Menu

 

 

 

 

Image Comics: The Fix, nuova serie di Nick Spencer e Steve Lieber

  • Pubblicato in News

Continuano le anticipazioni in casa Image Comics, e questa volta tocca a quella che dovrebbe essere una serie scritta da Nick Spencer e disegnata da Steve Lieber, team creativo già al lavoro su Superior Foes of Spider-Man, dal titolo The Fix.

Anche questa collaborazione rientra tra quelle in cui "si va alla Image per conoscersi meglio, affinare il rapporto, come in un viaggio di nozze".

Nessun altra informazione è stata diffusa in merito ai contenuti di questa opera, di sicura non si occuperà di sterilizzazione dei beagles, come si evince dall'immagine promozionale.

thefix

Leggi tutto...

Secret Identities: ecco svelato il nuovo progetto Image

  • Pubblicato in News

Dopo i misteriosi teaser della scorsa settimana, in un'intervista esclusiva per CBR, Brian Jones, Jay Farber e Ilias Kyriazis ci rivelano la loro ultima fatica per la Image Comics: Secret Identities.

È Farber a rivelarci le prime informazioni sulla genesi e sinossi dell'opera: "[...] Dopo aver lavorato su altri generi per alcuni anni, volevo scrivere un altro fumetto sui supereroi, ma il mio carico di lavoro è piuttosto pesante così ho pensato che avrebbe avuto senso una collaborazione. Brian ed io siamo amici da anni e da sempre ci passiamo materiale tra di noi, quindi fare diventare 'ufficiale' questa collaborazione non è stato così difficile. Abbiamo preso in considerazione diverse idee prima di accordarci su di un team, in cui sa dall'inizio che un membro è un traditore.[...] Una delle cose più divertenti è stata la creazione del gruppo. Alcuni personaggi sono stati suggeriti e concepiti da me, alcuni da Brian, altri da Illis. Il nome del team è Front Line, riunito prima delle vicende narrate, per contrastare una minaccia aliena. La loro base è Toronto, perchè è lì che l'invasione ha avuto inizio, ma non è esattamente un super gruppo canadese. Questa non è Alpha Flight, solo alcuni membri provengono dal Canada".

L'intervista continua sulla divisione dei lavori che vede Jones e Farber tratteggiare l'intero story arc che poi sarà diviso in parti più piccole, relative a scene e personaggi particolari. Dopo che tutti hanno visionato ogni parte della sceneggiatura ed essersi accertato che tutto scorra per il verso giusto, viene passato ad Illis che trasforma le parole in immagini.

Si continua con ulteriori e più precisi dettagli sui membri di Front Line che appare una buona amalgama di soggetti, tra eroi pubblici o con un passato oscuro, alieni ed ex-criminali.
Eccovi due esempi: Luminary, la super-potente figlia del presidente, idola dell'intera America mentre Helot è la coperina di album metal che ha preso vita, una vera e propria arma umana.   
Gli altri membri del team sono: il forzuto Punchilne, l'alieno Gaijin, il mostruoso Vesuvius, l'oscuro vigilante Recluse, il velocista Rundown e l'ultimo arrivato Crosswind, un luminoso supereroe con un oscuro segreto.

Nessuna informazione particolare riguardo ai villain della serie, ci viene solo detto che alcuni compariranno lungo tutto l'arco della storia mentre altri no, e che possono essere nemici dell'intero team o di un solo membro.
In chiusura, l'ultima domanda che si incentra sulle difficoltà di gestire trame con cast folto di personaggi, questa è la risposta di Joines: " [...]Non tutti i numeri devono includere tutti i personaggi.  A volte la storie principale si focalizzerà solo su uno o due di loro. In questo modo possiamo farvi conoscere ogni personaggio senza essere distratti dagli altri sette personaggi che gli ronzano attorno. Questo significa che ogni azione del singolo influirà sulle dinamiche dell'intero team."

Secret Identities uscirà nelle fumetterie americane il 18 febbraio se volete un'anteprima dei personaggi disegnati da Kryazis, qui sotto potete trovare una gallery con alcuni bozzetti diffusi da CBR.

Secret-Identities-1-cover-83ab4

Leggi tutto...

I nuovi teaser misteriosi della Image Comics

  • Pubblicato in News

Non bastava la Marvel con i suoi teaser che anticipano un'estate 2015 ricca di eventi strettamente connessi con le saghe più rilevanti del passato. Ora anche la Image Comics ha deciso bene di diffondere in rete dei misteriosi teaser di cui poco al momento si sa.

Punchline, Luminary, The Recluse, Vesuvius, Rundown e Gaijin. Questi sono i nomi dei personaggi apparsi in questi teaser tutti simili ma ognuno incentrato su di una singola figura. Non si sa se questi facciano tutti parte del medesimo universo o siano addirittura membri della stessa squadra; di sicuro sono strettamente collegati gli uni agli altri a giudicare dallo stile dei teaser che è sempre lo stesso.

Per ora noi ci limitiamo a mostrarvi le immagini. Appena saranno disponibili ulteriori informazioni ve le forniremo.

Leggi tutto...

NYCC: Panel Image, le muse di Vaughan e Bitch Planet

  • Pubblicato in News

Al NYCC non poteva mancare il panel della Image Comics. Ecco il meglio degli annunci e delle novità dalla conferenza.

Ben Acker e Ben Blacker, scrittori di The Thrilling Adventure Hour, hanno presentato le cover di The Thrilling Adventure Hour Presents… Sparks Nevada: Marshal on Mars e The Thrilling Adventure Hour Presents… Beyond Belief, due nuove serie Image previste per febbraio 2015 e che si originano dal podcast sulla serie principale tenuto dai due autori. Un tentativo di conferire una controparte visiva al podcast. Nei fumetti ci saranno nuove storie e non gli episodi più seguiti del podcast.

66-Thrilling-Adventure-Hour-f7835

Kyle Higgins ha invece presentato il C.O.W.L. #6 che sarà realizzato come un numero one-shot in stile fumetto del '62 ed uscirà a novembre. Il numero conterrà l'origine di Gray Raven, anche se l'autore ha detto che non sarà un ritratto particolarmente veritiero. Il numero sarà completamente realizzato come se fosse uscito nel 1962, anno in cui si svolge la storia, con inserzioni pubblicitarie che rimandano a fumetti Image sempre nello stesso stile.

Jamie McKelvie ha invece parlato del suo artwork di The Wicked + The Divine. L'autore ha rivelato che la moda è un punto fondamentale nel rendere la storia narrata nella serie. In particolare "ci sono tutti questi elementi fantastici e io volevo che gli elementi reali dovessero apparire reali. Quindi le varie location sono luoghi reali e anche i vestiti lo devono essere". Ha poi aggiunto: "Credo che sia molto importante che i personaggi abbiano il loro stile, perchè il mezzo visivo permette ai vestiti dei personaggi di rivelare le loro personalità".

Brandon Montclare ha poi descritto l'estetica anni '80 del suo Rocket Girl. "Per circa un quarto della storia, l'ambientazione è quella di un 2014 alternativo, molto high tech. Ma non è altro che una versione anni '80 del futuro, quindi anche quando si realizza la parte non basata sulla realtà, ci si basa comunque sulla science fiction anni '80".

Sempre al NYCC si è parlato di Bitch Planet, la nuova serie di Kelly Sue DeConnick e Valentine De Landro, già annunciata al SDCC,  che riformano un team creativo per la terza volta per realizzare una storia incentrata su di un gruppo di donne imprigionate in un carcere sci-fi.
Potete vedere nella gallery delle tavole tratte dall'anteprima. Il primo numero uscirà il 10 dicembre negli store americani.

Infine vi riportiamo alcune dichiarazioni rilasciate da Brian K. Vaughan relativamente alle sue muse e all'origine delle sue idee per la scrittura di Saga in particolare.

La famosa e acclamata serie dell'autore è stata definita da lui stesso in passato una storia a metà tra Games of Thrones e Star Wars, sebbene ora chiarisce che il primo non lo ha ancora visto.
Sul processo di scrittura ha detto: "Non inizio mai con un concept della storia, comincio con: che cos'è che mi rende triste ma che i miei amici non vogliono sentire? Per Y ero appena stato mollato e ho pensato, posso farci entrare tutto questo in una storia con una scimmia?"

Per Saga invece, "mia moglie ed io abbiamo avuto dei bambini, il che è terrificante. Ma nessuno vuole sapere dei tuoi figli". La storia che analizza il rapporto di un nucleo familiare appena costituitosi "ma con pistole laser" sembrava piuttosto "terribile" per Vaughan, ma l'artista Fiona Staples l'ha resa realtà.
Il conflitto tra le due razze belligeranti del mondo di Saga proviene dallo svogliato Vaughan teenager, ma la serie lo ha reso una moderna versione di "Rosencrantz e Guildenstern" e, ancora una volta, la Staples lo ha reso magnifico.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.