Menu

 

 

 

 

Fondazione Futuro, recensione: l'entertainment "minore" della Marvel

MWEAX009ISBN 0

Se siete dei veri Marvel fan, ecco una piccola chicca che non dovreste assolutamente lasciarvi sfuggire. Stiamo parlando di Fondazione Futuro, recente miniserie dedicata al gruppo di giovani eroi assemblato da Reed Richards diversi anni fa, rimasto per qualche tempo in una sorta di limbo editoriale, dopo il ritorno dei Fantastici Quattro sulla Terra, visto nei primi numeri della nuova collana dedicata a Mr. Fantastic e soci scritta da Dan Slott. Il team è una delle tante novità che Jonathan Hickman introdusse durante la sua lunga gestione del Quartetto e che, per breve tempo, prese addirittura il posto dei Fab Four, dopo l’apparente morte della Torcia Umana.

Simbolo di speranza per le nuove generazioni, il gruppo ha raccolto, fin dall’inizio, alcune delle giovani menti più brillanti del pianeta, pronti a unirsi senza esitazione al loro mentore anche nella ricostruzione del multiverso, seguita agli eventi raccontati - sempre a opera di Hickman - in Secret Wars. È lì che li ritroviamo all’inizio di questa nuova avventura, impegnati a recuperare i frammenti di Molecola sparsi nelle varie dimensioni, dopo la sua distruzione a opera dell’entità cosmica Funerea, avvenuta sempre nei primi numeri dei Fantastici Quattro di Slott. L’impresa, però, si rivela tutt’altro che facile, soprattutto quando a mettere i bastoni tra le ruote alla Fondazione arriva un nemico temibile come il Creatore, il Reed Richards malvagio proveniente dall’universo Ultimate.

fondazione-futuro-1

Fondazione Futuro è una miniserie di puro entertainment, senza nessuna ambizione autoriale, ma in essa si respira un po’ la stessa freschezza narrativa che sta caratterizzando un'altra collana dedicata a un team di giovani eroi, quella dei Runaways, di cui lo sceneggiatore Jeremy Whitley (fin qui noto solo per la miniserie Marvel The Unstoppable Wasp e per qualche titolo della IDW destinato a bambini e teenager) riprende i testi frizzanti e leggeri, aggiungendo anche una buona dose di umorismo. Direttamente dalle pagine dei Runaways, poi, arriva uno dei nuovi protagonisti, la scoppiettante Julie Power, che depressa per aver interrotto la sua relazione amorosa con l’aliena Karolina Dean (membro del suddetto gruppo), riesce a trovare di nuovo la serenità quando viene improvvisamente trasportata nello spazio da suo fratello Alex, attuale leader della Fondazione.

Il trentaseienne scrittore californiano, oltre ai testi pieni di brio a cui abbiamo appena accennato (che perdono smalto solo nella parte centrale della miniserie, quando la vicenda si appiattisce sull’inevitabile scontro tra i giovani eroi e il Creatore), mostra di saper utilizzare con assoluta naturalezza molti trucchi narrativi, grazie ai quali riesce a mantenere sempre viva l’attenzione del lettore. Pertanto, aldilà dell’avventura fantascientifica vera e propria, ecco anche divertenti battibecchi tra i protagonisti, flirt di vario tipo e maldestri approcci romantici, che vedono quasi sempre coinvolto il povero Bentley-23 (il clone adolescente del villain Wizard). Insomma, un po’ tutto l’armamentario tipico del fumetto per adolescenti (evidente target della serie).

fondazione-futuro-2

Whitley, inoltre, non nasconde di essere lui stesso un Marvel fan all’ultimo stadio, non solo valorizzando un cast di personaggi in gran parte ripescati dall’affollato sottobosco della Casa delle Idee, ma riuscendo anche a ridare lustro a due eroine affascinanti, che, dopo un breve periodo di gloria vissuto più di vent’anni fa, non hanno mai più svolto un ruolo importante all’interno dell’Universo Marvel: ci riferiamo a Rikki Barnes, la versione femminile di Bucky Barnes, creata da Jeph Loeb e Rob Liefeld durante l’evento Heroes Reborn e poi sporadicamente ripresa in saghe di poco conto, e a Lyja, l’ex moglie skrull di Johnny Storm, praticamente - e inspiegabilmente – ignorata (se si escludono una fugace apparizione durante il crossover Secret Invasion e la sua versione alternativa nell’universo MC2) da tutti gli autori che hanno seguito Tom De Falco nella gestione dei Fantastici Quattro. Assieme a Julie Power, i due personaggi sono serviti al cartoonist americano per dare un po’ più di spessore al corpo principale della Fondazione, che altrimenti, persi Franklin e Valeria Richards (tornati sulla Terra assieme al resto della famiglia), avrebbe potuto contare solo sulla wakandiana Onome e sui già citati Alex Power e Bentley-23. Nonostante la sua abilità, infatti, sarebbe stato difficile anche per Whitley riuscire a mantenere l’interesse dei lettori con quattro talpoidi evoluti, due discendenti di un’antica razza atlantidea, l’androide Dragon Man e i due bambini mutanti Artie e Pulce (che sono tutto tranne che due campioni di loquacità ed espressività).

fondazione-futuro-3

Per quanto riguarda i disegni, sui cinque numeri della miniserie si alternano ben tre autori: Will Robson, che, a dispetto degli annunci che lo indicavano come l’artista titolare della collana, firma solo il primo episodio (più il breve prologo all’inizio del volume, apparso in appendice a Fantastic Four 12), per poi essere affiancato da Paco Diaz nei due successivi, entrambi infine sostituiti da Alti Firmansyah negli ultimi due. Lo stile di tutti e tre richiama apertamente quello dei manga che, se da un lato rappresenta un modo ulteriore per attrarre i giovani lettori (un trend che, ormai, riguarda un po’ tutte le testate per teenager di Marvel e DC e da cui non è del tutto esente neppure la serie dei Runaways), dall’altro aiuta ad accrescere l’umorismo dei testi di Whitley. Dei tre disegnatori, tuttavia, noi abbiamo preferito l’indonesiana Firmansiah, che nonostante l’estetica “filo-nipponica” del suo tratto, non eccede con strampalati omaggi ai fumetti giapponesi. Cosa che, invece, capita più spesso a Robson (il quale, non a caso, in alcune interviste ha ammesso di essersi ispirato per questo lavoro ad Akira Toriyama, il papà di Dragon Ball e Arale), con il risultato di rendere troppo cartooneschi, e praticamente irriconoscibili, personaggi di ben altre caratteristiche come il Creatore. Diaz, al contrario, ci è sembrato quello meno in sintonia con il clima generale della serie: le sue tavole poco dinamiche, infatti, tradiscono l’evidente difficoltà ad adattare il suo stile più realistico a quello dei suoi due colleghi.

Fondazione Futuro non è sicuramente un volume da tramandare ai posteri, né un tassello imprescindibile della pluridecennale storia della Marvel, ma rappresenta l’ennesima dimostrazione che, quando le idee sono valide, è possibile realizzare una buona storia anche senza ricorrere ai big della casa editrice.

Leggi tutto...

Anteprima di The Great Lakes Avengers #1

  • Pubblicato in News

Uscirà domani, 12 ottobre negli States, il primo numero della nuova serie dei Vendicatori dei grandi laghi, di cui vi avevamo già parlato qui.

“All New, All Different?” No, grazie! Le nuove cose vanno male e le cose diverse fanno paura! Piuttosto, perché non riunire almeno una squadra di supereroi amata da tutti, i Vendicatori dei Grandi Laghi nella loro nuova - ma non troppo nuova - serie regolare, con gli stessi vecchi Vendicatori dei grandi laghi!

Di seguito un'anteprima di The Great Lakes Avengers #1, scritto da Zac Gorman e disegnato da Will Robson per i colori di Tamra Bonvillain. Le cover sono di Dale Keown, Damion Scott, Michael Allred, Nathan Fairbairn e Will Robson.

Leggi tutto...

Tornano i Vendicatori dei Grandi Laghi con una serie scritta da Zac Gorman

  • Pubblicato in News

Dopo il ritorno dei Campioni sulle pagine dei fumetti Marvel Comics, un altro storico gruppo da tempo rimasto nel dimenticatoio tornerà alla ribalta. Si tratta dei Great Lakes Avengers, i Vendicatori dei Grandi Laghi nella traduzione italiana, team composto da Mr. Immortal, Big Bertha, Flatman e Doorman che al fianco di Squirrel Girl, o almeno di un suo cartonato, torneranno protagonisti di una serie comica a loro dedicata, scritta da Zac Gorman (Rick & Morty) e disegnata da Will Robson, di cui potete vedere la cover regular nella gallery in basso, prima della variant di Michael Allred (via Nerdist).

“Questa è la prima serie che scrivo per la Marvel, il mio primo lavoro supereroistico. Ho sempre amato i personaggi di terza categoria, quelli oscuri e la commedia. Quindi, quando ho sentito ‘Vendicatori dei Grandi Laghi,’ mi sono subito lanciato su quello pensando che potesse essere una serie perfetta per me. Ho vissuto gran parte della mia vita nella regione dei Grandi Laghi. Ho vissuto nell'area di Detroit e Chicago e sul lato occidentale del Michigan e tutt'attorno ai Grandi Laghi, quindi mi è sembrata una cosa perfetta sin da subito. Quindi ho cominciato a lavorarci e a trovare alcune idee per rendere nuovamente fresca la serie", ha dichiarato Gorman.

Il gruppo con sede a Detroit creato nel lontano 1989 da niente meno che John Byrne, tra i meno supportati, più sfortunati e meno amati del MU, deve addirittura portarsi in giro una versione statica in cartone della popolare eroina, ex membro del gruppo, nel caso qualcuno li notasse e volesse scattare una foto con loro. D'altronde si sa, quando c'è in giro Squirrel Girl, le attenzioni si sprecano, quindi perché non sfruttare un'occasione per farsi notare? Solo 1 dollaro a foto!

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.