Menu

 

 

 

 

Discesa all'inferno 1-2, recensione: il thriller da incubo di Garth Ennis e Goran Sudzuka

discesa-inferno-0

Fin dai suoi esordi in terra anglosassone, Garth Ennis è sempre stato un autore noto per opere alquanto provocatorie, contrassegnate da uno smaccato gusto per il grottesco o da un umorismo cinico e iconoclasta. Discesa all’Inferno (in originale A Walk through Hell), recente fatica dell’autore nordirlandese (uscita negli USA per la AfterShock come miniserie di dodici numeri, che la Saldapress ha raccolto in due volumi cartonati), sembra invece seguire - almeno all’inizio - strade più canoniche, tanto da poter essere quasi ascritta a un genere specifico. Una rarità per Ennis, che, storie di guerra a parte, anche nelle sue sporadiche incursioni in territori a lui meno congeniali (ci riferiamo a personaggi più mainstream come Punisher o Nick Fury) ha sempre fatto in modo di lasciare la sua impronta ben in evidenza, dando a intendere che, per uno come lui, seguire le regole di un determinato genere, significherebbe arrendersi a una scrittura troppo scontata e banale.

discesa-inferno-1

A una prima lettura la trama di questa nuova opera sembra proprio quella di un comune thriller dai risvolti soprannaturali. Protagonisti della vicenda sono due agenti del F.B.I. di cui conosciamo solo i cognomi, Shaw e McGregor, che, alla fine del loro turno, invece di tornare a casa per la vigilia di Natale, decidono di andare a controllare un magazzino, dove, qualche ora prima, due loro colleghi sono entrati per indagare, senza più dare notizie di sé. Pur se scoraggiati dalla polizia locale e da alcuni agenti dei reparti speciali, terrorizzati da quello che hanno trovato all’interno del deposito, Shaw e McGregor decidono di entrare nell’edificio diventando, in breve tempo, preda di quelle che - inizialmente - sembrano solo inquietanti allucinazioni per poi diventare qualcosa di molto diverso. In una di queste, inoltre, fa la sua comparsa Paul Carnahan, un pedofilo assassino che, sebbene già morto, continua a perseguitare Shaw nei suoi tumultuosi sogni notturni.

discesa-inferno-2

Come in ogni racconto di suspense che si rispetti, nella parte iniziale della storia (cioè quella raccolta nel primo volume), l’incubo in cui precipitano i due agenti del F.B.I. tende a palesarsi a poco a poco, ed Ennis è molto abile ad accrescere, a più riprese, i momenti di tensione, interrompendoli immediatamente nell’istante di massima intensità, attraverso la rievocazione di alcuni eventi del passato. In questo modo il lettore ha la possibilità di tirare il fiato e di prepararsi allo shock successivo cercando, nel frattempo, di incastrare i vari pezzi del puzzle attraverso i flashback di cui dicevamo, che ricostruiscono - in maniera volutamente irregolare e spezzettata (rendendo la vicenda ancora più misteriosa e sinistra) - sia l’indagine che ha segnato la carriera dei due protagonisti, sia alcuni momenti della loro vita, apparentemente determinanti per le scelte professionali di entrambi. È in questi primi cinque capitoli che l’autore di Preacher dà il meglio di sé: le poche concessioni al “gore” servono solo ad accentuare le atmosfere disturbanti e vagamente paranoiche della trama, non a mettere in mostra il suo abituale spirito anarchico.

A completare il tutto, una caratterizzazione dei personaggi da manuale, anche quella apparentemente scontata dello psicopatico Carnahan. Ad aiutarlo, i disegni del croato Goran Sudžuka, solo in apparenza troppo “puliti” e poco evocativi. In realtà, grazie anche ai colori del connazionale Ive Svorcina, e a una costruzione delle tavole estremamente variabile, l’autore balcanico riesce a trasferire in immagini il continuo cambio di registro narrativo voluto da Ennis. Nei passaggi in cui la tensione prende il sopravvento, inoltre, il largo uso dei primi piani dei personaggi (o anche solo dei loro occhi), accresce notevolmente la loro espressività, permettendo al lettore di percepire chiaramente l’angoscia e l’orrore che essi stanno vivendo in quel momento.

discesa-inferno-3

Nel secondo volume, che racchiude gli ultimi sette capitoli della miniserie, e che può ancora contare sul buon lavoro di Sudžuka, la tematica di fondo cambia progressivamente, con una narrazione sempre più contorta, che sembra quasi prendere a modello alcune delle opere più controverse di David Lynch. Nel finale, per di più, l’autore nordirlandese sembra più interessato a filosofeggiare sulla natura del male in senso assoluto, con avvenimenti reali e immaginari che diventano indistinguibili, mischiandosi in maniera poco chiara persino con discutibili riferimenti all’attualità politica statunitense. In verità, già nel primo volume si poteva intuire che le intenzioni di Ennis fossero proprio quelle quando, dopo le drammatiche tavole introduttive, i due protagonisti appaiono sullo sfondo di tweet di persone intente a discutere gli avvenimenti iniziali, cercando di far emergere, in poche battute, le forti contraddizioni e le enormi differenze presenti nella società americana contemporanea. Oppure, subito dopo, dai discorsi a tavola dell’agente McGregor che, senza giri di parole, decide di inveire contro l’attuale inquilino della Casa Bianca. Tuttavia, tutto viene presto messo in secondo piano dalla raccapricciante vicenda principale, ed è solo arrivando al finale, che quelle brevi scene iniziali acquistano un significato reale. Ma, per quanto possiamo comprendere i motivi della frustrazione dello scrittore nordirlandese, così come trovare condivisibili i suoi giudizi sullo stato comatoso della politica mondiale (e di quella statunitense in particolare), abbiamo trovato un po’ fuori luogo l’accostamento di una vicenda, che vorrebbe farci riflettere su questioni dal sapore quasi biblico, con le imbarazzanti “imprese” dei governanti del suo paese d’adozione (con tanto di nomi e cognomi!). È questo non proprio piccolo neo, unito al finale un po’ confuso, che ha determinato il nostro giudizio sull’opera nel suo complesso: lusinghiero ma non entusiastico, come la lettura del primo volume sembrava, invece, far presagire.

Leggi tutto...

Anteprima di The Boys: Dear Becky #1

  • Pubblicato in News

Il prossimo 1° aprile uscirà, per Dynamite Entertainment, The Boys: Dear Becky #1 ad opera di Garth Ennis, Darick Robertson e Russ Braun. La miniserie sarà un prequel di The Boys e si concentrerà su Becky Butcher, la moglie di Billy Butcher, la cui morte scatena gli eventi della serie originale.

Robertson, co-creatore e artista della serie originale, realizzerà le cover mentre Braun disegnerà gli interni. Potete vedere un'anteprima dell'albo nella gallery in basso.

"Inizialmente avevo intenzione di non scrivere più nulla su The Boys, ma per ovvi motivi mi sono ritrovato a pensare di nuovo alla storia e ai personaggi negli ultimi due anni", ha dichiarato Ennis. "C'era un aspetto della storia originale, e un personaggio in particolare, che non ha mai ricevuto la giusta attenzione: Becky Butcher, la cui scomparsa motiva suo marito Billy a fare le cose terribili che fa, ma che in realtà appare solo in due numeri. Mi è piaciuto molto scrivere Becky, quasi quanto lo stesso Butcher, e volevo approfondire il motivo per cui la sua breve apparizione proiettava un'ombra così lunga."

La serie tv di The Boys di Amazon Prime è stata rinnovata per una seconda stagione, ma non è nota la sua data di uscita.

Leggi tutto...

Garth Ennis e Darick Robertson di nuovo insieme per The Boys

  • Pubblicato in News

Garth Ennis e Darick Robertson, insieme a Russ Braun, torneranno a raccontare le vicende di The Boys in un prequel a fumetti intitolato Dear Becky. La miniserie si concentrerà su Becky Butcher, la moglie di Billy Butcher, la cui morte scatena gli eventi della serie originale.

Robertson, co-creatore e artista della serie originale, realizzerà le cover mentre Braun disegnerà gli interni.

"Inizialmente avevo intenzione di non scrivere più nulla su The Boys, ma per ovvi motivi mi sono ritrovato a pensare di nuovo alla storia e ai personaggi negli ultimi due anni", ha dichiarato Ennis. "C'era un aspetto della storia originale, e un personaggio in particolare, che non ha mai ricevuto la giusta attenzione: Becky Butcher, la cui scomparsa motiva suo marito Billy a fare le cose terribili che fa, ma che in realtà appare solo in due numeri. Mi è piaciuto molto scrivere Becky, quasi quanto lo stesso Butcher, e volevo approfondire il motivo per cui la sua breve apparizione proiettava un'ombra così lunga. "

The Boys: Dear Becky #1 uscirà ad aprile per Dynamite Entertainment. La serie tv Amazon Prime è stata rinnovata per una seconda stagione, ma non è nota la sua data di uscita.

the-boys-dear-becky-1

the-boys-dear-becky-2

Leggi tutto...

Erf, un libro scritto da Garth Ennis per i bambini

  • Pubblicato in News

Esce oggi in America il nuovo lavoro di Garth Ennis, tuttavia in un ambito insolito per chi conosce l'autore per opere quali Preacher, The Boys e il suo ciclo sul Punitore. Erf, per Dynamite, è infatti una storia per bambini - e i lettori di tutte le età - ad opera dello sceneggiatore irlandese per i disegni di Rob Steen.

Ecco la sinossi del libro.

"All'alba dei tempi, Erf e i suoi tre amici anfibi, Figwillop, KWAAAH e Booper, muovono i primi passi fuori dall'oceano, l'inizio di un'avventura nel mondo primordiale. Mentre esplorano le nuove entusiasmanti terre oltre la costa, scoprono che la giungla preistorica ospita il potente e terrificante Colossux. Quella che segue è una favola evolutiva di amore e lealtà per i lettori di tutte le età!"

Di seguito trovate, invece, le tavole di Erf.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.