Menu

 

 

 

 

American Ronin 1 - Incubus, recensione: il killer empatico di Milligan e ACO

american ronin

Proseguono le proposte Panini Comics targate AWA Studios, la nuova realtà editoriale creata da vecchie conoscenze dei fumetti Marvel come Bill Jemas e Axel Alonso, rispettivamente ex presidente ed ex redattore capo della Casa delle Idee. I due sono riusciti a coinvolgere nel loro progetto editoriale alcuni tra i nomi più prestigiosi del comicdom, da J. Micheal Straczynski a Mike Deodato Jr., che hanno dato il via al progetto con la serie The Resistance, passando per Garth Ennis e Frank Cho. Tra questi ci sono anche il veterano sceneggiatore britannico Peter Milligan e l’artista spagnolo ACO, autori di American Ronin, l’ultima delle collana AWA portate da Panini nel nostro paese.

Milligan è un autore che non ha certo bisogno di presentazioni, facendo parte di quella “British Invasion”, insieme a Grant Morrison, Neil Gaiman e Garth Ennis, che dalla seconda metà degli anni ’80 travolse il fumetto statunitense cambiandolo per sempre. Con opere come Shade The Changing Man, Enigma e X-Statix lo scrittore londinese ha lasciato un solco profondo nel comicdom americano, combinando innovazione e intrattenimento. American Ronin non ha lo stesso impatto rivoluzionario delle opere sopra citate ed è attraversato da un innegabile senso di déjà vu. Ciò nonostante, Milligan ha saputo imbastire un avvincente thriller spionistico.

american ronin 1

In un futuro prossimo che assomiglia tanto al nostro presente, il mondo è dominato da multinazionali come la Lincoln’s Eye, che decide le politiche delle maggiori potenze mondiali. La Lincoln è una corporazione che non si limita ad esercitare la sua influenza sui governi nazionali, ma che non esita a commettere azioni coercitive spesso letali servendosi di agenti potenziati. Si tratti di individui modificati geneticamente, che riescono ad entrare nella mente degli avversari assorbendone il materiale biologico. In questo modo, “entrano” letteralmente nella testa del nemico sfruttandone le debolezze. Uno di loro, auto-nominatosi “Ronin”, si ribella e cerca vendetta contro la Lincoln’s Eye per quello che gli è stato fatto. Tra il Ronin e la multinazionale esplode dunque una guerra senza quartiere che raggiunge il suo apice in Italia, a Roma, dove la Lincoln ha inviato alcuni dei suoi agenti più pericolosi per indirizzare le politiche del governo italiano.

american ronin 2

La lettura di American Ronin potrebbe provocare nel lettore avvezzo a tematiche di spionaggio e cyberpunk la sensazione di qualcosa di già visto, come dicevamo sopra. In effetti, letteratura di genere, cinema e fumetti negli ultimi trent’anni hanno declinato tematiche simili in ogni modo possibile e immaginabile. Se lo spunto di partenza non appare particolarmente ispirato ed originale, è nel suo svolgimento che si svela, per l’ennesima volta, tutto il mestiere di narratore di Peter Milligan. La trovata sulla quale è costruita la vicenda, quella dei killer che si iniettano il DNA delle vittime per scovarne le fragilità, consente all’autore di scavare nella psiche dei personaggi unendo così spessore psicologico ad una trama action mozzafiato.

american ronin 3

Ma l’intuizione vincete di Milligan è la consapevolezza di poter disporre, al tavolo da disegno, di un vero fuoriclasse, il disegnatore spagnolo ACO. Si tratta di un artista poco prolifico (oltre a numeri sparsi di Midnighter e Wonder Woman per DC Comics, memorabile è la miniserie di Nick Fury realizzata per Marvel su testi di James Robinson in cui aggiorna ai nostri tempi le atmosfere psichedeliche di Jim Steranko), ma di talento assoluto, un virtuoso dello storytelling che non finisce di sorprendere per le soluzioni grafiche mai banali offerte dalle sue tavole. Lo spagnolo alterna pagine (poche, in verità) in cui propone una divisione classica della tavola in griglie, salvo poi scardinare la narrazione demolendo l’ordine precostituito delle vignette. Al posto della struttura canonica delle pagine inserisce ovali, onomatopee e inquadrature sghembe che conferiscono ritmo e adrenalina alla narrazione già forsennata di Milligan.

Contribuiscono al risultato di grande impatto visivo le chine nette e precise di David Lorenzo mentre Dean White partecipa alla festa con la sue abituale palette di tonalità acide che lo confermano come uno dei migliori coloristi del settore.
Panini Comics presenta American Ronin con la consueta cura editoriale dei suoi cartonati da fumetteria, con un volume dall’ottimo rapporto qualità-prezzo che lascia il lettore in fervente attesa del capitolo successivo.

Leggi tutto...

The Resistance: Benvenuti nella resistenza, recensione: la genesi dell'universo AWA

The Resistance 0

C'è un senso di respingimento iniziale nell'approcciarsi alla lettura di The Resistance: Benvenuti nella resistenza della neonata etichetta AWA. Le ragioni sono due: la prima riguarda il nome dei due autori coinvolti J. Michael Straczynski e Mike Deodato Jr. che, se singolarmente hanno fatto cose egregie, insieme riportano alla mente il punto più basso della storia di Spider-Man, ovvero la saga Sins Past in cui, in un intreccio narrativo degno del peggior Beautiful, si narra della relazione fra Norman Osborn e Gwen Stacy e dei loro figli segreti. L'altro motivo, invece, risiede in quello che è il "core" della storia narrata dai due autori, ovvero una pandemia mondiale scatenata da un virus che sta letteralmente decimando la popolazione che rende, vista l'attuale situazione mondiale, abbastanza inquietante la lettura. Sia ben chiaro, non c'è alcuna volontà da parte di Straczynski e Deodato Jr. di sfruttare l'onda dell'attualità, trattasi di pura coincidenza: il primo numero di The Resistance è uscito in America a marzo 2020, in contemporanea con l'arrivo dell'emergenza Coronavirus, e la creazione della saga parte addirittura nel 2018. Superati, ad ogni modo, questi due scogli emotivi iniziali, la lettura procede spedita senza grossi intoppi.

The Resistance 1

La AWA è una nuova realtà editoriale nata dall'unione di Bill Jemas e Axel Alonso, due nomi molto noti ai Marvel fan che ben ricordano, in tempi recenti, quando i due guidavano la Casa delle Idee nelle vesti di presidente ed editor-in-chief. La loro idea è quella di una casa editrice indipendente che dia gran libertà agli autori. Grazie ai loro anni in Marvel, i due hanno un'agenda ricca di nomi importanti da contattare e non è stato difficile, quindi, arruolare artisti di primo piano. Ma la loro idea va anche oltre: creare un universo narrativo che declini, ai giorni nostri, il concetto ormai abusato di supereroi. Gli autori coinvolti, dunque, possono decidere di creare personaggi inserendoli in questo nuovo contesto, oppure realizzare serie totalmente slegate da questo continuum. A questo punto serviva un demiurgo - meglio due - che desse vita a questo universo narrativo e ne delineasse le linee guida. E qui arriviamo alle due superstar scelte per questo esordio.

Come facile capire, dunque, The Resistance non è una semplice storia a fumetti, ma la pietra angolare di un nuovo universo narrativo. È l'evento da cui scaturiranno tutte le altre serie dell'AWA e viene da sé che la responsabilità che i due autori si sono presi è grande. Ecco cosa ci è parso di questo nuovo inizio.

The Resistance 2

La storia prende il via da una pandemia che, letteralmente, decima la popolazione mondale. Non c'è modo di difendersi, non ci sono contromisure. L'intero pianeta è nel caos, i leader politici sono costretti a prendere, inutilmente, soluzioni drastiche mentre alcuni ne approfittano per avviare una pericolosa scalata al potere come il nuovo presidente degli Stati Uniti che applica soluzioni autoritarie e fasciste. Mentre il destino del mondo sembra segnato, la pandemia - così come è iniziata - termina da un giorno all'altro senza alcun preavviso ed a causa di un evento che, più avanti, i lettori scopriranno. La popolazione mondiale deve quindi raccogliere i cocci e cercare di intraprendere un nuovo percorso di rinascita in un contesto mondiale totalmente sovvertito senza sapere se il virus tornerà o meno, né come combatterlo.

Terminata l'emergenza sanitaria però, c'è una conseguenza fondamentale per il futuro del pianeta: alcune persone che hanno contratto il letale virus sono sopravvissute e hanno acquisito delle capacità speciali. A fronte di questa imprevedibile conseguenza, i governi mondiali cercano di monitorare e controllare il fenomeno, ma fra cani sciolti e gente che sfrutta le proprie abilità per puntare alla celebrità, prende vita una resistenza organizzata di super individui che ambisce a portare ordine e giustizia nel mondo.

The Resistance 3

Queste sono le basi su cui Straczynski e Deodato Jr. hanno costruito l'universo narrativo AWA e su cui gli autori coinvolti da Jemas e Alonso potranno costruire le loro storie. Indubbiamente, l'idea di fondo su cui Straczynski costruisce le fondamenta di questa realtà non è originalissima, ma lo scenario che crea è comunque intrigante e solido. Per la riuscita di questa nuova casa editrice non basterà la bontà o meno di The Resistance, ma servirà che gli autori che scriveranno e disegneranno le serie che l'evento ha generato riescano a creare delle opere di successo. Il lavoro di Straczynski e Deodato Jr. serve dunque da pretesto e, sotto questo punto di vista, svolge con dignità il suo compito senza strafare o proporre soluzioni particolarmente geniali, ma sviluppando con coerenza tutti gli sviluppi ideati. Vengono gettati semi, presentati personaggi per il futuro e spiegate alcune idee fondamentali. La scrittura di Straczynski non risulta particolarmente brillante ma è solida e la lettura scorre in maniera naturale.

The Resistance 4

Dal canto suo, Mike Deodato Jr. fa quello che ci si aspetta esattamente da lui e, se vi piace il suo stile, certamente lo apprezzerete anche in questa sua prova. Potremmo dunque dire che vi troverete davanti al "solito" Deodato Jr., nel bene e nel male: tecnicamente l'artista brasiliano svolge un ottimo lavoro, le sue tavole hanno un'ottima costruzione e il suo acceso foto-realismo e il taglio delle vignette contribuisce a rendere tutto molto cinematografico. Di contro, forse anche per l'eccessivo realismo della serie, non c'è alcun elemento distintivo che faccia emergere i personaggi e gli scenari del racconto, nulla che crei una diversificazione che possa fin da subito far contraddistinguere l'universo AWA rispetto a qualsiasi altra produzione. Una scelta stilistica che, come per il comparto narrativo, rimanda il compito di portare al successo questa nuova realtà  alle serie che verranno e agli altri autori che amplieranno questo universo.

Leggi tutto...

In uscita per Panini Comics The Resistance di J.M. Straczynski e Mike Deodato dell'universo AWA

  • Pubblicato in News

Uscirà in Italia domani, 11 febbraio, The Resistance, la serie di J.M. Straczynski e Mike Deodato che lancia l'universo AWA, la nuova casa editrice creata da da Bill Jemas e Axel Alonso. L'edizione italiana sarà curata da Panini Comics. Trovate di seguito tutti i dettagli.

"Panini Comics presenta The Resistance: Benvenuti nella resistenza, il primo capitolo della nuova opera del creatore di Babylon 5, J. Michael Straczynski, in collaborazione con Mike Deodato Jr.. The Resistance getta le basi per un nuovo, incredibile universo narrativo, grazie ad una storia tanto avvincente quanto ricca di innumerevoli possibili sviluppi futuri.

Una pandemia miete centinaia di milioni di vittime in tutto il mondo. Poco dopo, migliaia di persone manifestano all’improvviso dei super poteri. Sorti dalla tragedia, i “rinati” devono sopravvivere in un mondo sempre più ostile mentre cercano di scoprire come e perché sono diventati ciò che sono e qual è il loro ruolo: portatori di nuove sciagure o… l’ultima speranza della Terra?

The Resistance è il debutto di un nuovo universo narrativo ed è il ritorno ai comics, dopo un periodo di assenza, di J. Michael Straczynski: un autore che già in passato aveva sviluppato l’idea di grandi gruppi di persone dotate di abilità sovrumane, ma che ora si è semplicemente superato, perché potenzialmente i super esseri qui sono milioni, di ogni provenienza e di ogni estrazione sociale, con tutte le conseguenze del caso, immaginabili e non. Un progetto ambizioso che, per essere tradotto in immagini, aveva bisogno di un disegnatore d’eccezione come Mike Deodato Jr., già al fianco di Straczynski ai tempi di The Amazing Spider-Man.

Alla luce della situazione mondiale, The Resistance assume una valenza particolare: più ci si immerge nella vicenda e più è difficile non riconoscere situazioni che purtroppo abbiamo vissuto e stiamo tuttora vivendo, a livello sia personale sia politico. L’evento scatenante dell’intera vicenda è infatti una pandemia, e se pensiamo che la data di uscita del numero 1 della miniserie è marzo 2020, diventa davvero difficile non tracciare un parallelismo con la diffusione del Covid-19. È necessario sottolineare però come i tempi di realizzazione, dalla proposta iniziale al prodotto finito, siano tali da fugare ogni dubbio in merito a un eventuale opportunismo delle varie parti in causa."


Data di uscita
11 febbraio
Prezzo 19,00€
Pagine 160
Rilegatura Cartonato
Formato cm 17x26
Interni Colori
Distribuzione Libreria, fumetteria, online

The Resistance cvr

Leggi tutto...

Gart Ennis lancia la nuova serie Marjorie Finnegan

  • Pubblicato in News

Garth Ennis, l’irriverente creatore di innumerevoli serie per "mature reader" (The boys, Crossed), sembra non conoscere limiti creativi. Ultimi aggiornamenti lo vedono al lavoro su una nuova serie di genere supereroistica, creator owned, dal titolo Marjorie Finnegan.

Illustrata da Goran Sudžuka, la serie segue le vicende di una criminale che, agendo all’interno del flusso temporale, cerca nuovi modi per fare soldi e sfuggire dalle grinfie della polizia.

In uscita in USA a maggio per i tipi di AWA Studios, l’opera non mancherà di stupire il lettore, tra salti temporali, dinosauri e... sex toys. Di seguito alcune tavole tratte dall’opera.

Marjorie Finnegan 1

Marjorie Finnegan 2

Marjorie Finnegan 3

Marjorie Finnegan 4

Marjorie Finnegan 5

Marjorie Finnegan 6

(Via Newsarama)

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.