Menu

 

 

 

np6-6-28

Crowdfunding per graphic novel Senzombra di Michele Monteleone e Marco Matrone

  • Pubblicato in News

Riceviamo e pubblichiamo:

Parte il crowdfunding per la graphic novel "Senzombra" di Michele Monteleone e Marco Matrone

Parte oggi la campagna di crowdfunding di
Senzombra, graphic novel ideata da Michele Monteleone, sceneggiatore di Dylan Dog e Orfani, e dal disegnatore Marco Matrone. Protagonista della storia è Tristan, un ragazzo di quindici anni in un mondo apparentemente normale, ma abitato da mostri che solo i Senzombra come Tristan possono sconfiggere! Con la campagna di crowdfunding i due autori vogliono dar vita a un volume di pregio e a gadget esclusivi.

Tristan è un ragazzo di quindici anni che, come tanti suoi coetanei, ha un'insana passione per il ramen istantaneo, una forte dipendenza dai giochi per smartphone e un'amore assoluto per i fumetti. Il mondo in cui vive Tristan è molto simile al nostro: ci sono automobili, supermercati, cellulari, ma ci sono anche i mostri! Tutti sanno dell'esistenza dei mostri, ma solo un gruppo di ragazzini orfani, guidati da uno strano demone interdimensionale noto come il Collezionista, gli dà la caccia. Questi ragazzini, a cui è stata strappata l'ombra  e la possibilità di crescere, sono noti come Senzombra. Tristan è un Senzombra e il suo lavoro è raccogliere le taglie sugli esseri che minacciano la società civile. Ha anche un’altra missone: riscattare la sua ombra, tornare a crescere e ad avere una vita normale come quella degli altri ragazzi.

Caratteristiche dalla graphic novel:
Formato: 22 x 29,5 cm, cartonato
Pagine: 80 pagine, a colori

Ricompense del crowdfunding:
oltre alla versione cartacea di Senzombra, sarà disponibile un’edizione digitale, sketch, tavole originali e molti gadget esclusivi, tra cui: adesivi, spille, t-shirt e shopper.

Campagna Indiegogo: https://igg.me/at/senzombra 
Facebook: https://www.facebook.com/Senzombra/
Preview: https://issuu.com/michelemonteleone/docs/impaginato

Leggi tutto...

Nick Banana - Gli anni segreti

Nick Banana, 54 anni, due figlie ed un divorzio, è l'uomo dietro il successo elettorale del Movimento Cinque Stalle, l'uomo capace di trasformare un comico, Peppe Grullo, e un imprenditore fallito nei leader di un partito populista in grado di raccogliere grandi consensi e influenzare il dibattito politico, economico e culturale del paese. Nick, però, è anche l'artefice della caduta del movimento, non appena questo ha iniziato ad assumere i connotati di una dittatura. Adesso, solo e senza lavoro, il nostro spin doctor decide di vendicarsi della sua creatura aiutando il Partito Confuso a trasformare il venditore di pentole Matteo Benzi nel perfetto candidato premier.   

Ma Nick Banana è anche il protagonista dei racconti satirici che il suo creatore, Nicolò "Nebo" Zuliani, posta sul suo blog. Affiancato ai testi da Michele Monteleone con le matite di Daniele "Kota" Di Nicuolo, le avventure di Nick diventano un graphic novel edito dalla Star Comics. Seguiamo, dunque, le avventure del giovane sindaco di Firenze attraverso il duro addestramento cui viene sottoposto dal guru della comunicazione. Per essere all'altezza di un vero animale da palcoscenico come Grullo, dovrà imparare a padroneggiare la merda, ovvero i nuovi media, ma soprattutto essere pronto ad affrontare un talk-show estremamente corporale e fisico.

nickb1

Ecco, finalmente, la finestra a fumetti sull'attuale scenario politico italiano. In un'epoca di incertezza in cui il partito più forte è quello degli astenuti, Zuliani decide di fotografare lo stato attuale di quelli che rappresentano i principali poli di preferenze e simpatie dei cittadini. Il primo, che cavalca l'onda del populismo, sempre pronto a fare proprie le lamentele e le frustrazioni che partono dal basso e seguire il proprio leader reprimendo i propri pensieri, e l'altro in piena crisi di identità, a metà strada tra il retaggio della sinistra e la deriva di pensiero che i suoi attuali esponenti stanno attuando. Per riuscire in quest'operazione delicata e rischiosa l'autore utilizza un'arma a lui congeniale, la satira. In questo modo, esasperando quelli che sono i tratti caratterizzanti dell'uno e dell'altro competitor, ed estremizzando le loro idee o ricette per uscire dalla palude della crisi, Zuliani smaschera le contraddizioni che emergono dai due schieramenti, svelandone la vera natura. Veniamo messi di fronte a scene che a primo impatto ci spingono a sorridere per la loro crudele comicità ma che, ben presto, lasciano in bocca un retrogusto amaro per la verità che nascondono.

Ci accorgiamo, mentre la risata inizia ad interrompersi, che il vero bersaglio di questo graphic novel non sono i politici di turno, bensì noi. Si, proprio noi, quelli pronti a credere nelle scie chimiche e nell'urinoterapia, noi convinti che gli alieni si nascondono tra la gente, noi che riempiamo le nostre bacheche di video di gattini. La rete ha trasformato la gente, regalandole diversivi che hanno distolto l'attenzione degli elettori dagli orrori della quotidianità. E in questo abbassamento della soglia dell'attenzione la politica è riuscita a chiudersi nei suoi palazzi sfarzosi, nelle sue case vista Colosseo, perdere il contatto con la realtà. E allora di colpo, ci rendiamo conto che Grullo e Benzi non sono parodia della loro controparte reale, ma sono la proiezione di chi, decisa quale corrente seguire, ha estremizzato il concetto e, persa ogni misura, urla da un palco o per strada fuori un bar le sue convinzioni, il suo dolore.

nickb2

La storia scorre veloce, mantenendo per tutto il volume alta la tensione e riempendola di continui colpi di scena. Gli autori ci fanno ridere, aprendo spesso a soluzioni di meta-fumetto che allentano la tensione, ma con il loro black-humor più di ogni altra cosa ci spingono a riflettere. La narrazione è in prima persona, e Nick, da novello Virgilio, ci mostra i nuovi dannati, i nuovi imbonitori, e per contrappasso ci ricorda che in fondo quelle macchiette comiche sono lì grazie ai nostri voti. È un personaggio scomodo questo signor Banana, estremamente antipatico, uno di quei tipi che si ama o si odia da subito. Ma nonostante questo, lui è qui, al nostro fianco a farci notare come siamo stati abili a renderci immemori, privi di valori storici cui fare riferimento. Ci hanno trasformato in pecore che a sera tornano nella loro stalla al fischio del pastore.

nick3

La copertina è opera di Lorenzo "LRNZ" Ceccotti, mentre l'intero albo è disegnato da Daniele "Kota" Di Nicuolo. La prova è davvero convincente e lo stile dell'artista ben si adegua al respiro generale dell'opera grazie ad un'essenzialità e una caratterizzazione dei personaggi che rendono piacevole la lettura. La tavola è lineare nella sua costruzione, con vignette squadrate e allineate. Il tratto è realistico ma sovente si abbandona a soluzione grottesche o cartoonesche, mantenendo sempre alto lo standard qualitativo di ogni pagina. L'aspetto predominante che cattura, però, è la dinamicità e la fisicità con la quale Di Nicuolo segue lo storytelling. La scena è dominata sempre dai protagonisti, dalle loro movenze, dalla loro gestualità, dall'espressività che dirompente segue l'incidere forte e caustico della narrazione.

E alla fine, quando la metamorfosi di Benzi è conclusa, Nick è pronto ancora una volta mettersi in gioco, ad affrontare una nuova sfida, a cogliere i desideri della gente e soddisfarli col nuovo candidato premier che giunge direttamente dagli '80. E noi ci fermiamo a riflettere su come sia stato possibile restare per anni fermi a condividere video di gattini.

Leggi tutto...

Battaglia 1 - La figlia del capo

Battaglia #1 - La figlia del capo è in edicola, e bisognerebbe solo dire grazie. Allo stato attuale delle cose è difficile prevedere a cosa porterà questa operazione, ma c’era il bisogno di sporcarsi le mani e il nero è il colore adatto. Nero, il colore della rivoluzione a fumetti avvenuta in Italia ad inizio anni ’60, avviata da Diabolik, che ha portato alla nascita di tante testate, alcune ottime, altre pessime, ma tutte fondamentali per la definizione di quel fenomeno. Nero, come le dita sporche di inchiostro impresso sui polpastrelli pagina dopo pagina.

battaglia-1-1

Battaglia di rivoluzionario, chiariamolo subito, non ha proprio nulla, ma ha coraggio, questo sì. E da vendere. Parliamo innanzitutto della prima produzione propria dell’Editoriale Cosmo, una realtà ormai consolidata ma che finora si è distinta solo per prodotti importati e ristampe. In particolare, vogliamo premiare la scelta del formato, attualmente utilizzato solo da Diabolik e da Alan Ford, ma che dimostra in questa occasione di non essere solo un retaggio di un glorioso passato, ma una strada interessantissima da percorrere per le moderne produzioni. Ma la cosa migliore, lasciatevelo dire, è la cattiveria di questa serie. Basata sul controverso personaggio di Battaglia, creato da Roberto Recchioni e Leomacs una ventina di anni fa (con le storie ristampate in un unico albo dalla Cosmo lo scorso anno), questa serie vedrà il vampiro siciliano aggirarsi nel nostro Paese nel corso della Storia senza alcuna morale o missione specifica. Nel primo albo, infatti, lo vediamo al soldo di Benito Mussolini a “fare da balia” alla figlia Edda, fresca sposa di Gian Galeazzo Ciano. La coppia andrà a Shanghai, sotto attacco dei giapponesi, e lì nascerà una contorta storia d’amore, che vedrà Edda amare di notte Battaglia, di giorno Galeazzo. Le conseguenze saranno davvero terribili.

battaglia-1-2

Cattiveria, dunque, perché la storia è dura e cruda, ma al tempo stesso intensa, grazie alla sceneggiatura di Michele Monteleone, uno dei 4 autori coinvolti nel progetto da Recchioni. Altrettanto eccellente il comparto grafico. Il formato non penalizza affatto Fabrizio Des Dorides che quasi si esalta nella costruzione della tavole. Ma è in particolare il suo tratto dinamico e feroce, quanto espressivo ed efficace nella recitazione dei personaggi, a emergere.

battaglia-1-3

Un esordio riuscito, vedremo se i successivi 4 numeri confermeranno la bontà di questa iniziativa. Anche perché, vogliamo ben sperare, questa produzione non resti isolata e porti a una rinascita del nero.  E allora grazie. Grazie per averci fatto sporcare ancora le mani.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.