Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

Sfera: la ricerca e l'Arte: intervista ad AlbHey Longo

Classe 1993, il fumettista torinese AlbHey Longo - dopo La quarta variazione - pubblica per Bao Publishing il suo secondo libro dal titolo Sfera. Come evidenziato nella nostra recensione, i temi affrontati nel graphic novel vanno dal ruolo dell'Arte alla ricerca di se stessi. Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con l'autore per saperne di più. Diamo dunque il benvenuto ad AlbHey Longo su Comicus.

Tutta l’opera ruota intorno alla ricerca. Dalle prime pagine, dove Damiano cerca di capire l’origine del suo potere, fino a Chiara, che cerca il modo di esprimere la propria creatività. Se già ne La quarta variazione si parlava di ricerca, Sfera sembra la sua evoluzione concettuale. Cosa è cambiato per te riguardo al tema e rispetto al tuo primo libro?
Ciao, Comicus! Se ne La Quarta Variazione il tema era anche la crescita, insicura, piena di domande su se stessi e su chi ci circonda, in Sfera si parla più di una ricerca personale. Damiano e Chiara sono personaggi più adulti che non possono più “nascondersi” dietro un apparente immaturità, le loro ricerche sono lo specchio di una ricerca di stabilità, ordine e appagamento che tutti noi cerchiamo costantemente, tenendo testa alle mille variabili che la vita ci pone davanti! O almeno, questo è quello che volevo in parte trasmettere!

sfera-1

Emotivamente, escludendo l’affinità di pensiero, ti senti più vicino a Chiara o Damiano?
Inizialmente mi sentivo più vicino a Damiano e questa cosa mi ha aiutato a scrivere parte del suo personaggio e delle sue scene iniziali. Mentre lavoravo al libro alla fine mi sono reso conto, anche tramite pareri esterni, che ho messo in Chiara molte più cose di me di quanto pensassi! E quindi, ad un certo punto, Damiano è andato per la sua strada.

In Sfera hai inserito elementi paranormali. Come mai questa scelta?
Avevo voglia di staccarmi da una narrazione prettamente ancorata alla realtà. Il fumetto ti offre la possibilità di inserire “senza spese” elementi che in altri media visivi avrebbero un costo elevato, e volevo cogliere questa possibilità. In più mi divertiva trovare una mia declinazione del “superpotere”.

Si sente la critica all’arte moderna, sul suo fattore essenzialmente estetico ma dal contenuto non sempre presente, se non quello dato dai critici. Credi che questi tempi veloci abbiano messo in secondo piano il senso e il significato, puntando più sul design e sull’impatto visivo, rispetto a prima?
In realtà la mia non è proprio una critica, è più un mostrare quali sono gli approcci più diffusi sul mondo dell’arte contemporanea. Ormai l’impatto visivo e la pura estetica sono diventate di per sé dei valori che non hanno bisogno di grandi significati per esistere, che poi se ci pensiamo era la stessa cosa per l’arte classica, pura rappresentazione e tecnica.
Penso anche che la critica del vecchio contro il nuovo, del nuovo contro il vecchio, del nuovo contro il nuovo e via discorrendo faccia parte del gioco. Tornando a Damiano e Chiara, in qualsiasi ambito artistico il proprio operato non sarà mai apprezzato completamente da tutti, e bisogna essere sicuri dei propri intenti per avere le spalle abbastanza larghe per sopportare e accogliere le critiche.

SFERA p125

Il tuo tratto è in evoluzione. Sempre caratteristico ma più deciso e preciso. Senza contare l’uso dei colori. Il tuo laboratorio creativo sono le storie brevi, oppure sperimenti sostanzialmente e soprattutto con i tuoi lavori lunghi?
Grazie! Sicuramente le storie brevi e le illustrazioni sono la palestra che preferisco!
Poi in generale, e penso continuerà così, il tratto in evoluzione è anche dovuto al tipo di storia che voglio raccontare, nel periodo di lavorazione di Sfera avevo bisogno di trovare un mio ordine, una mia pulizia nella narrazione e nel tratto.

Più volte hai dichiarato che intendi spostarti su lidi più action, dalle tinte sci-fi. Cosa dobbiamo aspettarci?
Spero delle figate, ahahah!
Vi ringrazio per l’intervista!

Leggi tutto...

Sfera, recensione: L’arte come legame e come ricerca

adfe0b36a7dee403b11251f7c6373747 XL

 

Per leggere l'intervista ad AlbHey Longo, clicca qui.

AlbHey Longo ha esordito per Bao Publishing nel 2016 con La quarta variazione e ora, il giovanissimo autore torinese, torna in libreria con Sfera, graphic novel che in parte rappresenta l’evoluzione del suo primo libro, per tematiche, e in parte se ne discosta per messa in atto.

La storia ruota intorno a Damiano e Chiara, due giovani giornalisti che si incontrano a un festival di cinema per conto delle rispettive testate. Il primo è impegnato in una ricerca sui fenomeni paranormali legati ad esperienze extracorporee e abilità extrasensoriali e telecinetiche. Questo tema è dovuto allo sviluppo improvviso di un “super-potere” che gli permette di creare delle sfere nere di vetro di dimensioni e durata variabili. La seconda, invece, è una giovane ragazza laureata all’Accademia d’Arte che, accantonato il sogno di diventare un’artista, si è ritrovata nel mondo del giornalismo per poter vivere grazie ad un lavoro stabile e tranquillo. Ha un cruccio però: quel sogno non è mai svanito e si interroga spesso se questa sia la scelta giusta, data la sua insoddisfazione. Mentre i due chiacchierano e fanno amicizia, accade qualcosa. Damiano fa vedere il proprio potere a Chiara innescando nel giovane un’idea, ovvero quella di usare l’abilità per divenire artisti, così da sfruttare quella dote al servizio del sogno della ragazza.

SFERA p77

AlbHey Longo scrive un’opera lineare, pulita e semplice. Quella semplicità funzionale che mette in risalto molto bene i temi che vuole affrontare, senza girarci intorno, pur con l’escamotage del superpotere. Amicizia, crescita e responsabilità sono i focus su cui ruota tutto. C’è un qualcosa, però, che diviene il cuore pulsante della narrazione: la ricerca. Se già nel precedente libro era evidente questo tema, in Sfera è affrontato in maniera diversa e inserendo variabili di vita reale nuove. Anche la critica, o per meglio dire, riflessione dello stato attuale del concetto di Arte, viene riproposto in modo differente e sapiente.
I dialoghi sono fluidi e realistici e non appaiono mai ostentati o statici e riflettono dubbi ed interrogativi sulle nostre scelte, sull’accantonare le passioni per qualcosa di diverso ma stabile, visto in due modi diversi secondo i punti di vista dei protagonisti.

SFERA p185

In Sfera non troviamo solo un’evoluzione nei temi e nella narrazione, ma anche sul versante artistico/visivo. Il tratto migliorato, più pulito e meno “grezzo”, ma pur sempre caratteristico, assume nuovo valore grazie alla colorazione. Dopo l’esperienza nel ruolo di colorista sul webcomic Sappy, insieme a Capitan Artiglio e Oscarito sulla piattaforma online Wilder, troviamo il fumettista più sicuro di sé. Questo dona a Sfera un'arma in più per sottolineare e valorizzare l’espressività dei primi piani e rendere più fresche le sequenze, donando un mood diverso e accattivante in perfetta linea con il contesto artistico narrato.

L’edizione Bao è un cartonato 17x24 cm con inserti lucidi (le sfere) in copertina. È disponibile anche una variant cover disegnata da Nova Sin.

Leggi tutto...

BAO Publishing annuncia Sfera di AlbHey Longo, anteprima

  • Pubblicato in News

 

BAO Publishing annuncia l'uscita di Sfera il nuovo graphic novel di AlbHey Longo, già autore de La quarta variazione. Di seguito trovate tutti i dettagli, le cover e un'anteprima.

"Sfera

Chiara e Damiano hanno vent'anni, sognano di vivere delle loro passioni e lavorare nel mondo dell'arte. Come tanti Millennials, sono costretti a scontrarsi con una realtà quotidiana che non è davvero appagante, scoprendo che spesso è più facile dimenticare i propri sogni e cadere in una comoda routine. Ma è questo che significa diventare adulti? Il giovanissimo AlbHey Longo traduce a fumetti le ansie e le aspirazioni di una generazione di ragazzi e di artisti emergenti, che ce la mettono tutta per non fermarsi davanti agli ostacoli.

L'arte di aspettare, ragionare e far esplodere la bomba al momento giusto.

BAO Publishing è lieta di annunciare l'uscita di Sfera il nuovo graphic novel di AlbHey Longo, già autore de La quarta variazione (BAO, 2016).

Chiara e Damiano si incontrano per caso. Lei ha grandi sogni chiusi in un cassetto. Lui forse ha un superpotere, e il bisogno di rendersi utile. Entrambi sono aspiranti artisti e troveranno il modo di diventare famosi insieme come "Duo Sfera", grazie alle misteriose creazioni fluttuanti di Damiano.

Se fin qui sembra tutto facile, il difficile sarà non cadere nella routine dell’accontentarsi di ciò che si ha, come già facevano prima. AlbHey Longo riesce a raccontare cosa significa essere un Millennial alla ricerca del proprio posto nel mondo,un processo interiore per il quale non esistono scorciatoie. 

Sfera è disponibile in libreria e fumetteria dal 21 marzo 2018 

sfera-1 sfera-2

Eventi con l'autore:

AlbHey Longo sarà ospite allo stand BAO Publishing alla fiera Cartoomics dal 8 al 10 marzo a Rho Fiera Milano, dove incontrerà i lettori e dedicherà le copie del volume disponibili in anteprima.
In esclusiva per la fiera sarà inoltre disponibile l'edizione limitata a 300 copie con variant cover disegnata da Nova, autrice di "Stelle o sparo" (BAO, 2018).

AlbHey Longo, classe 1993, vive a Torino dove lavora come fumettista e illustratore. Nel 2016 esordisce con BAO Publishing pubblicando La quarta variazione. In seguito collabora con varie realtà del fumetto italiano come Manticora Autoproduzioni, Attaccapanni Press, DayJob Studio e Wilder. Attualmente progetta una fuga a Lanzarote."

Leggi tutto...

In arrivo サッピ一, il nuovo fumetto di Capitan Artiglio, Oscar Ito e AlbHey Longo

  • Pubblicato in News

Apprendiamo direttamente dalla pagina Facebook di Capitan Artiglio, giovane artista italiano che pubblicherà nel 2018 Kids with Gun per Bao Publishing e che vi abbiamo presentato nella nostra rubrica IllustrART, la notizia della pubblicazione prossimamente di un fumetto online dal titolo サッピ一 (Sappy), scritto dallo stesso Julien Cittadino, nome all'anagrafe del Capitano, su disegni di Oscar Ito e colori di AlbHey Longo. Ancora poco si sa su questo progetto, ma vi terremo aggiornati man mano che verranno svelati ulteriori dettagli.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.