Menu

 

 

Giorgio Parma

Giorgio Parma

URL del sito web:

Il cacciatore Gracco, recensione: la folle e stravagante epopea di Martoz

81oUT0PV4gL

Presentato come una delle novità più attese di Lucca Comics & Games 2017, Il cacciatore Gracco è il nuovo graphic novel di Martoz, nome d’arte di Alessandro Martorelli, fumettista tra i più importanti e quotati degli ultimi tempi, che approda nella scuderia autori della nuova Coconino Press guidata da Ratigher che, come da dichiarazione d’intenti, punta a sperimentare ed ampliare la sua politica editoriale e la sua offerta.

Partendo da un racconto incompleto di poche pagine scritto da Franz Kafka, l’autore si diverte a creare un’intera narrazione epica ipotizzando una continuazione delle vicende del cacciatore Gracco, ritornato nel mondo dei vivi dopo essere morto accidentalmente durante una battuta di caccia a un camoscio bianco, dando così vita a un romanzo a fumetti quantomeno inusuale.
Dopo la morte il cacciatore desidera ritornare alle cose a lui più care: la sua Foresta Nera, la sua vegetazione e la sua fauna, per riconnettersi con la realtà; in particolare, l’onta di essere morto mentre cacciava il camoscio lo porta ad avere un morboso desiderio impellente di trovare e uccidere questo animale. Ma sarà proprio questa malsana urgenza a determinare una miopia nei confronti del quadro generale: Gracco è tornato dalla morte, un evento impensabile e assurdo, ma non si interroga per nulla sul fatto, sul suo essere tornato in vita, non pensa a come poter continuare a vivere, a rimediare agli errori del passato, ma pensa solo a vendicarsi dell’animale che ne ha causato la morte, a risolvere una questione di orgoglio personale.

il-cacciatore-gracco-1

E in questa spasmodica ricerca di riabilitazione della propria gloria, sintomo di una visione monoprospettica dell’esistenza, Gracco, all’interno dell’amata foresta che trova profondamente mutata, andrà incontro a folli avventure, scontrandosi con creature assurde e personaggi mitologici e della cultura pop, con un folle sovrapporsi di citazioni e omaggi a film cult, videogame, opere letterarie e mitologia antica in un vortice impasticcato e lisergico dalle forti incursioni erotiche.
Una follia imperante, eppur ragionata, che mescola istintivamente stimoli e influenze provenienti dalle parti più disparate: in un turbinio di eventi assurdi, il girovagare di Gracco diventa prima Odissea e poi videogame, prima metafora di un percorso interiore e poi action movie.

il-cacciatore-gracco-2

Dal punto di vista visivo, lo stile cangiante e parzialmente irrazionale di Martoz dà vita ad un affresco surreale e a tratti metafisico, condito da palette cromatiche che osano destrutturare la naturale colorazione delle cose. Il disegno istintuale privo di regole prospettiche o anatomiche, libero da schemi e sovrastrutture, infantile nella sua libera espressività, misto ad una azzardata e instabile composizione della tavola spesso accompagnata da indicazioni grafiche di lettura semplificata, completano il tutto, producendo tavole che passano dal sembrare un De Chirico ad un Picasso, passando per l’espressionismo tedesco e Munch.

il-cacciatore-gracco-3

I dialoghi sono essenziali, spiritati tanto quanto il racconto stesso, contraddistinti da battute teatrali con tanto di virgolette e nome del personaggio che le pronuncia, descrizioni fuori campo sul procedere degli eventi inframezzate da balloon di dialogo diretto dei personaggi. Il testo viene scritto a mano dall’autore con lo stesso stile istintuale e infantile del resto dell’opera, con errori ortografici voluti, sintassi azzardate e cancellature e sostituzioni di vocaboli o frasi intere.

Martoz dimostra ancora una volta di essere un autore eccezionale, capace di spaziare tra contaminazioni allucinanti e mix di registri stilistici e narrativi di ogni sorta a produrre un caotico e surreale, eppure estremamente affascinante, caleidoscopio grafico e testuale in grado di strabiliare il lettore ad ogni vignetta.

Indomite, La Fabbrica dei Corpi e le altre novità Bao Publishing in arrivo a marzo 2018

Apprendiamo direttamente dalle pagine del catalogo promozionale Preview #27, consultabile online a questo indirizzo, le novità editoriali di Bao Publishing e Sergio Bonelli Editore in arrivo a marzo 2018. In particolare, in questo articolo ci soffermeremo sui volumi più interessanti editi da Bao, che abbiamo raccolto qui sotto assieme alle pagine tratte dalla rivista stessa con cui sono stati annunciati i relativi titoli. È possibile ingrandire le immagini cliccandoci sopra.

Indomite - Volume 1
di Pénélope Bagieu
144 pagine, colori, cartonato, 18x25 cm, 20 €

indomite

La Fabbrica dei Corpi
di Héloïse Chochois
160 pagine, colori, brossurato olandese, 17x24 cm, 18 €

fabbricacorpi

Mars Horizon
di Florence Porcel e Erwann Surcouf
120 pagine, colori, brossurato olandese, 17x24 cm, 17 €

marshorizon

Un Romantico a Milano
di Sergio Gerasi
168 pagine, colori, cartonato, 19x26 cm, 20 €

unromanticoamilano

I supereroi di Mahmud Asrar, intervista all'artista Marvel

Italian/English version

In occasione di Lucca Comics & Games 2017 abbiamo avuto l'occasione di intervistare Mahmud Asrar, artista molto apprezzato della scuderia Marvel Comics, che ha lavorato parecchio su testate corali, X-Men in primis, su cui si appresta proprio a tornare con la nuova serie X-Men Red sui testi di Tom Taylor. Qui di seguito trovare la nostra breve chiacchierata in cui cerchiamo di approfondire la sua conoscenza, il suo stile e come viene percepito il mondo del fumetto in Turchia, suo Paese natale.
In fondo all'intervista trovate la versione in lingua originale della stessa.

Innanzituto, benvenuto su Comicus!
Come ti sei trovato in Italia?

Grazie! In realtà, questa è la terza volta che vengo in Italia. La prima ero a Mantova per il Mantova Comics & Games nel 2015, ma ho visto solamente l'aeroporto e poi la convention. La scorsa volta invece sono venuto in Italia per una vacanza estiva in Costiera Amalfitana e sono stato benissimo. Ora sono a Lucca per la prima volta e mi sto davvero divertendo. È uno show enorme e molto bello, molto interessante. Adoro anche la città.

Partiamo dall'inizio: quando hai deciso di diventare un fumettista?

Non appena mi sono reso conto che qualcuno poteva fare soldi disegnando fumetti! (Ride) Volevo farlo per vivere. Mi è sempre piaciuto disegnare da bambino, ha sempre fatto parte della mia vita e anche i fumetti mi sono sempre piaciuti. Da piccolo li leggevo e ne apprezzavo l'arte e copiavo quello che vedevo, cercando di fare del mio meglio. Dopo un po' mi sono reso conto di come in realtà veniva realizzato un fumetto, che c'erano delle figure professionali dietro, come un artista, uno scrittore, un colorista e tutto e molte altre persone che ci lavorano. E quindi tutto ciò che ho fatto da allora è stato diventare un fumettista.

Sei nato ad Ankara, in Turchia, e hai studiato all'Università Hacettepe. Puoi dirci qualcosa sull'industria dei fumetti in questo Paese? Come viene percepito il mondo dei fumetti in quel paese?

È una domanda interessante. Quando ero bambino, durante tutti gli anni '70 i genitori leggevano fumetti e come quasi tutti avevano fumetti nelle loro case, tutti ne erano entrati in contatto. Per lo più fumetti italiani, in particolare i fumetti western: Zagor era molto popolare. Io sono entrato in contatto con i fumetti perché mia madre è austriaca e mi portava diversi tipi di fumetti dall'Europa e continuavo a leggerli e guardarli. In Turchia da sempre i fumetti umoristici sono molto popolari e hanno sempre avuto un forte pubblico e continuano ad avercelo. Per lo più si tratta di fumetto umoristico, ma ci sono anche diverse storie e fumetti veri e proprio e sono anche piuttosto popolari. Oltre a questo, molti fumetti sono per lo più opere tradotte, soprattutto dall'Italia e dall'America, per non parlare dei manga, naturalmente.
Intorno agli anni '90, i lettori di fumetti sono calati, ma ultimamente, probabilmente negli ultimi dieci anni, il mercato è cresciuto e sono stati pubblicati molti fumetti. Ora ci sono anche molti graphic novel turchi, anche alcune serie a fumetti, e ci sono un sacco di cose interessanti che escono, il che è mi fa molto piacere. È bello vedere il fumetto diffondersi e crescere di nuovo.

Durante la tua ora di studente, hai fondato con Yildiray Cinar l'impronta indipendente Capa Cizgiroman Grubu, creando due personaggi chiamati Vasak e Glittergirl. Com'è iniziato questo progetto? Qual è il suo stato aggiornato?

A partire dal 1997, con così tante fanzine in giro, abbiamo deciso di fare anche noi le nostre storie ma con personaggi turchi perché nessuno lo stava facendo: abbiamo iniziato solo per divertimento e per noi stessi e per imparare come funzionavano queste cose. Abbiamo creato molti personaggi e diverse storie, alcune ispirate a personaggi americani, altre dalla mitologia turca e così via. Un po' più tardi ho creato il personaggio di Vasak. Penso che sia stato il primo personaggio che ho creato insieme a Yildiray Cinar, ed è stato anche qualcosa che ho scritto e questo mi ha permesso di ricavarne una grande esperienza.
Glittergirl invece è nato assieme ad Hakan Tacal, un nostro amico, che stava scrivendo quelle storie ed è probabilmente la cosa più conosciuta che ho fatto in Turchia perché è stata anche una delle ultime novità ed è stata pubblicata ampiamente.

Ora abbiamo tutti i nostri impegni, io sono entrato nel mondo dei fumetti mainstream e non ho tempo per fare altro. Stiamo cercando di tenere il passo con i nostri programmi, Yildiray sta facendo le sue cose e Hakan è anche un architetto, quindi è impegnato con il suo lavoro, ma sta scrivendo anche delle graphic novel, cercando di pubblicare qualcosa ogni anno. Ma sfortunatamente non possiamo fare qualcosa insieme: abbiamo dei piani e speriamo di fare di più, ma vedremo.

all new x men 34 cover by mahmudasrar-d7vaete

Quali artisti ti hanno influenzato di più?

Questa è una domanda senza fine. Ma ci sono alcuni nomi che sono stati molto importanti per la mia crescita personale. Penso che il primo artista che mi ha ispirato di più sia John Buscema, sono stato molto colpito dal suo Conan e l'ho adorato. E in seguito John Byrne, specialmente negli anni '90, sono stato influenzato da lui come chiunque, immagino. E poi Adam Hughes è stato una grande fonte d'ispirazione e lo è ancora. E di recente la maggior parte dell'ispirazione viene da Olivier Coipel, ma potremmo dire che sono influenzato da così tante cose diverse e da tanti artisti diversi tra cui anche Mike Mignola e Frank Miller. Fondamentalmente tutto ciò che è mi piace viene da me assorbito, in qualche modo.

Una caratteristica peculiare della tua arte è la tua capacità di usare il linguaggio del corpo che dà quella particolare scintilla ai tuoi disegni. Come ottieni questo effetto? Quanto studi la postura del corpo e l'espressione data da ogni gesto? Come sei riuscito a costruire questo tipo di stile?

Mi piace molto catturare piccole sfumature e posture ed è qualcosa di veramente difficile da fare, penso. Ed è quello che cerco di ottenere, voglio dire, semplicemente non voglio disegnare un personaggio statico. Provo ad aggiungere un qualcosa anche piccolo ma che lo rende più credibile, anche se il disegno potrebbe non essere così realistico. Cerco di mantenere un aspetto naturalistico in esso. Sfortunatamente non faccio troppi disegni dal vivo ultimamente, anche se provo a farli il più possibile perché penso che mi aiutino molto a catturare quelle piccole cose. E ogni volta che voglio fare qualcosa di più specifico cerco di fare foto di riferimento di me o di mia moglie e questo mi aiuta molto.

Hai lavorato con molti personaggi di supereroi sia per Marvel che per DC e poi hai creato con Jay Faerber la tua serie di supereroi Dinamo 5 per Image Comics. Che cosa è con te e i supereroi?

Come ho già detto, sono stato influenzato da molti fumetti diversi, fumetti occidentali ed europei. Ma penso che i fumetti di supereroi siano quelli che ho letto maggiormente e che mi sono piaciuti di più. Ho sempre voluto farlo e finalmente sono riuscito a fare i supereroi. Non so perché, ma ho sempre fattodelle serie corali, a partire da Dinamo 5 e molti titoli X-Men, ed è stata una cosa abbastanza impegnativa, con tutti quei personaggi.

Hai lavorato con molti personaggi nella tua carriera, sia per la Marvel che per la DC. C'è qualche personaggio con cui vorresti lavorare?

Ad essere onesti, sono stato molto fortunato ad aver disegnato molti personaggi che mi piacciono molto. Ad esempio sono stato un fan di Wolverine e l'ho disegnato, anche se brevemente prima che morisse, su Wolverine e gli X-Men. Mi piacciono molto Tempesta e Jean Gray, ad esempio, e quest'ultima l'ho disegnata in molte situazioni come nell'Universo Ultimate o la sua giovane versione su All-New X-Men. Quindi ho coperto molti di questi personaggi.
Una cosa che ho sempre voluto fare è Thor e recentemente l'ho fatto con Jason Aaron: è stata un'esperienza incredibile, e mi piacerebbe tornarci sopra. E poi, come tutti, mi piacerebbe fare Batman.

Puoi dire qualcosa sui tuoi prossimi progetti? Qualcosa su cui stai lavorando in questo momento, forse un progetto proprietario di un creatore?

Sì, ma è ancora segreto al momento. È un progetto Marvel, sono ancora a contratto con la Marvel. Spero che verrà annunciato presto.
[Il progetto citato è X-Men Red sui testi di Tom Taylor. Qui potete trovare la nostra news a riguardo].

MTUxMDYwNDYxNw



English version

First of all, welcome to Comicus!
How do you find it here? Have you ever been to Italy before?

Thank you! Actually, this is the third time in Italy. The first time I was in Mantova for Mantova Comics&Games in 2015, but I just saw the airport and then the convention. Last day I came to Italy for a summer holiday in the Amalfi region and I had a great time. Now I am in Lucca for the first time and I'm really enjoying it. It's a very huge and good show, very interesting, and I love the town too.

Let's start from the beginning: when did you decide to become a comic book artist?

As soon I realized that someone could make money by drawing comics! (laughing) I wanted to do this for a living. I've always liked drawing as a kid, it was a part of my life all the time and I liked comics as well. I would read them and enjoy the art and I would copy what I would see and trying to do what I could. After some point I realized how actually people are doing this, that there is an artist, a writer, a colorist and everything and these people are doing it all the time and this is actually a professional job. And so everything I did since then was to become a comic book artist.

You were born in Ankara, Turkey, and you studied there at the Hacettepe University. Can you tell us something about the Turkish comic book industry? How is it felt the comic book world in that country?

It's an interesting thing, I mean. When I was a kid, everybody's parents in the '70s would read comics, like almost everyone had comics in their houses, everybody was exposed to them. Mostly italian comics, especially the western comics: Zagor was very popular. I was exposed to comics because my mother is Austrian and she would bring me different kinds of comics from Europe and I would be looking at them and reading them. In Turkey forever the humour comics have been really popular and always had a strong readership and still do. It's mostly humour, but there are also comic books and stories as well and they are very popular. Besides that, there are comic books that are mostly translated especially from Italy and America and manga of course.
Around the '90s, the comic books readership was wavering, but lately, probably in the last ten years, it has been growing and there have been a lot of comics published. Now there are also a lot of Turkish graphic novels popping up as well, also series, and there are a lot of interesting things coming out which is also nice. It's nice to see it spreading and growing again.

During your student time, you founded with Yildiray Cinar the independent imprint Capa Cizgiroman Grubu, creating two characters called Vasak and Glittergirl. How did this project start? What's its status up to date?

With so many fanzines starting from probably 1997, we decided to do our own with Turkish characters because nobody was doing it, and we started just for fun and for ourselves and to learn the thing. We created a lot of characters and all kind of things, some inspired by American characters, other by Turkish mythology and so on. A bit later on I did the Vasak story. I think it is the first character that I created along Yildiray Cinar, and it was also something that I wrote and I had a great experience with it.
Glittergirl was something that Hakan Tacal, a friend of us, was writing and it is probably the most known thing that I have done in Turkey because it was one of the latest things and it has been published as well widely.

Now we all are doing our things now, like I'm in the mainstream comics and I have no time to do anything else. We are trying to keep up with our schedules, Yildiray is doing his own things and Hakan is also an architect, so he is busy with his work, but he is very enthusiastic and he is doing also graphic novels, trying to do something almost every year. But unfortunately we can't do something all together: we have plans and we hope to do more, but we will see.

wolverine and the x men 11 cover by mahmudasrar-d7ysl8a

What artists did influence you the most?

This is an endless question. But there are few names that have been very important for me growing up. I think the first artist who inspired me the most is John Buscema, I was exposed to his Conan work and I really loved it. And later on John Byrne, especially in the '90s, I was influenced by him like anyone I guess. And then Adam Hughes was a big inspiration and still is. And recently most of inspiration comes from Olivier Coipel, but I would say that I'm inspired by so many different things and so many different artists including Mike Mignola, Frank Miller. Basically anything that is good for me I probably absorb something from it.

One excellent feature of your art is your ability using the body language that gives that peculiar spark in your drawings. How do you get this effect? How much do you study the body posture and the expression given by each gesture? How did you manage to build this kind of style?

I really like to capture small nuances and postures and it is something really hard to do, I think. And that is what I try to achieve, I mean, I just don't want to draw a character standing still. I try to add a small thing that makes it more believable, even though the drawing may be not so realistic. I try to keep a naturalistic look in it. Unfortunately I don't do too many live drawings lately, although I try to do them as much as I can because I think it really helps me a lot in capturing those small things. And whenever I wanna do something more specific I try to take reference pictures of me or maybe my wife and that helps me a lot.

You worked with a lot of superhero characters both for Marvel and DC and then you created with Jay Faerber your own superhero series Dinamo 5 for Image Comics. What is with you and superheroes?

As I already said, I was exposed to lot of different comics, western and European comics as well. But I think that superhero comics were the ones that I read most and enjoyed most. I wanted to do that and I ended up doing superheroes. I don't know why but I have always done team books, starting from Dinamo 5 and a lot of X-Men titles, and it has been a quite challenging thing, with all those characters.

You worked with a lot of characters in your carreer, both for Marvel and DC. Is there any character you would like to work with?

To be honest, I have been very lucky to have drawn a lot of characters that I really like. For example I have been a fan of Wolverine and I have drawn him very briefly before he died on Wolverine and the X-Men. I really like Storm and Jean Grey for example, and I've drawn her in many situations like in the Ultimate Universe, or as her young self in All-New X-Men. So I've got most of them covered.
One thing that I've always wanted to do is Thor and just recently I did it with Jason Aaron and that was amazing, a great experience, and I would like to return to hopefully. And then, as everyone, I would like to do Batman.

Can you say something about your next projects? Something you are working on right now, maybe a creator owned project?

Yes, but it's still secret at the moment. It is a Marvel project, I'm still on the contract with Marvel. I hope it will be announced soon.
[The series he is talking about is X-Men Red written by Tom Taylor. Here you can find more information].

056d7f92e404d3e462a9c3a62e150dc0--comic-book-artists-geek-art

Loop, recensione: La svezia sci-fi dal gusto retrò di Simon Stålenhag

91Bn5GtI7DL

Tra i nuovi volumi pubblicati in Italia da Oscari Ink troviamo un libro illustrato d’eccezione, il Loop di Simon Stålenhag, un bellissimo artbook sci-fi di puro design finnico, caratterizzato da atmosfere fantascientifiche e al contempo retro, ambientato in una ucronica Svezia anni ’80, popolata da macchinari bizzarri, specie mutanti ed estinte e affascinanti navi volanti.

La rapida associazione con un prodotto recente come Stranger Things viene naturale, tuttavia là dove in un caso abbiamo mostri provenienti dal Sottosopra, qui la carne lascia posto a materia più fredda come l’acciaio, i circuiti stampati e mirabolanti aggeggi elettronici. Non abbiamo Demogorgoni ma ci sono navi fluttuanti grazie ai prodigi della scienza, sentinelle bipodi a là AT-ST di Star Wars e dinosauri. Stålenhag, già apprezzatissimo per il suo lavoro nel settore del fantascientifico, realizza un’opera eccellente dal punto di vista illustrativo, non lasciandola fine a se stessa, ma corredandola con storie e descrizioni testuali contestualizzanti. Difatti, lo stesso autore si rende protagonista del racconto illustrato con una finzione narrativa che sin dall’incipit mette in chiaro le cose: tutto ciò che viene descritto nel libro è frutto dei ricordi dell’autore che, aiutato dall’amico Olof, mette su carta esperienze vissute risalenti alla sua infanzia.

loop1

Il libro è ambientato nella regione circostante il lago Mälaren in Svezia, dove gli abitanti del luogo convivono con le installazioni derivanti dal più grande acceleratore circolare di particelle del mondo, il Loop, costruito dall’ente energetico nazionale nel sottosuolo, e la cui attività terminò sul finire degli anni ‘70.
Ambientato sul finire del decennio successivo, della fiorente industria di contorno che durante il periodo di funzionamento di questo prodigio scientifico popolò il territorio rimangono solo le carcasse, reperti di archeologia scientifica di grande fascino per noi tanto quanto per i giovani protagonisti della storia.

loop2

Le illustrazioni presenti nel libro sono di grande qualità sia compositiva che tecnica, intrise di una sorta di nostalgia per un fiorente passato ora in declino, di una malinconia desolante nonché di un freddo fascino e di un design minimale propri della produzione scandinava. Un’opera che risulta essere un manuale di world building, in cui la fantasia dell’autore viene focalizzata nella creazione di un universo narrativo pienamente esplorabile, di cui ci vengono dati degli assaggi, dei setting particolari, delle dettagliate spiegazioni sul funzionamento dei robot, sulla levitazione magnetica delle navicelle, schizzi particolareggiati di oggetti pensati e studiati con grande attenzione, corredati da specifiche tecniche minuziose, tant’è che da questo libro ne è derivato un manuale RPG finanziato su Kickstarter.

loop3

Loop è un artbook di alto livello stampato egregiamente da Mondadori che vi lascerà sicuramente a bocca aperta.
Quest’anno uscirà sempre per Oscar Ink anche Things from the Flood, ribattezzato solo Flood per l’edizione italiana, che conterrà una sorta di seguito di queste avventure narrate in Loop e che di certo vi consigliamo di non lasciarvi sfuggire, proprio come il volume che vi abbiamo appena recensito.

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.