Menu

 

 

 

 

Saint Cole

Ethan Van Sciver lo conoscete tutti, importante fumettista americano che ha lavorato soprattutto per DC Comics, firmando opere come Green Lantern: Rebirth e The Flash: Rebirth. Quello che forse non tutti conoscono però è il fratello dell’artista, Noah Van Sciver, giovane cartoonist indipendente e alternativo, che emerge direttamente dall’underground più puro che gli States hanno da offrire. Coconino Press ha portato in Italia da poco uno dei suoi graphic novel più apprezzati all’estero, Saint Cole, pubblicato in originale da Fantagraphics. Una storia cruda e spiazzante, narrata con glaciale lucidità anche nei suoi deliri etilici, per nulla edulcorata o filtrata da alcun perbenismo o remora censurativa.

Protagonisti della stessa sono personaggi decadenti, vittime consumate dai propri sbagli, dai propri vizi e dall’incapacità di risollevarsi dalle proprie sventure, sempre più propensi a sprofondare nell’oblio più puro cercando una salvezza proveniente da fonti esterne, messa in moto da meccanismi più grandi di loro, quasi provvidenziali, che però potrebbe anche non arrivare mai. Persone che sguazzano nel quotidiano, senza ambizioni e senza grandi progetti, che si lasciano trasportare dal corso degli eventi, incapaci di reagire. E il protagonista Joe è il più rappresentativo di questa categoria di persone: cameriere in una pizzeria non particolarmente rinomata, alcolista disperato, padre di famiglia squattrinato e non in grado di badare al proprio figlio Oscar né alla sua ragazza Nicole, che si affida totalmente a lui senza contribuire più di tanto al nucleo familiare. Una sorta di inettitudine sveviana quella che accomuna tutti questi personaggi: abulia, incapacità di vivere appieno la propria esistenza, di cogliere i momenti salienti della stessa e le chance che gli sono offerte, sottomissione al grigiore routinario lavorativo e familiare, insoddisfazione e sofferenza.

saint-cole-1

In questa storia drammatica c’è ben poco spazio per la speranza, per un barlume di cambiamento a cui aggrapparsi seriamente, non c’è apparente salvezza o catarsi per questi individui che cercano di sopravvivere alla meglio per chi non riesce a porsi un orizzonte che travalica la contingenza dell’hinc et nunc. Ma queste figure così decadenti sembrano quasi rappresentare una moderna e realistica versione eroica dell’uomo, almeno sotto un filtro distorto, deviato. Infatti abbiamo a che fare con uomini che devono arrivare a fine mese con i pochi soldi che guadagnano al lavoro, cercando di fare quanti più straordinari possibili per aumentare la retribuzione, persone che devono pagare un affitto, pagare le bollette, sfamare i propri cari e curare la propria famiglia. Una lotta titanica, quasi persa in partenza per queste persone, che non riescono a fare fronte agli ostacoli che si parano sulla loro strada, che molto spesso sono però autoindotti da vizi, da cedevolezza e da dipendenza dovuta all’insoddisfazione cronica. Certo, va aggiunta anche una bella dose di sfortuna a tutto ciò.

saint-cole-2

La trama è molto semplice e lineare e non necessita una particolare trattazione: il lettore segue le vicende del protagonista che si svolgono in una settimana, lasso di tempo in cui riuscirà a rovinare irrimediabilmente la sua già precaria e routinaria esistenza, il tutto scandito in capitoli giornalieri, fino ad arrivare a un possibile evento straordinario che potrebbe dare una nuova direzione alla sua vita, sempre che il protagonista sia in grado di cogliere la sua chance.
Dal punto di vista grafico, abbiamo a che fare con un tratto fortemente marcato, volutamente sporco e impreciso, cartoonesco, tutto fuorché accademico o tradizionale, a volte persino abbozzato. Il tratteggio la fa da padrone negli spazi ampi, negli sfondi, con una fitta grisaglia che domina nella pagina quando non lo fanno le campiture nere e dense o le decorazioni e i pattern che vanno ad ampliare la struttura della pagina e a diversificarla, a renderla più fluida e spaziosa, per uscire dal canoni classici di layout.

saint-cole-3

Una gran buona prova di un autore che da noi non è ancora molto conosciuto, e che ci permette di addentrarci ulteriormente nell’underground americano, spesso dominato solo dai soliti nomi, mentre è costellato di moltissimi artisti e talenti che rischiano di rimanere sconosciuti al grande pubblico, il che è un vero peccato. Ottima come sempre l’edizione Coconino, che per quanto sia essenziale, è realizzata con grande cura grafica e materiale. Prezzo molto adeguato.

Leggi tutto...

Il noir argentino di Rosario. L'amore e la morte: intervista a Claudio Stassi

È uscito a Lucca Comics & Games Rosario. L'amore e la morte, graphic novel realizzato dal Maestro argentino Carlos Sampayo e dall'italiano Claudio Stassi. Un affascinante noir ambientato nell'Argentina degli anni '30 che abbiamo voluto approfondire intervistando Stassi che ci ha fornito numerosi bozzetti e storyboard che potete vedere nella gallery in basso.

Ciao Claudio, bentornato su Comicus.
È da poco uscito Rosario. L'amore e la morte per Coconino Press, ci introduci quest’opera?

È una storia d’amore tra un musicista e una giovane donna. Come in tutte le opere di Sampayo, l’amore è al centro della storia, in Rosario nello specifico, è il motore che muove le fila dei personaggi. Rogelio per esempio proprio per amore si unirà al gruppo di anarchici intenti a soccombere il governo dittatoriale che in quegli anni esisteva in Argentina, a mettere il becco nelle storie della mafia ebrea che a Rosario gestiva case di prostituzione per ricchi e facoltosi clienti.Il tutto intriso di una atmosfera cupa, piovosa tipica dei noir degli anni 30. Un bel noir come solo Carlos Sampayo può scrivere.

Ai testi troviamo, appunto, una leggenda dell'Historieta: Carlos Sampayo. Com'è nata questa collaborazione?

Io e Carlos ci siamo conosciuti a Barcellona città dove vivo e dove anche lui viveva fino a qualche anno fa (è tornato a Buenos Aires). Ricordo che invitò me e l’amico Giovanni Di Gregorio a casa sua e gli portammo in regalo Brancaccio storie di mafia quotidiana (che a gennaio verrà rieditato per Bao Publishing). Qualche giorno dopo ci mandò una bellissima mail di elogi e complimenti, quella mail la conservo ancora oggi con grande affetto. Poi un giorno, in uno di quei pranzi che facevamo settimanalmente, lui mi propose di disegnare una sua storia. Ovviamente accettai, quasi svenivo dall’emozione (ride). Mi parlò di Rosario, della storia di quella città senza tempo che gli argentini chiamano la Chicago del Sud America. Mi innamorai di questa storia immediatamente.

stassi-sampayo

La storia, dicevamo, è ambientata nell'Argentina degli anni '30, come si è svolto il tuo lavoro di documentazione? Sampayo ti ha dato una mano in tal senso?

È stato un lavoro certosino di grande documentazione. Carlos è andato nella città di Rosario e mi ha mandato molte foto, è anche riuscito a trovare foto d’epoca che ha scansionato e mi ha spedito. Io in internet ho trovato parecchia documentazione. Considerando il fatto che si parla di fatti reali, con personaggi realmente esistiti. ho cercato di essere il più preciso possibile, negli scenari, nei visi dei protagonisti, ma sopratutto nell’atmosfera con il colore. Spero di esserci riuscito.

Rosario. L'amore e la morte è essenzialmente un noir. Quali sono state le tue fonti di ispirazioni per quest'opera?

Principalmente i racconti che Carlos mi faceva della città di Rosario. Delle zone, dei posti. Ho trovato persino la strada dove c’era realmente la casa di prostituzione che viene raccontata nella storia. Ma anche le auto, i palazzi, in tutto ho cercato di essere il più vicino a quella realtà tipica degli anni 20. La mia massima ispirazione era quella di rappresentare e raccontare la città e i personaggi che la vivevano.

In questa storia ritroviamo due donne protagoniste: Agata e Raquelita. Quali sono le loro caratteristiche e quale delle due ti farebbe perdere la testa?

Agata è la classica Femme fatale. è la Madonna di Dick Tracy, la Goldie di Sin City, chi non perderebbe la testa per lei? Raquelita è la donna della porta accanto, acqua e sapone, la donna che vorresti sempre al tuo fianco, la donna da amare. Rogelio è in bilico tra due fuochi: la passione e l’amore. A vincere sarà la follia, la paura, ma sopratutto la morte. 

Tornando al tuo rapporto con Sampayo, com'è collaborare con lui? Come sono strutturate le sue sceneggiature?

Carlos ha una maniera di raccontare UNICA. Non esiste nessun altro sceneggiatore al mondo che abbia la sua stessa abilità narrativa, particolare e incomparabile con nessun altro. È il “Blues man" del fumetto. Le sue sceneggiature sono assolutamente ricche ma allo stesso tempo danno la libertà al disegnatore di interpretare la scena e raccontarla al meglio. I primi tempi mandavo gli storyboard a Carlos che approvava e a quel punto passavo a realizzare i definitivi. Poi intorno a pagina 10 mi disse, non mandarmi gli storyboard, segui il tuo istinto e vai da solo, mandami i definitivi.

Dopo Rosario, l'Amore e la Morte c'è la possibilità che tu e Carlo Sampayo collaborerete su una nuova storia?

C’è la voglia. Tanta. Quello che al momento manca è il tempo. L’ultima volta che ci siamo visti, Carlos mi ha parlato un una nuova idea che doveva mettere a fuoco. Sampayo è uno sceneggiatore che lavora per sensazioni, sarebbe difficile metterlo a lavoro per “forzatura”, ha bisogno del suo tempo. In futuro però tutto è possibile.


Claudio, come hai detto vivi a Barcellona da anni. Com'è, attualmente, la scena fumettistica spagnola e quali sono le principali differenze, a tuo avviso, rispetto a quella italiana.

La differenza sostanziale tra l’Italia e la Spagna sono due: la prima è che i fumetti non si vendono nelle edicole. E queste ultime ogni anno chiudono lasciando spazio al mercato da libreria di varia. La seconda è che non esiste molta produzione autoctona. Gli editori generalmente preferiscono comprare diritti esteri e ripubblicarli in Spagna, sono pochi quelli che decidono investire nella produzione. Molti autori spagnoli (bravissimi tra l’altro), lavorano principalmente per il mercato francese o per quello americano. Poi oggi ci sono autori che stanno portando avanti progetti di crowdfunding con l’aiuto della rete sociale. Uno su tutti ad esempio è Enrique Fernandez che ha raggiunto 100mila euro con la produzione di due suoi volumi Brigada (in Italia editi da Tunué).

Su cosa stai lavorando attualmente, ci racconti i tuoi progetti futuri?

Principalmente sono concentrato su Dampyr. Sto terminando le ultime tavole di una storia scritta da Giovanni Di Gregorio ambientata in Galizia (sempre la Spagna, lo so sta diventando una ossessione eheh!) e poi sempre con Giovanni abbiamo lavorato alla riedizione di Brancaccio storie di mafia quotidiana che uscirà a gennaio per Bao Publishing con all’interno una storia inedita tutta a colori.

Leggi tutto...

Coconino: Quaderni giapponesi, il nuovo graphic novel di Igort

  • Pubblicato in News
Comunicato stampa:

Un disegnatore occidentale nell'impero dei manga:
in libreria “quaderni giapponesi”
il nuovo documentario a fumetti di igort

qudgiapp

Viaggio alla scoperta della cultura e dell’anima giapponese: un saggio disegnato per le giovani generazioni dei fan di fumetti e cartoons. E per i genitori curiosi di sapere perché l’immaginario del Sol Levante affascina tanto i loro figli.

Un libro nato su Facebook da una serie di post di Igort: appunti di diario con scritti e immagini, quotidianamente seguiti e condivisi da una numerosa e sempre crescente comunità di fan.

Dopo i Quaderni russi, i Quaderni ucraini e le Pagine nomadi Igort (Igor Tuveri) intraprende un altro viaggio a Oriente. Un viaggio in Giappone, patria dei Manga e degli Anime, la fabbrica di sogni a fumetti e cartoons più grande del mondo. Ma anche un’esplorazione che, a partire dall’industria della narrazione disegnata, racconta a tutto campo la cultura, la filosofia, il senso della bellezza e gli stili di vita del Sol Levante.

È un cammino che prosegue in realtà, a più riprese, da oltre due decenni: all’inizio degli anni ’90 Igort è stato il primo disegnatore italiano e occidentale chiamato a lavorare per le riviste giapponesi, e da allora ha compiuto oltre venti viaggi con lunghi soggiorni a Tokyo. Con il metodo dell’osservatore curioso e partecipe, con taglio personale e autobiografico, l’autore racconta e disegna i suoi incontri e collaborazioni con i grandi editor e autori dei manga, con registi, intellettuali, musicisti e scrittori. Dalla grande casa editrice Kodansha a registi di culto come Suzuki Seijun a maestri dell’animazione come Miyazaki, dal cinema di Kitano alle raffinate musiche pop di Ryuichi Sakamoto, fino a giganti del fumetto come Tsuge, Maruo, Tatsumi, Shigeru Mizuki. Sulla scia dei ricordi, col metodo delle note di viaggio dell’”Impero dei segni” di Barthes, Igort apre tante finestre e suggestioni su un Giappone affascinante e nascosto.

Un Paese di estremi opposti, dove convivono l’attesa e il silenzio di un monastero zen, i gesti delicati della cerimonia del tè, la violenza brutale delle gang della Yakuza, la triste storia dell’amante assassina Abe Sada, la durezza, la malinconia e la poesia dei fumetti Geki-ga.

“Il Giappone era diventato per me lo scrigno dei desideri e soprattutto il paradiso dei disegnatori. Inebriato dalle vecchie stampe giapponesi, mi ero addentrato in quel mondo di segni apparentemente semplici che celavano una sapienza misteriosa. Avevo convinto me stesso e i miei editor della Kodansha che nella mia vita precedente ero stato giapponese. Loro,cerimoniosi, mi avevano accolto con un inchino: ‘Noi giapponesi siamo lieti di lavorare con Lei, che a sua volta, nella vita precedente, è stato giapponese’. Adoravo quelle persone, ironiche e lievi, ma dedite al lavoro con un rigore che non avevo mai visto prima. In quel soggiorno il mal di Giappone prese ad avvolgermi, sotto la sembianza di una dolce malinconia. Mi rattristava la bellezza antica di questa o quella casa di legno e carta di riso, che scorgevo di tanto in tanto nel mio quartiere. Evocava un passato perduto”.(Igort)

Fumetti Coconino Press-Fandango
Igort
Quaderni giapponesi
Collana: Dokumenta
Formato: 17 x 24 cm
Numero pagine: 184, a colori
Prezzo: 19 euro
ISBN: 9788876182693

Leggi tutto...

I 10 nuovi volumi da non lasciarsi sfuggire a Lucca Comics & Games 2015

  • Pubblicato in Focus

Abbiamo stilato una lista dei 10 nuovi volumi che verranno proposti in anteprima a Lucca Comics & Games 2015 dalle case editrici italiane, che vi consigliamo vivamente di non lasciarvi sfuggire. Tra queste novità, alcune sono veramente dei gioielli di alto livello. Ne è venuta fuori una lista abbastanza variegata, per tutti i gusti e per tutte le tasche, soprattutto.

astrogamma

Astrogamma di LRNZ (Bao Publishing)

Dopo la grande prova di Golem, il nuovo lavoro di LRNZ porta con se necessariamente grandi aspettative. Questa volta siamo in un futuro in cui la razza umana è in via di estinzione, dominata da una razza di insetti che non sembrano lasciare alcuna possibilità di una rivincita da parte dell'uomo. Forse solo una mutazione evolutiva potrebbe far risorgere l'umanità, ma dovremo scoprirlo seguendo le vicende dal punto di vista di tre ragazzi, fortemente coinvolti in questi eventi. Anche solo la splendida cover promette molto bene.

12107989 422360254624838 8599784204652267168 n

FMMFTL di Otto Schmidt (Edizioni Inkiostro)

Un artbook da non lasciarsi sfuggire questo FFMFTL del bravissimo illustratore russo a cui abbiamo dedicato la prima puntata di IllustrART. Le sue Femme Fatale vi colpiranno di sicuro e le prevendite online sono andate subito esaurite quindi vi conviene correre al loro stand per recuperarlo! Disponibile in due edizioni: Regular a 35€ e Deluxe a 55€.

god

In God We Trust di Winshluss (Comicon Edizioni)

Dopo Pinocchio, Winshluss punta in alto e mette le mani sulla Bibbia, reinventandone i contenuti, satireggiando con grande abilità narrativa. Tavole favolose e un tema che di certo farà discutere, ma se tutto viene fatto con la bravura e lo stile dell'autore, non c'è che da fidarsi. Comicon Edizioni porta non solo l'opera in anteprima, ma anche lo stesso fumettista come ospite alla kermesse toscana.

CoverSD-by-Sara-Pichelli-e-Claudia-SG

Six and Destroy di Truckers Studio

Un fumetto da non lasciarsi sfuggire per nulla al mondo è questo Six & Destroy, realizzato da Truckers Studio, un collettivo di artisti italiani d'eccezione: Sara Pichelli, Elena Casagrande, Claudia SG Ianniciello, Claudia Balboni, Eleonora Carlini e Arianna Florean ci delizieranno con le loro grandissime abilità artistiche, mentre alla sceneggiatura ci penserà Massimiliano Filadoro; la parte grafica sarà affidata invece a Fabio Listrani. Già dal trailer che vi mostriamo qui si capisce che il progetto dalle tinte horror è stato realizzato con grande passione e perizia. Non vediamo l'ora di avere tra le mani questo primo albo di 68 pagine, che potrà anche essere fatto autografare da tutti gli artisti presenti allo stand Crossover E304.

 brutiartbook

Come lo feci di Gipi (Coconino Press)

Artbook cartonato di grande dimensioni per uno degli artisti italiani più celebrati. Gipi ci svela le fasi preparatorie del suo nuovo gioco di carte Bruti: illustrazioni, studi preliminari, sketch del nuovo universo fantastico creato dal fumettista, in cui guerrieri si sfidano fino all'ultimo sangue in un mondo pseudo medievale con Dei sanguinari. Una chicca che sicuramente farà piacere ai palati più fini, e perchè no, anche al pubblico più mainstream. 96 pagine di illustrazioni con una breve introduzione, da non lasciarsi sfuggire.

massacri00

Diari di Massacri di Shintaro Kago (Hikari Edizioni)

Hikari Edizioni porta in Italia il nuovo volume di Shintaro Kago, il guru della fashionable paranoia che tra l'altro sarà anche ospite della casa editrice. Dallo stesso autore di Uno scontro accidentale sulla strada per andare a scuola può portare a un bacio?, in questo volume potremo gustarci 13 inquietanti storie, in qualche modo collegate fra loro. Se ancora non siete convinti dell'acquisto, vi ricordiamo che l'autore ha vinto il Gran Guinigi per miglior fumetto breve l'anno scorso, non certo una cosa da poco. Adatto a stomaci forte, sappiatelo.

Secret-Wars-by-Ross

Secret Wars #0 d Jonathan Hickman e Paul Renaud (Panini Comics)

Pronti per l'inizio della sconvolgente miniserie che cambierà completamente lo status quo del Marvel Universe attuale, rivoluzionandolo dalle fondamenta? Allora non dovete perdervi Secret Wars #0, starting point del mega evento che da novembre comincerà a coinvolgere tutte le testate degli eroi Marvel. Vi consigliamo di non lasciarvi sfuggire questo numero iniziale, per comprendere al meglio i futuri sviluppi della trama.

 image gallery

Blame! And so on - Artbook di Tsutomu Nihei (Planet Manga)

Un prezioso gioiello questo artbook di uno dei mangaka più bravi dell'ultimo decennio. L'archietetto dell'impossibile Tsutomu Nihei vi lascerà di stucco con le sue illustrazioni, i suoi sketch e i suoi studi di personaggi e ambientazioni che hanno reso celebri in tutto il mondo opere come Blame!, Abara e Knights of Sidonia. Una gioia per gli occhi per gli amanti del genere cyberpunk e non solo.

in real life

In Real Life di Cory Doctorow e Jen Wang (Psyho Pop)

Un bel volume segna il ritorno in campo dell'etichetta editoriale Psycho Pop di Edizioni BD, di cui potete sapere qualcosina in più dalla nostra intervista, dove Micol Beltramini ci ha parlato più a fondo proprio di questo volume. Una storia di una ragazzina appassionata di videogiochi che dovrà fare i conti con un mondo più complesso e difficile che vi sta dietro, quello delle ragioni politiche e economiche, il tutto condito con una sapiente narrazione.

Drifter-Previews

Drifter di Ivan Brandon e Nic Klein (Star Comics)

Una serie acclamata oltre oceano come Drifter non può che essere un immancabile acquisto per questa edizione di Lucca., soprattutto se ci sono allo stand Star Comics anche i due autori per potersi fare autografare la propria copia. Un fumetto futuristico in cui l'umanità colonizza e sfrutta fino all'osso altri pianeti, in una conquista sempre più sprezzante dell'intero universo.
Il bravissimo Nic Klein vi strabilierà con le sue tavole mentre la narrazione avvincente e fresca di Ivan Brandon vi terrà incollati alla pagina.

Per le riedizioni, consigliamo vivamente questi due volumi:

Cover-Fior-5000km-DeLuxe-estesa

Cinquemila chilometri al secondo – edizione deluxe di Manuele Fior (Coconino Press)

La riedizione super lusso di un graphic novel italiano tra i più amati. Torna per Coconino Cinquemila chilometri al secondo in un'edizione di grande formato, cartonata e in edizione limitata, con un disegno di Fior realizzato apposta per l'occasione allegato ad ogni volume. Un'occasione unica per leggere una gran bella storia, oltre che per mettere le mani su una versione deluxe da collezionisti.

monsterallergy

Monster Allergy Deluxe Edition vol. 1 di Katja Centomo, Francesco Artibani, Alessandro Barbucci e Barbara Canepa (Tunué)

Per la prima volta in mega volumi arriva la saga di Monster Allergy, che Tunuè porta in anteprima a Lucca Comics & Games. Simpaticissimi personaggi con altrettanto divertenti storie che sicuramente piaceranno ai lettori di ogni età. Nel primo volume sono presenti i primi 15 episodi, oltre a side stories, un'introduzione e altri extra tra cui le schede dei personaggi.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.