Menu

 

 

 

Demian 9

Demian 9 – La pista degli sciacalli (Sergio Bonelli Editore, brossurato, 128 pagine in b/n, € 3,00) testi di Pasquale Ruju, disegni di Giéz

Fin dall’esordio, Demian si è rivelato una piacevole sorpresa. Niente di innovativo, sia chiaro, però la serie (o meglio la miniserie) di Pasquale Ruju si è presentata immediatamente come un prodotto originale, grazie soprattutto alle particolari ambientazioni (che spaziano per tutto il Mediterraneo). Questo nuovo numero è un esempio perfetto di quello che è stata finora la serie, ovvero ottime storie, avvincenti e interessanti, ma con qualche soluzione “semplicistica” in sede di sceneggiatura. Demian si dimostra sempre di più un personaggio complesso e intrigante, questa volta calato nei panni di un infiltrato in una guerra civile africana non reale, ma perfettamente realistica.

Interessante il tratto di Giéz, molto vicino alla sintesi grafica di autori come Alex Toth e Hugo Pratt, pur se con molte incertezze soprattutto nella caratterizzazione dei volti. Il suo chiaroscuro, invece, ben si adatta all’ambientazione africana della storia. Con riguardo invece alle belle copertine, sembra che da un paio di mesi a questa parte Alessandro Poli abbia finalmente trovato anche un ottimo equilibrio sull’uso dei colori.

In attesa di verificare come verranno risolti i misteri introdotti nei primi numeri, confermiamo le impressioni, buone, avute fin dalla prima storia.


Andrea Antonazzo
Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.