Menu

 

 

 

 

Mi chiamo Andrea, faccio fumetti: lo spettacolo teatrale dedicato ad Andrea Pazienza a Monfalcone

  • Pubblicato in News

Lo spettacolo teatrale dedicato ad Andrea Pazienza andrà in scena il prossimo 18 novembre al Teatro Comunale di Monfalcone (Gorizia) interpretato dall'attore Andrea Santonastaso. Di seguito trovate tutti i dettagli:

"Mi chiamo Andrea, faccio fumetti, di e con Andrea Santonastaso, per la rassegna “AltroTeatro” (28 novembre, ore 20.45)

“AltroTeatro”, la rassegna interna alla Stagione di Prosa del Teatro Comunale di Monfalcone dedicata ai diversi linguaggi scenici, prosegue nel segno del fumetto. Giovedì 28 novembre, alle 20.45, è infatti di scena Mi chiamo Andrea, faccio fumetti, di e con Andrea Santonastaso, su testo di Christian Poli (che scrive per il cinema e la fiction e collabora con la Bottega di Narrazione fondata da Carlo Lucarelli) e per la regia di Nicola Bonazzi.

Prodotto dal Teatro dell'Argine di Bologna, lo spettacolo è una biografia, un monologo disegnato, un omaggio all'arte di uno dei più grandi disegnatori italiani, Andrea Pazienza. Ma anche una dichiarazione di resa di fronte alle sentenze perentorie del destino.

Andrea Santonastaso, oggi attore ma un tempo disegnatore di fumetti (ha studiato con Igort, Iori, Cavazzano per poi decidere, nel 1993, di fare l’attore) mette in scena i personaggi di Pazienza (Pentothal, Zanardi, Pertini...), entra ne Gli ultimi giorni di Pompeo (la sua storia più struggente, il suo testamento artistico), disegna in scena e dichiara la sua impotenza di fronte al talento immenso di questo istrione dei colori, ma anche la sua rabbia di fronte allo spreco di tanta arte in nome di una follia autodistruttiva.

Il Teatro dell’Argine ha deciso da subito di sposare il progetto di Santonastaso e Poli perché, nell’intreccio di storia biografica e sociale dello spettacolo, ritrova le ragioni della propria poetica, quelle di un percorso volto all’indagine su figure e temi del passato recente in grado di parlare alla sensibilità contemporanea.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell'ambito di "Dietro le quinte", avrà luogo una breve presentazione a cura di Roberto Franco, esperto di arte sequenziale e già curatore di iniziative dedicate ad Andrea Pazienza, e Roberta Sodomaco.

Biglietti in vendita presso: Biglietteria del Teatro, Biblioteca Comunale di Monfalcone, ERT di Udine, prevendite Vivaticket e on line su www.vivaticket.it; la Biglietteria del Teatro accetta prenotazioni telefoniche (0481 494 664)."

Leggi tutto...

Coconino Press annuncia l'integrale di Andrea Pazienza

  • Pubblicato in News

Coconino Press ha annunciato la ristampa integrale delle opere di Andrea Pazienza, oltre a confermare la sua collaborazione con Repubblica grazie alla collana Extra Paz.

Di seguito trovate tutti i dettagli:

Due grandi iniziative, un 2018 sotto il segno di Paz

Coconino Press rilancia tutta l’opera di Andrea Pazienza.
Nuove edizioni in libreria, al via con Pentothal il 5 luglio

Continua la collaborazione con La Repubblica.
Inediti e rarità in edicola dal 23 giugno con la collana Extra Pazienza

Coconino Press è lieta di annunciare il ritorno in libreria di Andrea Pazienza. Da Pentothal a Pertini, da Zanardi alla satira, le opere di uno dei più grandi e amati autori del fumetto italiano tornano disponibili, nel trentesimo anniversario della sua scomparsa, in nuove edizioni integrali a cura di Coconino Press in collaborazione con Fandango Libri.

In parallelo a questa iniziativa, Coconino Press ha curato per il quotidiano La Repubblica la nuova collana di inediti e rarità in 4 volumi Extra Pazienza, in uscita nelle edicole a cadenza settimanale a partire da sabato 23 giugno.

La rabbia e la protesta degli anni ’70, il vuoto e il grande freddo degli anni ’80. La satira e l’irrisione del potere. La commedia più esilarante e la tragedia più cupa, che nascono entrambe dal desiderio di essere amati. In una manciata di anni, in un caleidoscopio di storie, Andrea Pazienza ha raccontato tutto questo, a fumetti, assurgendo subito alla dimensione di classico: un autore che va oltre il suo tempo e che, a trent’anni dalla morte, non smette di interrogarci e di conquistare nuove generazioni di lettori. Per celebrare Pazienza e la sua eredità sempre viva, in questo 2018 Coconino Press ha appena pubblicato il catalogo formato gigante (cm 27,5 x 37) della mostra “Andrea Pazienza, trent’anni senza”, organizzata da ARF! Festival e Napoli Comicon, in corso fino al 15 luglio al Macro Testaccio di Roma. E ora partono due nuove importanti iniziative.

Le nuove edizioni al via con Pentothal.Sta per iniziare la ripubblicazione integrale delle opere di Andrea Pazienza, in nuove edizioni curate e targate Coconino Press, in collaborazione con Fandango Libri: un modo per ricordare “la rockstar del fumetto italiano”, ma soprattutto per far conoscere le sue straordinarie storie anche al pubblico più giovane. Nuovi volumi di grande formato, con i fumetti di Pazienza accompagnati da rinnovati apparati critici e dalla rigorosa cura editoriale che caratterizza le edizioni Coconino. Ecco i primi tre titoli in programma:

Le straordinarie avventure di Pentothal (uscita prevista: 5 luglio 2018)

Pertini (uscita prevista: 20 settembre 2018)

Zanardi (uscita prevista: 15 novembre 2018)

La collana Extra Pazienza: inediti e rarità. Uscirà invece in edicola, a cadenza settimanale da sabato 23 giugno con il quotidiano La Repubblica, la collana di inediti e rarità Extra Pazienza. Quattro libri ideati per ripercorrere la carriera di Andrea Pazienza, che rappresentano l'ideale prosecuzione e il completamento della fortunata collana Tutto Pazienza del 2016.

Il primo libro, SuperExtraPaz, riprende le prime 10 uscite di Tutto Pazienza ed è organizzato in cinque capitoli: Pentothal e la fine degli anni Settanta, Zanardi, Pertini e la Prima Repubblica, Pompeo, Storie. In ognuno di questi ci sono tavole, disegni, bozzetti, storie e illustrazioni che non erano entrati per varie ragioni nella vecchia collana. Si tratta di materiali poco conosciuti, spesso introvabili quando non addirittura inediti.

Il secondo libro, ExtraSuperPaz, riparte da Storie e prosegue con gli altri capitoli che vanno da Gli anni giovanili fino a Mi chiamo Andrea. Ancora storie, disegni, scritti, immagini e altre chicche a profusione.

Il terzo volume è una versione espansa di Fumetti di evasione - Vita artistica di Andrea Pazienza, il libro scritto da Oscar Glioti, curatore insieme a Giovanni Ferrara della collana, nella versione recentemente rivista e ampliata dall'autore, con l'aggiunta di una selezione di immagini utili per chi si accosta per la prima volta ai fumetti di Pazienza e in generale per facilitare la fruizione da parte di ogni tipo di lettore. 

Il quarto libro infine è Andrea Pazienza, 30 anni senza. Il catalogo della mostra inaugurata a fine maggio e in corso fino al 15 luglio al Macro Testaccio di Roma, in occasione del festival Arf!. Il volume è una "Artist edition" delle opere di Andrea. Per la prima volta i lettori vedranno riprodotte le tavole esattamente come sono state concepite e come sono adesso. Un modo unico per entrare da vicino nel laboratorio creativo dell'artista e per (ri)vivere l'esperienza della mostra.

Leggi tutto...

Extra Pazienza: 4 volumi inediti con Repubblica e l'Espresso

  • Pubblicato in News

Da sabato 23 giugno con Repubblica e L'Espresso arriva Extra Pazienza, una nuova collana di 4 volumi, ideale completamente della precedete Tutto Pazienza uscita 2 anni fa. Ogni volume costerà 10€. I primi 2, SuperExtraPaz e ExtraSuperPaz, conterranno inediti e rarità, il terzo conterrà la biografia Fumetti di evasione, mentre il quarto sarà il catalogo della mostra Trent’anni senza.

Il primo volume sarà inoltre presentato in anteprima a Roma al Mattatoio Testaccio di Roma. Di seguito tutti i dettagli:

"
Il 16 giugno del 2018, a Roma, ARF! Festival e COMICON – coproduttori della grande mostra «Andrea Pazienza, trent’anni senza» in corso a La Pelanda del Mattatoio Roma fino al prossimo 15 luglio – lo celebrano nuovamente in occasione della data esatta del trentennale.

Un’occasione davvero speciale per vedere o rivedere questa intensa esposizione di opere originali del più eclettico e geniale fumettista italiano di tutti i tempi, che proprio dal 16 giugno 2018 si arricchisce di due nuove opere inedite, esposte per la prima volta in esclusiva nazionale, che Paz disegnò ad una lontana Lucca Comics del 1978 e regalò al gruppo anarchico “Collettivo 1° maggio” per finanziare le loro attività con la vendita dei due disegni.

Oltre alla presenza dei curatori della mostra – Stefano Piccoli e Mauro Uzzeo per ARFestival, Alino per COMICON – interverranno Oscar Glioti e Giovanni Ferrara di Coconino Press con Erica Schuster de La Biblioteca di la Repubblica – L’Espresso per presentare in anteprima assoluta il primo volume di 4 della nuova collana EXTRA PAZIENZA («SuperExtraPaz») in edicola a cadenza settimanale dal 22 giugno.

Nella stessa occasione, gli organizzatori lanciano una grande “social call” con la quale – a mo’ di raduno – si invita chiunque possegga disegni originali, sketch o dediche di Pazienza a presentarsi alla mostra (conquistandosi l’ingresso omaggio) che verranno fotografati e censiti con il solo fine di mapparne una testimonianza e renderli un patrimonio artistico e culturale collettivo.

«Andrea Pazienza, trent’anni senza» è prodotta da ARFestival e COMICON, promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita Culturale e Azienda Speciale Palaexpo, con il supporto di CLES S.r.l."

Leggi tutto...

Su Linus di giugno un inedito firmato Andrea Pazienza e Giuseppe Palumbo

  • Pubblicato in News

Uscirà il prossimo 5 giugno in tutte le edicole il secondo numero di Linus sotto la direzione di Igort. Dopo la rivoluzione del mese precedente, che ha visto la rivista totalmente cambiata nella forma e nei contenuti, l'albo di giugno proseguirà l'opera di rinnovamento presentando un sommario molto vario. A farla da pradone, una sceneggiatura inedita di Andrea Pazienza disegnata da Giuseppe Palumbo. A Pazienza è dedicato anche il volume, ricco di tributi, e la cover di Paolo Bacilieri per ricordare i 30 anni dalla sua morte.

Di seguito trovate il sommario completo dell'albo.

"30 ANNI SENZA PAZIENZA

ZAMBONI * SCERBANENCO * FIOR * SPIEGELMAN * SCHULZ * PAZIENZA * BACILIERI * TOFFOLO * TUONO PETTINATO * PALUMBO * FEININGER * PASTIS * WATTERSON * NICOZ * SATTOUF * TRUDEAU * MARZOCCHI * TATSUMI * INTERDONATO * BINDI * SANTONI * MOCCIA * BRANCATO * SIST * FORNASIERO * BOCCIA ARTIERI * PICCININI * PEZZOTTA * CURTI

Il nuovo linus in edicola e libreria dal 5 giugno [120 pagine / 6,00 €].

Trent’anni fa, il 16 giugno del 1988, moriva Andrea Pazienza. A lui e alla sua eredità è dedicato questo numero di linus, a partire dalla copertina, dove campeggia un meraviglioso ritratto di Paz, disegnato da Paolo Bacilieri.
Di Pazienza riproponiamo una storia lirica e nuda del 1987, Sogno, certi che l’aspetto più delicato del grande Paz possa contagiarci tutti, ora che l’estate è alle porte. In questo numero, dunque, gli tributiamo un sentito omaggio con un contributo di Massimo Zamboni, chitarra del punk emiliano, che ci racconta la Bologna di quegli anni, culla di molte storie memorabili. Hanno inoltre sfoderato i loro pennelli alcuni tra i più grandi autori della scena contemporanea, da Davide Toffolo al già citato Paolo Bacilieri, passando per Tuono Pettinato e, grazie a un fortunoso ritrovamento – una sceneggiatura inedita, disegnata da Giuseppe Palumbo – oggi possiamo leggere Il mare d’inverno, storiella improvvisata durante una lezione alla scuola di fumetto Zio Feininger dove Pazienza insegnava (grazie a Nino Pellacani, campione di basket e al tempo studente della scuola). Ivan Carozzi ha invece scritto un’introduzione alle storie in tributo al genio di Andrea.
 
L’inedito letterario di questo numero è un’autentica gemma preziosa: un racconto del padre del giallo italiano, Giorgio Scerbanenco, con le illustrazione di Manuele Fior.
 
Salutiamo con molto orgoglio anche il ritorno di Art Spiegelman con le pagine scansionate direttamente dal suo block notes (è ben visibile la quadrettatura). Spiegelman disegna su un quaderno che si porta dietro come la coperta di Linus. È una modalità intima e privata che gli consente di meditare disegnando sull’origine stessa del fumetto. La sua essenza “comic”, come ci racconta nel bellissimo scritto introduttivo.

Poi, una primizia: le strisce de Il mondo di Niger di Leila Marzocchi, premiata all’ultimo festival di Lucca proprio per la saga edita da Coconino, un lavoro portato avanti per ben 10 anni. Conosciamo, da questo numero, la lumaca sonnambula, il compare, il sulfureo nonno e Gualtiero, lo scoiattolo Eugenio e tutta la famiglia di animaletti senzienti di questo mondo irresistibile.
E poi Toffolo, che continua il suo peregrinare sudamericano sulle piste dell’amata Cumbia con pagine curatissime e spassose che lo incoronano per sempre come degno rappresentante dell’Istituto Italiano di Cumbia.

Oltre agli immancabili Peanuts delle origini, ci sono anche Calvin & Hobbes di Bill Watterson. A grande richiesta torna Perle ai porci di Stephan Pastis, una delle strip più divertenti di sempre. Fanno il loro ingresso anche I quaderni di Esther di Riad Sattouf, autore prolifico che che si è fatto amare dai lettori di linus quanto Doonesbury di Garry B. Trudeau, che ci regala una storia memorabile e di grande attualità. E ritorna anche l’adorato Feininger, pioniere del fumetto e maestro del Bauhaus, con la sua classe immarcescibile.

Molte serie sono state confermate, anche se non le vedete ancora, e altre nuove sono in cantiere. Poi le rubriche, da questo numero tante. Veloci e, speriamo, intriganti. Vanni Santoni per i libri, Alberto Piccinini per la musica, Alberto Pezzotta con Angelo Curti per il cinema, Dario Moccia per i film d’animazione, Andrea Fornasiero per le serie tv.
E poi i contributi di Sergio Brancato su Bowie e la poetica della sparizione; Paolo Interdonato sul misterioso gnommero; Valerio Bindi con le sue cronache dal mondo sommerso, su freaks e sideshow; i fantastici Diari di Nicoz. Dalla wunderkammer di Enrico Sist salta invece fuori un personaggio davvero singolare, Howard Finster, mentre Giovanni Boccia Artieri racconta del nuovo fenomeno delle bambole reborn, di corpi post umani e di maternità consacrata all’iper-realtà.

L’ultima parte della rivista è dedicata invece a un pioniere del geki-ga, Yoshihiro Tatsumi, con una storia lunga del 1976, La donna di Yanagase, raccontata con lo stile laconico e misterioso che ha reso indimenticabile questo maestro del fumetto orientale.

E poi come scrive Igort nel suo editoriale: “Frattanto molti talenti giovani sono sui loro tavoli da disegno, e preparano piccole grandi storie per noi. Sono in arrivo su queste pagine. I fumetti ruoteranno, nella speranza di darvi una panoramica ampia sulla narrazione a quadretti. In ogni numero ci sarà una storia lunga, anche 20 pagine, e molte narrazioni brevi, a strisce o meno. Se non trovate la vostra serie amata non disperate, abbiamo aumentato le pagine ma non potevamo metterci proprio tutto, altrimenti avremmo fatto I Buddenbrook e non linus.
Ormai la rotta è tracciata. Riprendiamo la navigazione. Il mare, placido o in tempesta, non ci fa paura. Tooooot.”

linus è edito da La nave di Teseo – Baldini+Castoldi"
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.