comporterà - o almeno qualcosa sulla natura del "segreto più oscuro" di Elektra - poiché la storia degli anni '90 era una rivisitazione dell'origine e dei primi giorni di Daredevil.

Daredevil: The Woman Without Fear #1 uscirà a gennaio con una cover di Chris Bachalo.

ddwwf2022001 cov

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.