Menu

 

 

 

 

20 anni senza Bonvi

Il 10 dicembre 1995 moriva prematuramente a Bologna, investito da un auto, Franco Fortunato Gilberto Augusto Bonvicini, da tutti conosciuto semplicemente come Bonvi. L'artista si stava recando alla trasmissione Roxy Bar dell'amico Red Ronnie per vendere alcune sue tavole il cui ricavato sarebbe andato al collega malato di cancro Magnus.

Nato il 31 marzo 1941 a Modena, Bonvi è stato uno dei più importanti fumettisti italiani, ancora oggi apprezzato e amato dai lettori. Genio irrequieto, a lui si devono personaggi come Cattivik, Nick Carter, ideato in coppia con il regista Guido De Maria per la trasmissione Gulp! I Fumetti in TV, e sopratutto le Sturmtruppen.

Ma non solo, in una frenetica produzione ricordiamo gemme quali Marzolino Tarantola, L'uomo di Tsushima, Cronache del dopobomba e Storie dallo spazio profondo scritto con Francesco Guccini, che gli dedicherà una canzone dopo la sua scomparsa.

Bologna ricorderà il fumettista con una mostra dal titolo "Incubi alla Bolognese. Leggende urbane di Bonvi" che verrà inaugurata il 15 dicembre 2015 in piazza Coperta di Salaborsa e che resterà aperta fino al 31 gennaio 2016.

Attualmente, le opere dell'artista sono ristampate da Mondadori Comics. Noi di Comicus, vogliamo ricordare Bonvi con una piccola gallery fotografica.

Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.