Menu

 

 

 

 

Ray Fisher ha rigirato quasi tutte le scene di Cyborg per la Zack Snyder’s Justice League

  • Pubblicato in Screen

Come vi abbiamo riportato, Zack Snyder ha convocato gli attori di Justice League per girare nuove scene dalla sua Zack Snyder’s Justice League per HBO Max, ma non era chiaro quante scene gli attori rigireranno. Ora, Ray Fisher, che interpretata Cyborg e che ricordiamo essere in polemica con Joss Whedon e con la dirigenza Warner, ha rivelato quante delle sue scene sono state rigirate.

Fisher è apparso sul canale YouTube di Geek House Show, dove ha rivelato che la maggior parte del suo ruolo di Cyborg è stato girato di nuovo per la nuova versione del film. "Quello che posso dirti del mio personaggio, e per quello che hai visto nella versione cinematografica, ogni singola scena è stata rigirata ad eccezione di quella sul tetto della polizia di Gotham City con il Commissario Gordon, Batman e Flash. Ogni singola scena in cui mi trovo è stata girata di nuovo. Ho rigirato quasi l'intero film da parte mia. Per quanto riguarda le scene degli altri attori in cui non ero lì, non posso davvero dirtelo."

Ricordiamo che la HBO Max diffonderà la Zack Snyder’s Justice League come miniserie in quattro parti nel 2021.

(Via CBR)

Leggi tutto...

Fisher ha accusato Whedon di aver cambiato il colore della pelle di un attore

  • Pubblicato in Screen

La crociata di Ray Fisher conto Joss Whedon e i dirigenti Warner non termina. Dopo quanto riportato a settembre ci sono nuovi aggiornamenti con l'attore  che getta benzina sul fuoco con un'intervista a Forbes. In questa occasione Fisher ha affermato che Whedon ha deliberatamente cambiato il colore della pella a un attore durante la post-produzione. Se finora Whedon non era intervenuto sulla polemica, quest'ultimo attacco ha costretto il regista a una risposta.

Tramite The Hollywood Reporter, infatti, il legale di Whedon ha respinto le nuove accuse di Fisher etichettandole come dicerie.

"Il sig. Fisher non ha conoscenze di prima mano per supportare nessuna delle feroci accuse che ha fatto sul signor Whedon e altri associati al film. Ha ammesso questa mancanza a Forbes quando ha affermato di 'essere stato informato' su queste affermazioni, senza identificare chi presumibilmente lo ha informato o quando ha presumibilmente appreso delle informazioni riguardanti i cambiamenti di colore della pelle. In realtà, niente del genere è mai successo."

L'avvocato di Whedon ha anche minimizzato le osservazioni di Fisher spiegando che il colorista senior di Justice League ha avuto difficoltà dopo che Zack Snyder ha lasciato il film, dal momento che lui e Whedon hanno utilizzato stili di ripresa diversi.

"Come è normale in quasi tutti i film, c'erano numerose persone coinvolte nel mixare il prodotto finale, incluso il montatore, la persona addetta agli effetti speciali, il compositore, ecc. Con il colorista senior responsabile del tono, dei colori e dell'umore della versione finale. Questo processo è stato ulteriormente complicato in questo progetto dal fatto che Zack ha girato su pellicola, mentre Joss ha girato in digitale, cosa che ha richiesto al team, guidato dallo stesso colorista senior che ha lavorato sui film precedenti di Zack, di coinciliare le due versioni".

Dopo questo intervento, Forbes ha rimosso la dichiarazione di Fisher sull'alterazione del colore della pelle dalla loro intervista originale. Indipendentemente da ciò, il pezzo include ancora i commenti di Fisher sulle "conversazioni palesemente razziste" che presumibilmente hanno avuto luogo tra Geoff Johns, Jon Berg e il presidente della WB Toby Emmerich. Fisher ha preso di mira Johns e Berg in passato. Tuttavia, nella storia di Forbes è la prima volta che viene accusato Emmerich di qualsiasi illecito.

L'attora ha inoltre dichiarato di sapere qual è la posta in gioco per la sua carriera ma che si rifiuta di tollerare atteggiamenti razzisti dai dirigenti della vecchia Hollywood, ed è pronto a uscire dal progetto ma libero e di sua volontà.

(Via SHH)

Leggi tutto...

Jason Momoa sostiene Ray Fisher nella sua lotta contro la Warner

  • Pubblicato in Screen

Appena ieri vi abbiamo riportato del botta e risposta fra Ray Fisher e la Warner circa le accuse dell'attore fatte al regista Joss Whedon e ai dirigenti Jon Berg e Geoff Johns.

Fino ad ora, i co-protagonisti di Fisher nel film Justice League sono rimasti in silenzio durante la sua battaglia. Ora, l'attore di Aquaman Jason Momoa ha condiviso il suo sostegno per Fisher in una storia su Instagram. Fisher ha successivamente condiviso lo screencap sul suo account Twitter.

La dichiarazione di Momoa è significativa, soprattutto perché è ancora in affari con Berg e Johns accusati da Fisher. All'inizio di questa estate, infatti, i due hanno ingaggiato Momoa per fornire la sua voce nel live action di Frosty the Snowman. Non è chiaro se qualcuno degli altri membri del cast della Justice League seguirà l'esempio di Momoa. Indipendentemente da ciò, la lotta di Fisher contro lo studio è tutt'altro che finita.

(Via SHH)

Leggi tutto...

Continua il botta e risposta fra Ray Fisher e la Warner

  • Pubblicato in Screen

Come vi avevamo riportato in precedenza, l'attore Ray Fisher, che interpreta Victor Stone/Cyborg nel DCEU, aveva rivolto diverse accuse sia a Joss Whedon, asserendo che il regista avrebbe tenuto un comportamento poco professionale durante le riprese di Justice League, che a Geoff Johns e ai vertici Warner Bros.

Qualche giorno fa, Fisher ha postato un tweet in cui afferma che il Presidente della DC Films Kevin Hamada lo avrebbe contattato per lasciar cadere le accuse rivolte a Geoff Johns, e accusare solamente Joss Whedon e Jon Berg.
Tuttavia, tramite Deadline, la Warner Bros. Pictures ha diffuso una dichiarazione in cui respinge le accuse di Fisher.

"A luglio, i rappresentanti di Ray Fisher hanno chiesto al presidente della DC Films Walter Hamada di parlare con il signor Fisher delle sue preoccupazioni durante la produzione di Justice League. I due avevano parlato in precedenza quando il signor Hamada gli aveva chiesto di riprendere il suo ruolo di Cyborg nel prossimo film The Flash della Warner Bros., insieme ad altri membri della Justice League.

Nella loro conversazione di luglio, il signor Fisher ha raccontato i disaccordi che aveva avuto con il team creativo del film in merito alla sua interpretazione di Cyborg, e si è lamentato del fatto che le revisioni della sceneggiatura suggerite non fossero state adottate. Il signor Hamada ha spiegato che le differenze creative sono una parte normale del processo di produzione e che lo scrittore / regista di un film alla fine deve essere responsabile di queste questioni ".

La dichiarazione prosegue negando direttamente l'accusa di Fisher secondo cui Hamada si sarebbe offerto di gettare "sotto un autobus" Whedon e Berg e dichiara inoltre che Fisher non ha collaborato alle indagini avviate su sua richiesta.

“In particolare, il signor Hamada ha anche detto al signor Fisher che avrebbe riportato le sue preoccupazioni a WarnerMedia in modo che potessero condurre un'indagine. In nessun momento il signor Hamada ha mai "gettato qualcuno sotto l'autobus"', come ha falsamente affermato il signor Fisher, né ha emesso alcun giudizio sulla produzione della Justice League, in cui il signor Hamada non aveva alcun coinvolgimento, poiché le riprese sono avvenute prima dell'arrivo del signor Hamada."

"Anche se il signor Fisher non ha mai sostenuto alcuna cattiva condotta perseguibile contro di lui, WarnerMedia ha comunque avviato un'indagine sulle preoccupazioni che aveva sollevato sulla rappresentazione del suo personaggio. Ancora insoddisfatto, il signor Fisher ha insistito affinché la WarnerMedia assumesse un investigatore di terze parti indipendente."

“Questo investigatore ha tentato più volte di incontrare il signor Fisher per discutere le sue preoccupazioni ma, ad oggi, il signor Fisher ha rifiutato di parlare con lui. La Warner Bros. resta impegnata nella responsabilità e nel benessere di ogni membro del cast e della troupe in ciascuna delle sue produzioni. Resta inoltre impegnata a indagare su qualsiasi accusa specifica e credibile di cattiva condotta, che finora il signor Fisher non è riuscito a fornire".

Tuttavia, Fisher ha risposto alla lettera dicendo che la Warner vuole screditarlo e che in realtà ha incontrato l'investigatore, riportando, inoltre un resoconto dettagliato dell'incontro.

Vi terremo aggiornati sugli ulteriori sviluppi della vicenda.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.