Menu

 

 

 

np6-6-28

Servizio streaming Disney: primi dettagli e costi della serie live-action di Star Wars

Iniziano a delinearsi i contorni del nuovo servizio streaming della Disney in arrivo sulle piattaforme digitali e tv per il 2019.
Non si conoscono ancora il nome, il costo, l'offerta completa, ma è ormai certo che il successo o il fallimento saranno legati alla persona di Ricky Strauss, ex presidente marketing della Walt Disney Studios, promotore di film quali Black Panther, Star Wars: Il risveglio della forza e altri.

Il potenziale del servizio, dopo anche l'acquisizione da parte della Disney della 21st Century Fox, è davvero enorme ed è per questo che l'obiettivo dichiarato è assolutamente quello di, parola di Strauss, “Puntare sulla qualità”.
Di certo il mercato è ampio, la concorrenza elevata, ma il potenziale Disney resta senza dubbio smisurato.E le prime news sono davvero incoraggianti.

Sicura infatti la produzione di una serie tv legata al franchise Star Wars che avrà un budget di 100 milioni di dollari per un totale di 10 episodi (budget uguale quindi a quello di Games of Thrones), diretta da Jon Favreau (Iron Man, Il Libro della Giungla). In produzione anche altre serie (fra cui quelle di High School Musical e di Monster & Co.), il cui costo medio sarà di 25-30 milioni di dollari, e film, con budget fra i 20 e i 60 milioni di dollari. Su tutti, i live action di Lilli e il Vagabondo e La Spada nella Roccia. Ci saranno anche serie Marvel, oltre che serie animate fra cui Star Wars: The Clone Wars.
Il servizio sarà pensato e strutturato per le famiglie, non ci saranno infatti contenuti R-rated, l'offerta di unirà a ESPN+, una nuova applicazione sportiva, Hulu, servizio invece pensato per una platea più adulta e tutta la produzione National Geographic.

Per strutturare e valorizzare al meglio il suo servizio Disney rinuncerà al contratto siglato con Netflix per avere ovviamente l'esclusiva delle sue future produzioni mentre al momento non ci sono piani per le serie Marvel realizzate da Netflix.

(Via NYT)

Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.