Menu

 

 

 

 

George Pérez ha annunciato di aver un cancro terminale

  • Pubblicato in News

Come vi avevamo riportato a inizio 2019, George Pérez aveva annunciato il suo ritiro dal mondo dei fumetti a causa dei suoi problemi di salute. L'artista, 67 anni, ha comunicato ieri su Facebook una notizia ancora più triste. Perez, infatti, ha reso noto di avere un cancro al pancres al terzo stadio e di voler rinunciare alle cure per poter trascorrere il tempo che gli rimane, probabilmente 6-12 mesi, insieme ai suoi familiari.

Ecco il messaggio tradotto:

"Da George ai suoi fan, agli amici e alla famiglia allargata, leggete qui di seguito. Questa pagina servirà come luogo per connettersi con George e ricevere aggiornamenti. Per favore, rispettate la privacy di George e della sua famiglia in questo momento difficile e scrivete SOLO attraverso questo viale.
Grazie e leggi quanto segue:

A tutti i miei fan, amici e famiglia allargata,
È piuttosto difficile credere che siano passati quasi tre anni da quando ho ufficialmente annunciato il mio ritiro dalla produzione di fumetti a causa dei miei problemi di vista e di altre infermità causate principalmente dal mio diabete. All'epoca ero lusingato e onorato dal numero di tributi e testimonianze fattemi dai miei fan e colleghi. Le belle parole dette in quelle occasioni erano così commoventi che scherzavo dicendo "l'unica cosa che mancava a quelle dimostrazioni ero io che giacevo in una bara". »
Era divertente all'epoca, pensavo. Ora, non tanto.

Il 29 novembre ho ricevuto conferma che, dopo essere stato sottoposto a intervento chirurgico per un blocco al fegato, ho scoperto di avere un cancro al pancreas al terzo stadio. È chirurgicamente inoperabile e la mia aspettativa di vita stimata è compresa tra 6 mesi e un anno. Mi è stata data la possibilità di fare chemioterapia e/o radioterapia, ma dopo aver soppesato tutte le variabili e valutato quanto dei miei giorni rimanenti sarebbe stato divorato dalle visite del medico, dalle cure, dai soggiorni ospedalieri e avendo a che fare con la burocrazia spesso stressante e frustrante del sistema medico, ho optato per lasciare che la natura faccia il suo corso godendomi tutto il tempo che mi rimane il più possibile con la mia bellissima moglie da oltre 40 anni, la mia famiglia, i miei amici e i miei fan.
Da quando ho ricevuto la mia diagnosi e la mia prognosi, chi è nella mia cerchia ristretta mi ha dato tanto amore, sostegno e aiuto, sia pratico che emotivo. Mi hanno dato pace.

Ci saranno alcune questioni di lavoro di cui occuparsi prima che me ne vada. Mi sto già organizzando con il mio agente per rimborsare i soldi pagati per gli schizzi che non riesco più a finire. E siccome, pur avendo un solo occhio funzionante, posso ancora firmare il mio nome, spero di coordinare un ultimo firmacopie per facilitare il mio passaggio. Spero anche di riuscire a fare un'ultima apparizione pubblica in cui poter essere fotografato con il maggior numero possibile dei miei fan, a condizione di poter abbracciare ognuno di loro. Voglio solo potervi dire addio con sorrisi oltre che con lacrime.

So che molti di voi avranno domande o commenti da fare, e piuttosto che alimentare il fuoco della speculazione e di una cattiva comunicazione ben intenzionata ma potenzialmente dannosa, tornerò nell'arena dei social media dando vita ad un nuovo profilo Facebook dove fan e amici possono comunicare direttamente con me o con il mio rappresentante designato per aggiornamenti e chiarimenti.
Per richieste da parte dei media e della stampa, si prega di utilizzare anche i recapiti presenti nella pagina. Vi prego di rispettare la privacy di mia moglie e della mia famiglia in questo momento e di usare la pagina Facebook piuttosto che contattarci attraverso altri canali.
Potrei non essere in grado di rispondere così velocemente come vorrei, poiché cercherò di ottenere più piacere possibile dall'esterno nel tempo concessomi, ma farò del mio meglio. Anche le belle parole sarebbero molto apprezzate. Più dettagli seguiranno una volta che tutto sarà operativo.

Beh, per ora è tutto. Questo non è un messaggio che mi è piaciuto scrivere, soprattutto durante le festività ma, stranamente, sento lo spirito natalizio più ora che in molti anni. Forse è perché probabilmente sarà l'ultimo. O forse perché sono avvolto dalle braccia amorevoli di tanti che mi amano tanto quanto io amo loro. È molto edificante sentirsi dire che hai condotto una bella vita, che hai portato gioia in così tante vite e che lascerai questo mondo un posto migliore perché ne hai fatto parte. Parafrasando Lou Gehrig: "Alcuni possono pensare che abbia avuto una brutto break, ma oggi mi sento l'uomo più fortunato sulla faccia della Terra. »
Prendetevi cura di voi e grazie.

George Perez
7 dicembre 2021"

La Redazione tutta di Comicus abbraccia virtualmente e ringrazia di cuore il grande George Pérez per tutti i bei momenti trascorsi insieme nel corso di questi decenni in cui, con la sua immensa arte, ha allietato le nostre giornate.

Leggi tutto...

George Pérez si ritira dal mondo del fumetto

  • Pubblicato in News

L'artista George Pérez, 64 anni, noto per il suo lavoro su titoli come Giovani Titani, Wonder Woman, Avengers, Crisi sulle Terre Infinite e Il Guanto dell'Infinito, ha annunciato il suo ritiro dal mondo dei fumetti.

"Negli ultimi mesi, c'è stata una grande quantità di speculazioni sul futuro della mia carriera, sulla mia salute, sulla mia capacità di disegnare e sulle mie future apparizioni nella convention", ha dichiarato Pérez in un comunicato stampa. "Di conseguenza, mi piacerebbe chiarire tutto di prima mano in modo che, si spera, eventuali voci, speculazioni e disinformazione possano essere messe a tacere".

"Riguardo ai miei futuri lavori su fumetti e simili... mentre so che non è un segreto che ho avuto a che fare con una miriade di problemi di salute (diabete, malattie cardiache, problemi di vista, ecc.), questi mi hanno davvero costretto, a tutti gli effetti, a ritirarsi formalmente dal business della creazione di nuovi fumetti."

Pérez ha sottolineato che non realizzerà più commissioni private perché non è in grado di garantire la giusta qualità ai suoi lavori, mentre proseguirà a fare sketch alle convention ma solo per un numero molto limitato di 5 al giorno. Il prezzo per disegno sarà di 100 dollari, che verranno donati in beneficenza a varie associazioni.

"Per farla breve, starò bene", ha concluso l'artista. "Ho avuto un'ottima carriera facendo esattamente quello che volevo fare da quando ero un bambino. Ora posso stare seduto a guardare le cose che ho contribuito a creare divertire intere nuove generazioni. Questa è un'eredità molto bella che lascio alle spalle. Ed è grazie a tutti voi, i più grandi fan del mondo, a cui sono sono onorato e per sempre grato".

Leggi tutto...

Infinity Gauntlet – Il Guanto dell'Infinito, recensione: il classico Marvel che ha ispirato Infinity War

MMHIS029ISBN 0

Avengers: Infinity War in sole 3 settimane dalla sua uscita è diventato il maggior cinecomic di sempre, entrando nella top 5 dei film più visti di sempre e in rotta verso i 2 miliardi di dollari.
Sull’abilità dei Marvel Studios di costruire un successo del genere, ci sarebbe da discutere molto, ciò che conta è che la pellicola mostra appieno la sua epicità portando in scena decine di personaggi e avvalendosi di una costruzione pianificata che è durata ben 10 anni.

Infinity-Gauntlet-1

La nemesi nell’ombra, uscita allo scoperto finalmente in questo film, è Thanos, il cui piano di recuperare le sei gemme dell’infinito ha fatto da sfondo alle pellicole dei Marvel Studios fino al climax di Avengers: Infinity War.
Il Titano Pazzo, innamorato della morte, è una creazione di Jim Starlin nato nel 1973 sulle pagine della serie di Iron Man ma ripreso con forza dal suo stesso creatore in un lungo ciclo di avventure a inizio anni ’90 dopo una decina di anni d’assenza. È in questo periodo che vede la luce Infinity Gauntlet, ovvero Il Guanto dell’Infinito, saga in 6 albi che rappresenta la principale fonte di ispirazione del film Infinity War.

Infinity-Gauntlet-2

Come nel film, anche nel fumetto Thanos recupera le gemme dell’infinito e annienta metà della popolazione con un semplice gesto della mano. Le motivazioni di fondo restano simili, ma nel fumetto queste hanno sfumature diverse - in particolar modo considerando il rapporto Thanos/Morte e Thanos/Gamora - e molteplici. È naturale, comunque, che al cinema si sia dovuto levigare alcuni aspetti rendendo, seppur bene, meno sfaccettata la caratterizzazione del villain. Così come cambia il backgound degli eroi, con anni di storie a fumetti alle spalle, che partecipano a una battaglia all'apparenza senza speranza, e con alcuni personaggi cardini del tutto assenti (vedi Silver Surfer e Adam Warlock e tutti i personaggi cosmici). Se dunque il cinema dà un’interpretazione moderna e riveduta della saga a fumetti, la domanda da porci è quanto questa saga sia ancora oggi valida.

Infinity-Gauntlet-3

Pubblicata nella seconda metà del 1991, Infinity Gauntlet è dunque contemporanea a opere come gli X-Men di Jim Lee, la X-Force di Rob Liefeld e lo Spider-Man di Todd McFarlane, ovvero tutta la generazione di autori che di li a poco avrebbe fondato la Image Comics sconvolgendo il mondo del fumetto. Tavole con eroi dalle muscolature improbabili, storie  personaggi cupi e violenti erano la regola in quel periodo. Molta della produzione dell’epoca, non a caso, oggi risulta invecchiata molto male. La peculiarità stilistica de Il Guanto dell’infinito risiede però nella visione artistica degli autori coinvolti. Jim Starlin ai testi e George Pérez alle matite, a cui si affiancherà Ron Lim, sono autori contemporanei dal grande successo ma custodi di uno stile più classico, in alcun modo, però, retrò o “vecchio”. Il loro essere al di sopra delle mode del momento, di approcciarsi al medium fumetto aggiornando la tradizione Marvel Comics consente loro di produrre una storia che regge il confronto del tempo.
È naturale che, soprattutto per alcune situazioni di continuity dei personaggi coinvolti e per scrittura e disegni, la saga mostra tutta la sua collocazione cronologica, ma resta ad oggi un gran classico e una lettura coinvolgente che riesce a emanare intatta la sua epicità. Naturalmente, una prima parte un po’ lenta nel suo incedere e qualche ingenuità narrativa minano leggermente il risultato finale, ma nulla di così grave.

Panini Comics propone Il guanto dell’infinito in un corposo volume cartonato, che non offre particolari extra se non la saga di sei albi. Una lettura solida e importante per chi vuole approfondire il personaggi di Thanos visto al cinema e la storia che ha dato vita al film.

Leggi tutto...

George Pérez disegna Thanos per la variant cover di Infinity Wars: Prime #1

  • Pubblicato in News

Marvel Comics ha svelato la variant cover realizzata da George Pérez per Infinity Wars: Prime #1, l'albo scritto da Gerry Duggan e disegnato da Mike Deodato Jr. in uscita il prossimo 25 luglio. L'artista, per l'occasione, disegna Thanos, personaggio su cui ha lavorato con Jim Starlin e Ron Lim a cavallo fra gli anni '80 e '90, nelle storie che hanno ispirato il film Avengers: Infinity War.

Potete ammirare la copertina qui di seguito.

INFINITY-WARS-PRIME-PEREZ-VAR-CVR

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.