Menu

 

 

 

 

Ed Brubaker e Sean Phillips sono a lavoro su una serie di 3 graphic novel

  • Pubblicato in News

Nella sua ultima newsletter, lo sceneggiatore Ed Brubaker ha rivelato nuovi dettagli sul prossimo progetto a cui sta lavorando con il suo collaboratore di vecchia data Sean Phillips, con il quale ha creato numerosi titoli tra cui Criminal, Sleeper, Incognito, Fatale e molti altri ancora. Sebbene l'autore non ha dato dettagli specifici a riguardo, che arriveranno nella prossima newsletter, ha annunciato che la storia verrà raccontata attraverso tre graphic novel pubblicati nel corso del prossimo anno.

"È una serie, ma non uscirà in singoli albi. Sarà una serie di graphic novel originali, ognuno dei quali racconta una storia completa con lo stesso protagonista." ha dichiarato Brubaker. "È qualcosa di totalmente nuovo che mi è venuto in mente quando è iniziato il blocco della pandemia, ma non ne sono affatto ispirato, anzi il contrario."

Lo sceneggiatore prosegue: "Sean ha appena lavorato alla tavola 67 e ha ancora circa la metà del primo libro da disegnare, quindi questi libri non avranno il formato dei miei precedenti graphic novel, ma saranno più lunghi. Pubblicheremo tre di questi libri nel prossimo anno, il che è qualcosa che non credo sia mai stato fatto nei fumetti - tre OGN completi in un anno dallo stesso team. Quindi se sei un nostro lettore di vecchia data, presto riceverai più "roba" del solito".

Di seguito una tavola diffusa del nuovo progetto di Brubaker e Phillips con i colori di Jacob Phillips.

bru-phil-ogn

Leggi tutto...

Dissolvenza a nero, recensione: il noir cinematografico di Ed Brubaker e Sean Phillips

MTFAO001ISBN 0

Ormai è chiaro quanto il duo Eb Brubaker e Sean Philipps sia il sinonimo per eccellenza di noir a fumetti, a partire dalla loro opera più celebre, ovvero la saga di Criminal, pubblicata inizialmente dall’etichetta Icon della Marvel e passata poi dalla Image.
Con Dissolvenza a nero i due autori ripetono il colpo portandoci in quello che è il loro territorio narrativo preferito. Fade Out (questo il titolo inglese dell’opera), è un termine ben noto agli appassionati di cinema o, nello specifico, ai montatori e si riferisce al passaggio da una scena all’altra che avviene gradualmente a favore di uno sfondo nero. Letteralmente, si chiama Dissolvenza a chiudere. Con questo stratagemma, i due autori danno via ad ogni albo, ovvero con uno sfondo nero e col titolo dell’episodio.

Naturalmente il significato di Fade Out va oltre a quello tecnico e viene utilizzato proprio per il suo riferimento cinematografico, non a caso l’opera si svolge nella Hollywood degli anni ’40. In questo senso, Brubaker eleva alla massima potenza la sua passione per il noir non solo ambientando la vicenda nell’epoca d’oro del genere, ma si muove abilmente fra le pieghe della storia mostrando quello che avviene oltre la finzione ovattata del cinema. Lo sceneggiatore, infatti, pur muovendosi nella pura fiction, prende spunto da avvenimenti reali. Il primo, il lavoro di suo zio, sceneggiatore di Hollywood, che conservava in casa i suoi vecchi copioni e che provava sentimenti contrastanti per quell’epoca. Il secondo riguarda tutto il marciume che girava nel mondo degli studi cinematografici e delle star, e delle conseguenze del maccartismo, ovvero la paura del “pericolo rosso” che portò in rovina diversi uomini sospettati ingiustamente di spionaggio anche a Hollywood.

fade-out-1

La vicenda narrata da Brubaker ha per protagonista Charlie Parish, sceneggiatore di Hollywood con tanto di nomination all’Oscar, ma che ha perso totalmente la voglia di scrivere dopo aver assistito in prima persona agli orrori della guerra in Europa. A scrivere per lui c’è però Gil Mason, suo ex-mentore finito nelle liste del maccartismo e per questo allontanato dal lavoro. La vita di Charlie viene ulteriormente sconvolta quando, dopo una festa, si sveglia nella stanza in cui giace morto il corpo dell’attrice Valeria Sommers, star in ascesa e sua amica. Charlie non ricorda molto della notte prima e più cercherà di andare a fondo nella vicenda più si inabisserà nel marcio del mondo di Hollywood.

fade-out-2

Uno dei principali scopi di Brubaker è quello di raccontare non solo la sua trama, ma l’assurdo e cinico mondo della Hollywood degli anni ’40, ben documentato da racconti, biografie e documenti. In questo circo splendente dal di fuori, ma corrotto e malato dall’interno, lo sceneggiatore non salva nessuno, a partite dallo stesso protagonista, passando dai produttori fino all’ultimo degli attori, nessuno è assolto. Brubaker, abile come al solito, delinea ogni figura donando loro una sfaccettatura in grado di renderli vivi e umani. La vicenda si svolge lentamente e l’autore costruisce il suo mosaico con pazienza e sapienza.

fade-out-3

Sean Philipps è la controparte naturale di Brubaker, e la loro intesa artistica rasenta la perfezione. Qui Philipps, coadiuvato da Elizabeth Breitweiser ai colori, lavora per la prima volta in digitale a un fumetto, abbandonando dunque la matita ma senza perdere minimamente il suo tocco. Come ammesso dallo stesso Brubaker, nelle sue sceneggiature per Philipps i dettagli sono minimi e dunque all’artista viene concessa piena liberta di movimento. La sua regia si dimostra, anche in questo caso, impeccabile. Il disegnatore predilige una gabbia composta da tre strisce tendenzialmente composte da 7 vignette, ma le variazioni sono numerose e frequenti, modulate a seconda dell’esigenza.
L’atmosfera della Hollywood degli anni ’40 è resa a pieno, grazie anche all’eccellente lavoro di Breitweiser, capace di donare le diverse sfumature adatte alla varie fasi della storia.

L’edizione Panini Comics in cui viene presentata in Italia l’opera per la prima volta è perfetta in ogni suo aspetto. Non solo l’elegante cartonato raccoglie tutti i 12 albi della miniserie vincitrice anche di un Eisner Awards nel 2016, ma è ricca di contenuti extra davvero interessanti, in particolar modo i dettagliati articoli in cui Brubaker, Phillips e Breitweiser spiegano le fasi del loro lavoro.

Leggi tutto...

Il teaser a fumetti del graphic novel di Ed Brubaker e Sean Phillips

  • Pubblicato in News

La Image Comics ha pubblicato un teaser del nuovo graphic novel di Ed Brubaker e Sean Phillips dal titolo My Heroes Have Been Been Junkies.

"Sin dalla morte della madre drogata, Ellie è ossessionata dai tossicodipendenti famosi. Quelle anime tragiche e artistiche attratte dagli aghi e dalle pillole sono stati i suoi angeli e idoli. Ma quando Ellie arriva in un'esclusiva clinica di riabilitazione - dove nulla è quello che sembra - troverà un'altra storia d'amore più pericolosa, e scoprirà con quanta facilità droga e omicidio vanno di pari passo."

My Heroes Have Been Been Junkies uscirà ad ottobre. Di seguito potete vedere il teaser diffuso dall'editore.

Leggi tutto...

Annunciato il primo graphic novel di Ed Brubaker e Sean Phillips

  • Pubblicato in News
Dopo la conclusione di Kill o Be Killed con il numero 20, Ed Brubaker e Sean Phillips si uniranno nuovamente per il loro primo graphic novel. Gli autori di Criminal, The Fade Out e Fatal pubblicheranno a ottobre per Image Comics My Heroes Have Been Been Junkies.

Questa la sinossi:
"Sin dalla morte della madre drogata, Ellie è ossessionata dai tossicodipendenti famosi. Quelle anime tragiche e artistiche attratte dagli aghi e dalle pillole sono stati i suoi angeli e idoli. Ma quando Ellie arriva in un'esclusiva clinica di riabilitazione - dove nulla è quello che sembra - troverà un'altra storia d'amore più pericolosa, e scoprirà con quanta facilità droga e omicidio vanno di pari passo."

Di seguito la cover di My Heroes Have Been Been Junkies di Brubaker e Phillips.

My-Heroes-Have-Always-Been-Junkies-cover

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.