Menu

 

 

 

 

Saga Volume 3

Sceneggiatore di un serial televisivo di culto come Lost e pluripremiato creatore di fumetti altrettanto di culto come Y – L’Ultimo Uomo, Ex-Machina e il graphic novel L’Orgoglio di Baghdad per la DC Comics, oltre a Runaways per la Marvel, Brian K. Vaughan è uno di quei cavalli di razza di nuova generazione capace di tirare fuori dal cilindro titoli accattivanti e originali senza mai ripetersi, esplorando ogni volta nuove frontiere e scenari del fumetto. Saga è il suo primo lavoro creator-owned, pubblicato in America dalla Image e giunto in Italia al suo terzo volume grazie alla Bao Publishing; un fumetto non facile da classificare e imbrigliare in una categoria predefinita, perché crogiolo di molteplici generi narrativi: fantascienza, space opera, dramma, satira sociale, super-eroismo sui generis, fantasy, love story e altro ancora.

In questo nuovo tomo, che contiene i capitoli dal 13 al 18 della serie originale, ritroviamo la coppia in fuga Marko e Alana, appartenenti a due razze aliene dei pianeti Wreath e Landfall in guerra tra di loro, che contro ogni pronostico si innamorano l’uno dell’altra e fuggono insieme, sposandosi e dando alla luce la piccola Hazel, la quale funge da voce narrante alla storia dei suoi genitori. Considerati fuorilegge da entrambi i loro popoli e inseguiti dal cacciatore di taglie chiamato Il Volere, dall’ex-fidanzata di Marko, Gwendolyn, e dall’aristocratico androide bellico Principe Robot IV, i due sposi giungono su Quietus: il pianeta dove vive il leggendario scrittore D. Oswald Heist, la cui produzione letteraria è stata fonte di ispirazione per entrambi. I destini di tutti i personaggi finiranno per convergere attorno a un faro cosmico, casa dello scrittore, che sarà teatro di avvenimenti dalle importanti ramificazioni e di una scelta radicale sul futuro della coppia di innamorati.


SAGA1

È francamente difficile essere obiettivi nello scrivere una recensione su questo fumetto senza farsi prendere dall’entusiasmo che esso suscita durante la lettura. Saga è uno di quei rari titoli in grado di affascinare il lettore e provocargli immediata assuefazione per la ricchezza della trama, le idee-cardine non banali o scontate nello sviluppo narrativo, la cura nei dettagli e nei dialoghi e, soprattutto, l’originalità contrapposta al realismo nella caratterizzazione di tutti i personaggi della storia. La vena creativa e l’abilità di Vaughan si confermano e rinnovano ad ogni episodio, componendo tassello dopo tassello un’epopea fantascientifica-romantico-fantasy profondamente umana, che ci regala sbocchi drammaturgici spiazzanti e mai gratuiti, accompagnati da scenari ed elementi concettuali originalissimi. Ogni idea, ogni caratterizzazione, ogni sviluppo di Vaughan non è mai messo a caso, ma raccordato perfettamente con tutti gli altri componenti della trama in maniera fluida e conseguenziale. La struttura corale della serie comprende oltre una decina di personaggi-satellite che arricchiscono con svariate idee e punti di vista differenti la storia dei due protagonisti principali. Marko e Alana, al di là di una fisiologia meramente aliena (lui ha orecchie e corna da ariete, lei ali da libellula), sono due character realistici che è impossibile non amare per il loro essere immediatamente riconoscibili nella propria umanità, nelle loro debolezze e punti di forza, nel reciproco amore, nella preoccupazione di un futuro per loro e la figlioletta.

SAGA2

Il rapporto tra i due è il motore principale della storia e lo sceneggiatore lo cesella con cura e rara sensibilità, scoprendoli a poco a poco e costruendogli intorno una quotidianità fatta di sentimenti, sesso, complicità, contrattempi e problemi non solo riguardanti il loro status di fuggitivi, ma anche economici e lavorativi (elementi rarissimi in una storia di fantascienza). Il tutto li rende due dei personaggi meglio sviluppati della storia dei comics americani da 30 anni a questa parte, ma Vaughan non si accontenta e va oltre, inserendo tra le pieghe del racconto svariati concetti progressisti che rendono il suo fumetto quasi un manifesto sociale: in questo volume, ad esempio, sono sviscerate numerose tematiche importanti, come l’ingerenza del potere esecutivo sulla libertà di cronaca da parte della stampa; le difficoltà di accettazione sociale delle coppie gay; il potere delle idee contenute nei libri e la responsabilità degli scrittori nel tracciare nuove linee di pensiero e di educazione civica in grado di ispirare la gente; e, infine, il contrapporsi della forza della cultura e dell’amore (elementi di creazione) a quella della guerra e dell’odio razziale (elementi invece di distruzione). Riflessioni certo non da poco per un fumetto, indirizzato sicuramente a un pubblico adulto in grado di cogliere le molteplici sfumature e i toni grotteschi.

SAGA3

A fare da efficace complemento ai testi di Vaughan c’è la canadese Fiona Staples, artista originale e incredibilmente dotata, in grado di dare un apporto visivo unico e splendido alla serie con il suo stile pittorico, raffinato e realistico, ideando archetipi originalissimi e focalizzando ogni inquadratura sui personaggi, che spiccano sugli sfondi annebbiati e foschi con pose naturali e mai plastiche o sensazionalistiche.
Due parole, infine, sull’edizione del presente volume, caratterizzata da un alto livello di stampa per qualità di carta, rilegatura e resa cromatica. Pur riconoscendo, però, sia il buon lavoro che le oneste intenzioni della Bao nel proporre un prodotto d’autore a un prezzo non altissimo e dunque accettabile, si rileva anche come il formato editoriale più ridotto rispetto alle dimensioni standard di un comic book sacrifichi un po’ le splendide tavole della Staples come, ad esempio, era già avvenuto per l’edizione di The League of Extaordinary Gentlemen. Ci auspichiamo che la Bao possa in futuro prendere in considerazione l’idea di una doppia edizione, una economica e dal formato ridotto, l’altra “deluxe” con dimensioni fedeli a quelle della stampa americana.

Dati del volume

  • Editore: Bao Publishing
  • Autori: Testi di Brian K. Vaughan, disegni di Fiona Staples
  • Formato: Brossurato, 15 x 23 cm., 152 pagine, colore
  • Prezzo: € 14,00
  • Voto della redazione: 10
Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.