Menu

 

 

 

 

Arriva la collana Naruto Saga con la Gazzetta dello Sport

  • Pubblicato in News

Dal 22 luglio, con Gazzetta dello Sport, arriva Naruto Saga. Dopo la proposizione integrale del manga di Masashi Kishimoto, una nuova collana di 40 uscite con gli spin-off del fumetto originale. Le prime 8 uscite avranno un costo di 5,99€ più il prezzo del quoidiano mentre, le successive costeranno 7,99€. Di seguito tutti i dettagli e i titoli dei primi volumi.

"La Saga di Rock Lee, La guida ufficiale al manga, Il settimo hokage e il marzo rosso e tante altre avventure che ti porteranno a conoscere tutto quello che c’è nell’universo narrativo parallelo di Naruto. Dopo il successo del manga originale e di quello a colori, La Gazzetta dello Sport ti propone una raccolta da collezione in 40 uscite della quale non puoi fare a meno se hai amato le avventure dell’esuberante ninja con il sogno di diventare hokage."

Naruto Saga - Piano dell’opera:

  • Naruto Manga: Il settimo Hokage e il marzo rosso - 22/07/2022
  • Naruto Manga: Rock Lee, Prodezze di un giovane ninja V.1 - 29/07/2022
  • Naruto Manga: Rock Lee, Prodezze di un giovane ninja V.2 - 05/08/2022
  • Naruto Manga: Rock Lee, Prodezze di un giovane ninja V.3 - 12/08/2022
  • Naruto Manga: Rock Lee, Prodezze di un giovane ninja V.4 - 19/08/2022
  • ...
Leggi tutto...

Masashi Kishimoto lancerà un nuovo manga nel 2018

  • Pubblicato in News

Masashi Kishimoto, autore di Naruto, ha annunciato il lancio di una nuova serie a fumetti previsto per il 2018. Il nuovo lavoro del mangaka, secondo Anime News Network, non ha ancora un titolo ma debutterà in occasione dell'uscita dell'albo speciale che celebrerà i 50 anni della rivista Weekly Shonen Jump nel mese di agosto.

In alcune precedenti dichiarazioni, Kishimoto aveva espresso l'intenzione di lavorare a un fumetto di fantascienza dopo Naruto.

(Via Newsarama)

Leggi tutto...

Quale sarà il prossimo manga di Masashi Kishimoto dopo Naruto?

  • Pubblicato in News

Il mangaka Masashi Kishimoto non è ancora sazio di successi. Dopo aver creato un manga dall'enorme seguito come Naruto, conclusosi lo scorso novembre dopo 15 anni di pubblicazione, Kishimoto è passato a lavorare su uno spin-off della serie, Naruto Spinoff: The Seventh Hokage and the Scarlet Spring Month, che si focalizzava sulla nuova generazione di shinobi.

In una recente intervista rilasciata ad un magazine giapponese il mangaka non si è detto pronto a ricominciare un'esperienza settimanale, che non porterà avanti di nuovo un progetto con cadenza del genere. Le consegne serrate hanno spinto Kishimoto ad interessarsi alle pubblicazioni in digitale della Shonen Jump Plus, in quanto offrono maggiore libertà per quanto riguarda numeri di pagine e date di pubblicazione.

In merito al soggetto per questo nuovo manga Kishimoto confessa di "aver già deciso di cosa parlerà. Realizzerò qualcosa sci-fi". Continua "Non ho ancora pronto nulla né mostrato nulla al mio editor, ma ho già i character design", definendo il personaggio principale come qualcosa di mai visto prima.

Non ci resta che attendere nuovi ed interessanti anticipazioni del nuovo lavoro di Kishimoto.

(Via Kotaku)

Leggi tutto...

La fine (?) di Naruto, una riflessione

  • Pubblicato in Focus

Terminare un'opera dalla lunga gestazione è sempre problematico, e non tanto per concludere la trama e ricongiungere tutte le fila - il che non sempre è un'impresa facile. Uno dei problemi principali, che potremmo dire si svincola dalle abilità narrative dell'autore stesso, è il confronto con il pubblico. Quel fandom più o meno ingente che l'opera è riuscita a creare attorno a sé e che diventa di tutto diritto parte integrante del processo di prosecuzione, creazione e conclusione del lavoro con cui l'autore deve necessariamente confrontarsi. Anche, se vogliamo, da un mero punto di vista economico. E questo problema è cruciale per un'opera letteraria quanto per una cinematografica.

Lo vediamo ora con Naruto come lo vedremo prossimamente con Bleach, One Piece o semplicemente con Game of Thrones. L'abbiamo visto con la fine di Lost o quella di Dr. House; come la parte finale di qualunque progetto possa portare il lettore/osservatore a rivalutare o svalutare un'intera opera nel suo complesso, spesso ingiustamente, conferendogli, emotivamente, un peso statistico superiore al resto.

Ma torniamo al nostro Naruto, manga di Masashi Kishimoto terminato da poco con il capitolo #700 dopo ben 15 anni di pubblicazione; uno dei più importanti fenomeni della letteratura fumettistica giapponese recente, con milioni e milioni di copie vendute, traduzioni in moltissime lingue, serie anime di successo e film cinematografici a seguito più o meno pregevoli.
Uno dei tre principali titoli di punta che hanno rivoluzionato il concetto di fumetto di massa come Bleach e One Piece, Naruto si è fatto strada tra i giovani fan con un'irruenza e un potere espressivo molto forti, complice la morale che ha accompagnato l'opera sin dalle sue prime fasi, molto sentita e facilmente comprensibile e sperimentabile dal target di pubblico a cui la stessa si rivolge, lo shōnen, per l'appunto, ossia un ragazzo nell'età di transizione adolescenziale.

L'importanza dell'amore, dell'amicizia, dell'empatia, della fratellanza, della condivisione del dolore, dell'accettazione delle diversità, sono tutti temi che vengono trattati con particolare accortezza e delicatezza dal Maestro, sebbene la reiterazione dei concetti abbia spesso causato la predicibilità e la scontatezza della trama in alcuni passaggi. Questo fil rouge solidale all'intera opera è stato tale fino al finale. Questa morale di fondo ha impregnato tutta la storia giungendo intatta fino agli ultimi capitoli, che sono risultati apprezzabili proprio perchè coerenti con il resto dell'opera. Perchè hanno dato al pubblico quello che voleva, la soluzione al conflitto ideologico duale che trovava i suoi campioni in Naruto e Sasuke, nemesi dicotomiche rappresentanti due visioni diverse del medesimo mondo, che era giusto si scontrassero per netto divario di metodiche e ideali.

Una conclusione degna che regala finalmente anche uno sguardo al futuro con rinnovata speranza, ponendo le basi per una nuova società più libera e giusta, guidata da quelli che furono gli oppressi, gli emarginati e le vittime del precedente sistema governativo. Tuttavia il vero punto critico dell'opera è stato il lungo peregrinare fino alla meta finale, ossia quell'arco narrativo che ha incanalato la storia verso l'ineluttabile termine.
Sebbene vi siano state saghe di indubbia qualità nel corso dell'opera, nell'ultima parte del manga Kishimoto sembrava quasi aver perso la bussola, rendendo la trama caotica e poco lineare, poco fluida, per colpa soprattutto dell'alimentazione eccessiva della fiamma, che ha portato ad un'escalation incontrollabile che è sfuggita dalle mani dello stesso autore. In primis la connotazione ereditaria e transgenerazionale dello scontro conclusivo tra gli eredi di Hagoromo, l'eremita delle sei vie. Da Madara a Kaguya il livello di potere del villain è cresciuto esponenzialmente fino a portare ad una sconfitta degli stessi poco credibile e raffazzonata, ma obbligata per potersi ricondurre in qualche modo all'inevitabile happy ending.

La caduta di qualità del prodotto nelle fasi finali è stata evidente, anche se, come si diceva prima, non sarebbe corretto dare un giudizio complessivo facendo leva principalmente su questo aspetto.
Una cosa che fa storcere il naso però è la volontà dello stesso Kishimoto di colmare lo shift temporale tra il capitolo #699 e il finale #700 tramite la realizzazione di un film d'animazione, The Last: Naruto the Movie, in uscita il 6 dicembre in Giappone, considerandolo ufficialmente come parte integrante dell'opera stessa e riconoscendolo come capitolo #699.5. Questo lascia il lettore del manga abbastanza contrariato, orfano di una parte della trama che non verrà trasposta in cartaceo, ma potrà essere fruita unicamente mediante un altro mezzo. La crossmedialità del racconto si è protratta fino alla condizione tale per cui per fruirne interamente bisogna necessariamente svincolarsi da un media per approdare ad un altro.
Ultimamente si sta sempre più evolvendo verso questa comunione dei media che frammenta la narrazione in molteplici rami da cui spesso non si riesce più ad estrarne un prodotto unitario e coerente con sè stesso. Una scelta quindi un po' azzardata considerando il fatto che il film non verrà probabilmente acquistato in tutti i Paesi in cui l'opera è stata tradotta, generando un possesso e un consumo incompleto della storia per molti fan.

Senza contare, inoltre, che ad aprile arriverà lo spin-off della serie...

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.