Menu

Intervista a Darick Robertson

Nonostante la giovane età, con i suoi 16 anni di carriera alle spalle, Darick Robertson è uno dei nomi noti del comicdom americano. Merito anche di aver cocreato insieme a Warren Ellis la saga di Trasmetropolitan, uno dei capolavori degli anni '90. Ha lavorato sui più grandi personaggi, specie in casa Marvel, dove ultimamente si è dedicato ad una realistica versione di Wolverine e al lancio di una collana dedicata a Nightcrawler, coronando il sogno di lavorare sui suoi due personaggi preferiti.

L'intervista è stata realizzata da Danilo Guarino e tradotta da Fausto Colasanti. Ringraziamo Darick per la disponibilità.

Quando e per quale motivo hai scelto di lavorare come disegnatore di comics?

Ricordo che quando andavo a scuola, a circa 11 anni, volevo essere un avvocato. Un mio amico fece una battuta dicendo che mi sarei messo a disegnare Superman nel mezzo di un processo importante invece di concentrarmi sulla causa affidatami! Allora mi resi conto che forse avrei potuto diventare un disegnatore, e da allora ho sempre sognato di lavorare per la Marvel o la DC.

E’ stato difficile all’inizio?

Si, difficile come lo è entrare a lavorare nel campo dei comics mainstream. Ho cominciato a pubblicare le mie cose subito dopo il liceo producendo una serie creator owned chiamata “Space Beaver” che mi ha aperto diverse porte.

Hai lavorato con molti scrittori, da Warren Ellis a Nicieza. Con quale scrittore hai maggior feeling?

Ho amato lavorare con entrambi quelli che hai nominato, ma quello con cui mi sento più a mio agio nel lavorarci è Garth Ennis. Siamo diventati grandi amici nel corso degli anni e riesco a relazionarmi meglio con le persone con cui sento di avere un’amicizia vera.

Attualmente stai lavorando sia su Toxin che Nightcrawler. Qual è la tua tabella di marcia lavorativa? Quanto tempo al giorno lavori?

Produco mediamente 33 pagine al mese e lavoro circa 12 ore al giorno.

Qual è il prossimo progetto che ti vedremo realizzare? Resterai alla Marvel?

Nel prossimo futuro resterò alla Marvel, finchè sono sotto contratto. Non sono sicuro su cosa lavorerò dopo Toxin e Nightcrawler. Finirò una miniserie di Fury insieme a Garth Ennis per il 2006.

Qual è il progetto dei tuoi sogni?

Devo dire che dopo Wolverine e Nightcrawler ho esaudito i progetti dei miei sogni. Penso che mi piacerebbe creare qualche altra serie tipo Transmetropolitan e forse scrivere e disegnare di nuovo i miei fumetti.

Ricordo infatti che nel passato hai prodotto anche qualche storia breve scritta da te (mi sembrava di ricordare una storia dell’Uomo Ragno). Ci sono buone possibilità che ti vedremo in futuro nelle vesti sia di scrittore che di disegnatore?

Forse! Ho scritto un po di cose per la Marvel che non hanno ricevuto molta attenzione. Quando lavori con scrittori di talento come Warren Ellis o Garth Ennis è difficile riuscire a metterti in competizione con loro.

Qual è l’inchiostratore che ti soddisfa di più sulle tue matite?

Amo lavorare con Tom Palmer. In realtà preferisco inchiostrarmi da solo ogni volta che è possibile.

Ti vedremo in Italia a qualche convention?

Tutto quello che dovete fare è richiedermi! Ho vissuto a Firenze per un anno e sono tornato ogni volta che ho potuto. Se qualcuno vuole portarmi in Italia, sarò li da voi con un grande sogghigno!


Marco Rizzo
Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.