Menu

Zombie Gay in Vaticano

Zombie Gay in Vaticano è prima di tutto un fumetto irriverentemente intelligente eppure mai volgare.
Certo non si tratta di una lettura ideale per un fervido credente che potrebbe risentirsi della satira pungente e velenosa di queste pagine, ma una persona di fede che non ha tuttavia messo in naftalina la ragione sorriderebbe e rifletterebbe sulla caustica ironia che innerva questo fumetto che fa sua la preghiera-paradosso atea: "Signore, proteggimi dai tuoi seguaci".

Tutto precipita il giorno stesso dell’elezione del nuovo Papa, la fumata bianca non solo dà il via a un Gay Pride che arriva a sfiorare i confini del Vaticano, ma trasforma gli stessi manifestanti in zombie; ecco il perché dell’astruso titolo.
La curia di Roma è inizialmente presa dallo sgomento e dallo smarrimento, ma la fermezza del Papa è esemplare e il suggerimento del custode della biblioteca papale, risolutivo: richiedere l'intervento di un ordine segreto e speciale, le suore ninja.

Il soggetto, tutt’altro che strampalato, appare chiaramente definito con cura dagli autori che sanno trattare una serie smisurata di spunti e stoccate divertenti e impietose nei confronti delle incoerenze e delle magagne più evidenti della Chiesa Cattolica.
Il racconto e la sua sequenzialità grafica sono sciolti, incalzanti, briosi e soprattutto spassosi. La bravura di Davide La Rosa alla penna e di Vanessa Cardinali alle matite è indiscutibile; il prodotto finale è fresco, arguto e dissacrante. Un difetto? Troppe poche pagine. Speriamo presto di poterne leggere un seguito.

Dati del volume

  • Editore: Autoproduzione
  • Autori: testi di Davide La Rosa, disegni di Vanessa Cardinali
  • Formato: spillato – 36 pag. in b/n
  • Prezzo: € 5,00
  • Voto della redazione: 8

Video

Trailer di Zombie Gay in Vaticano
Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.