Menu

 

 

 

 

In edicola Le Avventure di Rupert e il Riccio, il fumetto di Fraffrog e RichardHTT

  • Pubblicato in News

È disponibile da oggi per Shockdom Le Avventure di Rupert e il Riccio, un albo a fumetto realizzato da Fraffrog e RichardHTT. Illustrato da Federica Paolelli, la pubblicazione avrà una cadenza trimestrale e un costo di 5€.

Di seguito trovate tutti i dettagli e un'anteprima dell'albo.

"Shockdom presenta il debutto in edicola di Fraffrog e RichardHTT: “Le Avventure di Rupert e il Riccio”. I due content creator, che per Shockdom avevano già pubblicato insieme “Il DucoMentario”, esordiscono con un periodico sceneggiato interamente da loro e disegnato da Federica Paolelli. “Le avventure di Rupert e il Riccio” sarà pubblicato in edicola a cadenza trimestrale a partire da domani, 15 settembre 2020.

Fraffrog e RichardHTT sono molto popolari sul web: i rispettivi canali YouTube sono seguiti da un totale di oltre 1 milione e 500mila utenti, e i loro video contano quasi 250 milioni di visualizzazioni. Da diversi anni creano insieme contenuti originali di animazione e collaborano con i principali brand di intrattenimento. Popolarissimi fra i teenager, da qualche anno pubblicano anche fumetti campioni di incassi in libreria e nelle fiere di settore. Fraffrog inoltre fa parte dei 10+1 dreamers, i disegnatori che sono stati invitati a disegnare i poster ufficiali di Lucca Changes 2020 (l'edizione di quest'anno di Lucca Comics and Games), reinterpretando, ognuno con il proprio stile, la visione di un mondo migliore.

Le avventure di Rupert e il Riccio - Sinossi: Rupert è una rana con un desiderio decisamente particolare: diventare Re. Non importa di quale Regno e non gli interessa come fare, lui vuole semplicemente essere sovrano di qualcosa, sedersi su un trono e comandare. Per realizzare il proprio desiderio Rupert si trova a girare tra i mondi cercandone uno da conquistare, e il viaggio si sviluppa proprio lungo i vari numeri pubblicati. Ad accompagnare Rupert lungo il viaggio c'è il Riccio, che la rana chiama “suddito”, e che è alla ricerca dei propri genitori. Tanto Rupert è arrogante e prepotente, quanto il Riccio è dolce e remissivo, magari non esattamente un genio, ma è un personaggio al quale ci si affeziona subito. Nel viaggio di esordio Rupert e il Riccio finiranno nella Terra dei Giganti, creature che si scoprirà presto essere decisamente diverse da come ci si aspetta. I due amici marciano subito verso il palazzo reale nell’intento di realizzare il sogno di Rupert.

“Rupert e il Riccio sono due animaletti molto presenti e amati nell'immaginario dei nostri Canali YouTube”, racconta Fraffrog. “Noi stessi ci trovavamo a parlare di loro come se fossero dei personaggi reali, con un carattere già totalmente delineato. Lasciarli alla nostra fantasia ci sembrava un grande potenziale inespresso, così abbiamo deciso di catapultarli in un’avventura piuttosto bizzarra: speriamo che questo viaggio possa tirar fuori il meglio da entrambi!”"

rupert-riccio-1

rupert-riccio-2

rupert-riccio-3

rupert-riccio-4

rupert-riccio-5

Leggi tutto...

Il fantastico pianeta di Fraffrog: intervista a Francesca Presentini

Francesca Presentini, in arte Fraffrog, è una popolare Youtuber e un abile progettista grafico. Si è fatta conoscere sul web realizzando tutorial di grafica e brevi storie animate che hanno subito attirato l'attenzione per la loro elevata qualità e immediatezza comunicativa. E ora si cimenta con il suo primo fumetto, Il fantastico pianeta che sta nel sistema solare ma nessuno lo sa perchè nessuno lo ha mai visto, pubblicato da Shockdom, sempre a caccia di giovani talenti sulla rete.

E più che un fumetto è un interessante esperimento grafico, dal design accattivante e piacevole, che sconfina dal vincolo della vignetta per regalarci una pagina completamente illustrata. Non un semplice fumetto quindi, ma neanche solo un libro illustrato. Una cosa è certa, è un prodotto di difficile classificazione.

Abbiamo incontrato la giovane disegnatrice durante la presentazione del suo libro alla Games Academy di Vimercate, e di seguito l'abbiamo contattata per farle una breve intervista che trovate più in basso.
Ma parliamo prima un po' dell'opera.

Questo volume è quasi un opuscolo didattico su di un misterioso pianeta a forma di pillola che nessuno ha mai visto perchè è nascosto dall'obesità di Giove e segue un orbita caotica e apparentemente priva di senso logico; il Pianeta Pillola è poi diviso in due emisferi, uno bianco, triste e privo di vitalità, e uno rosso, dominato dall'amore e dalla gioia. Su di entrambi vivono delle creature che rispecchiano in tutto e per tutto l'ambiente che le circonda ma ignare della natura duale del pianeta. Ed è proprio il libro a parlarcene, letteralmente, illustrandoci il suo contenuto e questa incredibile scoperta astronomica. Una trovata narrativa quantomeno interessante e innovativa questa, che conferisce originalità al volume.

Per non parlare poi del far dialogare tra loro i pianeti del sistema solare, in primis il Sole, comprimario egocentrico con manie di protagonismo in cerca di un'autobiografia, o Giove, un pianeta enorme visibilmente incapace di trattenere la sua fame, o Plutone, emarginato dopo essere stato declassato dal grado di pianeta, che cerca in ogni modo di rientrare nel gruppo.

È però dal punto di vista visivo che quest'opera lascia la sua impronta più marcata. La disposizione degli elementi sulla pagina, le scelte tipografiche, i colori accesi, il tratto cartoonesco e completamente deformato e le scelte stilistiche denotano una grande conoscenza del media visivo, cartaceo o animato, oltre che una capacità comunicativa originale e che non annoia. Il tutto condito con un'ironia che strappa qualche sorriso.

Una prima prova interessante anche se non superba per la giovane Youtuber che porta nelle fumetterie un modo originale di concepire l'arte visiva, con un'opera fuori dagli schemi. L'edizione cartacea pecca un po' per la qualità della copertina da cui tende a scollarsi facilmente la pellicola trasparente protettiva oltre che per un buon numero di refusi non corretti.

Ma parliamo ora con Francesca, innanzitutto ciao e benvenuta su Comicus!

il-fantastico-pianeta

Come è nata l'idea di questo progetto e quando hai deciso di trasferire il tuo impegno dalla rete alla carta? Quali sono state le motivazioni che ti hanno spinto a questa scelta un po' contro tendenza?
L’idea di impegnarmi per un prodotto cartaceo è sempre stata il mio pallino sin da quando ero molto piccola. A quattordici anni ho scritto il primo romanzo di una saga fantasy che ero convintissima avrei pubblicato, anche se adesso lo tengo ben nascosto e dubito che qualcuno avrà mail il (dis)piacere di leggerlo.
L’idea del Pianeta Pillola è nata come una consegna scolastica, solo un anno dopo ho deciso di mettermi alla prova e tentare di proporre l’idea ad una casa editrice perché diventasse un progetto concreto.
 
Sei una Youtuber piuttosto popolare in rete ormai e leggendo il tuo libro è evidente una scansione della tavola decisamente dinamica, che richiama i video di animazione presenti sul tuo canale, molto elaborati e dal forte impatto visivo. Come questa tua capacità/abilità ha influito nella trasposizione cartacea della tua opera?
Ha influito al 100%, ma non me ne sono accorta subito. Ciò che faccio sul web ha totalmente assorbito il mio impegno negli ultimi due anni, influendo soprattutto sul mio linguaggio.
Solo ad una fase avanzata del progetto mi sono soffermata su quanto somigliasse ad uno Storyboard per un ipotetico video animato, e ho dovuto lavorare molto sul renderlo equilibrato per non complicarne la lettura.
 
Come è nata l'idea del Pianeta Pillola e cosa ti ha spinto a realizzare un'opera su di un sistema solare animato?
Come ho detto si trattava di una consegna scolastica da far partecipare ad un concorso editoriale internazionale: Edition Lidu – Art Books Wanted. Ho tirato fuori l’idea e una storia approssimativa di circa 20 tavole in una settimana, per poi presentarla al concorso un’ora in ritardo rispetto alla scadenza (in realtà credevo di essere in ritardo, ma grazie al fuso orario avevo ancora cinque minuti di tempo) e ricevendo inaspettatamente una Nomina come “Best comic”. Una nomina, niente di eccezionale, ma è stata sufficiente per convincermi che non fosse un’idea da lasciar morire nel cassetto.


 
Tra i tuoi video troviamo molti tutorial in cui spieghi l'utilizzo di particolari feature di Photoshop oltre che parecchie tecniche grafiche interessanti. Questa tua attitudine divulgativa, a tratti educativa, emerge forte anche in questo fumetto, con una narrazione dettagliata e documentaristica e, per quanto ironica, informativa. Ci stai confessando che volevi fare l'insegnante?
Credo di non aver mai preso in considerazione l’idea di insegnare ma mi piace molto riuscire a trasmettere concetti in modo divertente, cosa di cui ho sentito la mancanza a scuola.
Iniziare con i tutorial è tipico di chi sul web, non sapendo come mettere in luce le proprie capacità, tenta di spiegare agli altri ciò che conosce. Adesso per me è diventato un piacevole passatempo, sento di avere qualcosa in più da dire rispetto a qualche anno fa e so che nel mio piccolo posso davvero aiutare qualcuno ad intraprendere un suo percorso. Io stessa devo tutto ciò che ho imparato ai tutorial che ho seguito online, avendo scelto un percorso di studi totalmente diverso.
 
Sei una semplice appassionata di astronomia o sei una studiosa della materia? Da dove derivano le tue conoscenze?
Non ho mai studiato astronomia ma mi piace approfondire le cose che catturano la mia attenzione. Mi sono sorpresa anche io di come, pochi giorni fa, mi sono chiusa in bagno con il telefono e la domanda “ma cos’è esattamente il velluto?” e ne sono uscita solo dopo aver imparato bene come funzionasse la tessitura, di cui mai mi ero interessata prima.
Da profana, per quanto nel mio fumetto si parli di nozioni abbastanza elementari, ho reperito tutte le informazioni passando giorni su giorni su Wikipedia. Reputo le mie conoscenze in materia pressoché nulle, considerando che l’astronomia è un concetto immensamente più vasto della… tessitura.
 
Quali tecniche di disegno hai utilizzato? Che tipo di studi hai svolto in passato? Come ti approcci ai tuoi lavori?
Le tecniche utilizzate, soprattutto a causa del tempo trascorso tra l’ideazione del progetto e la sua realizzazione, sono abbastanza imprecisate. Iniziamente doveva essere qualcosa di vettoriale e minimale (soprattutto a causa delle influenze scolastiche), con il tempo non ho potuto fare a meno di imbottirlo di elementi che andavano in totale contrasto con la scelta iniziale. La mia ricerca stilistica è ancora un po’ caotica e in questo periodo mi sto impegnando per lavorare proprio su questo.
 
Nel realizzare i tuoi lavori, non solo questo Il fantastico pianeta che sta nel sistema solare ma nessuno lo sa perchè nessuno lo ha mai visto, ma anche i tuoi video, c'è un qualche grafico o disegnatore a cui ti ispiri? Una sorta di modello che segui?
Ho molti disegnatori a cui mi ispiro, stessa cosa per gli animatori e i coloristi. Rimango affascinata da molti stili anche diversi tra loro, ed è per questo che non ho ben delineato il mio: scegliendone uno non posso far altro che soffermarmi su quanti ne abbia scartati.
In ogni caso ho un elenco di segnalibri con le pagine di tutti gli artisti che seguo sempre a portata di mano nel browser, in modo da poter restare aggiornata sulle loro pubblicazioni quasi in tempo reale.
 
Raccontaci di come è nata la collaborazione con Shockdom.
È nato tutto da un pranzo con Lucio [Staiano], il direttore di Shockdom, la scorsa estate. Aveva visto le prime tavole del Pianeta Pillola (datate inizio 2012) sotto mia richiesta, ma non aveva negato si trattasse di un progetto acerbo e dallo sviluppo imprevedibile. In sostanza, se una volta finito il progetto lo avesse convinto avrei avuto delle possibilità di essere pubblicata. Ho avuto poco tempo vista la prossimità con il Lucca Comics 2014, ma ci tenevo davvero tanto e qualche notte insonne non mi ha certo fermata.

19116
 
Al momento hai altri progetti su cui stai lavorando, oltre ai video per il tuo canale YouTube?
Mi sono resa conto che i video per il mio canale YouTube sono il vero progetto alla base di tutti gli altri. Tutti i lavori e gli incarichi che ho avuto in questi anni sono stati dovuti al mio canale, che ha sempre avuto per me la funzione di portfolio, e mai mi è stata chiesto quale fosse il mio titolo di studio (anche perché, come Perita Agraria, non sarei servita a molto).
Quest’anno conto di dare una vera svolta alla mia attività sul web e di creare le fondamenta per un progetto a cui sto lavorando da qualche mese, per la prima volta e finalmente non da sola.

Potete continuare a seguire Fraffrog sul suo canale YouTube e sulle pagine ufficiali dei social network Twitter e Facebook o sul suo blog. Si ringrazia anche Games Academy Vimercate per l'evento e per le foto che potete trovare nella gallery in basso.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.