Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

SaldaPress pubblica La Lupa di Lorenzo Palloni

  • Pubblicato in News

Saldapress ha annunciato la pubblicazione de La Lupa di Lorenzo Palloni per maggio 2019.
Trovate di seguito tutti i dettagli e alcune tavole nella gallery in basso.

"Si chiama Ginger, è una donna dura, che fa un lavoro molto complicato. Forse vorrebbe avere una vita normale, dal momento che ha una famiglia, ma è molto difficile che possa riuscirci. Per raccontare la vita di Ginger serve molto talento e Lorenzo Palloni ci è riuscito: ha scritto LA LUPA, un graphic novel sorprendente, crudo, dalle spiccate atmosfere noir e crime.

E saldaPress ha il piacere di annunciare che lo pubblicherà a maggio 2019, dando il benvenuto a Lorenzo Palloni nel proprio catalogo. Si tratta dell’edizione rimasterizzata e colorata da Luca Lenci di uno dei fumetti più amati di Palloni e il volume conterrà diversi extra inediti. Una pubblicazione che conferma la volontà di saldaPress di esplorare i territori del fumetto d’autore e di genere italiano, puntando su autori originali e fuori dagli schemi, capaci di raccontare storie forti e inusuali. Come LA LUPA.

Ginger fa un lavoro complicato ed è la migliore in quello che fa: riscuote crediti con tutta la violenza che conosce, per poi tornare a casa, dalla famiglia, come madre amorevole. In perenne bilico tra queste due vite, Ginger lavora a un caso di mancato pagamento dietro l’altro cercando di sfuggire all’inevitabile momento: quello in cui pagherà a caro prezzo.

LA LUPA uscirà a maggio in un elegante volume cartonato quadrato, che riprende la griglia a nove vignette quadrate della tavola di Palloni. Un formato inusuale, per un fumetto unico nel suo genere.

Lorenzo Palloni, è uno dei fondatori dell'Associazione Culturale MAMMAIUTO, è autore di MOONED (Shockdom) e SCARY ALLAN CROW insieme a Dj Aladyn (Edizioni Inkiostro, 2017) ed è il disegnatore di UN LUNGO CAMMINO e de IL CUGINO per il mercato francese ha pubblicato i libri THE CORNER, con Andrea Settimo, L'ÎLE (Editions Sarbacane, 2016), ESATTO (Mammaiuto, 2016; Editions Sarbacane, 2017); le raccolte di storie brevi FALENE  e TEMPO DA LUPI(Mammaiuto, 2018) e 365 con Paolo Castaldi (Shockdom, 2018). Ha inoltre partecipato agli antologici "Un ragazzo parte per un viaggio, ferisce qualcuno, non torna più a casa" (Mammaiuto, 2015) e "Escamotage" (Mammaiuto, 2017). Per l’European Research Council crea il webcomic ESTRELLA (ERCcOMICS, 2017), e con il gruppo Mammaiuto Lab scrive TOPO GINO E IL PESCIOLINO (Mammaiuto, 2018) e disegna GREEN GIRL (Comicon Edizioni, 2018).

Nel 2016 è ospite della Maison Des Auteurs di Angoulême e vince il Premio Boscarato come "Miglior Sceneggiatore Italiano" per THE CORNER."

Leggi tutto...

Shockdom pubblica Instantly Elsewhere di Lorenzo Palloni e Martoz: anteprima

  • Pubblicato in News

Dopo l'anteprima lucchese, è disponibile per Shockdom Instantly Elsewhere di Lorenzo Palloni e Martoz.
Di seguito trovate tutte le info un'anteprima del volume.

"Shockdom ha pubblicato, lo scorso 25 ottobre, lo straordinario fumetto realizzato a quattro mani da due fra i più interessanti nuovi nomi della scena fumettistica italiana: ‘Instantly Elsewhere’ è un’opera psichedelica e appassionante scritta da Lorenzo Palloni e disegnata da Martoz, entrambi vincitori nel 2016 dei premi Carlo Boscarato, rispettivamente come Miglior Sceneggiatore Italiano e come Autore Rivelazione.

Il protagonista è una figura molto simile agli autori stessi: uno scrittore che inventa storie incessantemente. Owen Theobart ha un segreto: non può smettere di scrivere, perché tutto ciò che non scrive diventa realtà. Ma quando le sue storie mettono in pericolo la sua famiglia e il pianeta, l’unica cosa che può fare è provare a sconfiggerle con ogni mezzo necessario e fare cose che mai avrebbe immaginato, fino a mettere in discussione se stesso e il mondo che lo circonda. “Un uomo di mezza età – con le fattezze dello scrittore di fantascienza Ray Bradbury – e la sua famiglia contro un campionario di supereroi della più violenta e chiassosa cultura pop.” (Panorama.it)

Martoz racconta: “Instantly Elsewhere è una storia che contiene noi tre: Lorenzo Palloni, Martoz e Owen Theobart, lo scrittore protagonista del fumetto. Non possiamo smettere di fare, questo ci accomuna. Il febbrile bisogno di produrre, l'iperattività. "ci siete soltanto tu e le storie. nient'altro esiste, per quelli come te" così recita la quarta di copertina. Questa fantastica maledizione ci anima e ci sfibra, ci porta lontano e ci fa respirare attraverso le storie. Questo è un fumetto di fantascienza? Può darsi, ma è anche un omaggio alle storie e viene messo in scena da tre personaggi che danno alle storie la stessa considerazione, la stessa concretezza della realtà.”

Gli fa eco Palloni: "Chiariamoci subito: Martoz è pazzo. Di quelli veri, da camicia di forza, stanza imbottita e pasticche arcobaleno. Ma si dà anche il caso che sia efficiente e funzionale e prolifico come pochi narratori di questa nazione. E non potevo non pensare al suo bel faccino romano quando l’idea di Instantly Elsewhere mi ha attraversato la testa. Vedevo la storia già disegnata da lui, in un gorgo di segni dinamici e consistenti, giustapposti per creare un nuovo mondo e una nuova epica dove fantasia e realtà hanno lo stesso peso sia per i personaggi che lo vivono, sia per i lettori che lo fruiscono. Si parla di idee, del perché l’ossessione e la febbre per il Racconto consumano l’Essere Umano, e non avrei potuto partorire il nostro alter ego cartaceo Owen Theobart e la sua sgangherata famiglia insieme a una persona che non fosse produttiva almeno quanto me. Sono emozionato e un po’ commosso: ce l’abbiamo fatta, dopo anni di progettazione, e grazie alla fiducia e all’incoscienza dei ragazzi di Shockdom. Ad oggi il libro è finito, la storia è intrappolata, Martoz è pazzo. Ed è merito suo se Instantly Elsewhere è la figata senza freni che è.”

Chiara Zulian, responsabile editoriale di Shockdom, dice: “Instantly elsewhere è un volume incredibile, non solo per gli splendidi - quasi cubisti - disegni di Martoz, ma anche per la storia abilmente scritta da Lorenzo Palloni: una storia lunga che riesce a coinvolgere il lettore e ad accompagnarlo nel corso di una narrazione attenta e particolareggiata in cui i personaggi abilmente costruiti e raccontati si muovono in una realtà simile alla nostra, ma sconvolta da eventi inspiegabili; tutta la storia si snocciola con naturalezza senza mai essere noiosa o pesante e mantenendo alta la tensione. Agli autori non posso che fare mille complimenti e augurare il successo che meritano.” ‘"

 

Leggi tutto...

Brandon Box acquista i diritti cinematografici di Un lungo cammino

  • Pubblicato in Screen

Con un annuncio sulla propria pagina Facebook, la casa di produzione milanese Brandon Box ha annunciato l'acquisizione dei diritti cinematografici del fumetto Un lungo cammino di Lorenzo Palloni, Samuel Daveti e Francesco Rossi, nato come produzione Mammaiuto e recentemente ripubblicato da Shockdom sotto l'etichetta Fumetti Crudi, come vi abbiamo riportato in questo articolo.

Brandon Box è una realtà specializzata in fiction, format tv e realtà virtuale, fondata nel 2010 da Andrea Sgaravatti e Guido Geminiani. Di seguito trovate il post. Al momento non sono disponibili ulteriori informazioni.

Leggi tutto...

L'esistenzialismo pop di Lorenzo Palloni, la recensione di Mooned

61yi7ZF4JZL

In occasione di Napoli Comicon è stata presentata da Shockdom l’edizione integrale di Mooned, l’opera più lunga di Lorenzo Palloni inizialmente pubblicata sul web dal 2012 al 2014, raccolta finalmente in un volumone di quasi 700 pagine. L'editore attinge quindi nuovamente al prolifico quanto eccellente bacino fumettistico di Mammaiuto, collettivo di autori e artisti di cui spesso vi abbiamo parlato.

Mooned è concettualmente un prodotto molto semplice dal punto di vista narrativo e fumettistico: una sola vignetta, che mostra un uomo sdraiato di schiena sulla superficie di una piccola luna nel nero dello spazio più profondo, che viene adottata, con miriadi di variazioni sul tema, per seguire l’evoluzione della sfortunata storia di Rico Ferris, un giovane astronauta precipitato sul satellite e bloccato su di esso in attesa che il suo amico e collega venga a recuperarlo. Una struttura estremamente semplice, ma che viene complicata, variata, rimodellata, espansa ed esplorata con una fantasia e una capacità di storytelling davvero invidiabili da Palloni, uno fra i migliori autori emergenti del panorama italiano, nonché uno dei più prolifici, soprattutto in questo 2017 che come vi abbiamo raccontato riserva molte novità. Tra i volumi pubblicati ricordiamo opere di qualità come Esatto per Mammaiuto e The Corner per Rizzoli Lizard, che gli è valso un riconoscimento d'eccezione come il Premio a Miglior Sceneggiatore Italiano del TCBF.

mooned-shockdom 1

Mooned è un'opera che affascina non solo per i temi trattati ma soprattutto per come vengono affrontati e padroneggiati. L'esistenzialismo, l'analisi psicologica, sono tutti aspetti che Palloni domina nell'applicazione a questo lavoro, facendoli propri entro certi limiti, e questo risulta in una naturalezza, in una spontaneità e in una fluidità di espressione e caratterizzazione che non provoca frizioni nella lettura. Tutto si incastra alla perfezione, non ci sono stonature, né virtuosismi intellettuali.
Diversi sono gli spunti interessanti e molto ben sviluppati di questa sorta di Waiting for godot cosmico, in primis il rapporto tra l’uomo e la sua mente, i suoi pensieri, la sua capacità intellettiva, quando queste diventano le uniche compagne di un individuo sperduto nello spazio. La follia, le allucinazioni date dalla pazzia indotta dalla solitudine e dall’attesa interminabile ed angosciante, lo portano a riflettere su se stesso e sulla sua condizione.

Un viaggio alla scoperta dell'essenza stessa dell'uomo quando si è privati della propria umanità, della socialità, si è lasciati in balia di se stessi, dei propri pensieri, dove la vastità dello spazio fa a pugni con la finitezza del proprio io. Un viaggio parallelo tra autore e protagonista in cui spesso le due parti si sovrappongono.
Palloni si prende tempo e spazio necessari per la sua narrazione: non la affretta né la comprime se non strettamente necessario. Il che permette di essere trascinati ancora di più in una atmosfera in cui i concetti stessi di tempo e spazio risultano dominanti e imperanti, spesso asfissianti, in cui i contrasti tra estremi dominano l'intero quadro.

mooned-shockdom 2

Nel mettere in scena questa tragedia esistenzialista, Palloni esorcizza la disperazione con l'aiuto della follia, di personaggi immaginari bizzarri e allucinanti - un pappone cosmico, dei lamantini giganti che tengono le fila dell’universo, la Donna Cannone… - partoriti dalla mente di Rico (o forse no?), delineando una triste quanto incredibile parabola di degradazione della sanità mentale, nonché di scoperta di se stessi, con la mente ormai provata che cerca di tamponare inutilmente una deriva ormai consolidata, con visioni e deliri in potenza rassicuranti, che portano allo scoperto una natura umana fragile e meravigliosamente contorta. Il tutto accompagnato da un linguaggio privo di filtri, spesso sboccato, forte e mai edulcorato, sia nei termini che nei concetti, che ravviva ancora di più la narrazione.
La struttura episodica inizialmente presente nella pubblicazione online viene quindi meno in questa versione cartacea, che con un unico flusso presenta l’intera storia, suddividendola in 4 macro fasi che rappresentano 4 periodi di scrittura dell’opera e quindi caratteristiche distinte e peculiari, anche dal punto di vista della mentalità dell'autore, maturata nel corso della stesura di Mooned.

mooned-shockdom 4

La Fase 1 è cinica e distruttiva, più cupa. Perdita di lucidità, fede e speranza, di ogni positivismo: rassegnazione ma mai rinuncia alla vita, attaccamento disperato a un'esistenza che per quanto solitaria e dolorosa, per quanto tremenda, viene rivendicata come unico possesso di un naufrago dello spazio, che ha perso tutto, ospitato su di una piccola luna.
La Fase 2 invece è più incentrata sul divertissement, piena di spezzoni comici e gag, allucinazioni e follie pseudoscientifiche che giocano con il lettore e con gli elementi narrativi disponibili, arrivando anche al metafumetto: Rico comprende di essere una striscia a fumetti e battibecca con l'autore sulla qualità dei suoi episodi.
È in questa fase che si assiste ad una contaminazione di stili e di scelte artistiche, con collaborazioni con altri illustratori e fumettisti per la realizzazione di alcune vignette.

Nella Fase 3 invece vediamo Rico prendere coscienza della sua perdita di lucidità mentale, dello sgretolarsi del suo senno che lo porta irrimediabilmente a comprendere il dramma angosciante della sua situazione. Ma lottare contro la propria mente, contro ciò che ci definisce e ci rende umani, è una sfida di proporzioni incalcolabili, una lotta intestina in un campo di battaglia sempre più logoro e martoriato, con un sempre più flebile attaccamento alla vita, eco titanico ormai in via di consunzione, atto ad impedire il facile abbandono al triste fato che permetterebbe a Rico di terminare le sue sofferenze.
Rico realizza la sua vera natura, comprende che gli alti valori, la pura morale in fin dei conti non sono altro che suppellettili da ostentare, da sfoggiare a vuoto ma che non trovano riscontro nella natura umana quando si è in circostanze critiche e si viene messi duramente alla prova. Parole al vento che lo lasceranno con un vuoto interiore, con la perdita di ciò che pensava essere, rappresentare, ma al contempo con un guadagno non indifferente, ossia una comprensione più radicata e disillusa, ma con questo più realistica, del suo essere.
La realizzazione di aver passato una vita senza sapere realmente chi si è, di aver aspettato nient'altro che se stessi, è uno dei momenti più alti del fumetto, catartico per il protagonista e folgorante per il lettore. Una meraviglia. E la Fase 4 corona alla perfezione l'intero racconto, tirando le somme e chiudendo il bilancio di questa sfaccettata, folle e divertente parabola esistenzialista, rendendo ancora più facile il paragone tra protagonista e lettore.

mooned-shockdom 3

Artisticamente parlando, il tratto è semplice, cartoonesco, e la iterazione di quella che se vogliamo è la medesima vignetta per più di 2500 volte, la riproposizione di un frame con lo stesso setting che comporta una sorta di staticità del layout, si contrappone invece alla perfezione al variegato dinamismo evolutivo degli eventi che prendono piede in questi piccoli quadrati neri. La malleabilità degli elementi narrativi, luna in primis, che si deformano, si modificano in miriadi di modi a seconda dell’umore e della situazione, sono uno dei punti più interessanti di quest’opera, artisticamente parlando, così come la fervida immaginazione dell’autore. Il character design poi è ricercato e molto ricco di citazioni popolari e di tradizione, spesso con forti richiami musicali, si veda Francesco De Gregori, David Bowie, Edoardo Bennato e la portante Across the Universe dei The Beatles.

Per quanto riguarda l'edizione, l'enorme brossurato Shockdom rimane l'unica soluzione per proporre un'opera così lunga e corposa come questa, anche se già alla prima lettura l'adesione dei fascicoli alla costola è messa a dura prova, ed è facile che l'edizione si rovini. Tuttavia ad un prezzo così competitivo per un numero di pagine così elevato e una storia di ottima fattura questi difetti passano in secondo piano.
Non possiamo che consigliarvi quest’opera, finalmente pubblicata con coraggio (e un pizzico di follia) in versione cartacea.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.