Menu

 

 

Leonardo Cantone

Leonardo Cantone

URL del sito web:

Al via le riprese della terza stagione di Preacher. Ecco i nuovi attori del cast

AMC ha annunciato che la produzione della terza stagione di Preacher è ufficialmente iniziata a New Orleans e che, nel corso della serie, compariranno alcuni membri della famiglia di Jesse Custer: infatti, Betty Buckley (Supergirl, Split) si è unita al cast della nuova stagione della serie nei panni di Granma, Colin Cunningham (Blood Drive, Falling Skies) sarà TC, Jeremy Childs (The Last Castle, Nashville) interpreterà Jody e Liz McGeever (Star, Nashville) comparirà nel ruolo di Christina.

La AMC ha diffuso anche le descrizioni dei nuovi personaggi:

"Granma" - Una spiritista dai grandi poteri che può lanciare incantesimi e persino riportare i morti in vita, ma al giusto prezzo. È l'unico membro della famiglia di Jesse ancora in vita.
"TC" - Fedele braccio destro di Granma, nonostante sembri il ragazzo più amichevole che si possa incontrare, non bisogna mai commettere l'errore di voltargli le spalle.
"Jody" -  Un uomo enorme e dall’aspetto intimidatorio, è il sicario di Granma ed è l'unico uomo che Jesse non ha mai battuto in combattimento.
"Christina" - Ragazza capace ed efficiente, il suo viso attira i clienti per l’azienda di famiglia. Christina lo nasconde bene, ma odia il suo lavoro e ha sogni e aspirazioni che la portino lontano dalla sua vita attuale, ma continua a condurre questa esistenza per proteggere suo figlio.

Preacher è basata sull'omonima serie a fumetti che segue le disavventure di un predicatore del Texas di nome Jesse Custer, posseduto da una misteriosa entità chiamata Genesis che gli conferisce il potere di far sì che le persone facciano qualsiasi cosa egli comandi. Dopo che Jesse ha scoperto che Dio è assente dal Paradiso, insieme alla sua fidanzata Tulip e al loro compagno vampiro, Cassidy, ha intrapreso un viaggio per trovarlo. All’inseguimento del trio di antieroi, c’è Saint of Killers, un inarrestabile assassino che viene direttamente dall'Inferno. L'inseguimento ha condotto i protagonisti a New Orleans ed ora, con la vita di Tulip e l'amicizia di Cassidy in pericolo, Jesse sarà costretto a fare affidamento su una misteriosa figura del suo passato.

Preacher è stato sviluppato per la televisione da Seth Rogen ed Evan Goldberg (This is The End, Superbad, Neighbours) e dallo showrunner Sam Catlin (Breaking Bad). Le serie ha come protagonisti Dominic Cooper nei panni di Jesse Custer, Joseph Gilgun nei panni di Cassidy, Ruth Negga nei panni di Tulip e Graham McTavish nei panni di The Cowboy, alias Saint of Killers.

(Via SHH)

Royal City 1 di Jeff Lemire, recensione: Fuggire non è mai la scelta giusta

royal-city

Scendere a patti con il proprio passato, ripercorrere i luoghi della propria infanzia o della propria adolescenza con gli occhi di adulto è un’esperienza che, prima o poi, in un modo o in un altro, tutti realizzeranno. Jeff Lemire, con Royal City, parte proprio da questo presupposto, scrivendo e disegnando interamente la serie edita, in Italia, da Bao Publishing.
Un grave malessere del padre Peter, costringerà tutta la famiglia Pike – composta dalla moglie Patti e dai tre figli, Patrick, Tara e Richard – a fare i conti con il proprio passato e a rivedere il proprio presente. Sull’intera famiglia aleggia, infatti, il “fantasma”, l’immagine, di Tommy, figlio e fratello strappato prematuramente all’esistenza.

royal-city-1

La storia imbastita da Lemire è corale e non c’è un vero e proprio protagonista. La trama segue, infatti, le vicende dei quatto familiari che gravitano attorno al capezzale del padre in coma dopo l’infarto. Questo stratagemma narrativo permette all’autore di indagare diverse tematiche capaci di interessare la vita di un individuo: la volontà e il bisogno di scendere a patti con la propria esistenza, la ribellione dalla pastoie sociali e familiari, il bisogno di affermazione e indipendenza identitaria, l’anelito alla libertà. Ma le diverse direttrici intraprese dal racconto – almeno questa prima parte narrata nel volume – confluiscono verso un unico tema, ovvero quello della fuga. Tutti i personaggi fuggono da qualcosa, ognuno di loro cerca altro, ognuno di loro crede che la propria vita non gli abbia concesso tutte le possibilità e, in un modo o in un altro, cercano un riscatto. Il vero conflitto dei protagonisti è che questo riscatto non può avvenire: le “ingiustizie” che sentono gravare sulle loro spalle non sono colpa della Vita, del Destino e nemmeno di Royal City – assunta a simbolo di decadenza esistenziale – ma della loro incapacità di affrontare i conflitti, che siano personali, interpersonali o semplicemente quelli del quotidiano. Tommy, “visto” dai membri della famiglia, è diverso per ognuno di loro: ha un’età differente, una personalità differente, ma rappresenta sempre la necessità di affrontare se stessi e le battaglie della vita.

royal-city-2

Il testo di Lemire non si dilunga mai in verbose o stucchevoli battute, ma cerca sempre di essere asciutto e non patetico, nonostante che la complessità dei temi affrontati nell’arco del volume possano permettere una trattazione più romanzata. Lemire, sfrutta le “regole” narrative del fumetto, affidando la voce fuori campo, il commento alla vicenda, al personaggio più adatto a una ricostruzione narrativa: Patrick, scrittore in crisi, incapace di trovare l’ispirazione e la forza per creare un nuovo romanzo. Qui, forse, l’unica pecca del racconto: è intuibile che Patrick tornerà a scrivere, utilizzando gli eventi che si stanno svolgendo come nucleo narrativo del suo prossimo lavoro. Ma queste sono speculazioni che attendono risposta con il volume seguente.

royal-city-3

Il tratto dell'artista è estremamente marcato, nervoso, spesso caricaturale che tende ad una raffigurazione quasi espressionista dei personaggi e del mondo che abitano. Questa scelta rafforza la sensazione di disperazione dei protagonisti e la loro condizione di alienazione nei confronti degli eventi. Difatti i momenti onirici si confondono con quelli reali, sancendo il legame tra queste due dimensioni esistenziali e marcando la percezione alterata in cui vivono i membri della famiglia Pike. Lo stesso uso del colore, ad acquerello, descrive l’intero racconto attraverso intenzioni cromatiche non realistiche, finalizzate, dunque, a restituire questa visione snaturata, confusa, ma anche ricca di sfumature in attesa di essere colte.

Il volume si arricchisce di un interessante dietro le quinte in cui lo stesso autore presenta i diversi studi per il logo della serie e le illustrazioni promozionali.
Royal City si palesa, dunque, come un lavoro estremamente personale di Lemire, in cui sono evidenti le volontà catartiche dell’autore che ha deciso di affrontare tematiche universali per poter riflettere sulle conflittualità della vita e sulle sfide – grandi o piccole che siano – che l’esistenza pone davanti il percorso di tutti.

 

Annunciati titoli e autori delle opere DC Ink e DC Zoom

La DC Comics aveva già annunciato un paio di collane rivolte ai lettori più giovani: DC Zoom rivolto ai lettori delle scuole medie e DC Ink pensato per gli adolescenti.

"Volevamo tornare a quello che avevamo nei fumetti: gli archi narrativi per i lettori più giovani" aveva detto al New York Times il vicepresidente della DC, Bobbie Chase, editor di entrambe le linee.

Fino ad ora erano state annunciate una storia su Harley Quinn della scrittrice di She-Hulk Mariko Tamaki con opere di Steve Pugh e una incentrata su Mera, dall'autrice Danielle Paige mentre il disegnatore era ancora ignoto. Entrambe le storie saranno sotto l’etichetta DC Ink.

Ma la casa editrice ha, ora, pubblicato l’elenco delle opere di queste due nuove collane, con gli autori ad esse collegate.

Per la DC Ink:
Batman: Gotham High di Melissa De La Cruz (Alex & Eliza, Blue Bloodsseries, Witches Of East End)
Batman: Nightwalker – Graphic Novel di Marie Lu (Legend)
Teen Titans – di Kami Garcia (Beautiful Creatures)
Under The Moon: A Catwoman Tale – di Lauren Myracle (Internet Girls, Kissing Kate)
Wonder Woman: Tempest Tossed – di Laurie Halse Anderson (Speak And Chains)

Mentre, per la DC Zoom:
Batman Tales: Once Upon A Crime –  scritto da Derek Fridolfs  e disegnato da Dustin Nguyen (Batman: Li’l Gotham)
Batman: Overdrive – di Shea Fontana (DC Super Hero Girls)
Black Canary: Ignite – di Meg Cabot (The Princess Diaries)
Dear Justice League – di Michael Northrop (Tombquest)
Green Lantern: Legacy – di Minh Lê (Drawn Together)
Super Sons – di Ridley Pearson (Kingdom Keepers)
Superman Of Smallville – scritto da Art Baltazar e disegnato da Franco (Tiny Titans)
Superman Smashes The Klan – di Gene Yang (Avatar: The Last Airbender, New Super-Man).

I Maestri del Mistero. I delitti della Rue Morgue e altri racconti da Edgar Allan Poe: recensione

71vLMeUTIDL

Il maestro dell’orrore e della suspense Edgar Allan Poe ha ispirato, spaventato e incantato numerosi artisti provenienti da media diversi, con sensibilità e pratiche artistiche diverse che, in circa un secolo e mezzo, si sono dedicati alla materia narrativa dello scrittore di Baltimora.
Le Edizioni Star Comics, per la collana I Maestri del Mistero (curata da Roberto Recchioni), hanno affidato ad un trio creativo l’adattamento a fumetti de I Delitti della Rue Morgue e di altri tre racconti scritti da Poe.

delitti-rue-morgue-1

Il cartonato si apre con la storia di cui porta il titolo: I Delitti della Rue Morgue, scritto da Michele Monteleone e disegnato da Oscar. La trama è nota a tutti gli appassionati di Poe e del genere mistery, e non solo: alcuni efferati omicidi vengono commessi a Parigi e, mentre la polizia brancola nel buio, il detective Auguste Dupin, insieme all’anonimo narratore del racconto, cercano di risolvere il mistero dietro la morte di Madame L'Espanaye e di sua figlia. Essendo, la vicenda raccontata, molto nota da quasi due secoli (Poe la scrisse nel 1841), Monteleone e Oscar scelgono un felice approccio narrativo che si concentra più sulla messinscena che sul mero svolgimento della trama. Evidente dai divertenti rimandi metanarrativi è la presenza dello stesso Poe all’interno del racconto, non come solo easter egg: essendo il narratore del romanzo (come del fumetto) nascosto dall’anonimia, i due autori hanno scelto di rappresentarlo attraverso la caricatura dello scrittore di Baltimora. Evidente, inoltre, è il taglio da “libro game”: come nell’altro adattamento del duo Monteleone-Oscar, La Lettera Rubata, numerosi sono gli accorgimenti visivi che interrompono lo svolgimento della trama a favore di una ricostruzione grafica degli indizi esaminati dal detective Dupin. Tale stratagemma narrativo strizza l’occhio al lettore che si ritrova a decifrare gli indizi e a collocarli all’interno di quella che è una vera e propria mappa del luogo in cui svolgono le indagini.

delitti-rue-morgue-2

L’adattamento del famoso racconto orrorifico Il Gatto Nero (ancora una volta una storia di grande fama) vede alla sceneggiatura Jacopo Paliaga che – strizzando l’occhio a un approccio dal sapore cinematografico – lascia all’arte di Oscar il compito di narrare la vicenda dell’uomo ossessionato dal gatto di nero di casa, a tal punto da commettere involontariamente l’assassinio della moglie: l’adattamento, infatti, non ha alcun dialogo, né alcuna voice over, l’unica voce che emerge è all’inizio e alla fine. Il risultato è una veloce discesa nella follia e nell’ossessione dell’uomo protagonista, come se non si stesse leggendo un racconto a fumetti, ma piuttosto guardando un breve cortometraggio animato. Paliaga e Oscar hanno anche il compito di adattare Lo Scarabeo D’Oro, racconto dal sapore avventuroso e non solo mistery, il cui protagonista è ossessionato – il tema dell’ossessione (in diverse declinazioni) è il fil rouge dei quattro racconti – da un pezzo di carta (in cui era avvolto uno scarabeo d’oro) che crede possa nascondere la parte di una mappa del tesoro. Il personaggio Edgar Allan Poe torna come anonimo narratore, e ritornano le sospensioni narrative dedicate alla ricostruzione degli indizi. Paliaga, dunque, si allinea agli intenti narrativi del volume, arricchendolo con un testo strutturato sul continuo interscambio tra presente e passato. Dimensioni temporali che convergeranno alla fine del racconto.

delitti-rue-morgue-3

I disegni di Oscar descrivono visivamente tutte e quattro le storie e lo fanno con un tratto caricaturale, spesso deformato, che delinea i personaggi attraverso una fisionomia esasperata, matrice estetica su cui regge il grande movimento all’interno delle tavole e delle vignette.
Il volume, infine, è ricco di contenuti extra: ogni storia è intervallata da un testo scritto dagli sceneggiatori con il compito di descrivere le suggestioni che ruotano attorno alle opere di Poe da loro selezionate per l’adattamento. Gustosi sono gli approfondimenti in calce al cartonato, dedicati allo scrittore e ad alcune curiosità legate alla sua figura.

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.