Menu

 

 

 

 

tuttiautopezzi

La Guardia dei Topi, intervista a David Petersen

Panini Comics ha da poco pubblicato i primi due volumi de La Guardia dei Topi di David Petersen, vincitore di tre Eisner Award, ospitando l'autore alla recente Lucca Comics & Games. Noi di Comicus abbiamo intervistato Petersen, che ci ha parlato della sua saga, e recensito i volumi che lo hanno consacrato come uno degli autori emergenti più interessanti in assoluto.

d petersen

Ciao David e benvenuto su Comicus.
Ciao a voi e grazie!

Partiamo ovviamente da La Guardia dei Topi, opera che finalmente avremo la possibilità di leggere completamente per la prima volta in Italia, grazie a Panini Comics. Cosa devono aspettarsi i lettori da questa?
La Guardia dei Topi è un divertente fumetto medievale con protagonisti degli animali, ma pur avendo dei topi come protagonisti non ha il mood di un cartone animato, poiché ha un tono maturo e a tratti cupo. Insomma non è una lettura per bambini piccoli, ma allo stesso tempo non è così dark e violenta da non poter essere letta da tutti. Non parliamo di un fumetto horror! Negli USA sono usciti tre volumi, Autunno, Inverno e La Scure Nera, che negli Stati Uniti è il terzo in ordine di uscita: progressivamente i temi trattati diventano sempre più oscuri, come se fosse un essere vivente che cresce. Un po’ come per i libri di Harry Potter.

Protagonisti di Autunno, prima parte de La Guardia dei Topi, sono Saxon, Kenzie e Liem, tre personalità molto diverse fra loro: a cosa, o meglio chi, ti sei ispirato per delineare il loro carattere? Su chi ti sei divertito maggiormente a lavorare?
Tutti e tre questi personaggi sono basati, in qualche modo, su persone reali. Saxon è basato su di me, o meglio, sulla parte peggiore di me: questi presenta tutti i miei peggiori tratti caratteriali. Ho preso tutte le mie qualità più famose, in primis l’essere troppo impetuoso, cosa che mi ha creato una montagna di problemi. Kenzie è basato sul mio migliore amico Jesse: ci siamo incontrati da giovani, eravamo entrambi nei boy scout. Noi ci relazioniamo nella stessa maniera complementare di Kenzie e Saxon: se io sono impetuoso, lui è pacato e riservato. Se dovessimo affrontare una battaglia, Jesse farebbe strategie per due settimane prima di iniziare a combattere, io invece mi butterei nella lotta con un piano pensato il giorno prima, o anche senza. Insieme i due personaggi sono complementari e costituiscono una grande squadra. Liem è basato su un altro amico, che si chiama Emerson, il quale è un po’ più giovane di me e Jesse. Nei libri Liem rappresenta “il potenziale”: non ha ancora raggiunto il suo punto massimo, ma sin dal principio capiamo che ha un grande potenziale in lui, il potenziale di essere un eroe. Ed è la prima cosa che ho avvertito quando ho conosciuto Emerson.

Sei un artista completo, dato che ti occupi sia dei testi che dei disegni delle tue opere: come si svolge il tuo processo creativo? Inizi sempre dai testi per poi passare ai disegni o i due processi vanno di pari passo?
Ci sono tre libri, e per tutti e tre ho avuto un approccio lavorativo sempre un po’ differente: Autunno è stato il mio primo fumetto scritto in assoluto. Imparavo a scrivere fumetti mentre lo realizzavo: con questo avevo alcune note su come la storia sarebbe stata, ma non scrissi alcuna vera sceneggiatura. Iniziai disegnando le cose che sarebbero accadute: i protagonisti che vanno in esplorazione, affrontano un serpente, e tutto il resto, scrivendo alcune note di scrittura o i dialoghi ai lati del foglio. Più tardi inserii le nuvolette nelle quali scrissi i dialoghi definitivi. Con Inverno, scrissi delle sceneggiature per le varie scene, individualmente l’una dall’altra, solo più tardi, dopo aver disegnato il fumetto, scrissi i dialoghi. Per La Scura Nera scrissi l’intera sceneggiatura e poi realizzai i disegni: per la precisione, dato che negli USA usciva un capitolo alla volta, scrivevo la sceneggiatura di un capitolo alla volta e poi lo disegnavo. Mai tutti insieme, quindi.

Autunno si conclude con la frase "L'inverno sta arrivando". È impossibile non cogliere il riferimento a Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco di George R.R. Martin. Quanto apprezzi questa saga e quanto ti ha ispirato nella realizzazione de La Guardia dei Topi.
A dire il vero, non ho mai letto nessun romanzo della saga. Non conoscevo proprio quella frase quando ho scritto il fumetto. Ne sono venuto a conoscenza dopo, quando ho visto alcuni episodi di Game of Thrones, che mi piacciono molto. Ma non ci sono state influenze di nessun tipo.

L'opera si rifà molto al Medioevo. Come ti sei documentato sulla vita medievale e sulla società del tempo?
Pochissimo. Perché qui si tratta della cultura dei topi, che è diversa da quella degli umani: ci sono aspetti tecnologici e architettonici che non combaciano con quelli umani del 1152, come le lenti per gli occhi. Sotto il pinto di vista architettonico si tratta di un “gothic revival”, visivamente molto più interessante: queste sono architetture “Tudor”, ancora più “Tudor”.

I topi sono esseri estremamente adattabili, un po' come l'essere umano. Quanto l'universo narrativo che hai creato è metafora dell'esistenza umana? E in cosa si differenzia?
Penso che la metafora sia che i topi sono fragili e non equipaggiati di “armi naturali”, non hanno zanne, artigli o massa muscolare. Ogni sfida che affrontano è più grande di loro, e noi come umani lo capiamo bene: ogni sfida nelle vita di un uomo, come ottenere un lavoro, o andare a scuola, o la malattia sembra più grande di te. E nei fumetti i topi, come gli umani, trovano uno stratagemma per superarle, con l’intelligenza e la determinazione. Questo il parallelismo tra uomo e topo.

Da La Guardia dei Topi è stato tratto anche un manuale da gioco RPG molto apprezzato. Come ti sei approcciato al progetto? E come si compenetrano le due opere, quella ludica e quella fumettistica?
Quando ero bambino giocavo moltissimo ai giochi di ruolo e la cosa più divertiva parecchio. Penso di aver imparato a raccontare storie per merito dei giochi di ruolo, perché in questi quello che si fa è raccontare storie assieme ad altre persone. Quando la gente ha letto il primo libro, mi ha chiesto se ci fosse un RPG dedicato, ma non c’era. Così l’ho realizzato con un RPG designer, Luke Crane, con il quale sono diventato molto amico: lui ha scritto tutte le regole del gioco, io mi sono occupato del materiale extra, così che i giocatori potessero avere una comprensione maggiore di questo universo narrativo. Un collaborazione davvero efficace.

Quando e come hai capito di voler fare del fumetto il tuo lavoro? Chi ti ha ispirato maggiormente nel tuo percorso di formazione?
Volevo scrivere e disegnare fumetti da quando avevo 11, 12 anni. Leggevo X-Men e TMNT. Per i primi, preferivo il materiale un po’ più datato: amavo le storie degli anni’70 scritte da Chris Claremont. Questi mi ha ispirato maggiormente, senza dimenticare artisti come Mike Mignola e Neal Adams.

Cosa ha rappresentato per te essere insignito di ben tre Eisner Award?
Si tratta di emozioni incredibili. Con mia moglie qui presente a fare da testimone, posso dire per certo che, quando uscivamo da ragazzi, dicevo sempre “un giorno sogno di vincere un Eisner Award”. E ora ne ho qualcuno.

Ti piace il fumetto mainstrem e ti piacerebbe scrivere qualcosa della Marvel Comics o DC Comics?
Non posso dire che mi dispiaccia, ma penso che quel tipo di mercato sia più che saturato. Mi piacciono ancora i personaggi degli X-Men, per esempio, ma ogni volta che prendo un fumetto di questi appena uscito e lo leggo, non avverto le stesse emozioni del passato. Magari sono storie bellissime, ma non hanno la stessa atmosfera per quanto mi riguarda: penso che ciò sia dovuto al fatto che si rivolgono a un pubblico molto più giovane di quanto sia io! Se potessi scegliere scriverei X-Men, però vorrei anche disegnare le mie storie.

A cosa stai lavorando al momento?
Sto lavorando all’adattamento a fumetti di Il vento tra i salici di Kenneth Grahame. Mi occupo solo delle illustrazioni, dato che il testo è lo stesso del romanzo. Poi lavorerò a una nuova antologia di Legends of the Guard, la terza. E forse lavorerò al quarto capitolo di La Guardia dei Topi, che si dovrebbe intitolare The Wizard War of 1149.

Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.