Menu

 

 

 

nintendo-sw

Napoli Comicon 2017: ecco il poster di Roberto Recchioni

  • Pubblicato in News

È stato appena diffuso il manifesto ufficiale dell'edizione 2017 di Napoli Comicon realizzato dal magister di questa edizione Roberto Recchioni. Eccovelo qui di seguito:

PosterCC2017VertBASE OK

"È il rapporto tra Fumetto e Web il tema della XIX edizione di Napoli COMICON (28 aprile - 1 maggio) rappresentato nel manifesto ufficiale da Roberto Recchioni, Magister del Salone Internazionale del Fumetto. Recchioni ha realizzato un’immagine potente ispirandosi alla copertina di Reinventing Comics, opera seminale di Scott McCloud, autore che maggiormente ha influenzato la visione e la percezione di oggi del Fumetto.

Se nella cover di Reinventing Comics, Scott McCloud ritraeva se stesso come una dea Kālī che mostrava al pubblico l’impatto della tecnologia sul mondo dell’Arte e del Fumetto, Recchioni, mantenendo la stessa impostazione, ha raffigurato una figura femminile circondata dai simboli dell'era digitale. Come modella di riferimento, l'autore romano ha preso quella che per lui è stata l'icona più rappresentativa dello sviluppo del Web dagli anni zero a oggi: la pornoattrice Sasha Grey.

Internet è nato e si è sviluppato per il porno. Per il porno e per i gattini. Potevo scegliere tra uno di questi due elementi ma ho pensato che i gattini fossero troppo volgari” - Roberto Recchioni.

La scelta di dedicare l’edizione 2017 di Napoli COMICON al rapporto tra Fumetto e Web nasce dalla volontà di analizzare come questi due media e i loro rispettivi linguaggi si influenzino a vicenda e di come il fumettista abbia utilizzato la piattaforma della Rete per promuovere la propria arte. Dopo i Magister Milo Manara e Silver, che nei due anni precedenti hanno esplorato il rapporto tra Fumetto e Stampa e tra Fumetto e Audiovisivo, Roberto Recchioni è il fumettista che meglio rappresenta la connessione tra Fumetto e Web.

Recchioni (curatore editoriale di Dylan Dog e creatore di serie a fumetti di successo come John Doe e ORFANI) è stato infatti il primo autore in Italia a impiegare la piattaforma del web come fonte di promozione dei fumetti. Nessuno come lui è stato capace, sin dagli albori del World Wide Web di utilizzare le varie dinamiche della rete (forum, siti, blog, social network, Facebook) per glorificare la propria attività. Utente molto attivo anche nei forum di fumetto, Recchioni ha accorciato la distanza tra lettore e autore e tra lettore e opera. Con l’avvento dei social network è diventato un vero e proprio influencer coinvolto in numerose campagne di promozione per aziende e case produttrici cinematografiche e di videogiochi, tramite i suoi canali social. Ha oltre 44.000 follower sui social e da un paio di anni gestisce anche un Tumblr dove pubblica disegni erotici.

Al Magister sarà dedicata una mostra personale all’interno di Napoli COMICON e un volume pubblicato da COMICON Edizioni. Recchioni sarà anche curatore delle mostre del Festival e presente nei giorni di fiera.

L’edizione 2017 di Napoli COMICON si preannuncia quindi ricca di novità. Tra le prime anticipazioni, la partecipazione di Daniel Pennac che presenterà Un amore esemplare, opera teatrale tratta dall’omonima graphic novel dell’autore francese disegnata da Florence Cestac; la presenza di del mangaka di Dragon Ball Toyotaro, le mostre ‘77 - Anno Cannibale (con le opere di Pazienza, Scòzzari, Liberatore, Vauro...), quelle dedicate alla casa editrice americana Image Comics e a Grzegorz Rosinski, gli eventi di COMIC(ON) OFF e tante novità nelle sezioni CartooNa (tra Animazione, Cinema, Serie e Web), Cosplay, Gamecon (con Giochi e Videogiochi), Asian Village, Musica, Mercato (con le ultime proposte editoriali), ComiconKids."

Leggi tutto...

Dylan Dog: Mater Morbi vince un premio ai Ghastly Award

  • Pubblicato in News

I Ghastly Award, uno dei più importanti premi internazionali per il fumetto horror, ha assegnato a Dylan Dog: Mater Morbi (di Roberto Recchioni e Massimo Carnevale) il riconoscimento come miglior graphic novel. Il volume, edito da Epicenter Comics era basata su quella italiana della Bao Publishing.

Di seguito l'elenco completo dei vincitori:

Best Ongoing Title
Harrow County
(Dark Horse Comics)

Best Limited Series
Croak
(Alterna Comics)

Best One-Shot
Locke & Key: Small World
(IDW Publishing)

Best Anthology
John Carpenter’s Tales for a Halloween Night Volume 2
(Storm King Productions)

Best Short Story in an Anthology
“When the Devil Walked in Dower”
(Insane Tales From the Dead #3)

Best OGN

Dylan Dog: Mater Morbi
(Epicenter Comics)

Best Archival Collection
Collection of previously released material / Historical Book on Horror Comics
Aliens 30th Anniversary: The Original Comic Series
(Dark Horse Comics)

Best Writer

Cullen Bunn
(Harrow County, The Sixth Gun, Blood Feud, Death Follows)

Best Artist
Tyler Crook
(Harrow County)

Best Colorist
Dave Stewart
(House of Penance, B.P.R.D. Hell on Earth)

Best Inker Nik Poliwko
(Tiki Surf Witches Want Blood, The Creeps, Tales from Grim County)

Best Letterer Nate Piekos

(Colder: Toss the Bones, Alabaster: The Good, the Bad & The Bird, The Steam Man,
Aliens: Defiance, House of Penance, Weird Detective)

Best Horror Comic Cover
Fan voting determined the Winner
Gore Shriek Resurrectus Volume 1: Cover B
(Artist Putrid Matt Carr)

Hall of Fame Inductees
Johnny Craig
Gary Reed

Normanton Award Honoree
Presented for their commitment to carrying on the legacy of Horror Comics for generations to come.
Craig Yoe

Leggi tutto...

Orfani: Sam: le prime tavole della sesta stagione

  • Pubblicato in News

Come vi avevamo riportato, la sesta ed ultima stagione di Orfani si intitolerà Sam e vedrà Carmine Di Giandomenico e Alessia Pastorello curare disegni e colori, su testi di Roberto Recchioni e Michele Monteleone, del primo albo. Nel team artistico troviamo anche Davide Gianfelice e Luca Casalanguida che realizzeranno, rispettivamente, i numeri 2 e 3 del nuovo ciclo. Sul sito Sergio Bonelli Editore sono state mostrate le prime tavole si Sam che vi riportiamo nella gallery in basso.

Ecco ulteriori dettagli diffusi dal sito:
"Questa volta al centro della scena c'è Sam, l'innocente bambina trasformata prima in una psicopatica assetata di violenza dai militari, e poi in un cyborg assassino dal governo. Con lei ci saranno due bambini, due piccoli orfani, Perseo e Andromeda. Il primo è il figlio della rivoluzionaria terrorista Rosa, la seconda è la figlia della salvatrice del mondo, Jsana Juric, e del nemico pubblico numero uno, Ringo. Sam si dovrà prendere cura dei piccoli e tenerli lontani dal governatore Garland e dal generale Petrov, i due poteri più forti di Nuovo Mondo che hanno intenzione di catturare i bambini per sfruttarli come arma politica e di propaganda.

Sulla luna, intanto, anche Cesar il pirata, adesso capo di una colonia insurrezionalista, muoverà i suoi pezzi per ottenere il massimo vantaggio possibile da questa situazione esplosiva. Tra tutti questi contendenti si muoverà poi un misterioso sicario dotato di capacità fisiche straordinarie e sempre accompagnato da un sadico drone volante.

Il suo nome è Ringo X e porterà il caos ovunque andrà."

Leggi tutto...

Dal cinema al fumetto, Smetto quando voglio Masterclass: la recensione dell'albo di Recchioni e Bevilacqua

Quando uscì nelle sale nel 2014 Smetto quando voglio di Sydney Sibilia fu una piacevole sorpresa nel panorama cinematografico nostrano per la capacità di far ridere in maniera intelligente mettendo in scena una vicenda attuale e moderna, ma che pescava a piene mani dallo stile glorioso e rodato della commedia all'italiana. La scelta di un cast azzeccatissimo e affiatato e un po' di passa parola fecero il resto nel trasformarlo in un piccolo cult contemporaneo. L'uscita del sequel (nelle sale dal 2 febbraio) è accompagnata da questo agile volumetto dagli intenti prettamente promozionali ma confezionato con grande gusto e mestiere.

Roberto Recchioni e Giacomo Bevilacqua, autori conosciutissimi che non hanno bisogno di presentazioni, intrecciano le strada della meta-narrazione e quella dell'ironia, imbastendo una storia in cui prendono in giro affettuosamente loro stessi e il variegato mondo del fandom fumettistico e nerd in generale e giocano con i cliché del mezzo espressivo.
La sceneggiatura, leggera ma curata con intelligenza, introduce i personaggi e li getta in una vicenda surreale di smart drugs & comics, sostenuta nel ritmo da un fuoco di fila di citazioni e riferimenti: ci sono – in ordine sparso – l'immaginario anni '80, il popolo delle fumetterie, le serie tv da binge watching, Nanni Moretti, Star Wars, Rat-Man. Non mancano le auto-citazioni o i riferimenti al linguaggio fumettistico (come la closure tanto cara a Scott Mc Cloud) e la scure dell'ironia non risparmia neanche i fumetti con il messaggio morale alla fine. Alcuni lo chiamerebbero fan service: per quelli più attempati come il sottoscritto, che non amano usare queste brutte parole, è il brodo primordiale.

smettoquando-exl

Per quanto riguarda i disegni, Bevilacqua costruisce tavole dai colori estremamente vivaci luminosi e dal tratto semplice, fresco e divertente, molto adatti all'atmosfera generale che si respirava nel film che qui viene riproposta in modo “sintetico e stilizzato” ma estremamente efficace che ri-rappresentare i caratteri dei personaggi nei film (dalla fisicità, ai connotati, alle espressioni del viso).
L'impressione generale è che Recchioni e Bevilacqua si siano divertiti molto a scrivere e disegnare questo Masterclass e che non fosse stato per le poche pagine a disposizione, avrebbero voluto continuare a giocare ancora, ovvero: come è andata a finire la “battaglia di Spinaceto”? Insomma, questa versione fumettistica di Smetto quando voglio Masterclass diverte e mette appetito per il film: due obiettivi centrati e non scontati.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.