Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

Bonelli annuncia il Dylan Dog Wedding Box

  • Pubblicato in News

Sul sito ufficiale Bonelli è stato annunciato lo speciale Dylan Dog Wedding Box, che verrà presentato a Lucca Comics & Games. Potete trovare le info e le immagini qui di seguito.

"Su internet se ne parla da tanto: con l'uscita del numero 400, la serie dedicata a Dylan Dog non sarà più la stessa! Ma prima ancora dell'arrivo della meteora, nel numero 399, un altro grande evento sconvolge la vita dell'Indagatore dell'Incubo: un matrimonio. Il suo matrimonio!

Oggi sposi è scritto da Roberto Recchioni con i disegni di Marco Nizzoli, Luca Casalanguida, Nicola Mari, Sergio Gerasi e Angelo Stano. Un pool d'eccezione per un numero d'eccezione, che sarà in edicola a partire dal 29 novembre ma che troverete nei nostri stand lucchesi (e anche nel nostro Shop online e al Bonelli Point di Milano) all'interno della prestigiosa Dylan Dog Wedding Box.

L'ormai tradizionale scatola di legno che compone la Dylan Dog Wedding Box viene venduta al prezzo di 29,90 euro. Al suo interno, la versione "regular" di Oggi sposi, una versione variant con copertina bianca (venduta anche separatamente), una versione variant con copertina nera e una nuova versione con colorazione "pop" di "Finché morte non vi separi". In più, l'esclusiva partecipazione nuziale, una speciale fialetta di bolle di sapone e un peculiare anello di fidanzamento."

Leggi tutto...

Annunciato L'inizio, la nascita dell'universo Bonelli

  • Pubblicato in News

Con un sibillino post sul proprio sito, la Sergio Bonelli Editore ha annunciato l'evento definito "L'Inizio" che segnerà la nascita del suo universo narrativo. Non sono stati comunicati ulteriori dettagli, per scoprirli dovremo attendere il 31 ottobre la conferenza che l'editore terrà a Lucca Comics & Games delle ore 17, in diretta anche via social.

Trovate l'annuncio fatto dalla Bonelli qui di seguito:

"L'Inizio

Il giorno 31 ottobre 2019 alle ore 17:00, all'esterno del padiglione Bonelli di piazza Antelminelli a Lucca Comics & Games, nascerà con un grande evento l'Universo Bonelli. Non potete mancare!

#LInizio

#UniversoBonelli

#31_10_2019

Se volete vedere il video con l'intervento del nostro Giovanni Boninsegni alla conferenza stampa di presentazione di Lucca Comics & Games, potete farlo su Facebook o su Instagram."

Leggi tutto...

Anteprima e trailer di Attica, la serie Bonelli Audace di Giacomo Bevilacqua

  • Pubblicato in News

Appena qualche giorno fa eravamo tornati a parlare di Attica, la serie Bonelli della linea Audace scritta e disegnata da Giacomo Bevilacqua. Sul sito dell'editore, ora, sono stati diffuse le prime tavole e un trailer. Trovate tutto qui di seguito e nella gallery in basso.



Ecco una sinossi della serie:
"Circondata da impenetrabili mura, Attica è considerata la città più bella e moderna del XXI secolo. Ambita meta turistica e speranza di una vita migliore per migliaia di persone, Attica è in realtà una grande bugia. Per questo, cinque ragazzi dagli strani poteri si uniscono loro malgrado per compiere un'impresa folle: radere al suolo le mura della città e metterla a ferro e fuoco, cercando di non farsi ammazzare. O di non ammazzarsi a vicenda..."

Attica sarà presentata in anteprima a Lucca Comics & Games e sarà disponibile esclusivamente in fumetteria dal 14 novembre. La collana, composta da 6 numeri, avrà un formato 13x18, sarà in bianco e nero e costerà 4,99€. Il primo volume avrà 160 pagine, il secondo 144.

Leggi tutto...

Dylan Dog #397 – Morbo M, (-3 alla meteora!), recensione

1565107774075.png--morbo m   dylan dog 397 cover

Dopo la guerra del precedente #396, questo Dylan Dog #397 è tutto consacrato ad un altro dei quattro cavalieri dell’apocalisse, ovvero la pestilenza, come il titolo "Morbo M" lascia subito intendere. Si tratta di una consacrazione più suggerita che effettivamente realizzata, sia chiaro: se il precedente numero lasciava spazio ad una buona dose di violenza e di splatter, il numero di questo mese sembra essere più incentrato sulle atmosfere e sui dialoghi che sull’azione vera e propria.

Londra è infatti preda del cosiddetto “morbo della meteora”, una malattia multiforme e inarrestabile che sembra non avere cura: ai contagiati, temuti e odiati dalla popolazione sana, non resta che nascondersi o finire reclusi negli ospedali ormai sovraffollati. È in questa Londra vittima dell’epidemia che troviamo il nostro affezionato indagatore dell’incubo intento ad occuparsi di Billie Matter, una vittima del morbo il cui corpo rischia di consumarsi lentamente fino alla morte. Si tratta del punto di inizio di una storia che vedrà Dylan ed il vecchio ex-ispettore Bloch alla ricerca di una cura portandolo ad indagare sui rari sopravvissuti alla malattia, i figli della meteora e su una serie di esperimenti condotti al centro di ricerche di Stockton.

1565107903143.jpg--

Come già anticipato, si tratta di un albo in cui l’azione riveste un ruolo quasi irrilevante se rapportato ai dialoghi e alle atmosfere, che oscillano fra il surreale, il perturbante e l’orrido, come nel romanzo (anche questo a tema epidemie) Cecità dello scrittore portoghese José Saramago. Non ci si stupisce, dunque, che questo numero sia opera dello stesso team dell’ottima miniserie Ut di qualche anno fa, con Paola Barbato ai testi (ormai presenza quasi fissa sulla testata) e Corrado Roi alle matite. Nel complesso si tratta di una storia interessante, ricca di spunti di riflessione e la cui ambigua conclusione promette sviluppi interessanti nei numeri futuri. Peccato, tuttavia, per alcune piccole forzature nella trama che potranno far storcere il naso ai lettori meno avvezzi alle atmosfere più surreali e astratte.

Venendo alla questione della continuity della meteora, dobbiamo purtroppo constatare come manchi un effettivo legame con la macrotrama messa in piedi sinora da Recchioni: non è sufficiente modificare leggermente nomi e situazioni ed attribuire la causa scatenante delle vicende ad una lontana (ma ormai non più tanto) meteora malvagia per costruire una buona continuity; non sono neanche sufficienti le poche pagine di raccordo ad inizio e fine albo (per quanto stuzzicanti) a garantire consistenza a una storia più grande che si fa attendere da ormai molti mesi.

1565107903437.jpg--

Il comparto artistico è anticipato dalla bella copertina, tutta virata sui toni acidi, di Gigi Cavenago ed è affidato, come già detto, a Corrado Roi. Quest'ultimo, senza stravolgere la tradizionale griglia bonelliana, confeziona un buon numero, estremamente funzionale alla narrazione della Barbato: si respira qui l’atmosfera del precedente Ut, specie nella resa dei malati orrendamente deformati dal morbo che contrasta sia con la bellezza dei personaggi femminili, in cui Roi eccelle, sia con l’asetticità e la linearità delle ambientazioni ospedaliere. Unica pecca, la resa del volto di Dylan Dog, a nostro avviso troppo affilato e al limite dell’androgino.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.