Logo
Stampa questa pagina

11 luglio 1982, recensione: il miracolo mondiale che risvegliò l'Italia

11 luglio 1982, recensione: il miracolo mondiale che risvegliò l'Italia

11 luglio 1982

Ci sono date che segnalo la storia, che rimangono nella memoria collettiva, anche se non le si è vissute in prima persona. L'11 luglio 1982 è sicuramente una di queste. Quel giorno, l'Italia vinse il suo terzo mondiale di calcio, un momento indelebile anche per chi non c'era, come il sottoscritto o come Paolo Castaldi, autore di un graphic novel che racconta proprio quei momenti, quella vittoria così storica per la nostra nazione.

La nazionale italiana che partecipò a quell'edizione dei campionati del mondo, tenutisi in Spagna, non era certo la squadra favorita, tutt'altro. D'altronde, era dal 1938 che non vincevamo il torneo. Nazionali come l'Argentina, il Brasile e la Germania potevano contare su squadroni stellari, ad esempio. La nazionale selezionata da Enzo Bearzot, dunque, non solo partiva sfavorita, ma non era mai riuscita a convincere del tutto gli italiani riuscendo a qualificarsi a malapena. Ma, soprattutto, furono le scelte dei giocatori fatte dall'allenatore a destare scalpore, su tutte quella di Paolo Rossi a discapito del capocannoniere della Serie A Roberto Pruzzo. Rossi proveniva da due anni di squalifica per lo scandalo Calcioscommesse il cui coinvolgimento fu un chiaro errore giudiziario. Una carriera, la sua, stroncata nel momento migliore.

11 luglio 1982 1

Il cammino mondiale partì non nel migliore dei modi, l'Italia giocò male nella fase a gironi pareggiando tre partite su tre e segnando soli due gol. Ciò bastò lo stesso a farla passare alla seconda fase, quella a eliminazione diretta, ma i tifosi chiedevano la testa di Bearzot. Contro ogni pronostico, tuttavia, accade il miracolo calcistico: l'Italia batté di seguito Argentina e Brasile, in due partite diventate leggendarie, ed esplose il talento di Paolo "Pablito" Rossi. La squadra, fra l'incredulità di tutti, arrivò in finale a scontrarsi con la Germania. Giungiamo, dunque, al fatico 3-1 che vedrà il capitano Dino Zoff alzare la coppa sotto il cielo di Madrid con l'urlo di gioia del Presidente Sandro Pertini che assisté al trionfo in tribuna.

11 luglio 1982 2

Quell'11 luglio 1982 fu un giorno speciale, capace di riunire una nazione, ma soprattutto, di risvegliarla. Per gli italiani non fu solo la vittoria di un mondiale, ma un vero e proprio riscatto sociale dopo un lungo periodo di sofferenze. Erano anni difficili, fra lotte sociali e politiche, terrorismo e conflitti di ogni genere: il clima nel nostro Paese era teso come non mai. Il popolo aveva bisogno di una svolta, di tornare a respirare, a divertirsi. Quella nazionale somigliava al suo popolo, il suo riscatto - quando la situazione sembrava senza via d'uscita - aveva riacceso gli animi degli italiani. Fu quell'11 luglio 1982 che diede ufficialmente il via agli anni '80, un decennio che, forse per la legge del contrappasso, segnò un momento in cui sembrava quasi che l'apparenza regnasse sulla sostanza.

11 luglio 1982 3

Di tutto questo tratta il libro a fumetti scritto e disegnato da Paolo Castaldi, in cui il viaggio in treno di una famiglia da Milano alla Sicilia diventa il racconto di un'intera nazione e di un'intera epoca. Mentre il marito resta in Lombardia per le ultime settimane di lavoro prima delle meritate ferie, la moglie e il figlio partono per il mare proprio la notte della finale. Il lungo viaggio in treno abbraccia la nazione da nord a sud mentre tutti sono coinvolti a seguire l'evento mediatico. Castaldi, in questo modo, scrive una storia che unisce il biografico e il documentaristico, il racconto intimistico e il romanzo popolare, il tutto con grande equilibrio e sensibilità, riuscendo nell'intento di far rivivere un momento storico del nostro Paese. Evocativo ed efficace il suo stile grafico, un tratto sottile che con pochi linee è in grado di imprimere momenti, personaggi, emozioni, grazie all'apporto di una colorazione che mescola pastello ad acquarello. Nelle tavole, dalla costruzione varia e ragionata, si alternano felicemente momenti iconici e frammenti di vita quotidiana.

Per chi c'era e chi non, 11 luglio 1982 è una lettura caldamente consigliata, sentita ed emozionante. Un'ottima proposta Feltrinelli Comics presentata nel loro classico formato brossurato 16x24 cm.

Dati del volume

  • Editore: Feltrinelli Comics
  • Autori: Testi e disegni di Paolo Castaldi
  • Genere: Storico, biografico
  • Formato: 16x24 cm, 112 pp., B., b/n
  • Prezzo: 17€
  • ISBN: 978-8807551086
  • Voto della redazione: 8
Comicus.it © 2000-2021. Tutti i diritti riservati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.