Menu

 

 

 

 

John Constantine, Hellblazer 1 - I segni del dolore, recensione: il ritorno alle atmosfere originali

m1sand009isbn 0 9ao8fxmhlxiptolm

Nell’immaginario di molti, gli anni ’80 made in England sono rappresentati da Simon LeBon che canta Save a Prayer  a bordo di un catamarano, mentre insieme agli altri Duran Duran cammina negli scenari esotici tipici dell’omonimo video e degli altri da loro girati in quegli anni. Luoghi da sogno lontani anni luce dal grigiore del cielo d’Albione, simbolo di un escapismo che durava lo spazio di una canzone. La situazione sociale del Regno Unito, infatti, non era esattamente quella messa in scena dalle fughe spensierate dei Duran o dei loro rivali, gli Spandau Ballet. Sono gli anni dei governi conservatori guidati da Margareth Thatcher, fautori di politiche controverse tanto sul piano estero (guerra delle Falklands in cui determinante è il supporto logistico del Cile del dittatore Pinochet) tanto su quello interno, dove privatizzazioni e una visione spiccatamente liberista dell’economia producono un forte malcontento che si manifesta con violenti scontri tra polizia e manifestanti, basti pensare al famoso sciopero dei minatori del 1984.

Il pesante clima sociale dell’epoca si riflette anche nel mondo della cultura, declinato secondo le diverse sensibilità di artisti diversi tra loro. La critica alla situazione politica ed economica è presente tanto nel rock – punk iconoclasta dei Clash quanto nel pop malinconico degli Smiths di Morrissey. I film di Ken Loach mostrano senza filtri la difficile situazione dei lavoratori inglesi, inaugurando una lunga stagione di pellicole attente ad uno stato sociale sempre più precario. Il mondo del fumetto targato Union Jack non assiste affatto in disparte, e, per bocca dei suoi maggiori esponenti, non la manda di certo a dire. Il caso più celebre è certamente quello di Alan Moore, che con V For Vendetta racconta le vicende di un terrorista anarchico che si oppone con ogni mezzo ad un governo tirannico e oppressivo. Anche nella saga distopica Jaspers’ Warp, scritta per il suo ciclo di Captain Britain, è difficile non leggere una critica di Moore alla soffocante stagione politica thatcheriana.

John Constantine Hellblazer 1

Ma un’insofferenza forse ancora maggiore per la realtà sociale dell’epoca è quella che traspare dalle pagine di Hellblazer, serie dedicata ad una creazione dello scrittore di Northampton, John Costantine, ma scritta da Jamie Delano. Delano è un conterraneo di Moore, e riesce a descrivere meglio di lui l’atmosfera grigia e plumbea che permea la società britannica di quel decennio. Il mago inglese, cinico e anticonformista, diventa il mezzo attraverso il quale lo scrittore denuncia gli aspetti più spregevoli del mondo conservatore rappresentato dalla Thatcher. Memorabile il numero tre della serie, in cui Costantine affronta la divinità pagana Mammona, personificazione del profitto, rinvigorito dalla concomitante ed ennesima vittoria della Lady di Ferro alle urne e servito da demoni travestiti da yuppies. Uno bello schiaffo all’edonismo e all’avidità di denaro tipici degli anni ’80. Il mago col trench affronterà orrori di ogni sorta in ben 300 uscite che renderanno Hellblazer la serie più longeva dell’etichetta Vertigo, sotto la quale la DC riunisce tutte le collane dedicate ad un pubblico adulto scritte da alcuni tra gli autori più prestigiosi della storia del fumetto.

Nel 2011, nell’ambito del rilancio denominato The New52, John Costantine lascia le atmosfere adulte della sua collana per fare il suo ingresso nell’universo DC principale, incrociando i passi con le principali icone dell’editore, tanto da diventare membro della Justice League Dark. Il tentativo di far convivere stabilmente John con i supereroi DC si rivela però un esperimento non riuscito, che svuota oltretutto il personaggio dell’alone di mistero e di ambiguità morale che lo avevano sempre contraddistinto. Così, alla fine del 2019, Costantine ritorna alle atmosfere che più gli competono con l’uscita di una nuova Hellblazer targata Black Label, erede spirituale della ormai defunta Vertigo. Al timone della collana viene chiamato Simon “Si” Spurrier, erede della tradizione britannica a fumetti, che dopo il consueto apprendistato sulla mitica rivista 2000 A.D., era sbarcato in USA scrivendo collane molto apprezzate dalla critica come Legion.

John Constantine Hellblazer 2

Spurrier fa piazza pulita della poco riuscita parentesi supereroistica targata New 52, restituendo Costantine alle brumose atmosfere londinesi che più gli competono. Una Londra grigia e piovosa in cui John ritorna dopo una lunga e non meglio specificata assenza, scoprendo che le cose tutto sommato non sono poi cambiate di molto. Lo stregone col trench si troverà subito coinvolto, tra una sigaretta e una pinta di birra, in un guaio dopo l’altro. Prima accetterà, o sarebbe meglio dire sarà costretto ad accettare, di aiutare una gang a scoprire chi o cosa sta uccidendo i propri affiliati nel parco di Peckam Rye, teatro delle visioni misticheggianti di William Blake che, secoli dopo, sembrano ripetersi.
Nelle storie successive, contenute nel primo tomo con cui Panini Comics presenta la collana in Italia, John dovrà fare i conti con l’esuberanza di un indesiderato apprendista. Chiude il sommario Silenzio, la gemma del volume, che vede il mago inglese alle prese con una misteriosa catena di delitti avvenuti in un ospedale.

Spurrier recupera tutti gli ingredienti che avevano reso un cult l’Hellblazer originale: Costantine è di nuovo il cinico baro e manipolatore che rischia sempre di fare qualcosa di sbagliato anche quando cerca di combinare qualcosa di buono, mettendo a rischio chi gli sta intorno. Il cast di supporto della vecchia serie viene sostituito da una serie di personaggi azzeccati, più in linea con i tempi, come l’ispettore di origine indiana Davinder Dole e il nuovo “autista” Noah, ragazzo sottratto all’influenza di una gang che, come lo scomparso Chas prima di lui, supplisce all’idiosincrasia di John per la guida. Tutto cambia però, per rimanere esattamente come prima. Spurrier si inserisce nel solco di Delano, usando le vicende soprannaturali di John per denunciare le aberrazioni dei nostri tempi: l’atmosfera sociale claustrofobica dell’era Thatcher lascia il posto allo squallore del razzismo, piaga della nostra società, e alle miserie della nostra epoca, figlie di una società incattivita.  I demoni che abitano le pagine di Hellblazer, ieri come oggi, sono orrori ancestrali che trovano nuovo vigore nel trionfo dell’odio e dell’egoismo che va in scena continuamente nelle nostre comunità. A questo proposito Spurrier riserva non poche stilettate alla politica inglese recente, come la controversa Brexit, e a nazionalismi e sovranismi vari. Il monologo che chiude la bellissima Silenzio è un manifesto politico, in cui John afferma che il vero orgoglio nazionale nasce dai risultati raggiunti da una comunità nel suo insieme, come il conseguimento di un sistema sanitario, mentre un nazionalismo fine a se stesso è privo di senso come lo è sentirsi fieri “del colorito delle palle di Gollum”. John Costantine è tornato, senza dubbio.

John Constantine Hellblazer 3
 
Le atmosfere plumbee descritte dai testi di Spurrier trovano una realizzazione ideale nel tratto sporco ed evocativo di Aaron Campbell, talento già visto all’opera anni fa su The Shadow per Dynamite che qui trova la definitiva consacrazione. Tavole in cui l’artista, aiutato dai colori lividi di Jordie Bellaire, si pone sullo stesso solco artistico di mostri sacri come John Paul Leon (copertinista attuale della serie), Tim Bradstreet e Dave McKean, bandiere del passato glorioso della collana. Una piacevole variazione sul tema è invece lo stile cartoony di Matias Bergara, al lavoro sul dittico dedicato all’apprendista stregone che tormenta John, storia dai toni comici che testimonia la capacità di Spurrier di saper cambiare con facilità il registro del suo lavoro.

Interessante la formula scelta da Panini Comics, un brossurato di grande foliazione a prezzo contenuto che include anche lo speciale introduttivo The Sandman Universe Presents: The Hellblazer, che fa da prologo alle vicende raccontate nella collana principale, e un crossover con Books of Magic, in cui Costantine incrocia nuovamente la strada del maghetto Tim Hunter. Una delle migliori proposte editoriali dell’anno appena trascorso, che ci sentiamo di raccomandare vivamente.

Leggi tutto...

John Constantine, Hellblazer entra nel Sandman Universe con una serie regolare

  • Pubblicato in News

Da ottobre 2019 John Constantine si unirà al Sandman Universe, serie di titoli curati e coordinati da Neil Gaiman (primo numero uscito in Italia per i tipi della Lion lo scorso giugno).

L'albo unico The Sandman Universe Presents Hellblazer #1 sarà curato da Simon Spurrier e Marcio Takara ed è in programma per ottobre 2019, mentre la serie regolare John Constantine, Hellblazer con Spurrier ai testi vede alle matite Aaron Campbell.

Spurrier promette toni forti e permeati da molta stregoneria, con un Constantine cinico e saggio, cosciente della sempre maggiore pazzia che invade il mondo.

La vita di John si intreccerà con quella di Tim Hunter, giovane mago non ancora in grado di gestire il suo potere ma permeato da un grande potere.

Il tutto, come già annunciato sul nostro sito, anticiperà il volume unico The Mystery of the Meanest Teacher: A Johnny Constantine Graphic Novel – dello scrittore Ryan North e dell’artista Derek Charm, in programma per il 2020/2021.

hellbv1

hellbv2

Dapprima con uno one-shot, poi con una serie regolare.

Da ottobre 2019 John Constantine si unisce al Sandman Universe, serie di titoli curati e coordinati da Neil Gaiman (primo numero uscito in Italia per i tipi della Lion lo scorso giugno).

Il volume unico The Sandman Universe Presents Hellblazer # 1, sarà curato da Simon Spurrier e Marcio Takara ed è in programma per ottobre 2019, mentre la serie regolare John Constantine, Hellblazer con Spurrier ai testi vede alle matite Aaron Campbell.

 

Spurrier promette toni forti e permeati da molta stregoneria, con un Constantine cinico e saggio, cosciente della sempre maggiore pazzia che invade il mondo.

La vita di John si intreccerà con quella di Tim Hunter, giovane mago non ancora in grado di gestire il suo potere ma permeato da un grande potere.

 

Il tutto, come già annunciato sul nostro sito, anticiperà il volume unico The Mystery of the Meanest Teacher: A Johnny Constantine Graphic Novel – dello scrittore Ryan North e dell’artista Derek Charm, in programma per il 2020 o 2021.

Leggi tutto...

Uncanny 1 - La stagione degli spiriti affamati

Dominic Weawer è un uomo piccolo e solo, privo di qualsiasi etica e morale, con un passato che è meglio dimenticare; in sostanza, una di quelle persone che sperate di non incontrare mai, nel corso della vostra vita. Ma Weaver è anche un “Attivo”.

Cos’è un Attivo? In Uncanny, serie a fumetti realizzata da Andy Diggle (testi) e Aaron Campbell (disegni), un attivo è un meta-umano, un individuo dotato di un singolare potere, che gli permette di fare cose non concesse a una persona qualunque.
Il potere del protagonista è quello di “assorbire”, per una quantità limitata di tempo, tutte le conoscenze e le abilità delle persone con le quali entra in contatto epidermico. Qualcosa di fantastico e unico, che consentirebbe a una persona dotata di un minimo di furbizia e spirito di sopravvivenza di vivere un’esistenza agiata e sicura. Ma non è questo il caso, perché, diciamocelo, Weaver è una mezza sega, capace di trovarsi nei guai fino al collo dopo aver tentato di imbrogliare un boss della malavita di Singapore, che non desidera altro che fargli la festa.

Uncanny015

L’unica speranza di salvezza per il nostro sarà rappresentata da una meravigliosa donna, vestita in una conturbante tuta di pelle nera, a bordo di una moto sportiva: no, non è Trinity di Matrix, si chiama Maggie Ford. Grazie all’aiuto della sua nuova e misteriosa alleata, Weaver riuscirà a salvare la pelle, sfuggendo da una minaccia rilevante, salvo poi trovarsi invischiato in una guerra fra superpotenze segrete per il controllo degli Attivi. Perché Dominic non è l’unico individuo al mondo a essere dotato di poteri, ce ne sono molti altri, a partire proprio da Maggie, ognuno dotato di una diversa abilità.
I due inizieranno a lavorare insieme per un’agenzia segreta guidata da Deacon Styles, un uomo con molti segreti e intenzioni tutt’altro che chiare.
La prima missione? Rapire il Dottor Felix De Santos, che sembra aver scoperto il segreto dietro gli Attivi, segreto da condividere con il migliore offerente, al fine di creare intere legioni di superumani.

Andy Diggle, scrittore inglese con una certa esperienza nel mondo del fumetto, mainstream e non, confeziona un prodotto interessante e gradevole alla lettura: Uncanny è, in sostanza, un fumetto classificabile nel genere “crime”, condito con elementi narrativi appartenenti al fumetto supereroistico.
Diciamolo: niente di assurdamente originale. Da anni, infatti, assistiamo a un’invasione di storie ed elementi simili, sia nei fumetti, che al cinema, che in TV, tanto che appare superfluo fare esempi, dato che ognuno potrà portarne alla mente diversi senza troppa fatica.

La nota di originalità di Uncanny sta nel modo nel quale la storia viene confezionata e proposta: leggendo i primi sei episodi della serie, sembra quasi di assistere alla prima stagione di una serie TV adattata a fumetto, nella quale i misteri ci vengono svelati a poco a poco, e ogni soluzione apre la strada a nuovi interrogativi. La narrazione è fortemente decompressa: poche vignette per pagina, dialoghi cadenzati ed essenziali, scene di azione spettacolari, e cliffhanger finale che non può non lasciare il lettore desideroso di sapere “come va a finire”.

Un’altra nota di merito per lo sceneggiatore sta nel come riesce a esplorare i suoi personaggi: il protagonista, Weaver, è un personaggio a tutto tondo, profondo e realistico nella sua caratterizzazione psicologica, sebbene tutt’altro che positivo. Maggie Ford è la spalla ideale: forte, carismatica e misteriosa al punto giusto. E, infine, Deacon Styles rappresenta il personaggio criptico ed ermetico, sempre in bilico fra bene e male, le cui reali intenzioni ci verranno svelate alla fine. Forse.

Uncanny055

Dal punto di vista grafico, il lavoro di Campbell si dimostra più che sufficiente e soprattutto adatto a una narrazione molto dinamica: le anatomie dei personaggi sono plastiche e realistiche, le scenografie dettagliate e precise, specie delle location urbane. Il disegnatore si dimostra anche molto abile nel calibrare al meglio le luci e le ombre, dando un taglio visivo che si confà al meglio a una serie a fumetti dal sapore hardboiled.

Un limite piuttosto evidente sono però i volti dei personaggi: Campbell sembra far riferimento a modelli reali (leggi, fotografie) per la realizzazione fenotipica dei character, lavorando molto di post-produzione (leggi, Photoshop), cosa che li rende lievemente inespressivi e un po’ tutti troppo simili fra loro.
Analizzando alcune tavole non si può non trovare una certa similitudine con il disegno di Greg Land, artista fortemente criticato per quanto detto sopra.

Uncanny è, dunque, un fumetto sincero e godibile, dal taglio fortemente televisivo, che si fa leggere tutto d’un fiato e senza troppo impegno, sapendo però stuzzicare sapientemente l’interesse del lettore, il quale riesce facilmente ad appassionarsi alle vicende di un simpatico furfante dotato di superpoteri.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.