Menu

 

 

I dettagli di Disenchantment, la nuova serie di Matt Groening per Netflix

  • Pubblicato in Toon

Tempo fa vi avevamo riportato la news che Matt Groening, creatore de I Simpson e Futurama, era al lavoro su una serie per Netflix. Deadline oggi ci informa che il nuovo cartoon arriverà sulla piattaforma digitale nel 2018 e si chiamerà Disenchantment e avrà un cast vocale composto da Abbi Jacobson, Nat Faxon e Eric Andre.

La serie, di cui sono state ordinati al momento 20 episodi divisi in 2 stagioni da 10 ciascuna, sarà ambientata nel regno medioevale di Dreamland e avrà come protagonisti la principessa (dedita all'alcool) Bean, l'amico elfo Elfo e Luci, suo demone personale.

"In definitiva," ha dichiarato Groening, "Disenchantment riguarderà la vita e la morte, l'amore e il sesso, e come continuare a ridere in un mondo pieno di sofferenze e di idioti, nonostante ciò che vi diranno gli anziani, i maghi e altri idioti".

Leggi tutto...

Matt Groening, papà de I Simpson, al lavoro su una serie animata per Netflix

  • Pubblicato in Toon

Secondo quanto riportato da The Hollywood Reporter, Matt Groening, papà de I Simpson e di Futurama, sarebbe al lavoro su una nuova serie animata per la piattaforma Netflix.

Al momento i dettagli sono segreti, ma addetti ai lavori hanno confermato che si tratterebbe di una serie di 20 episodi in due stagioni.

Netflix non ha confermato la notizia, ma questo nuovo progetto conferma la volontà del network di realizzare nuove serie animate dopo show come BoJack Horseman e F is for Family.

Leggi tutto...

I Simpson e gli spin-off mai realizzati su Krusty e Springfield

  • Pubblicato in Focus

Una domanda che magari vi sarà venuta in mente è: come mai, nonostante il gran successo, non è stato mai realizzato uno spin-off de I Simpson? Considerando anche che una cosa simile è accaduta per I Griffin.

Se ricordate, nell'ottava stagione della serie, nel 1997, andò in onda un episodio dal titolo "The Simpsons Spin-Off Showcase" ("La bacheca della serie dalla serie "I Simpson"), in cui venivano mostrati tre spin-off possibili, ovvero una serie poliziesca con il Commissario Winchester e il preside Skinner, una sit-com con Nonno Simpson e Boe e un varietà con la famiglia al completo (ma senza Lisa). La verità, come ci rivela CBR, è che Matt Groening voleva davvero realizzare uno spin-off dei Simpson. Il personaggio prescelto? Be', Krusty il Clown.

L'idea originale, però, non era di farne una serie animata ma una serie dal vivo con attori in carne ed ossa. Era il 1994, I Simpson erano alla loro quinta stagione, secondo questa idea Krusty (interpretato dal suo doppiatore Dan Castellaneta) avrebbe dovuto trasferirsi a Los Angeles per realizzare un talk show. Groening aveva scritto la sceneggiatura per il pilota con lo sceneggiatore e produttore TV Michael Weithorn (Casa Keaton). Ma Groening, come rivelò a EW nel 1999, capì che avrebbe avuto difficoltà a realizzare una serie dal vivo:
"Avevamo questo sketch nello script in cui Krusty viveva in una casa su palafitte e c'erano dei castori che rosicchiavano un passaggio attraverso le palafitte. Ma qualcuno in rete sottolineò quanto costoso sarebbe stato assumere dei castori addestrati e il costo altrettanto proibitivo di realizzare castori meccanici, così ho detto: 'Se fosse stata una serie animata non avremmo avuto questa discussione'".

Così il progetto mutò in una serie animata. Tuttavia, le trattative contrattuali finirono in fase di stallo, e Groening decise di lasciar stare il progetto. Poco dopo, iniziò a lavorare su Futurama. In pratica, se fosse uscito lo spin-off di Krusty forse non avremmo mai visto la serie con Fry, Bender e Leela.

Un altro spin-off abbandonato de I Simpson era ispirato all'episodio della 7° stagione "22 Short Films About Springfield" ("22 cortometraggi di Springfield") del 1996, che raccontava diverse storie quotidiane di numerosi personaggi della città. Lo staff dei Simpson propose, allora, uno spin-off antologico dal titolo "Tales of Springfield", "Springfield Stories" o semplicemente "Springfield", ma alla fine Groening decise di non realizzarlo perché non c'era abbastanza personale per entrambe le serie.
Il produttore de I Simpson ed ex showrunner Josh Weinstein ha dichiarato a Digital Spy di essere dispiaciuto della sua mancata realizzazione: "Sarebbe stata una possibilità di raccontare storie complete su altri personaggi, ma non è mai accaduto. Penso sarebbe stato grande, ma erano tutti molto occupati al momento".

Insomma, le idee c'erano ma finora nulla è stato realizzato. E voi, vorreste vedere uno spin-off de I Simpson?

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.