Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

Arrestato l'ex manager di Stan Lee per frode

All'inizio di questo mese è stato emesso un mandato per l'arresto di Keya Morgan, l'ex manager di Stan Lee. Secondo quanto riporta Deadline, Morgan è stato arrestato sabato in Arizona in uno sforzo congiunto dei detective del Dipartimento di polizia di Los Angeles e della polizia di Scottsdale/Phoenix. Morgan, presumibilmente, avrebbe isolato Lee dai suoi amici e dalla sua famiglia e sarebbe stato accusato di crimini come furto, appropriazione indebita e falsificazione. La cauzione per Morgan è stata fissata a 300.000.

"Il Sig. Lee possedeva proprietà per un valore stimato di 50 milioni di dollari senza una protezione chiara dagli opportunisti che potevano intromettersi nella sua vita e assumerne il controllo", ha dichiarato la polizia di Los Angeles. "Era stato rivelato che nessuno aveva una chiara autorità legale per agire a nome del signor Lee; eppure, Morgan ha esercitato il suo controllo e influenza su di lui."

Secondo quanto riportato Morgan spostò il 95enne Lee dalla sua casa sulle colline di Hollywood in un appartamento per tre giorni. Riferendosi all'evento, la polizia di Los Angeles ha dichiarato: "Morgan ha spostato Lee dalla sua residenza di Hollywood Hills in un condominio di Beverly Hills nelle ultime ore notturne dell'8 giugno 2018. Morgan aveva usato questa strategia per ingannare ulteriormente Lee facendogli credere di essere in pericolo e che aveva bisogno di essere trasferito da casa sua in un condominio più sicuro dove Morgan aveva più controllo su Lee."

Fu in quel periodo che Lee realizzò un video in cui dichiarava che Morgan era il suo unico socio e responsabile dei suoi affari e che tutti gli altri stavano facendo affermazioni false. Per questa ragione venne presentato un ordine restrittivo e Morgan che venne arrestato arrestato con l'accusa di aver presentato un rapporto falso alla polizia. Morgan si difese dichiarando che le accuse erano una "caccia alle streghe" orchestrata dalla figlia di Lee e da un avvocato, e ha negato qualsiasi illecito. Trovate i dettagli di quanto accaduto qui.

(CBR)

Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.