Menu

 

 

 

 

Space Bastards vol.1, recensione: la dura vita del postino dello spazio

 Space Bastards

In un futuro lontano che ricorda però il nostro presente David Proton, anonimo impiegato della multinazionale Powers Industries, riceve una lettera di licenziamento dalla sua azienda. Appena prima di precipitare in una spirale depressiva, si imbatte in uno spot del Servizio Postale Intergalattico, che è alla ricerca di nuovi corrieri. Come David scoprirà presto, però, il servizio interpreta la missione del postino in un modo piuttosto originale ed estremo. Le spese di spedizione dei pacchi sono particolarmente elevate e scatenano gli appetiti dei peggiori mercenari della galassia che si tendono agguati l’un altro per accaparrarsi i beni da consegnare. L’incasso spetta solo a chi, tra sparatorie e massacri, riuscirà a condurre in porto la consegna. Ma quando la Powers Industries trama per rendere obsoleto il Servizio Postale Intergalattico, i mercenari, ovvero i Bastardi Spaziali del titolo, dovranno cominciare a collaborare.

Space Bastards 1

Con Space Bastards 1 – Pacco Letale Panini Comics porta nelle librerie italiane il primo volume della saga distopico – spaziale creata da Eric Peterson e Joe Aubrey per i disegni del veterano Darick Robertson, creatore grafico di classici come Transmetropolitan e The Boys. Pubblicato negli USA da Humanoids, la divisione statunitense del mitico editore d’oltralpe Les Humanoids Associés, Space Bastards propone uno sguardo ad un futuro dove l’avidità di un capitalismo sempre più aggressivo ha portato i rapporti sociali, compresi quelli tra aziende e lavoratori e tra lavoratori stessi, verso una deriva disumana. È un’allegoria efficace, virata sui toni della parodia, del nostro presente dominato da multinazionali come Amazon e dal loro controverso rapporto con i propri dipendenti, oltre che dalla precarizzazione del mondo del lavoro.

Space Bastards 2

Una riflessione sullo stato della nostra società e dei suoi valori che Peterson e Aubrey fondono abilmente con una trama fantascientifica e scoppiettante d’azione, tradotta con la solita destrezza da un maestro della narrativa illustrata come Darick Robertson. L’artista si sbizzarrisce con tavole spettacolari attraversate da uno storytelling forsennato, in cui emerge tutta la sua bravure nel lavoro di design per creare visivamente il futuro distopico raccontato dalla coppia di sceneggiatori. Un lavoro di world-building eccellente, dal look dei personaggi a quello di device tecnologici e veicoli, simili ai nostri ma declinati in salsa futuristica. Come sempre, Robertson unisce il suo tratto muscolare e potente con il gusto per la commedia e per il grottesco, registro usato soprattutto quando è in scena Manny, il coatto spaziale che ricorda molto il Lobo della DC Comics e che oscura tutti gli altri protagonisti (significativa è la presenza come guest artist di Simon Bisley, disegnatore che al personaggio di Lobo ha legato la sua fama).

Space Bastards 3

La premessa alla base del volume è intrigante ma flebile, e dopo un inizio vivace il ritmo della narrazione tende progressivamente a spegnersi. Ed è un vero peccato, per le potenzialità del progetto ma soprattutto per il coinvolgimento di un artista straordinario come Robertson che da comunque del suo meglio in ogni tavola. Spetterà alle uscite future stabilire se Space Bastards potrà diventare un classico del suo genere o resterà un esperimento non del tutto riuscito.

Leggi tutto...

Simon Bisley ritorna su Lobo con un team up con Harley Quinn

  • Pubblicato in News

Apprendiamo da Bleeding Cool che l'artista Simon Bisley ritornerà sul personaggio di Lobo, nella versione originale che ha reso celebre negli anni '90.

La storia da lui realizzata sarà pubblicata su Harley Quinn’s Little Black Book #6, scritta Amanda Conner e Jimmy Palmiotti, in cui vedremo un team-up tra Lobo e Harley Quinn. Bisley oltre agli interni realizzerà anche una variant cover per l'albo.

HARLEYS-LITTLE-BLACK-BOOK-6-600x910

Leggi tutto...

Heavy Metal: le novità di novembre

  • Pubblicato in News

Grazie ad alcune anticipazioni diffuse via BleedingCool siamo venuti a conoscenze di quelle che saranno alcune storie contenute nel numero di novembre della rivista di fumetti americana Heavy Metal. Tra queste spicca Three Floyds: Rise Of The Alpha King, realizzata dallo scrittore Brian Azzarello e dall'artista Simon Bisley.

Segnaliamo che nello stesso mese Azzarello vedrà pubblicata un'altra delle sue storie, ovvero Dark Knight III, di cui vi abbiamo parlato in una recente news.

Tra gli altri titoli troviamo Hoax Hunters Vol.3: The Book of Mothman, di Michael Moreci (testi) e Steve Seeley (matite), che giunge alla conclusione della sua prima esplosiva stagione che costringerà la squadra dei cacciatori di Hoax a superare i propri limiti. Mentre Jack scoprirà la verità dietro la scomparsa di suo padre, il team dovrà provare in tutti i modi a sopravvivere.

Continuiamo con Narcopolis: Continuum #1 (di 4), di Scott Duvall (testi) e Ralf Singh (matite). In un futuro prossimo un geniale inventore dal nome Ben creerà la droga definitiva. Non sarà un semplice narcotico, ma costringerà Ben in un viaggio attraverso il tempo per svelare la verità dietro la scomparsa del padre avvenuta vent'anni prima. In questa ricerca delle risposte, il passato scoprirà i sui segreti che il giovane scienziato non accetterà, anche se ciò significherà mettere a repentaglio tutto il lavoro di una vita. Questo opera è ispirata al thriller inglese sci-fi omonimo ed esplorerà aspetti nuovi del mondo introdotto dal film.

Di Michael Moreci (testi) e Keith Burns (matite) è la storia intitolata Reincarnate. Il protagonista è l'investigatore Nate McCoy, che possiede una strana abilità, poter vedere ed entrare in contatto con le persone che reincarna. Con l'aiuto di Alan (un sicario degli anni '60) e Jameson (un uomo di legge del Selvaggio West), Nate entrerà in collisione con El Panda, nella speranza di risolvere il suo ultimo caso, la scomparsa della ruusa Tatiana Kraschen.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.