Menu

 

 

 

np6-6-28

Redazione Comicus

Redazione Comicus

URL del sito web: http://www.comicus.it

Demian 9

Demian 9 – La pista degli sciacalli (Sergio Bonelli Editore, brossurato, 128 pagine in b/n, € 3,00) testi di Pasquale Ruju, disegni di Giéz

Fin dall’esordio, Demian si è rivelato una piacevole sorpresa. Niente di innovativo, sia chiaro, però la serie (o meglio la miniserie) di Pasquale Ruju si è presentata immediatamente come un prodotto originale, grazie soprattutto alle particolari ambientazioni (che spaziano per tutto il Mediterraneo). Questo nuovo numero è un esempio perfetto di quello che è stata finora la serie, ovvero ottime storie, avvincenti e interessanti, ma con qualche soluzione “semplicistica” in sede di sceneggiatura. Demian si dimostra sempre di più un personaggio complesso e intrigante, questa volta calato nei panni di un infiltrato in una guerra civile africana non reale, ma perfettamente realistica.

Interessante il tratto di Giéz, molto vicino alla sintesi grafica di autori come Alex Toth e Hugo Pratt, pur se con molte incertezze soprattutto nella caratterizzazione dei volti. Il suo chiaroscuro, invece, ben si adatta all’ambientazione africana della storia. Con riguardo invece alle belle copertine, sembra che da un paio di mesi a questa parte Alessandro Poli abbia finalmente trovato anche un ottimo equilibrio sull’uso dei colori.

In attesa di verificare come verranno risolti i misteri introdotti nei primi numeri, confermiamo le impressioni, buone, avute fin dalla prima storia.


Andrea Antonazzo

Thor 94

Thor 94 (Panini Comics, spillato, 80 pagine, € 3,00) testi di B.M. Bendis, disegni di A. Maleev, M. Deodato Jr. e altri

Secondo le pubblicità, questo albo conterrebbe la più importante storia Marvel dell'anno ed è difficile contraddire questa affermazione.

New Avengers: Illuminati di Brian Bendis e Alex Maleev, infatti, mostra la nascita e la fine del gruppo più intrigante del Marvel Universe, composto da Reed Richards, Iron Man, Freccia Nera, Namor, Xavier e il Dr. Strange, gruppo introdotto per la prima volta su Thor 84/87.

E riesce nei suoi numerosi intenti: raccontare una storia completa, mostrare la nascita del gruppo, far capire il suo modus operandi, mostrare le interazioni fra i protagonisti e, cosa più importante, lanciare l'evento Marvel del 2007, Civil War, non trascurando di impostare la base anche per Planet Hulk, il mini-evento diei prossimi mesi dedicato al Gigante di Giada.

Ma il merito principale di Bendis è quello di costruire una storia emozionante, permeata da risvolti politici e densa di confronti interpersonali assolutamente godibili, aiutato da un Maleev semplicemente perfetto per questo tipo di storia.

Concludono l'albo la seconda (o terza?) parte de Il Collettivo, una mezza storia di Ms. Marvel e soprattutto l'anteprima delle prime sette pagine di Civil War (in cui si realizzano tutti i peggiori timori di Tony Stark).
Riccardo Galardini
  


Andrea Antonazzo

X-Men The End Libro III 3

X-Men The End Libro III 3 (Panini Comics, brossurato, 48 pagine a colori, € 2,80) testi di Chris Claremont, disegni di Sean Chen

Si chiama X-Men The End, ma bisognerebbe chiamarlo con il suo vero titolo: “Claremont The End”. Perché questo trittico di miniserie sembra servire a questo scopo, ovvero a ricordarci che sono finiti i bei giorni delle grandi saghe mutanti scritte da Chris Claremont.

Diciotto numeri per raccontare una storia sconclusionata, piena di elementi che non vengono approfonditi e sembrano essere presenti solo con lo scopo di aumentare le pagine, senza che poi abbiano in realtà alcun peso reale sullo svolgimento della vicenda. I dialoghi sono verbosi e pesanti come nella peggior tradizione di Claremont. Stessi concetti sono ripetuti infinite volte e i personaggi parlano con un linguaggio vecchio e fuori luogo (speravamo di aver superato l'epoca dei supereroi che parlano di sé in terza persona).

I disegni legnosi e inespressivi di Sean Chen non fanno altro che affossare un prodotto che merita solo di essere dimenticato sugli scaffali delle librerie.

 

 

 



Gianluca Reina

Conan vol. 2

Conan vol. 2 (Panini Comics, brossurato, 144 pagine a colori, € 13,00) testi di Kurt Busiek, disegni di Cary Nord e altri

Il secondo volume delle nuove avventure di Conan (nuove per così dire, visto che sono nuovi riadattamenti dei vecchi classici di R. E. Howard) riconferma lo straorinario lavoro di Kurt Busiek e Cary Nord.

I due autori hanno riportato il personaggio a una certa “coolness” e modernità. In questo volume, come nel precedente, le matite di Nord sono colorate digitalmente dal grandioso Dave Stewart, al quale si deve la maggior parte della responsabilità nell'aver reso così evocativi ed efficaci i disegni aggiungendo dettagli e atmosfera. A differenza del primo volume, Conan vive avventure meno inserite in spazi grandi e mozzafiato, ma passa ad anguste stanze dove indaga su strani omicidi, per un giallo sui generis. Comincia, inoltre, a delinearsi un cast di comprimari realmente solido, dalla letale Janissa alla nemesi Toth Amon.

In appendice, un approfondimento su Howard corredato dalle matite di Nord e le tavole del disegnatore utilizzate come prova d'ammissione al progetto.




Marco Rizzo
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.