Menu

 

 

 

np6-6-28

Sandokan 1 e 2: recensione: la rinascita a fumetti della Tigre della Malesia

9096780c21d0c7b237279579399401ba XL

Era il 1883 e lo scrittore veronese Emilio Salgari pubblicava la prima puntata de Le tigri di Mompracem inaugurando il proprio ciclo letterario de I Pirati della Malesia e introducendo un personaggio capace di insediarsi nell’immaginario occidentale con tanta forza da rimanervi per quasi un secolo e mezzo: Sandokan.

Le Edizioni Star Comics scelgono, dunque, di rilanciare nel nuovo millennio il personaggio salgariano attraverso volumi cartonati di grande pregio di cui troviamo i primi due Le tigri di Mompracem e altre storie e I misteri della giunga nera e altre storie. A curare le edizioni troviamo Davide G.G. Caci che, oltre ad occuparsi dell’editoriale del primo volume, co-sceneggia (con Gero) la storia principale dello stesso. Questa nuova serie dedicata al pirata malesiano vuole adattare i racconti di Emilio Salgari, arricchendoli, allo stesso tempo, con storie brevi e inedite pensate per ricostruire il mondo che ruota intorno a Sandokan.

Star Comics Sandokan Vol1-1

La collana si apre con l’adattamento del primo romanzo di Salgari: Sandokan è un pirata che combatte contro il colonialismo inglese e lo fa senza mezze misure, forte dell’amore per la sua terra e consapevole di essere l’unico baluardo per la salvezza del suo popolo. La sceneggiatura di Caci e di Gero segue con fedeltà l’opera originale riuscendo a far emergere la grande forza visiva della letteratura salgariana attraverso una narrazione che alterna una romanzesca voce fuori campo con dialoghi secchi, privi di orpelli lessicali: dopotutto Sandokan è un guerriero determinato, punta a un obiettivo preciso, nelle sue parole non può esserci retorica. Questo permette agli altri personaggi di fare da contraltare narrativo – su tutti l’amico portoghese della Tigre, Yanez – e di contenere e alleggerire la figura troneggiante di Sandokan.
L’apparato visivo è ad opera di Paolo Antiga che raccoglie con successo la difficile sfida di restituire un’immagine inedita per una figura iconica come il Pirata della Malesia. Le tavole si costruiscono, anch’esse su due direttrici narrative: a primi piani intensi, a dettagli scenici, il disegnatore alterna tavole di ampio respiro, costruendo la lettura attraverso una continua esplosione visiva dal grande impatto grafico.

Star Comics Sandokan Vol1-2

Altri tre brevi racconti seguono quello principale. Il ventre del diavolo è un interessante affondo nel passato di Sandokan: ad opera di Davide Aicardi ai testi e di Mario D. Sciuto al suo esordio per i disegni, gioca tra passato e presente per rafforzare il ruolo che ha la propria terra per Sandokan. Segue Gli occhi della tigre, scritto da Davide Morando e disegnato con grande eleganza da Michael Malatini, che si allinea negli intenti narrativi alla storia precedente e, giocando anch’esso con il continuo rimando tra passato e presente, si lega all'avventura principale, svelando l’identità narrativa di Marianna, la donna inglese amata da Sandokan. Chiude il volume La tigre e la volpe, con Alessandro Di Virgilio ai testi e Michela Cacciatore ai disegni, che rafforza, con una storia principalmente d’azione e “prequel” di quella principale, il legame tra il Pirata e il suo alleato Yanez.

Il piano editoriale della Star Comics per questa nuova serie dedicata a Sandokan, ha la volontà di costruire una continuity a fumetti fedele all’opera dello scrittore veronese, e, difatti, nel volume 2 fa da racconto principale l’adattamento de I misteri della giungla nera, secondo romanzo del ciclo piratesco di Salgari, pubblicato nel 1887. L'opera non vede, però, come protagonista la Tigre della Malesia ma si inscrive a tutti gli effetti nel mondo di Sandokan: nonostante Salgari non abbia costruito la sua epopea con un preciso criterio narrativo ideato a priori, egli, in seguito, inserì i personaggi principali de I misteri della giungla nera, come recurring delle avventure della Tigre.
La storia segue l’orrorifica e avventurosa vicenda di Tremal-Naik, coraggioso cacciatore bengalese innamorato di una ragazza inglese rapita da i Thug per farla diventare sacerdotessa della dea Kali, che vuole salvare la donna amata. Al suo fianco, c’è il giovane e fedele servitore Kammamuri. Luca Blengino scrive una sceneggiatura estremamente fedele all’opera salgariana ma che non ne segue pedissequamente la struttura narrativa, ma la adatta con grande attenzione attraverso linguaggio più contemporaneo di indubbia matrice cinematografica. Lo stesso discorso si presta ai disegni di Francesca Follini che, con linee sottili e campiture di neri, esalta l’atmosfera inquietante, da thriller esoterico, del racconto di Salgari. Il risultato è un mix di avventura e horror che ricorda – nonostante di molto antecedente all’opera originale – il film del 1984, Indiana Jones e il tempio maledetto (a suo volta palese omaggio al romanzo dello scrittore veronese) e che funge, dunque, da capitolo della saga a fumetti della Tigre della Malesia.

Star Comics Sandokan Vol1-3

Seguono altre due brevi storie ed entrambe tornano ad avere come protagonista Sandokan: La stesa del pirata, scritta da Gero e disegnata da Alessia De Vincenzi, attraverso l’escamotage di “racconto nel racconto” svela le grandi capacità tattiche di Sandokan. L’ultima storia, Kirby, con i testi di Davide Barzi e i disegni di Valentina Pinti, declina le atmosfere salgariane verso una maggiore drammaticità, con il racconto di un medico che ritorna nel Borneo per salvare la vita della moglie di un colonnello inglese e che troverà soltanto il suo doloroso passato ad attenderlo.

Star Comics Sandokan Vol1-4

È di indubbio valore editoriale l’operazione della Star Comics di voler ricostruire l’universo di Emilio Salgari attraverso il medium fumetto, e non stupisce la cura dei volumi che presentano queste storie: entrambi i tomi sono ricchi di editoriali, dietro le quinte, appunti di “viaggio” della folta schiera di autori che si sono avvicinati alla materia narrativa di Sandokan. Lo stesso formato permette al lavoro dei disegnatori di emergere nella sua grande forza visiva. Per gli appassionati del Pirata della Malesia, questa nuova serie è, probabilmente, uno dei più grandi doni che il medium possa fargli, ma è anche un modo, per i novizi, di avvicinarsi ad un mondo avventuroso che dalla fantasia di un italiano ha permesso, da circa un secolo e mezzo, di viaggiare in mondi esotici e misteriosi.

Dati del volume

  • Editore: Star Comics
  • Autori: Testi di Davide G.G. Caci, Gero, Davide Aicardi, Davide Morando, Alessandro Di Virgilio, Luca Blengino e Davide Barzi, disegni di Paolo Antiga, Mario D. Sciuto, Michael Malatini, Michela Cacciatore, Francesca Follini e Valentina Pinti
  • Genere: Avventura
  • Formato: 19x26 cm, 144 pp (cad.), C., bn
  • Prezzo: 20€ cad.
  • ISBN: 978-8822607171
  • Voto della redazione: 8
Torna in alto

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa estesa.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa estesa.