Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

Aliens: salvezza e sacrificio, recensione: Alieni d'autore

aliens-salvezza-sacrificio-cover

Nel 1987 la Dark Horse, neonata casa editrice fondata da Mike Richardson e Randy Stradley che in pochi anni avrebbe fatto la storia dell’editoria indipendente, annuncia l’acquisizione dei diritti per la realizzazione di fumetti tratti dalla celeberrima saga cinematografica di Alien. Nasce così un fortunato franchise cartaceo che prosegue tutt’oggi le pubblicazioni e che, nella sua storia trentennale, ha coinvolto scrittori e disegnatori tra i più celebrati del settore, ha dato il via alla moda dei cross-over tra proprietà cinematografiche con Aliens Vs Predator e ha visto anche l’incontro dei letali xenomorfi con alcune tra le icone più importanti del mondo dei comics come Superman, Batman e Lanterna Verde. Saldapress, che da circa un anno propone in esclusiva per il nostro Paese il materiale relativo all’universo di Aliens, ha organizzato le pubblicazioni seguendo un doppio binario: da una parte le miniserie più recenti, dall’altra il recupero delle migliori proposte del passato. A questo secondo gruppo appartiene il pregevole volume dal titolo Aliens: Salvezza e Sacrificio, che propone le omonime miniserie opera di alcuni giganti del settore come Dave Gibbons, Mike Mignola, Peter Milligan e Paul Johnson, datate entrambe 1993.

Il volume si apre con Aliens: Salvation, storia apparsa dapprima in formato one-shot e successivamente serializzata in tre parti. Ai testi troviamo l’inglese Dave Gibbons, proprio il celebre illustratore di Watchmen, che da qualche anno aveva inaugurato una carriera parallela come sceneggiatore di opere non altrettanto indimenticabili, basti pensare al pur fortunato cross-over Batman Vs Predator da lui scritto per i disegni dei fratelli Adam e Andy Kubert. Alle matite un Mike Mignola in splendida forma, reduce dallo strepitoso adattamento del Bram Stoker’s Dracula di Francis Ford Coppola e che si apprestava a lanciare sul mercato la sua creazione più fortunata, Hellboy.

aliens-salvezza-sacrificio-1

Protagonista è Selkirk, uomo credente e timorato di Dio, membro dell’equipaggio dell’incrociatore spaziale Nova Maru, che viene costretto con la forza dal suo Capitano ad abbandonare la nave insieme a lui. I due naufragano su un pianeta abitato solo da specie animali, per la disperazione di un sempre più afflitto Selkirk, costretto a fare i conti con la difficoltà di sopravvivere in un ambiente ostile e con la follia crescente del Capitano, Foss. Ma ben presto scoprirà che il delirio dell’uomo è ben motivato, e che il carico mortale della Nova Maru, di cui Foss era a conoscenza, li ha raggiunti sul planetoide.  L’uomo di chiesa vedrà la sua fede e i suoi valori vacillare, quando capirà di essersi trovato al centro di interessi economici più grandi di lui e che l’unica salvezza possibile, forse, è quella dell’anima.

aliens-salvezza-sacrificio-2

Il plot di Gibbons ha un ritmo incalzante e si inserisce alla perfezione nella tradizione di Alien, mostrandone alcuni degli elementi più caratteristici: le traversie di un sopravvissuto scampato al massacro della sua comunità, la corporazione cattiva, il robot che finge di essere umano. In questo contesto l’autore inserisce, attraverso il travaglio interiore del protagonista, un interessante discorso sulla religione e su come la fede possa essere messa in dubbio dalle circostanze. In particolare, Selkirk scoprirà il vero volto del male assoluto, incarnato non dal diavolo delle scritture né tanto meno dall’alieno, quanto dai viscidi interessi commerciali della spietata Corporazione. La fama di Salvation, però, si deve soprattutto al comparto visivo, opera del sublime Mike Mignola. Ritroviamo qui tutte le peculiarità del suo tratto, che spinsero Alan Moore a definire il suo stile un “incrocio tra l’espressionismo tedesco e Jack Kirby”: la ricerca del chiaroscuro, il contrasto tra luce e ombra perfetto nei racconti di ambientazione gotica, si sposa alla perfezione anche con l’ambientazione sci-fi di questa storia.

aliens-salvezza-sacrificio-3

Di qualità ancora superiore è la storia successiva, Sacrifice, ad opera di Peter Milligan e Paul Johnson. Una vera chicca, dove la tematiche religiose accennate in Salvation vengono ulteriormente approfondite. La protagonista è Ann Mckay, naufraga su un pianeta sconosciuto del tutto simile alla Terra, che trova rifugio presso una comunità di uomini che vivono ai margini di un bosco. Ideale per l’ambientazione di una fiaba gotica nello stile dei Fratelli Grimm, il villaggio nasconde un oscuro segreto: gli abitanti, tramite un orrendo sacrificio che sconvolgerà Ann, tiene a freno la furia di un mostro assetato di sangue, temuto come una divinità malevola, che si nasconde nel bosco (all’arguzia del lettore il compito di scoprire di chi stiamo parlando). Novella Giovanna d’Arco, Ann si ribella ai disgustosi costumi della comunità e decide che un dio tiranno è un dio che deve essere ucciso: si addentrerà così nel bosco per sopprimere la feroce bestia, non prima di aver affrontato i suoi demoni interiori e un trauma del passato, a lungo dimenticato dalla donna ma riaffiorato nella sua mente dopo il suo arrivo nel villaggio.

aliens-salvezza-sacrificio-4

Piccolo pamphlet sulla natura del male, Sacrificio è uno dei prodotti migliori usciti dall’Aliens Universe a fumetti, attraversato da suggestioni letterarie colte e dalla raffinata prosa di Peter Milligan, esponente storico della british invasion. Come nella tradizione dei romanzi gotici il mostro (qui lo xenomorfo) è l’incarnazione della malvagità e dell’orrore che si annidano nell’animo umano, mentre il bosco, come simbolo onirico, è l’archetipo dantesco dell’ombra e dello smarrimento. È un ventre oscuro che inghiotte chi non riesce a sopravvivere a un percorso iniziatico e che può restituire, cambiato per sempre, chi ne è degno: Ann lo scoprirà a sue spese. A dare forma alla sceneggiatura ispirata di Milligan sono i pennelli di Paul Johnson, esponente di uno stile pittorico che era diventato piuttosto in voga in quegli anni, a seguito della forte influenza esercitata da opere come Arkham Asylum dipinta da Dave McKean. Le tavole di Johnson donano un’atmosfera da fiaba gotica e una forte suggestione evocativa allo script di Milligan, e ne costituiscono l’ideale suggello.

Saldapress porta per le prime volte sugli scaffali delle librerie Aliens: Salvezza e Sacrificio in un’edizione cartonata di pregio degna del valore di queste due opere, consegnando una double – feature imperdibile per tutti gli appassionati della saga degli xenomorfi e del buon fumetto in generale.

Leggi tutto...

Dave Gibbons su Doomsday Clock: "Non lo leggerò di certo"

  • Pubblicato in News

Durante il New York Comic Con, l'artista Dave Gibbons è stato raggiunto da Bleeding Cool che gli ha fatto qualche domanda sul nuovo evento DC Comics Doomsday Clock (qui l'anteprima), che promette di intrecciare i personaggi e gli eventi dell'iconico graphic novel Watchmen, scritto da Alan Moore su disegni dello stesso Gibbons, con la continuity del DC Universe canonico.

"Io non ne so nulla, non mi è stato mai detto nulla. Ne so come chiunque altro", ha specificato l'artista. "Credo che non ci sia nulla di male in questo, alla fine non è nulla di particolarmente speciale”, ha poi aggiunto. Quando viene incalzato sottolineando come già si sia ribattezzato come un sequel di Watchmen, Gibbons ha commentato "Beh, di certo non lo leggerò! Sei fortunato. Di solito rispondo solamente con un 'no comment' su queste cose".

Gibbons non sembra quindi interessato a questa nuova opera e di certo non è minimamente disposto a considerarlo come un sequel di una dei più importanti graphic novel di sempre.

Leggi tutto...

La DC Comics pubblicherà un libro da colorare di Watchmen

  • Pubblicato in News

Dopo l'operazione Before Watchmen, la DC Comics pubblicherà un nuovo volume dedicato a Watchmen, la celebre opera a fumetti del 1986 scritta da Alan Moore e disegnata da Dave Gibbons: un libro da colorare. In uscita a metà novembre, il volume costerà 15,99$ e si inserisce nella serie di pubblicazioni che i vari editori stanno proponendo per un pubblico adulto. Un genere di libri non diffusissimo in Italia.

Un'operazione che magari sarà vista da qualcuno con un occhio critico, e chissà come l'avrà presa Alan Moore...

(Via Bleedingcool)

Leggi tutto...

Dark Horse Presents: nuovo fumetto per celebrare la 200° uscita

  • Pubblicato in News

A febbraio la Dark Horse festeggerà un importante traguardo. La testata antologica Dark Horse Presents, infatti, raggiunge le 200 uscite e per celebrare degnamente l'evento sarà pubblicata un'opera inedita, Masks, realizzata da Gillian Flynn, qui al debutto come autore di comics, e disegnata dall'artista Dave Gibbons.

Un assaggio dell'opera era già stato pubblicato lo scorso aprile dal Guardian, in omaggio all'inaugurazione de Comics Unmasked: Art and Anarchy in the U.K. presso il British Museum.

La storia racconta le gesta di una madre che si trasforma in vigilantes.

Ritornando al numero 200 di DHP, completano il sommario: un follow-up di Hellboy, dal titolo The Coffin Man, di Mike Mignola e Gabriel Bá; Black Sky/Ape-X di Fred Van Lente e Miguel Sepulveda; Dream Gang di Brendan McCarthy; Sabertooth Swordsman di Damon Gentry e Aaron Conley; il primo capitolo di una nuova storia di Groo di Sergio Aragonés e Mark Evanier; Mind MGMT di Matt Kindt; una storia di una sirena di Gustavo Duarte; Semiautomatic di Alex de Campi e Jerry Ordway; Murder Book di Ed Brisson per i disegni di Michael Walsh.

L'uscita avrà ben due cover, una dedicata a Hellboy, disegnata da Bà, e una variant di Eric Powell per Ape-X.

dhp200-1

dhp200-2

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.