Menu

 

 

 

 

Panini Highlights 2016: Lupin III e One Punch Man per Planet Manga

  • Pubblicato in News

Riportiamo direttamente dal sito della casa editrice Panini Comics il resoconto della conferenza Panini Highlights tenutasi questo pomeriggio in occasione della prima giornata di Lucca Comics & Games 2015. Gli annunci sono stati Lupin III, la classica serie di Monkey Punch, e One Punch Man di Yuusuke Murata. Di seguito quanto riportato sul sito.

Lucca Comics & Games si è aperto anche quest'anno con il botto!

Si è appena conclusa infatti la conferenza Highlights 2016 che ha dato una ghiotta anteprima delle novità che Panini Comics ha in serbo per voi nei prossimi mesi.

Wanted! Sbirciando nel futuro di Planet Manga, preparatevi a un grandissimo ritorno: dopo un lungo inseguimento, siamo finalmente riusciti ad acciuffare il leggendario LUPIN III e siamo pronti ad affidarlo alla vostra premurosa custodia!

Lupin

Il cult senza tempo di Monkey Punch torna finalmente in Italia con le sue due acclamate serie, che troverete in edicola e in fumetteria a partire da marzo 2016!

Una delle opere più amate dal pubblico, una leggenda del manga e dell'animazione che ha accompagnato un'intera generazione, torna per appassionati di lungo corso e nuovi fan con una spettacolare veste grafica inedita, con cover nuove di zecca firmate dal talento unico di Monkey Punch.

E da un classico passiamo a una grande rivelazione degli anni Duemila: ONE-PUNCH MAN!

A maggio 2016 debutta finalmente in Italia l'attesissimo capolavoro action scritto da One e illustrato magistralmente dal brillante pennino di Yuusuke Murata (Eyeshield 21, Cloudy Sky & Prism & Solar Car).

Preparatevi ad assistere alla nascita di una leggenda, quella di Saitama, il supereroe in grado di abbattere qualunque avversario con un solo pugno... Ma può esserci divertimento a vincere sempre così?!

Tanta azione, risate e una sottile vena di follia in questa imperdibile hit targata Shueisha che è già un fenomeno internazionale!

E questo non è che l'inizio, l'appuntamento è per domenica con tutti gli annunci Planet Manga per il 2016, stay tuned!

© Monkey Punch/ FUTABASHA
© One / Yuusuke Murata / SHUEISHA

Leggi tutto...

Lupin III L'avventura italiana: dati auditel della premiere, slittamento in seconda serata

  • Pubblicato in Toon

Avete guardato ieri sera la premiere mondiale di Lupin III – L’avventura italiana? Qui trovate quello che ne pensiamo noi, ma insieme a questa recensione preferiamo fornirvi anche i dati Auditel (Via davidemaggio.it) di ascolto e share dell'anime andato in onda in prima serata su Italia 1.

Gli spettatori che hanno seguito il primo episodio, iniziato alle 21.35 sono stati 1 338 000, con uno share pari al 6,6, 1 016 000 spettatori per il secondo episodio con share del 5.08%, 983.000 per il terzo con share del 5.50%e 896.000 per il quarto con share del 6.25%. Non proprio numeri esorbitanti ma comunque si attesta come terzo programma più visto della serata, almeno per il primo episodio, poi però si nota un calo verso posizioni più basse della classifica col procedere degli episodi.

Inoltre confermiamo che, come già segnalato nella nostra recensione, dalla prossima domenica il programma verrà spostato in seconda serata, alle 23.20, con la messa in onda di soli due episodi.

orari lupin

Leggi tutto...

Lupin III L'Avventura italiana: riflessioni (s)ragionate a caldo

  • Pubblicato in Focus

Per quanto mi riguarda, la prima serata di Lupin III non è un fenomeno da sottovalutare, e non è un fenomeno che va considerato a sé stante, ma va storicizzato, inquadrato nel contesto televisivo antecedente a oggi per comprendere appieno il significato che si porta appresso. Perché se nella televisione italiana odierna l’animazione giapponese è praticamente bella che morta, tranne che per sporadiche resurrezioni vintage, la messa in onda in prima serata e in anteprima mondiale di un anime sulla rete ammiraglia della Mediaset non è una cosa da poco.

Ormai la diaspora dell’animazione nipponica nel nostro Paese si è già consumata. Tra prodotti che escono solo in home video, prime visioni al cinema per non più di tre giorni, migrazioni di massa su YouTube e VVVVID, o altre piattaforme digitali di streaming gratuito, a volte anche con prodotti originali ma in simulcast, ossia senza doppiaggio ma solo con sottotitoli in italiano rilasciati poco dopo l’uscita in patria dell’episodio animato, tra parentesi, con possibilità pressoché nulla di vederli poi doppiati in home video.
Quindi è questa la cornice che fa da contorno a questo evento, e scusate se è poco.

Un evento in bilico tra il fallimento e una improbabile e ridicola possibilità di diventare punto di partenza di un nuovo rilancio del media.
Un punto su cui dibattere, ma si sa, qui da noi, si preferisce far cagnara sulle cazzate piuttosto che sui reali problemi. E quindi è molto più importante che la sigla di apertura faccia schifo e sia cantata da Moreno con delle rime oscene piuttosto che focalizzarsi sul vero problema.

https://www.comicus.it/media/k2/items/cache/23f76d67a4744a37c6ede72ed6d52176_XL.jpg

Sulla sigla si è scatenata la rete, si è già detto molto, troppo a dire il vero. Quindi la concludo subito questa parentesi, con questo trafiletto minimo. A me personalmente non aggrada minimamente tale canzone, se si esclude la parte cantata da Giorgio Vanni. Ma questi sono gusti miei; le parole, né tantomeno la melodia, non vanno poi a snaturare particolarmente il prodotto, ma per favore non venitemi a dire che serve per avvicinare un pubblico giovane perché davvero, fossi un giovane d’oggi, non mi metterei certo a guardare una cosa di cui non mi frega nulla solo perché c’è un rapper che per 20 secondi canta la sigla di un cartone animato. E per inciso, stasera la sigla è andata in onda solo una volta, su quattro episodi, tagliando la ending bellamente, che poi per quello che si intuisce è la opening a metà schermo con i credits che scorrono a fianco.

Che poi, Lupin III non è proprio un “cartone animato” come lo si intende da noi, ossia qualcosa di limitato ad un pubblico giovane, “ai bambini”. Per bambini proprio non lo è. Le tematiche, la drammaticità, la violenza (spesso volutamente non espressa con immagini scioccanti, anche se a volte non l’abbiamo mai vista per tagli e censure nostrani), il sesso, i personaggi quantomeno poco esemplari, anche se dal cuore tenero e dall’animo nobile  – anti-heroes li chiameremmo oggi con l’avanzare popolare di questa categoria nel mondo dello spettacolo e della cinematografia anglosassone -, vanno metabolizzati con una visione e una mentalità che spesso non si addice ad un ragazzino.

Perché forse non tutti se lo ricordano, ma la prima serie animata del ladro gentiluomo, così come il manga degli anni ’60 di Monkey Punch,  non erano poi così tanto tenerelli; entrambi i prodotti erano seri, dark, cupi, violenti, con una forte componente sessuale legata a Fujiko, più incentrati sulle interazioni del letale mondo criminale suburbano che le scanzonate avventure a cui siamo stati abituati più avanti, il tutto però con una punta di comicità e commedia che ha reso popolare l’opera. Quello stile che, persosi dalla seconda serie in avanti, ha fatto storia e ci ha regalato Cowboy Bebop (altra operetta da niente). Uno stile graffiante che mi è piaciuto molto ritrovare, in modo parziale e attualizzato, in una delirante chicca come Mine Fujiko to Iu Onna (trasmesso anche in Italia su Italia 2 sena censure) o in Jigen Daisuke no Bohyou, per stare nel passato recente del franchise, che tenta di ritornare alle radici. Radici che però con questo nuovo anime sembrano riallontanarsi notevolmente.

Per questo la prima serata che si è appena conclusa portava con sé tante, ma tante aspettative. Aspettative in larga parte deluse, ma prevalentemente per le carenze del prodotto. Ma ora che abbiamo delineato il perimetro entro cui muoverci, proseguiamo con un analisi più tecnica di Lupin III L’avventura italiana.

lupin

Partiamo dalla trama che, non prendiamoci in giro, doveva per forza contenere mafia e calcio e altri elementi che nel bene e nel male ci definiscono all’estero (anche la carbonara). E non facciamo troppo i moralisti a tirare in ballo gli stereotipi. Perché stiamo parlando di un ladro e del suo mondo criminale, e queste cose non possono che venire a galla.

Il primo episodio è ambientato a San Marino, come alcuni di quelli seguenti; Lupin III si sposa con Rebecca, giovane ereditiera viziata della famiglia Rossellini, in perpetua ricerca di adrenalina. Ovviamente il tutto è un inganno abilmente orchestrato per rubare la corona del tesoro nazionale. Come esordio un bel po’ sottotono, molto mainstream. Dialoghi inconcludenti, lenti e spesso superflui. Animazioni fluide ma assurde (ma che è? Sembrano la manovra di movimento tridimensionale di Shingeki no Kyojin - L’Attacco dei Giganti) che staccano troppo l’azione dai fondali non sempre ben realizzati, a volte un po’ sommari. Un primo episodio all’insegna di un Lupin abbastanza commerciale, lontano dalla sufficienza.

Secondo episodio relativamente meglio del primo. Temi principali: calcio, scommesse sportive, mafia e doping (presunto). Cominciano a smuoversi delle sottotrame e a venire introdotti dei personaggi che rivedremo anche negli episodi successivi. Ritorna quella moralità di fondo, quell’appiglio di bontà d’animo, flebile speranza di onestà intellettuale e cuore tenero che spesso ha contraddistinto il franchise. Ma è ancora annacquata.

Terzo episodio, Lupin e la sua banda contro gli agenti del MI6. In particolare un certo Nix, freddo e spietato 007, un calcolatore umano in grado di predire senza errori tutte le mosse, o quasi, dell’avversario. Obiettivo: rubare un frammento della collana della regina Maria Antonietta. Una “bella” sfida per Lupin, se non fosse che è affrontata con sufficienza da parte degli sceneggiatori, che non riescono a trasmettere un minimo di suspance o di fermento. Poi è tiratissimo il “trucco” sfoggiato dall’avversario del ladro gentiluomo. Bocciato.

Quarto e ultimo episodio della serata: il sadico boss del crimine Eric Il non Letale non permette agli abitanti di una cittadina di possedere armi e ferisce non mortalmente tutti coloro che provano ad opporsi a lui, desiderando solo il potere e il veder soffrire i suoi avversari. Avventura di Jigen in solitaria, una resa dei conti quasi in stile western, con tanto di colonna sonora in tema. Indaga meglio quella che è la figura romantico-solitaria del personaggio, ma anche qui, molto alla leggera rispetto al passato.

Sul doppiaggio non c’è molto da dire. Classiche voci per Lupin, Fujiko e Goemon, ma cambia quella di Jigen, che dal 2014 viene doppiato da Alessandro Maria D'Errico, dopo la morte dello storico doppiatore Sandro Pellegrini. Per gli altri personaggi le voci sono azzeccate. Sonoro ben mixato.
Trasmissione Mediaset senza infamia né lode, anche se vedere un episodio risulta un impresa titanica dal secondo in poi, con il lancio di pubblicità a caso a metà del terzo e del quarto episodio dopo dieci minuti da quella trasmessa alla fine dell’episodio precedente; praticamente più pubblicità che anime.
In HD, dalle informazioni dei meta dati di trasmissione vediamo un 16:9 1080i che sembra ben encodato.

lupin3

Se bisogna trarre delle conclusioni però, non sono certo molto felici per questa novella versione di Lupin III. Tematiche interessanti, anche di attualità e spinose, ma affrontate senza profondità, senza quel dramma dolce-amaro, difficile da digerire che in passato ci ha permesso di godere di storie speciali, ormai fisse nel nostro cuore.
Se ritorniamo al discorso fatto in precedenza, non è certo un nuovo inizio per gli anime in TV, ci siamo molto, ma molto lontani, complice anche la qualità non eccellente del prodotto. Che dire quindi, un’avventura alquanto mediocre.

Ah, nota finale. Durante la trasmissione delle pubblicità, è andata in onda la preview dei prossimi episodi, rimandando l’appuntamento a domenica prossima ma alle 23 20, quindi mi sa proprio che la prima serata fosse solo per la premiere, ma mentre scrivo questo articolo non è disponibile ancora il palinsesto di domenica prossima per le reti Mediaset. Vi terremo aggiornati.

Leggi tutto...

Giorgio Vanni e Moreno rispondono alle critiche sulla sigla di Lupin III

  • Pubblicato in Toon

Da quando è comparsa in rete la sigla di apertura del nuovo anime di Lupin III, sono fioccate polemiche e insulti da parte di tutti i fan del ladro gentiluomo, un sollevamento popolare non trascurabile che ha portato alla raccolta di quasi 30 mila firme su change.org per chiedere la rimozione delle parti del rapper. A seguito di ciò, i due autori della canzone hanno cercato di difendersi alla meglio tramite i media. Per primo è stato il cantante maggiormente incriminato, Moreno, che in un'intervista rilasciata a Rockol ha dichiarato quanto segue:

"Mi pare che la reazione sia davvero sproporzionata. Le petizioni si fanno per cose più serie, secondo me... La questione è molto semplice: a me è stato chiesto di interpretare la sigla della nuova serie del cartone animato, io ho accettato, e con Giorgio Vanni e Max Longhi abbiamo realizzato quella di cui in rete è stata messa a disposizione un'anticipazione. E' un compito che ho affrontato con entusiasmo, e al quale mi sono prestato volentieri: mi è stato chiesto, e non sta a me discutere sull'opportunità che il cartone di Lupin abbia una sigla rap indirizzata a un pubblico molto giovane. Evidentemente chi mi ha chiesto di farne una sigla rap pensa di potere, grazie anche a quella, avvicinare a Lupin III un pubblico più giovane. Poi mi dispiace che qualcuno si sia infilato in questa faccenda cogliendo l'occasione per scrivere sui social delle cose estremamente offensive nei miei confronti; quelli sono haters, gente che ce l'ha con me e che ce l'avrebbe con me indipendentemente dalla sigla di Lupin III. Se poi vogliamo fare un discorso su come il rap è usato, a volte anche male o a sproposito, in certe pubblicità o in certe occasioni televisive, magari lo facciamo un'altra volta…
Tornando alla sigla di Lupin III, a me piacciono anche le altre, quelle "storiche"; ma penso che cambiare sia giusto. Magari l'avesse cantata Eminem, la sigla di Lupin III! Ma la voglia di cambiare non è una colpa in sé, anche se può dispiacere a chi è affezionato a qualcosa che ha segnato la sua giovinezza. Secondo me, dovrebbero pensare che una sigla più indirizzata ai giovanissimi può fare in modo che anche una nuova generazione si affezioni al loro cartone animato del cuore. Ma ogni critica e ogni parere sono accettabili, purché siano costruttivi e non aprioristicamente offensivi".

In seguito arriva anche l'intervento di Giorgio Vanni, che prende le difese del collega in un'intervista rilasciata a Movie for Kids. Riportiamo di seguito quanto pubblicato sul sito.

"Sono contento della nuova sigla e del lavoro che abbiamo fatto. Non si può  piacere sempre a tutti. È molto orecchiabile. Comprendo che i fan più affezionati al cartone non siano tanto soddisfatti, ma Mediaset ha fatto una scelta giusta per allargare il pubblico e arrivare anche ai giovanissimi".
"Io, Max e Moreno abbiamo lavorato tantissimo e si vede nelle oltre 600 mila visualizzazioni in due settimane che ha raggiunto la sigla tv su Youtube in pochissimo tempo. Col tempo riusciremo tutti a capire che ci vuole un po’ di apertura verso il nuovo. Vorrei accontentare sempre tutti ma mi rendo conto che non è possibile. Accetto però tutte le critiche".

Per quanto riguarda la petizione, non lontana dal raggiungere le 35 mila firme, si è espresso così.
"Non lo so. È forte. Tutti hanno il diritto di dire la loro e di fare petizioni se qualcosa non sta loro bene. Anche se non credo che cambierà le cose...".

Inoltre in rete è comparsa una nuova sigla alternativa cantata dai ragazzi della LTL MusicCraft che potete trovare qui sotto, che sembrerebbe essere molto più apprezzata dal popolo della rete.

Non ci resta quindi che aspettare gli sviluppi che sicuramente a breve arriveranno. E voi che ne pensate?
Lupin III andrà in onda da sabato 29 agosto 2015, in seconda serata su Italia 1, per un totale di 26 episodi da mezz'ora l'uno.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.