Menu

 

 

 

 

Lucca incontra Angoulême: sarà Gipi il Guest of Honour 2020

  • Pubblicato in News

Riceviamo e pubblichiamo:

"LUCCA INCONTRA ANGOULÊME. CONTINUA IL GEMELLAGGIO TRA I DUE FESTIVAL EUROPEI DEDICATI ALLA NONA ARTE
 
Sarà Gipi il Guest of Honour 2020 di Lucca Comics & Games al Festival international de la bande dessinée d’Angoulême. Ideale ambasciatore del festival lucchese e portavoce del fumetto italiano in Francia.

Lucca, 28 gennaio 2020 - Continua il gemellaggio tra Lucca Comics & Games e il Festival international de la bande dessinée d'Angoulême, lanciato nel corso dell’edizione 2019 della manifestazione toscana, e nato per valorizzare a livello europeo il fumetto italiano e quello francese.
 
Dal 30 gennaio al 2 febbraio il Lucca Guest of Honour ad Angoulême sarà GIPI (Gian-Alfonso Pacinotti), designato da Lucca Comics & Games come suo ideale ambasciatore e portavoce del Fumetto Italiano in Francia. Una partnership che collega come un “filo rosso di creatività e arte” la presenza straordinaria dell’autore toscano alla partecipazione di Alex Alice come Angoulême Guest of Honour a Lucca Comics & Games 2019.
 
La scelta di GIPI come Lucca Guest of Honour è il naturale proseguimento di un rapporto tra l’autore e Lucca Comics & Games nato già nel 2005, quando fu insignito del Premio Gran Guinigi come miglior autore unico e reso ancor più saldo l’anno successivo, quando fu chiamato a realizzare uno dei più iconici poster del festival. Ma è soprattutto un riconoscimento del suo lavoro in tutti i campi artistici: non solo è uno dei più noti fumettisti italiani nel mondo (i suoi libri tutti pubblicati con Coconino Press hanno ottenuto numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali), ma ha saputo distinguersi come autore di giochi da tavolo (Bruti, realizzato in crowdfunding), regista cinematografico (L’ultimo terrestre e Il ragazzo più felice del mondo, entrambi prodotti da Fandango) e autore di straordinari cortometraggi di satira per il web e la TV.
 
Nel corso della quattro giorni francese, GIPI sarà al centro di un imperdibile incontro previsto sabato 1 febbraio e di una serie di firmacopie, resi possibili grazie alla collaborazione con Futuropolis e con Casterman, i suoi editori francesi.
 
GIPI (Gian-Alfonso Pacinotti) nasce a Pisa nel 1963. Nel 1994 inizia a pubblicare vignette e racconti brevi sulla rivista satirica Cuore. Le prime storie a fumetti escono sul mensile Blue e poi su altre testate e giornali italiani. Il suo libro Appunti per una storia di guerra (edizione francese con Actes sud) è stato premiato con il Fauve d’Or per il Miglior fumetto dell’anno ed il Premio Goscinny per la Miglior sceneggiatura al Festival internazionale di Angoulême nel 2006.
Tra gli ultimi libri: Unastoria, candidato al Premio Strega 2014, segnando la prima volta di un fumetto in lizza per aggiudicarsi il più prestigioso riconoscimento letterario italiano; La terra dei figli (2016) tradotto in 18 lingue e il recentissimo Momenti straordinari con applausi finti, che ha immediatamente guadagnato il plauso di critica e pubblico."

Leggi tutto...

La Terra dei Figli, la prima immagine del film tratto dal fumetto di Gipi

  • Pubblicato in Screen

È stata annunciata la fine delle riprese del film La terra dei figli diretto da Claudio Cupellini e tratto dal graphic novel di Gipi edito da Coconino Press. Nel cast della pellicola troviamo Leon de La Vallée, Paolo Pierobon, Maria Roveran, Fabrizio Ferracane, Maurizio Donadoni, Franco Ravera, Valerio Mastandrea e Valeria Golino.

Diffusa anche la prima immagine del film.

kzCWVleA

Sinossi

La fine della civiltà è arrivata. Non sappiamo come. Un padre e suo figlio, un ragazzino di quattordici anni, sono tra i pochi superstiti: la loro esistenza, su una palafitta in riva a un lago, è ridotta a lotta per la sopravvivenza. Non c’è più società, ogni incontro con gli altri uomini è pericoloso. In questo mondo regredito il padre affida a un quaderno i propri pensieri, ma quelle parole per suo figlio sono segni indecifrabili.
Alla morte del padre, il ragazzo decide di intraprendere un viaggio verso l'ignoto alla ricerca di qualcuno che possa svelargli il senso di quelle pagine misteriose. Solo così potrà forse scoprire i veri sentimenti del padre e un passato che non conosce.

"Il film LA TERRA DEI FIGLI è una storia di formazione in cui la bellezza e la meraviglia, rappresentate da un adolescente solo al mondo, combattono contro le tenebre di una terra che sembra implacabilmente ostile. Il film che abbiamo appena terminato di girare è però anche una storia di avventura titanica e appassionante, un grande viaggio fisico e sentimentale, che parla di argomenti che appartengono sempre più al sentire comune: il futuro del mondo che lasceremo ai nostri figli e l’importanza della memoria".

Claudio Cupellini
 
Claudio Cupellini nasce a Padova dove studia Storia e Critica del Cinema presso la Facoltà di Lettere. Nel 2002 si diploma in regia al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.
Nel 2010 il suo film Una vita tranquilla con Toni Servillo, Marco D'Amore e Francesco Di Leva viene presentato al Festival di Roma dove si aggiudica il Marc'Aurelio d'Argento per il migliore attore a Toni Servillo. Nel 2015 torna in concorso al Festival di Roma con Alaska interpretato da Elio Germano e Astrid Berges-Frisbey. Dal 2014 è tra i registi di Gomorra - La serie.
 
Scritto da Filippo Gravino, Guido Iuculano e dallo stesso Cupellini, La terra dei figli è una produzione Indigo Film con Rai Cinema, in coproduzione con WY Productions.

L'omonima graphic novel di Gipi è edita da Coconino Press/Fandango

Si ringraziano la Polesine Film Commission e l'Emilia-Romagna Film Commission per il prezioso supporto in fase di riprese.

Leggi tutto...

Momenti straordinari con applausi finti, recensione: la nuova opera di Gipi

momenti-gipi

A tre anni di distanza da La Terra dei Figli, Gipi torna a scrivere un racconto lungo dal titolo Momenti straordinari con applausi finti pubblicato, come consuetudine, da Coconino Press.
Abbandonato lo scenario post-apocalittico del suo precedente lavoro, l’autore torna nel nostro presente, ma soprattutto a una dimensione più intima e personale rispetto alla narrazione volutamente più distaccata e lineare de La Terra dei figli. Gipi decide di mettersi nuovamente in gioco, ma soprattutto di mettere letteralmente tutto se stesso nel suo lavoro: se è vero che il protagonista - fisicamente identico al suo autore - non ha il suo stesso nome, è chiaro che si tratti di una sorta di alter-ego, o meglio di un filtro per potersi distanziare a proprio piacimento dal racconto, seppur le vicende personali e autobiografiche non solo sono reali, ma riportate in certi casi con una voluta aderenza alla realtà.

Per l’occasione ritornano anche formule già adoperate nelle sue precedenti opere, in particolare La mia vita disegnata male e unastoria, dove si intrecciavano linee narrative e stili diversi. Ma è principalmente con S. (2006) che Momenti straordinari con applausi finti trova il suo contraltare ideale in particolar modo per la tematica comune, molto sentita dall’autore, della perdita di un genitore, a cui si affiancano quelle relative al senso di famiglia e di crescita. Se in S., però, la perdita del padre veniva trattata in maniera malinconica e quasi agiografica per certi versi, mettendo al centro la figura dell’uomo e la sua storia in una narrazione chiara per quanto frammentaria, nel suo ultimo lavoro Gipi percorre una strada nettamente differente e più ostica.

momenti-gipi-1

La figura della madre non diventa qui il centro della narrazione del libro quanto motore degli eventi. L’autore non focalizza la propria attenzione sulla donna, ormai negli ultimi giorni della sua vita, quanto su quella del figlio, incapace di affrontare a viso aperto un dolore così grande mascherandolo dietro a un’innaturale cinismo sfoggiato anche in pubblico. È proprio l’analisi di questo dolore che fa scaturire una profonda riflessione nell’uomo e nell’autore, un sentimento di smarrimento da cui nasce un’opera quasi catartica, intensa e amara, tanto cinica quanto poetica con protagonista un 56enne in cerca di un equilibro fra la sua storia e la sua eredità, fra passato e futuro, fra fanciullezza (simboleggiata da un bambino luminoso) e maturità.

momenti-gipi-2

La morte della madre per il protagonista segna anche la fine di un legame che lo tiene saldo alla Terra, come se la Storia – quella con la S maiuscola - fosse una catena a cui, ognuno di noi, ha il compito di aggiungere l'anello successivo per portarla avanti. Nel momento in cui scopre di non poter avere figli, una forza primordiale, simboleggiata da un uomo primitivo, celato nei nostri geni, si contrappone alla razionalità figlia della civiltà e della vita moderna. L’essere – parafrasando l’autore – il “finale di stagione” della sua “serie”, getta nuovo sconforto sul protagonista.

L’opera non porta a una risoluzione netta degli eventi, semmai è una fotografia di un instante, è un momento di vita di un uomo che magari, proprio attraverso la sua arte, riesce a trovare una prospettiva in cui guardare. Dicevamo che Momenti straordinari con applausi finti è un’opera catartica per l’autore, non a caso si conclude con quel bambino luminoso sopracitato, che è lo stesso protagonista 12enne, nella cui incoscienza della gioventù sembra risiedere la risposta ad ogni dilemma.

momenti-gipi-3

Se le varie linee temporali vengono rese graficamente da Gipi con stili contrastanti (matite sottili e graffianti/acquerelli con colorazioni differenti, quei "disegni belli/disegni brutti" già presenti in lavori precedenti), una novità è rappresentata da una scansione episodica molto più frequente che in passato.
La narrazione principale – al netto delle varie linee narrative che si sovrappongono – procede secondo una scansione temporale molto lineare e concisa. Suddividendo l’opera in brevi capitoli tematici, con una ritmica più rapida che nelle opere precedenti, l’autore riesce a dare un senso di ordine nonostante la frammentarietà di un’opera che nasce da un flusso di coscienza emotivo.

In una confezione cartonata con sovraccoperta (e doppia copertina) di pregio ad opera di Coconino Press, Momenti straordinari con applausi finti è fra i lavori più intensi di Gipi, che dimostra ancora una volta tutta la sua cifra autoriale, e fra le migliori proposte dell’anno.

Leggi tutto...

La cover del nuovo libro di Gipi

  • Pubblicato in News

Coconino Press ha mostrato la cover del nuovo libro di Gipi dal titolo Momenti straordinari con applausi finti, in vendita dal 25 ottobre e disponibile a Lucca Comics & Games.

Potete vedere la copertina qui di seguito.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.