Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

Vecchio Occhio di Falco 1, recensione: La vendetta di Clint Barton

 MNOWI057ISBN 0

Il primo decennio degli anni 2000 è stato un periodo di grande rinnovamento in casa Marvel, fortemente voluto dalla coppia Bill Jemas/Joe Quesada (rispettivamente nuovi presidente e editor-in-chief) per dare una scossa ad una casa editrice che era rimasta impantanata nella crisi che aveva investito il settore negli anni '90. Pantano finanziario, sfociato nel fallimento, e soprattutto creativo, con una linea editoriale autoreferenziale e ripetitiva che non aveva saputo aprirsi a nuove suggestioni narrative provenienti tanto dalle realtà più coraggiose dell’editoria indipendente quanto dagli altri media. Al contrario, Jemas e Quesada lavorarono proprio in quella direzione, dando carta bianca ad autori considerati fino a quel momento “di culto”, che avrebbero portato una visione fresca ed inedita delle vecchie icone dell’editore. Fra tutti i nomi coinvolti in quel periodo, quelli che rimangono nella storia della casa editrice sono senz’altro Brian Micheal Bendis e Mark Millar. Se Bendis ha legato il suo nome alla Marvel per ben 18 anni, prima di passare alla DC nel corso dello scorso anno, l’apporto di Millar, oggi conosciuto anche presso il pubblico generalista per le versioni cinematografiche di sue creazioni come Kick-Ass, Wanted e Kingsmen, fu più breve ma altrettanto significativo.

old-man-h 1

Tanti i successi inanellati dallo scrittore scozzese in quel periodo: The Ultimates, la versione “definitiva” degli Avengers che ne ha ispirato anche la versione cinematografica, Civil War, evento spartiacque per la storia dell’editore, e Old Man Logan, una versione invecchiata e spezzata nell’anima di Wolverine che si aggira in uno scenario post-apocalittico alla Mad Max in cui i criminali sono al potere, dopo aver massacrato tutti i principali eroi. La saga conobbe un ottimo successo di critica e di pubblico, tanto da diventare un classico istantaneo ed ispirare Logan, l’ultima sortita cinematografica di Hugh Jackman nei panni del mutante artigliato.

Il personaggio di Vecchio Logan avrebbe conosciuto un revival in seguito, tanto da sostituire per qualche anno il momentaneamente defunto Wolverine nell’universo Marvel regolare, come conseguenza dell’evento Secret Wars. Il concept ideato da Millar e reso graficamente da Steve McNiven aveva ormai fatto breccia nelle preferenze dei lettori, e non ha stupito più di tanto l’annuncio, fatto lo scorso anno, dell’uscita del prequel della storia originale. Ma come è evidente già dal titolo, in Old Man Hawkwye non è l’anziano Wolverine ad essere il protagonista, ma il vecchio e ormai non vedente Clint Barton, l’ex Vendicatore noto come Occhio di Falco, che nella serie originale accompagnava Logan nel suo viaggio.

old-man-h 2

Ethan Sacks, giornalista alla prima prova importante come soggettista, firma i testi della miniserie, mentre la parte grafica è affidata al nostro Marco Checchetto, ormai un habitué in Marvel che lo ha inserito nel gruppo degli Young Guns, giovani promesse che saranno al centro dei progetti futuri dell’editore. Facciamo così ritorno nelle Terre Desolate alcuni anni prima delle vicende di Old Man Logan, dove ritroviamo un Occhio di Falco non ancora affetto da cecità. È il Clint Barton di sempre, il simpatico spaccone di tante formazioni degli Avengers, ma non è più l’arciere di una volta: la sua mira non è più infallibile a causa di un glaucoma che a breve gli farà perdere la vista. Stanco di una vita dimessa e piena di rimpianti, primo su tutti il dolore per il ricordo degli amici e compagni caduti tra cui la sua amata Natasha Romanoff, Clint decide di chiudere i conti finché ne è in grado. Si imbarca così in un viaggio on the road alla caccia dei responsabili del massacro degli eroi di tanti anni prima, armato solamente del suo arco: inutile dire che lungo la strada incontrerà molte delle sue vecchie conoscenze, alcune amiche, altre decise a fermarlo a tutti i costi. Tra questi Bullseye, lo spietato sicario avversario di Daredevil, riciclatosi come “tutore” di una legge corrotta dalla presidenza del Teschio Rosso.

old-man-h 3

Se era lecito provare in partenza un pregiudizio nei confronti di Vecchio Occhio di Falco, considerandolo come semplice sfruttamento di un concept di successo, quel pregiudizio cade completamente dopo la lettura: nonostante la poca esperienza nel settore, Sacks imbastisce una trama scoppiettante e avvincente, staccandosi dal predecessore Millar e non disdegnando di giocare con la vasta continuity dell’universo Marvel. Un western distopico che stupisce e diverte, straordinariamente messo in scena da un Marco Checchetto alle prese con una prova decisiva della sua carriera, forse quella che segna la sua definitiva maturazione. Il disegnatore veneto si scatena letteralmente, tra splash-page di straordinario impatto visivo e vignette widescreen di profondo respiro cinematografico, senza contare gli azzeccati restyling di personaggi classici come Venom e Bullseye, quest’ultimo modellato per sua stessa ammissione sulle fattezze di un’ icona dello spaghetti western come Lee Van Cleef. Le spettacolari tavole di Checchetto trovano un abbellimento ideale nei colori di Andres Mossa, perfettamente calibrati per esaltare l’ambiente sporco e arido delle Terre Desolate.

Panini Comics presenta Vecchio Occhio di Falco in un cartonato dall’ormai consueto formato soft-touch[, con  preziosi extra rappresentati da un’intervista a Checchetto e dai suoi studi sui personaggi.

Leggi tutto...

Anteprima di Hawkeye #1

  • Pubblicato in News

Esce oggi in America Hawkeye #1 albo che vede come protagonista, per la prima volta di una testata tutta sua, Kate Bishop già comprimaria della vecchia serie con Clint Barton e di quella dei Giovani Vendicatori.
La serie, ambientata a Los Angeles sarà scritta da Kelly Thompson per i disegni di Leonardo Romero e Jordie Bellaire.

Nella gallery in basso potete vedere un'anteprima dell'albo, le cover sono ad opera di David Aja, Julian Totino Tedesco, Leonardo Romero, Marco Rudy, Marguerite Sauvage e Mike McKone.

Leggi tutto...

Il Nuovissimo Occhio di Falco 3, anteprima esclusiva italiana

  • Pubblicato in News

Nuova anteprima per il nuovissimo Marvel Universe con i riflettori puntati su Occhio di Falco per il terzo numero della nuova serie a lui dedicata, il primo con gli albi targati All-New, All-Different.

"L’inizio della fine per il Team Occhio di Falco? • Il “Progetto Communion” ha incrinato in maniera forse irreparabile il rapporto tra Clint e Kate... • ...e gli errori del passato rischiano di avere enormi conseguenze future! • Inoltre, una vecchia conoscenza supercriminale più agguerrita che mai."

Nella gallery in basso potete leggere un'anteprima esclusiva in italiano dell'albo scritto da Jeff Lemire e disegnato da Ramon Pérez.

Leggi tutto...

Occhio di Falco 12

Giunge infine la conclusione di una serie che ha fatto incetta di premi, osannata nel mercato mainstream e guardata con interesse anche chi il fumetto delle "big two" americane solitamente lo snobba o più semplicemente lo trova troppo schematizzato, caciarone e noioso.
Partiamo con un dato di fatto: la serie Hawkeye ha portato a casa nel corso dei suoi tre travagliati anni di pubblicazione (il ritardo degli ultimi numeri per permettere a David Aja lo studio del linguaggio dei sordomuti così da poterlo utilizzare nel fumetto diverrà una leggenda sulla follia che alberga negli angoli bui della mente di un disegnatore) svariati premi come l'Eisner Award per diverse volte di fila.

Pop, brillante ed -apparentemente- fresca, la “season one” (com'è oramai di moda considerare questo genere d'esperimenti) di Occhio di Falco è riuscita nel difficile tentativo di ridare charme al personaggio (i cui rari momenti di gloria risalivano oramai alla gestione Brian Michael Bendis dei Vendicatori) e di creare un prodotto interessante non soltanto per i Marvel zombie ma per tutti gli amanti del fumetto in generale. Una serie complessa e difficile che non è succube dell'ipersteroideo dictat del fumetto supereroistico classico in cui tutto esplode con boati sempre più grandi.

HAWKEYE2012022-int2-2-4baf8

Per prima cosa Occhio di Falco si ritaglia una nicchia che solo pochi fumetti negli ultimi anni sono riusciti a guadagnarsi (Thunderbolts di Warren Ellis & Mike Deaodato, Secret Warriors di Bendis, Jonathan Hickman e Stefano Caselli) ovvero il prezioso spazio di un lavoro che vuole e riesce a prendersi gioco dei suoi punti fermi iniziali, capace di abbandonarli e di ritrovare una nuova e più brillante veste per un personaggio (ed uno stile fumettistico) vecchio di una cinquantina di anni.
L'esperimento fatto su Occhio di Falco non è di per sé una novità assoluta (i più vecchi ed appassionati ricorderanno la famosa run di Jim Steranko su Nick Fury uscita negli anni '60, ed ovviamente non avranno esitato a sfoderare il paragone) ed è un fumetto che a seconda della decade in cui sarebbe uscito avrebbe ricevuto diverse accoglienze ma ora, nel 2015, Occhio di Falco è un prodotto originale che attinge dal passato per dare nuovo lustro al presente.
Come possiamo non amare il vecchio Clint che ci presenta Matt Fraction? Occhio di Falco è la sublimazione del fallimento. Clint Barton è l'uomo comune, il colletto bianco degli Avengers: un fallibile signor nessuno in un mondo di Dei e Super Soldati.

L'intuizione di Fraction, è che il personaggio – al contrario di come comunemente potremmo pensare e sarebbe più facile presentarci- è solamente un uomo con un arco. Solo quello. Niente di speciale, magari una mira sopraffina ma non è un caso che la serie si basa su ciò che è clint fuori dal suo “lavoro” di supereroe.
L'intera run prende questo Vendicatore troppo bravo per essere un normale sbirro, ma troppo poco potente per non finire perennemente nei guai seri anche nelle missioni più insignificanti, spogliato dei suoi abiti e catapultato in una dimensione a sua misura fatta di bollette, problemi con ex mogli, femmine fatali e mafiosi dell' est europa.
Tutti (e su tutti questo numero) gli episodi che la pluripermiata coppia Fration e Aja si basano sull'eterno fallire del personaggio, delle sue vittorie a metà e del suo sovraumano ma normalissimo potere di continuare a lottare nonostante tutto: Occhio di Falco è la middle class. Piccole gioie e piccole battaglie in un universo che vede superfamiglie di plurimiliardari con poteri cosmici fronteggiare enità come Galactus il divora mondi.

HAWKEYE2012022-int2-3-1f174

Barton è l'uomo comune: schiacciato dal peso delle sue scelte (ricordiamo che è lui che dà inizio alla faida con i “Bro”), pressato dalle aspettative altrui (“Hey, ma tu non sei dei vendicatori?”), invischiato in relazioni che non riescono mai ad essere “l'amore della vita” (ogni donna di Occhio di Falco ha verso di lui l'affetto dell'amante ma ancor di più della tutrice, così le ex come quella attuale, che si traducono in rapporti mai maturi abbastanza) ed alle prese con il “futuro” (ovvero la giovane ribelle Kate che meriterebbe più spazio – il suo percorso di crescita si è completato il numero scorso a differenza di quello di Clint che non si chiuderà mai - e le cui avventure in questo numero collimano con quelle di Barton). Questo è il fascino intrinseco delle trame imbastite da Fraction. Un uomo come tanti che, capace di tirare con l'arco, deve fronteggiare i drammi della vita di tutti i giorni e – come se non bastasse, senza la possibilità di riprendersi- deve combattere contro mafiosi e terroristi.

In quest'ultimo capitolo l'universo di Occhio di Falco raggiunge la sua summa della sintesi in una guerriglia urbana nel condominio di cui è oramai “protettore” contro la carica dei Bro e del loro silenzioso sicario. Ancora una volta, laddove altri autori cercano le esplosioni cosmiche le vicende nel nostro si concludono tra le quattro mura domestice... ancora meglio: lo scontro finale è una rissa priva di ogni epicità. Le scelte coraggiose e coerenti del narratore tengono il personaggio in un'ottica realistica e digeribile, cosa altrimenti compromessa se si fosse scelto di scatenare Clint come se fosse un superuomo... ed ancora, il finale agrodolce e rassegnato (l'emblematico addio con l'amato/odiato fratello) e le ultime, meravigliose ed evocative pagine, sono la conclusione perfetta di una saga che ci ha fatto innamorare di uno dei personaggi meno sfruttati dell'universo Marvel. E anzi, il fatto che l'unica ad avere la sfrontatezza e a cui vengono concesse le esplosioni “hollywoodiane” è Kate rende i due personaggi più distanti, di due generazioni differenti. Due Occhio di Falco per due generi di lettori diversi che imparano l'uno dall'altro e convivono con le responsabilità reali e surreali che gli vengono attribuite (o che scelgono): soldi, supernemici, amore, esplosioni cosmiche, bollette, Skrull, fratture, mutanti, problemi di emancipazione... ed il mitico cane Lucky (forse vero outsider del fumetto).
Anni fa (troppi anni fa) si leggevano con gusto i fumetti di Spider-Man perché era un ragazzo speciale ma con “problemi comuni”. Si creava un rapporto tra un personaggio che era un eroe ma che poteva potenzialmente essere anche un lettore, con tutti i problemi che l'adolescente medio poteva ritrovarsi: soldi, amore, bulli e scuola. Sarebbe bello pensare che Fraction abbia scritto il suo Occhio di Falco per quei lettori che, una volta cresciuti, cercassero nuovamente un punto di riferimento.

HAWKEYE2012022-int2-4-8cc0d

La narrazione in questa serie è il bagnato sogno del più ispirato Scott McCloud. Lo spagnolo David Aja (due volte premio Eisner) diventa presto la superstar del fumetto e laddove Fraction scrive la sua miglior storia negli ultimi dieci anni e la miglior caratterizzazione di Clint Barton in cinquant'anni di storia editoriale, coglie il guanto di sfida e si supera ogni volta che tocca la matita. Per analizzare il suo lavoro è impossibile limitarsi solo al numero 12. Aja prende a piene mani il concetto di “narrare per immagini” e ci fa quello che vuole, come vuole, tanto che ad un certo punto persino Fraction deve farsi da parte e lasciare il disegnatore a sbizzarrirsi in ogni modo. In un periodo in cui un'unica intuizione decreta il gusto e lo stile del disegno (l'anima) in un fumetto, Aja fa l'impossibile svariate volte inventando di tutto: dal retro pop, all'avventura vista dagli occhi del cane Lucky, agli intervalli con le pellicole in negativo fino ad arrivare agli ultimi numeri in cui – visto che Clint ritorna in parte sordo - le vignette sono intervallate da messaggi rivolti al lettore con il linguaggio delle mani disegnato. Una struttura di vignette che fa impallidire il Miller più spinto, zoomate, particolari, pagine da 19 vignette che avrebbero decretato il suicidio di qualsiasi disegnatore di fumetti ma che Aja affronta a testa alta e petto in fuori creando un prodotto unico. Ogni volta che si legge un volume di Occhio di Falco disegnato da questo genio della matita c'è da ridiscutere l'estetica della vignetta, la composizione della tavola e la suddivisione della storia ed ogni volta Aja ne ha ragione.

Tirando infine le somme questo vecchio (ma nuovo) Occhio d Falco si riconferma nel suo dodicesimo (ed ultimo, sigh!) numero un acquisto necessario a tutto tondo, un anello di giunzione plurigenerazionale tra chi amava i fumetti negli anni 80 e chi ha iniziato a leggerli solo adesso, una serie che è forse non necessaria nell'ottica del Marvel Universe ma un piacere innegabile in un senso più alto di lettura, amore e curiosità verso il fumetto.
Questa gestione di Clint ci lascia con risultati importanti, su tutti un successo di pubblico e critica che raramente concordano, una caratterizzazione seria ed interessante di personaggi come Kate che trovano finalmente una ragion d'essere e un loro posto riconoscibile in un universo che sforna eroine a gogò e, dulcis in fundo il primo, personaggio artisticamente e genuinamente accettabile del grande piano d'incastri di Kevin Feige ed il suo universo cinematografico Marvel espanso (perché si, questo Occhio di Falco è l'Occhio di Falco di Age of Ultron anche se con le dovute differenze è “il cuore umano” degli Eroi più Potenti della Terra).

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.