Menu

 

 

 

 

Warren Ellis adatterà a serie TV il fumetto messicano El Pantera

  • Pubblicato in Screen

L'altro giorno vi abbiamo riportato la notizia che la Dark Horse e la Universal Cable Productions hanno stretto un accordo per poter portare sul piccolo schermo alcuni titoli del parco testate della casa editrice. Ora THR riporta in esclusiva la notizia che il guru del fumetto Warren Ellis adatterà il fumetto messicano El Pantera degli anni '70 per una serie TV realizzata da Universal Cable Productions. Ad affiancarlo in questa impresa ci sarà anche la produttrice di The Walking Dead Gale Anne Hurd. Questo progetto televisivo è il primo di Ellis da quando ha firmato un anno fa il contratto con la UCP.

Ma l'imponente "cambio di genere" della major posseduta da NBCUniversal non si ferma qui. Anche Kill Shakespeare di Anthony Del Col e Conor McCreery edito da IDW Publishing e il famoso film britannico The Machine di Caradog James verranno adattati a serie TV.

Leggi tutto...

Warren Ellis al lavoro sulla nuova serie a fumetti di James Bond

  • Pubblicato in News

In una precedente news vi avevamo parlato dell'accordo siglato dalla casa editrice Dynamite Entertainment e la Ian Fleming Publications Ltd., (IFPL), compagnia che detiene e amministra i diritti delle opere letterarie di Ian Fleming, creatore di uno dei personaggi più iconici della cultura contemporanea, James Bond.

È stato, adesso, annunciato che la nuova serie a fumetti intitolata James Bond 007, il cui esordio è previsto per il prossimo novembre, sarà scritta da una superstar del mondo dei comics, ovvero Warren Ellis. Lo scrittore sarà affiancato alle matite da Jason Masters.

Il primo arco narrativo realizzato da Ellis è VARGR, e vedrà il nostro agente segreto fare ritorno a Londra dopo una missione a Helsinki, e dovrà farsi carico del lavoro lasciato in sospeso da un agente 00 caduto... ma qualcosa di oscuro si sta muovendo nelle strade malfamate della città, e sinistri piani vengono preparati per Bond in quel di Berlino.

(Via CBR)

Leggi tutto...

Moon Knight 1: Dalla morte

Anticipate dalla recensioni entusiaste della critica americana e dalla calda accoglienza riservatagli dal pubblico d’oltreoceano, sono finalmente arrivate anche in Italia le storie di Moon Knight prodotte dal duo Warren Ellis (testi) e Declan Shalvey (disegni). Attesa ripagata per un ciclo di storie che si avvia a diventare un classico moderno. Dopo la trasferta losangelina narrata nel ciclo di Brian Micheal Bendis e Alex Maleev, Ellis riporta il Cavaliere Lunare nella Grande Mela, ambiente più consono per il personaggio e per le storie dal tono noir che lo scrittore inglese è interessato a raccontare.

812sI2ZC5wL

Come nei cicli più ispirati della sua carriera, Ellis si avvicina al character di cui si appresta a raccontare le vicende rispettando la tradizione del personaggio, ma allo stesso tempo sconvolgendone lo status quo e proiettandolo nel futuro. Lo scrittore inglese opta per lo stile asciutto e infarcito di azione, simile ad un episodio del serial 24, da lui inaugurato con Global Frequency durante il suo periodo alla Wildstorm e utilizzato ancora durante il suo breve ciclo di Secret Avengers. Proprio in queste storie Ellis cominciava la sua marcia di avvicinamento al personaggio di Moon Knight, ridefinendone il look grazie alle matite di Micheal Lark nella storia Aniana e trasformandolo da problematico vigliante notturno in preda a una perenne crisi di identità a risoluto agente segreto. Ellis porta a compimento l’opera di trasformazione del personaggio in questo volume: viene sancito definitavamente che la teoria che stava alla base di tutte le precedenti versioni del personaggio, cioè che il Cavaliere Lunare fosse afflitto da DDI (Disturbo Dissociativo dell’Identità), era sempre stata errata. Moon Knight è stato davvero scelto da una entità ultraterrena per essere il suo agente nel nostro mondo, e il suo cervello ha creato identità diverse per accettare quello che alla ragione umana risulta inspiegabile.

81DfET7X0bL

Ellis non rompe con la tradizione del personaggio: c’è sempre il crociato notturno di bianco vestito, l’aliante a forma di mezzaluna, il dio egizio Khonshu… ma tutto è completamente diverso.  Se con Stormwatch aveva trasformato una serie di scarso successo incentrata su un supergruppo non troppo originale nella serie più influente e imitata degli anni '90 e primi anni 2000, con Moon Knight lo sceneggiatore inglese compie l’ennesimo strabiliante rinnovamento di un franchise che sembrava aver ormai giocato tutte le sue carte. I dialoghi taglienti come rasoiate, lo script che catapulta immediatamente il lettore nel vivo dell’azione senza inutili fronzoli, sono il marchio di fabbrica di un Ellis che segna un distacco profondo dallo stile prolisso e, come è stato definito dalla critica, decompresso, di Brian Micheal Bendis, deus ex machina dell’ultimo decennio del Marvel Universe e ultimo sceneggiatore ad essersi cimentato con le avventure di Moon Knight prima dell’avvento dell’autore inglese. In ultima analisi, quello operato di Ellis è l’aggiornamento brillante di un topos, quello del Cavaliere Solitario che arriva in città per portare la giustizia e raddrizzare i torti, l’escluso rancoroso verso il sistema che opera ai confini della legge, togliendo le castagne dal fuoco ad istituzioni ormai inadeguate.

811fCJGDLWL

Il risultato finale, però, non sarebbe potuto essere ugualmente entusiasmante senza le tavole di Declan Shalvey, giovane disegnatore irlandese fattosi notare precedentemente con Thunderbolts e Deadpool. Le pagine di questo volume di Moon Knight ci parlano di un talento puro, uno dei più cristallini tra quelli emersi sulla scena fumettistica degli ultimi anni. Le illustrazioni di Shalvey accompagnano la sceneggiatura di Ellis con uno storytelling fluido ed essenziale, che riesce nel compito, non facile, di tradurre in immagini lo stile narrativo dello scrittore. La composizione tradizionale della tavola lascia spesso il campo ad ardite soluzioni sperimentali che lasciano di stucco il lettore: il climax dell’arte di Shalvey viene toccata nella quarta storia del volume, Sonno, dove la rappresentazione onirica della dimensione del Sogno raggiunge vette di eccellenza artistica inusuali per un comic book seriale, quasi da avanguardia. Menzione d’onore per i colori densi di Jordie Bellaire, completamento ideale ai disegni di Shalvey.

81DfET7X0bL

Moon Knight: Dalla Morte rappresenta una felice eccezione nella produzione Marvel più recente, dominata da logiche commerciali e da una certa sudditanza nei confronti della propria divisione cinematografica. Ellis & Shalvey confezionano un manuale in sei capitoli su come si possono (e, aggiungerei, si devono) realizzare i fumetti di supereroi nel 2015, rendendo degli stereotipi ormai ampiamente abusati nuovamente freschi ed originali. Particolarmente felice poi la veste editoriale scelta della Panini, un elegante volume cartonato dal costo contenuto che ci sembra il modo ideale di presentare questo primo, vero must have del 2015.

Leggi tutto...

David Lynch non dirigerà più il revival di Twin Peaks: la reazione di Warren Ellis e Neil Gaiman

  • Pubblicato in Screen

Una notizia che renderà tristi i fan di Twin Peaks: David Lynch ha annunciato che non sarà più a bordo della nuova serie realizzata da Showtime. Pur se il progetto è ancora vivo per il network, Lynch ha dichiarato su Facebook che non è stato raggiunto un accordo economico "Dopo un anno e 4 mesi di negoziati, ho lasciato perché non è stato offerto denaro sufficiente per realizzare la sceneggiatura nel modo in cui ritenevo dovesse essere fatta".

"Questo fine settimana ho iniziato a chiamare gli attori per far loro sapere che non lo avrei diretto", ha proseguito il regista. "Twin Peaks dovrebbe comunque essere ancora in vita a Showtime. Mi piace il mondo di Twin Peaks e avrei desiderato che le cose fossero andate diversamente ".

A questa dichiarazione, è seguita quella del network che, in sintesi, ha detto che ama il mondo di Twin Peaks e che spera ancora di avere a bordo entrambi i creatori della serie, Lynch e Mark Frost.

La serie, che vede ancora Kyle MacLachlan nel ruolo dell'agente FBI Dale Cooper, dovrebbe entrare in produzione quest'anno con la premiere prevista per il 2016.

In un primo momento, si era diffusa la voce che il progetto fosse del tutto cancellato, questo aveva scatenato subito la forte reazione dei fan. Fra i primi a commentare la notizia troviamo Warren Ellis e Neil Gaiman che, in uno scambio di tweet, mostrano il loro disappunto.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.