Menu

 

 

 

 

Fondazione Futuro, recensione: l'entertainment "minore" della Marvel

MWEAX009ISBN 0

Se siete dei veri Marvel fan, ecco una piccola chicca che non dovreste assolutamente lasciarvi sfuggire. Stiamo parlando di Fondazione Futuro, recente miniserie dedicata al gruppo di giovani eroi assemblato da Reed Richards diversi anni fa, rimasto per qualche tempo in una sorta di limbo editoriale, dopo il ritorno dei Fantastici Quattro sulla Terra, visto nei primi numeri della nuova collana dedicata a Mr. Fantastic e soci scritta da Dan Slott. Il team è una delle tante novità che Jonathan Hickman introdusse durante la sua lunga gestione del Quartetto e che, per breve tempo, prese addirittura il posto dei Fab Four, dopo l’apparente morte della Torcia Umana.

Simbolo di speranza per le nuove generazioni, il gruppo ha raccolto, fin dall’inizio, alcune delle giovani menti più brillanti del pianeta, pronti a unirsi senza esitazione al loro mentore anche nella ricostruzione del multiverso, seguita agli eventi raccontati - sempre a opera di Hickman - in Secret Wars. È lì che li ritroviamo all’inizio di questa nuova avventura, impegnati a recuperare i frammenti di Molecola sparsi nelle varie dimensioni, dopo la sua distruzione a opera dell’entità cosmica Funerea, avvenuta sempre nei primi numeri dei Fantastici Quattro di Slott. L’impresa, però, si rivela tutt’altro che facile, soprattutto quando a mettere i bastoni tra le ruote alla Fondazione arriva un nemico temibile come il Creatore, il Reed Richards malvagio proveniente dall’universo Ultimate.

fondazione-futuro-1

Fondazione Futuro è una miniserie di puro entertainment, senza nessuna ambizione autoriale, ma in essa si respira un po’ la stessa freschezza narrativa che sta caratterizzando un'altra collana dedicata a un team di giovani eroi, quella dei Runaways, di cui lo sceneggiatore Jeremy Whitley (fin qui noto solo per la miniserie Marvel The Unstoppable Wasp e per qualche titolo della IDW destinato a bambini e teenager) riprende i testi frizzanti e leggeri, aggiungendo anche una buona dose di umorismo. Direttamente dalle pagine dei Runaways, poi, arriva uno dei nuovi protagonisti, la scoppiettante Julie Power, che depressa per aver interrotto la sua relazione amorosa con l’aliena Karolina Dean (membro del suddetto gruppo), riesce a trovare di nuovo la serenità quando viene improvvisamente trasportata nello spazio da suo fratello Alex, attuale leader della Fondazione.

Il trentaseienne scrittore californiano, oltre ai testi pieni di brio a cui abbiamo appena accennato (che perdono smalto solo nella parte centrale della miniserie, quando la vicenda si appiattisce sull’inevitabile scontro tra i giovani eroi e il Creatore), mostra di saper utilizzare con assoluta naturalezza molti trucchi narrativi, grazie ai quali riesce a mantenere sempre viva l’attenzione del lettore. Pertanto, aldilà dell’avventura fantascientifica vera e propria, ecco anche divertenti battibecchi tra i protagonisti, flirt di vario tipo e maldestri approcci romantici, che vedono quasi sempre coinvolto il povero Bentley-23 (il clone adolescente del villain Wizard). Insomma, un po’ tutto l’armamentario tipico del fumetto per adolescenti (evidente target della serie).

fondazione-futuro-2

Whitley, inoltre, non nasconde di essere lui stesso un Marvel fan all’ultimo stadio, non solo valorizzando un cast di personaggi in gran parte ripescati dall’affollato sottobosco della Casa delle Idee, ma riuscendo anche a ridare lustro a due eroine affascinanti, che, dopo un breve periodo di gloria vissuto più di vent’anni fa, non hanno mai più svolto un ruolo importante all’interno dell’Universo Marvel: ci riferiamo a Rikki Barnes, la versione femminile di Bucky Barnes, creata da Jeph Loeb e Rob Liefeld durante l’evento Heroes Reborn e poi sporadicamente ripresa in saghe di poco conto, e a Lyja, l’ex moglie skrull di Johnny Storm, praticamente - e inspiegabilmente – ignorata (se si escludono una fugace apparizione durante il crossover Secret Invasion e la sua versione alternativa nell’universo MC2) da tutti gli autori che hanno seguito Tom De Falco nella gestione dei Fantastici Quattro. Assieme a Julie Power, i due personaggi sono serviti al cartoonist americano per dare un po’ più di spessore al corpo principale della Fondazione, che altrimenti, persi Franklin e Valeria Richards (tornati sulla Terra assieme al resto della famiglia), avrebbe potuto contare solo sulla wakandiana Onome e sui già citati Alex Power e Bentley-23. Nonostante la sua abilità, infatti, sarebbe stato difficile anche per Whitley riuscire a mantenere l’interesse dei lettori con quattro talpoidi evoluti, due discendenti di un’antica razza atlantidea, l’androide Dragon Man e i due bambini mutanti Artie e Pulce (che sono tutto tranne che due campioni di loquacità ed espressività).

fondazione-futuro-3

Per quanto riguarda i disegni, sui cinque numeri della miniserie si alternano ben tre autori: Will Robson, che, a dispetto degli annunci che lo indicavano come l’artista titolare della collana, firma solo il primo episodio (più il breve prologo all’inizio del volume, apparso in appendice a Fantastic Four 12), per poi essere affiancato da Paco Diaz nei due successivi, entrambi infine sostituiti da Alti Firmansyah negli ultimi due. Lo stile di tutti e tre richiama apertamente quello dei manga che, se da un lato rappresenta un modo ulteriore per attrarre i giovani lettori (un trend che, ormai, riguarda un po’ tutte le testate per teenager di Marvel e DC e da cui non è del tutto esente neppure la serie dei Runaways), dall’altro aiuta ad accrescere l’umorismo dei testi di Whitley. Dei tre disegnatori, tuttavia, noi abbiamo preferito l’indonesiana Firmansiah, che nonostante l’estetica “filo-nipponica” del suo tratto, non eccede con strampalati omaggi ai fumetti giapponesi. Cosa che, invece, capita più spesso a Robson (il quale, non a caso, in alcune interviste ha ammesso di essersi ispirato per questo lavoro ad Akira Toriyama, il papà di Dragon Ball e Arale), con il risultato di rendere troppo cartooneschi, e praticamente irriconoscibili, personaggi di ben altre caratteristiche come il Creatore. Diaz, al contrario, ci è sembrato quello meno in sintonia con il clima generale della serie: le sue tavole poco dinamiche, infatti, tradiscono l’evidente difficoltà ad adattare il suo stile più realistico a quello dei suoi due colleghi.

Fondazione Futuro non è sicuramente un volume da tramandare ai posteri, né un tassello imprescindibile della pluridecennale storia della Marvel, ma rappresenta l’ennesima dimostrazione che, quando le idee sono valide, è possibile realizzare una buona storia anche senza ricorrere ai big della casa editrice.

Leggi tutto...

Annunciato il primo fumetto prequel del videogame Marvel’s Avengers

  • Pubblicato in News

Dopo aver confermato il suo addio alla serie Tony Stark: Iron Man con il numero sedici, lo sceneggiatore Jim Zub ha stuzzicato i fan in merito a un misterioso progetto Marvel che presto lo vedrà impegnato. La casa editrice statunitense ha diffuso maggiori dettagli al riguardo nelle scorse ore e, come adesso sappiamo, si tratta di Marvel’s Avengers: Iron Man #1, ovvero un primo preludio a fumetti dell’attesissimo videogioco di Square Enix incentrato sui Vendicatori, Marvel’s Avengers, la cui data d’uscita ufficiale è fissata per il maggio dell’anno prossimo.

Come svelato dalla Casa delle Idee nel suo nuovo episodio di Marvel’s Pull List, Marvel’s Avengers: Iron Man #1 esordirà nelle fumetterie statunitensi a dicembre e farà da trampolino di lancio per gli Avengers videoludici, mostrandoci come protagonista principale l’alter ego di Tony Stark, Iron Man, il cui obiettivo primario si dimostrerà essere quello di recuperare la sua tecnologia finita nelle mani di alcuni malintenzionati. A disegnare la storia di Zub troveremo Paco Diaz (Marvel’s Avengers: Endgame Prelude), mentre la cover che vi mostriamo in calce all’articolo porta la firma di Stonehouse, copertinista visto all’opera sulla serie del Fichissimo Hulk.

Per il momento non è stato precisato se Marvel’s Avengers: Iron Man sarà strutturato come una serie regolare, una miniserie o un semplice one-shot. Nell’attesa di saperne di più, vi riportiamo la sua sinossi ufficiale.

“Il primo prequel dell’imminente videogame Marvel’s Avengers! Avengers Uniti! La strada per Marvel’s Avengers comincia qui, con una nuovissima storia che conduce direttamente agli eventi dell’attesissimo videogioco! Iron Man, Capitan America, la Vedova Nera, Thor e Hulk sono i potenti Avengers, ma quando la Legione Letale colpisce, ci vorrà più del loro tipico lavoro di squadra per salvare il mondo! Quando Tony Stark scopre che i suoi nemici si sono impadroniti della tecnologia Stark per i loro nefasti propositi, tocca a lui fermare il leak. Ma ci si può davvero fidare dei suoi compagni di squadra, oppure c’è qualcosa di ancor più sinistro in ballo? Non vorrete perdervi questo momento storico nella storia dei fumetti contenente il debutto degli Avengers videoludici, ma anche approcci inediti su alcuni classici antagonisti!”

marvavenim2019001 cov

Leggi tutto...

Nuova serie dedicata a Solo, di Gerry Duggan, Geoffrey Thorne e Paco Diaz

  • Pubblicato in News

Esce il prossimo 12 ottobre il primo numero della nuova serie Marvel dedicata a Solo. Autori della storia sono Gerry Duggan e Geoffrey Thorne, mentre i disegni e la main cover sono di Paco Diaz.

Il nuovo design, realizzato graficamente da Paco Diaz, riprende quello visto su Deadpool e realizzato da Mike Hawthorne, ma i colori tornano allo schema originario della versione del co-creatore Marc Silvestri.

La presentazione ufficiale della serie recita:
"L'uomo della guerra al terrorismo" porterà a termine la missione! Proprio così, James Bourne, aka Solo, si trova, solitario, al posto che gli compete. Letali armi aliene stanno per finire in mano a delinquenti comuni e Solo va sotto copertura per localizzarne la fonte. Le cose stanno per riscaldarsi e Solo potrebbe aver bisogno di un aiuto.
Deadpool è stato solo l'inizio. Non avrete visto niente finché non avrete conosciuto Solo!"

Solo #1 debutterà con diverse cover variant realizzate da Rob Liefeld, Ron Lim e Mike Deodato.

Leggi tutto...

Spider-Island #1: primo sguardo

  • Pubblicato in News

Sono state diffuse in esclusiva da CBR le prime tavole non letterate di Spider-Island, miniserie legata a Secret Wars, in uscita negli USA il prossimo 8 luglio.

Ambientata nello scenario di una delle recenti saghe di Spider-Man, Spider-Island, Christos Gage (testi) e Paco Diaz (matite) ci raccontano cosa sarebbe successo se l'invasione di Manhattan, ordita dalla Regina Ragno, di milioni di ragni impazziti, avesse visto Peter Parker soccombere.

Con Spider-Man ormai fuorigioco, sarà Flash Thompson, A.K.A. VENOM, in grado di avere una possibilità di vittoria? Inoltre, ecco apparire Mayday Parker e la sua Spider-Family per gentile concessione di Tom Defalco, Ron Frenz e Sal Buscema.

Nella gallery in basso, oltre ad alcune pagine dell'albo, ecco le cover realizzate per l'occasione da Humberto Ramos, Edgar Delgado e Ron Frenz.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.